“Memoria”

Da poche ore si può trovare sul sito del PD una lettera di Enrico Letta rivolta al mondo degli iscritti (I circoli) ed indirettamente ai potenziali sostenitori. C’è fretta camuffata da ponderatezza; ma  c’è una grande urgenza di arrivare al “cambiamento”, dimenticando di averne avuto subito dopo il cambio di guardia con Zingaretti, che aveva denunciato ampiamente questo bisogno. In tal modo si rischia grosso: le truppe camellate stanno preparando già gli armamentari, forti della scarsa memoria collettiva.

“Memoria” che è necessario avere per capire quanto sia stato pretestuoso l’abbandono del “campo largo”, scarsamente coltivato e perfino mal arato. La responsabilità del mancato accordo è da addebitare in primo luogo al Partito Democratico, e poi a Lega e Forza Italia, che hanno subodorato il lauto affare. La “crisi” è stata provocata dal forzoso inserimento in un dispositivo di natura sociale ed economico come il Decreto Aiuti di un articolo che intende approvare la costruzione di un termovalorizzatore a Roma: una diretta provocazione inserita in luogo improprio e senza un accordo, che non avrebbe potuto sortire altro che la levata di scudi del M5S che si è astenuto.

Oltre tutto il M5S è stato sottovalutato per una sorta di presunzione culturale e politica di superiorità. Ciò traspare altresì dal livore con cui una parte del mondo politica e della stampa sostenitrice del Partito Democratico (vedi N. Aspesi che sul “Venerdì di Repubblica”) non manca di offendere Giuseppe Conte, leader del M5S.

E’ evidenziato anche dalle scelte che il PD di Enrico Letta ha fatto in controtendenza, accogliendo – al posto dei “contrari” pentastellati – i rappresentanti di Sinistra Italiana e Verdi che non hanno mai votato i dispositivi della famosa “Agenda Draghi”. Quella scelta è la cartina di tornasole della pretestuosità della motivazione con cui si è escluso sin da subito l’accordo.

Quanto a Calenda e Renzi la loro nota boriosità è infinita e, per fortuna, l’elettorato non li ha premiati.

…si ricostituisca quel clima dei primi anni del nuovo secolo e millennio e si riprenda a camminare tra (e con) la gente.

Questa rincorsa subito dopo il risultato del 25 settembre (che non può essere “deludente” perché ampiamente previsto e atteso) a candidarsi – o a farsi candidare – al vertice della Segreteria del “dopo Letta” è fortemente patetico. La stessa espressa volontà di cambiare nome e simboli e rimarcare contenuti è soluzione del tutto insufficiente se non si procede ad un cambio di strategia, partendo da quel che è mancato fino ad ora, a partire dall’atto fondativo, che è rimasto carta straccia, vuote parole: dare corpo e gambe al progetto “democratico” di una forza progressista che si proponeva di interpretare i bisogni concreti del Paese. Si è ben presto compreso che la fusione di varie anime non partiva realmente dalle necessità che già premevano sulla nostra società ma dall’esigenza di mantenere intatte le posizioni degli apparati politici. Le battaglie si ammantavano di forti ideali ma poggiavano fermamente su interessi molto particolaristici: un cambiamento “democratico” avrebbe avuto bisogno di ben altro e progressivamente i rapporti fra gli ideali e le realtà si sono deteriorati, facendo allontanare gran parte dei sostenitori appassionati e disinteressati dalla pratica politica; nel mentre si profilava, ben accolto dalle leadership ondeggianti, l’avvento del “renzismo”, interpretato come una sorta di “Messia” molto vicino per stile al “primo Berlusconi”.  L’attuale classe dirigente ha trascorso troppo tempo a dibattere su questioni molto “particulari” nel chiuso delle loro stanze, abbandonando le periferie, non solo quelle dei loro specifici territori, ma quelle ideali di tipo psicologico sociologico e antropologico: non occorrono formule paternalistiche ma bisogna che vi sia una concreta condivisione delle più acute e urgenti problematiche. E se la Destra offre approcci semplicistici bisogna capire che occorra farsi comprendere, parlando linguaggi che non siano complessi. Per far questo, non è necessario un “nuovo” organigramma. Intanto, si vadano a rileggere i fondamentali propositi. Si ricostituisca quel clima dei primi anni del nuovo secolo e millennio e si riprenda a camminare tra (e con) la gente.

Sfida e coraggio verso una ricerca di unità a Sinistra

Rieccomi dunque a ripetere quanto detto in più diverse occasioni, e in buona compagnia; è necessario riformare dal profondo il Partito Democratico, aprendolo in modo sostanziale ad un dialogo con tutti i soggetti di Sinistra (non solo Partiti e movimenti, ma anche Associazioni e Organizzazioni culturali e sociali; oltre a quelle economiche e imprenditoriali). Ovviamente, questa è una sfida e un atto di grande coraggio: non si può nasconderlo. Per ora, non intravedo né coraggio né consapevolezza che si intenda dare il via ad una vera e propria sfida. Si è detto, ancora molto timidamente e con passi indietro di una parte della leadership, di volersi aprire agli esterni, ma non basta esprimerlo a parole: occorrono azioni concrete. La scelta delle Agorà era sin dai suoi esordi un tentativo in tal senso, fallito. Non aveva presupposti solidi alle spalle e si è rivelata un flop, una forma solo accademica autoreferenziale benché potenzialmente aperta: la partecipazione è stata infatti mortificata e non ha espresso prospettive future spendibili in risorse umane rinnovate. In realtà si è riproposto un antico meccanismo che si ferma solo in superficie, per dare la sensazione di voler disporsi benevolmente all’ascolto ed alla ricerca di volti e menti nuove. Soprattutto queste ultime generano l’orticaria e non possono essere incoraggiate.

In risposta ad un commento ad un mio post su Facebook – A quel compagno carissimo F.R. – intro

In risposta ad un commento ad un mio post su Facebook – A quel compagno carissimo F.R.

A quel carissimo compagno che, in risposta ad un mio post che riportava un commento che in definitiva riteneva cosa buona e giusta riconoscere al Movimento di Giuseppe Conte il merito di aver raccolto una parte dei voti “antifascisti” anche e soprattutto in relazione ad una scelta della Destra (quella vera e quella falsa di Centro – Sinistra?) di procedere senza bisogno di consultazione popolare ad una revisione della Carta costituzionale, mi invitava ad iscrivermi (reiscrivermi, ovviamente, essendo io un fondatore) al Partito Democratico per avere la “patente” di commentatore, rispondo che non ci penso nemmeno, e che rimango dell’idea che ciascuno di noi come potenziali elettori dovremmo avere ascolto, soprattutto quando si rivolgono agli apparati critiche severe ma concretamente  collegate ai bisogni ideali, nonché quelli materiali sempre più urgenti da prendere in considerazione.

Non mi fermo qui, e rilevo che da qualche parte molto tardivamente si prende consapevolezza (!) che occorra aprirsi anche ai non iscritti. Si spera (ma temo sia difficile che si concretizzi nella migliore modalità di apertura reale) che non sia la solita cortina fumogena per indurre qualcuno ad iscriversi e che le “valutazioni” che appariranno “critiche” saranno etichettate come “polemiche rancorose” per poterle più facilmente bypassare senza sentirsi coinvolti.

Chi ha partecipato alla fondazione del Partito Democratico in una stagione di grandi passioni coinvolgenti, di grandi speranze e di attese, quasi progressivamente interamente vanificate da una leadership di apparato burocratico sedicente progressista e “democratico”, dovrebbe avere particolari riconoscimenti, ma – è ovvio – che chi, come il sottoscritto, esprime questo rammarico dolente, viene considerato “da tempo” un fastidioso orpello da emarginare.

Proverò con una serie di prossimi post ad esprimere le mie valutazioni propositive, che non saranno molto diverse dalle tante riflessioni che su questo Blog  ho esposto a centinaia negli scorsi anni. Vi parlerò di quel che nella frazione di San Paolo in quel di Prato, insieme a compagne e compagni ora disperse e vaganti in mille rivoli, abbiamo provato a mettere in campo, spesso sottovalutati e anche marginalizzati dagli apparati, preoccupati essenzialmente di conquistare e mantenere dei posti più o meno allettanti e fruttuosi per se stessi.

VERSO IL 25 SETTEMBRE: REPETITA IUVANT CON UN POST DELLO SCORSO 10 SETTEMBRE – IL VOTO UTILE E LA VOGLIA DI CONTARSI

J

AMBIENTEANTROPOLOGIACULTURAPOLITICASOCIALE

VERSO IL 25 SETTEMBRE: REPETITA IUVANT CON UN POST DELLO SCORSO 10 SETTEMBRE – IL VOTO UTILE E LA VOGLIA DI CONTARSI

10 SETTEMBRE 2022GIUSEPPELASCIA UN COMMENTOMODIFICA

Verso il 25 settembre – repetita iuvant con un post dello scorso 10 settembre Il voto utile e la voglia di contarsi

Domani 25 settembre 2022 – si vota – – sento il dovere di sollecitare al voto gli indecisi – quanto al mio voto esplicito una piena condivisione con quanto espresso dal prof. Tomaso Montanari e da tanti altri a favore del Movimento 5 Stelle

https://www.la7.it/otto-e-mezzo/video/elezioni-il-prof-tomaso-montanari-esibito-odio-per-i-poveri-allora-votero-per-22-09-2022-452839

Sarò breve. La richiesta pressante, angosciosa di un voto “utile” da parte principalmente del Partito Democratico è patetica. “Utile” per chi? Per cosa? Sarebbe stato bene che tali angosciosi dilemmi e tali preoccupazioni fossero state espresse nel corso di questi anni, soprattutto coinvolgendo quella parte della Sinistra – e non solo – praticamente esclusa dalla partecipazione in quanto considerata non funzionale alla “vita” politica degli apparati (a tutti i livelli). Infatti, a prescindere dal “merito” (c’è una parte di persone la cui preparazione politica ed amministrativa è indubbia) vi è la tendenza esclusiva e pretenziosa a mantenere le posizioni acquisite soprattutto nel sottobosco politico amministrativo. Ancor più in questa occasione non seguirò la “sirena” della paura né tuttavia mi convince il desiderio di contarsi nella gabbia dell’ultra Sinistra, quella dogmatica incapace di comprendere la complessità della vita umana e che ha bisogno di sventolare bandiere obsolete. C’è stata pure – a livello locale (Prato) – l’occasione di costruire un raccordo solido tra le diverse anime della Sinistra in occasione dell’appuntamento elettorale cittadino del 2019. Quel tentativo nobile e coraggioso ricercato da cittadine e cittadini interessati al “Bene Comune” (“Prato in Comune”) fu portato al fallimento proprio da chi voleva “contarsi”. Quel “lavoro” vorrei fosse ripreso con uno spirito costruttivo; ma rivediamoci dopo la vostra “conta” care e cari compagni, la “vostra”.

Esplicito anche il senso dell’ultima parte del post: per chi avesse bisogno di capire intendo partecipare alla costruzione di un più ampio raggruppamento di donne e uomini di SINISTRA che non si rinchiuda in recinti ma si apra al confronto dialettico senza pregiudizi dogmatici.

Verso il 25 settembre – con un reloaded di alcuni post scritti lo scorso anno (vedi data primo post 16 maggio 2021)

16 MAGGIO 2021 G

PERCHE’ LA DESTRA STA VINCENDO NEL PAESE (o perlomeno così appare)

Intro – Nel corso degli anni abbiamo accumulato centinaia di documenti scritti dai quali si rileva lo stato di crisi della Sinistra – abbiamo parlato ma anche scritto tanto – e ciò è a disposizione di quanti vogliano studiare questo tratto di storia, anche se “minima” perché in qualche modo “locale”, ma la Storia si fa anche partendo da qui.

  1. Negli ultimi mesi si va sorprendentemente imponendo, grazie all’attenzione mediatica, uno di quei personaggi della moderna “commedia all’italiana”, che, sospinto da una ὕβϱις (1) smisurata e sempre più incontrollata e mal riposta, ha contribuito a produrre un autentico sconquasso nella realtà politica amministrativa e governativa italiana. Ho già in altre occasioni rilevato quanto la presenza di un tale individuo ha significato, in modo particolare, la distruzione totale del maggiore Partito di (Centro)Sinistra del Paese. Mi fermo un attimo per precisare cosa si intenda per “totale”, avendo io la certezza che molti stiano ancora a pensare che tale affermazione sia esagerata e motivata da personale livore. “Totale” significa che la macchina non funziona più; e allora occorre perlomeno che un gruppo di meccanici con gli attributi (di Sinistra, ovviamente) si porti al suo “capezzale” ed avvii una ricognizione sulle parti da aggiustare e su quelle da cambiare.

MI (ri)frulla nella testa quella idea che ritenni immediatamente balzana, non appena si andò facendo strada nella mente di alcuni membri degli apparati dem, che si impegnarono non poco a diffonderla nelle altre “menti” e giù a cascata verso il “popolo”, quello indistinto, pronto a gareggiare per sostegni ai potenti che abbiano il coraggio di affermare la propria appartenenza alla Sinistra o a ciò che tale sarebbe potuto assomigliare, diciamo pure un Centrosinistra moderato, ma non poco. “Con costui di sicuro faremo dimenticare il Cavaliere!”. Matteo Renzi aveva già dato ampiamente prova delle sue capacità e delle sue doti caratteriali e, forse, proprio su quelle che venivano considerate “punti di forza” i dirigenti dell’apparato puntavano. Machiavelli ne avrebbe potuto fare un dotto studio, fosse stato nostro contemporaneo. D’altra parte i segnali li avevamo già avuti nel corso delle seconde Primarie, allorquando alcuni registri per l’iscrizione degli aspiranti alla partecipazione a quell’appuntamento erano stati “traslocati” in sedi inappropriate frequentate da persone molto più vicine al Centrodestra, mentre la loro collocazione “legale” (mi fa sorridere il termine, visto che “in realtà” erano veramente in una sede molto affine a pratiche legali) sarebbe stata un Circolo PD. (Chi “promosse”(!) quell’operazione spero si sia pentita, ma non per convenienza). Era il dicembre del 2013: quella data segna l’inizio del viaggio agonico di un Partito nato con mille problemi ma con idee e progetti fondamentalmente di Sinistra. La passione e l’entusiasmo di tante compagne e compagni, che in tanti casi si avvicinavano per la prima volta alla Politica e camminavano al fianco di quanti si prefiggevano di costruire una forza moderna autenticamente di Sinistra (nella Margherita e nei DS c’era una forte presenza di Sinistra soprattutto nelle basi), furono smorzate dalla “necessità” di dover mantenere un “blocco” di dirigenti, di funzionari e di amministratori molto preoccupati dalla possibilità che quella spinta innovativa in qualche modo “in gran parte nuova ed esterna anche se genuina” potesse far crescere una classe dirigente giovane poco incline alla burocrazia ed alla ipocrisia di una gestione compromissoria con blocchi locali e non solo di potere, preesistenti e bisognosi di vedere soddisfatti personali obiettivi.

(1) Riporto integralmente da Wikipedia Hybris (ˈhyːbris, in greco antico: ὕβϱις, hýbris) è un topos (tema ricorrente) della tragedia greca e della letteratura greca. Significa letteralmente “tracotanza”, “eccesso”, “superbia”, “orgoglio” o “prevaricazione”. Si riferisce in generale a un’azione ingiusta o empia avvenuta nel passato, che produce conseguenze negative su persone ed eventi del presente. È un antefatto che vale come causa a monte che condurrà alla “catastrofe” della tragedia.

…1…

Ho deviato l’altro giorno rispetto al prosieguo della prima parte di questa riflessione “diretta” utilizzando un documento del 2013. In realtà una gran parte dei documenti che posseggo sono il frutto di un malessere diffuso tra le tante persone, come me e altri, che avevano immaginato di poter contribuire ad avvicinare maggiormente ai problemi della “gente comune” la forza politica che con impegno e passione avevano contribuito a fondare. Facendo salve quelle che sono le normali strategie all’interno delle forze politiche e tra di esse, quella vicenda dei “101” è ancora misteriosa.

Ritornando al tema sulle ragioni per cui la Destra, per ora, appare essere vincente nel Paese, e la Sinistra evidenzia una progressiva marginalizzazione, va detto che è sempre più evidente la distanza tra i reali problemi della gente e i progetti politici che – in modo particolare il Partito Democratico – si propongono a breve, medio e lungo termine. E’ una vera e propria crisi di progettualità, quella che va caratterizzando questa fase storica, nella quale una sempre più folta rappresentanza di interessi popolari necessita di risposte concrete. A dire il vero, ma questo non funziona – ancor più oggi – come forma di consolazione, nemmeno la Destra è in grado di fornire risposte al di là della demagogia e del populismo. La qual cosa ingenera una forte sfiducia diffusa, un senso di smarrimento e frustrazione che può portare anche ad un ulteriore abbassamento del livello di democrazia in questo nostro Paese.

Uno degli errori che si sta commettendo è quello di considerare come obiettivo da raggiungere il livello qualitativo della vita appena precedente alla crisi pandemica. Questa incapacità della società, economica politica, è collegata da una parte alla pochezza culturale della leadership italiana ed all’altra alla cronica patologia amnesica di cui noi tutti soffriamo.

La società italiana del 2019 presentava notevoli gravissime problematiche inerenti il sistema economico, la crisi del settore industriale, il livello di disoccupazione complessivo sempre molto alto, il grado bassissimo di acculturazione generale con livelli altissimi di abbandono e dispersione scolastica, un abbassamento dell’intervento pubblico sanitario abbastanza diffuso, una burocratizzazione azzeccagarbugliesca incapace di amministrare la giustizia ed il fisco, l’obsolescenza dei sistemi informatici, laddove esistenti. Allo stesso tempo si è diffusa una visione della società troppo edonistica, tesa al consumismo esagerato. Ritornare a quei livelli potrebbe già di per sè essere difficile, ma un Paese ricco di grande Storia, non può – in un momento come questo di enorme difficoltà – fermarsi al contingente e deve essere in grado di poter ripartire invece da una critica severa rispetto al recente passato e saper indicare una strada che sia in grado di contemperare aspetti diversi non in conflitto tra loro.

Oltretutto anche se la Sinistra fosse indenne dalle responsabilità antecedenti (“se”, infatti; in quanto la Sinistra nella sua accezione più ampia di “Centrosinistra” ha amministrato larga parte del Paese e per un periodo – anche l’ultimo o penultimo se volete – ha governato questo Paese) non può sottrarsi dal prendere in considerazione seria una analisi profonda dei mali, le nubi, che oscurano il futuro per poi poter nel più breve tempo possibile (“oggi, non domani!”) avanzare proposte che tengano insieme valori e prospettive, diritti e doveri nel modo più ampio possibile, cercando di aprire una nuova fase che non appaia come un semplice recupero di un Eden fasullo.

PERCHE’ LA DESTRA STA VINCENDO NEL PAESE (o perlomeno così appare) – parte 3.

Nel confermare che anche “la Destra, così come la Sinistra dove batte il mio cuore, è in grado di fornire risposte concrete ai problemi al di là della demagogia e del populismo” non mi stanco di insistere nella ricerca di approfondire i motivi per cui la Destra sembra vincente ed in progressiva crescita nei recenti sondaggi periodici. Intanto, vediamo in che cosa consiste il sondaggio delle preferenze partitiche: si chiede “se si votasse oggi quale Partito voteresti?” Sulla scelta può influire un evento abbastanza recente, ma capita raramente. Invece è più facile che la persona intervistata sposti da un periodo all’altro il suo voto sia per convenienza contingente sia perchè ritiene che la forza politica (o l’area) cui aveva affidato il suo consenso non corrisponda più ai suoi interessi. Guardando al quadro politico più recente troviamo una Sinistra fortemente smembrata, con un PD rappresentante di un’area di Centrosinistra moderata, che pur mantenendo l’egemonia è in forte calo ed una galassia di moderati (Italia Viva, Azione, +Europa) che non appaiono sempre convinti della loro esistenza e permanenza  “a Sinistra”, tentati di collocarsi in posizioni “centriste”, ed una serie di gruppuscoli pseudo e realmente (a fasi alterne) rivoluzionari (Art.1 MdP, LeU, Sinistra Italiana e altri) che non riescono a venir fuori da una forma di integralismo ideologico sterilissimo.

Un discorso a parte merita il Movimento 5 Stelle. La sua metamorfosi, collegata alla scelta indilazionabile di proporsi come forza di governo dopo le Politiche del 2018, ha decretato anticipatamente la sua fase discendente (il 4 marzo 2018 aveva ottenuto il 32,7%; ad oggi è accreditato di un 50% in meno, oscillando tra il 16 ed il 17%). Uno dei problemi che caratterizzava quel Movimento era l’assenza di una vera e propria posizione “politica”; la scelta era soprattutto “critica” verso la vecchia Politica, accusata di aver perso progressivamente il senso dell’impegno civile; quelle battaglie, importanti da un punto di vista ideale, sono state anche portate a compimento (in primo luogo la riduzione del numero dei parlamentari, il reddito di cittadinanza ma anche altri provvedimenti), anche se, governando prima con la Lega e poi con il Centrosinistra, ha dovuto scendere a quelle forme di compromesso ineludibili per un qualsiasi Governo di coalizione. Anche il M5S paga lo scotto della “governabilità”: durante il tempo del Governo gialloverde ha perso qualche pezzo dell’anima di Sinistra; con la formula “giallo rossa” ha perso a Destra. Ed è così che in una sintesi davvero minima che si spiegano i motivi di questo calo. Governo, di Centrodestra e poi di Centrosinistra. Uno slalom periglioso che ha prodotto un forte salto in avanti delle Destre.

Meno “disperse”, infatti, sono le forze politiche della Destra. In linea di massima hanno mantenuto sempre un profilo critico di “opposizione” fossero o meno all’interno di uno dei Governi. Salvini e la Lega, ma in modo particolare e singolare il primo, ha svolto un ruolo di oppositore anche nel primo Governo Conte; e poi in questo con Draghi premier sta facendo lo stesso gioco, anche se ne paga qualche lieve conseguenza, facendo travasare voti verso Fratelli d’Italia, la cui azione politica appare più coerente.

…3…

PERCHE’ LA DESTRA STA VINCENDO NEL PAESE (o perlomeno così appare) – parte 4 (per la parte 3 vedi 27 maggio)

In queste notti brevi e questi giorni lunghi ci ritroviamo, dopo un anno e mezzo di inusitate sofferenze, pur sopportate con altrettanta insospettata resilienza, ad avviare una rendicontazione (una “resa dei conti”) su tutto quanto, colpevolmente, la Sinistra (non quella vera che quando dice blu è “blu” e quando dice “giallo” è giallo, alla quale assegno altre responsabilità) non è stata in grado, sia per inettitutine sia per sospetti vari tornaconti, di rivedere, di rimettere in linea rispetto agli “errori” del passato la barra della “giustizia sociale”.

NOI da soli non lo possiamo fare, non è nelle nostre “possibilità”; possiamo tuttavia denunciare ancora una volta una sequenza di sottovalutazioni e di errori che hanno condotto ad una situazione di degrado morale insoffribile, lasciando che la “speranza” per un futuro migliore divenga sempre più patrimonio assoluto della Destra, sia quella liberale che quella reazionaria antidemocratica e retriva. Si può aggiungere che ciò sia solo “apparente” ma ancor più non si intaccherebbe – a tal punto – la percezione che la difesa degli interessi dei più deboli sia stata ceduta dalla Sinistra – quella sedicente tale – svenduta in modo indegno sull’altare della difesa dei “diritti” di tutti, compreso coloro che posseggono di più ed ambiscono di veder crescere sempre di più la loro ricchezza. Si fa un bel dire che il “diritto” di uno si ferma di fronte al “diritto” dell’altro, senza tener conto della differenza del “punto di partenza”. E non si tratterebbe di un punto di partenza qualsiasi ma quello sancito dall’Articolo 4 della Costituzione

“La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.

Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.”

rafforzato dall’Articolo 36 della stessa Carta costituzionale

“Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa.

La durata massima della giornata lavorativa è stabilita dalla legge.

Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non può rinunziarvi.”

In questi giorni ci è toccato ancora una volta assistere “inermi” ad una serie di eventi che hanno mortificato la nostra intelligenza e vanificato tutti i nostri impegni. Lo avevamo denunciato in più occasioni ma venivamo derisi e sbeffeggiati; in modo particolare questo è accaduto quando abbiamo richiamato l’importanza della memoria (se ne fa un gran bel parlare quando si tratta di eventi lontani, che vengono riportati a galla per una sana e robusta contrapposizione ideologica) e l’utile lezione della Storia.

Abbiamo bisogno di riprenderci la guida della nostra esistenza “contro” tutte le ingiustizie, sia quelle di “una” parte che quelle di un’altra “parte” e, per quel che ci riguarda, continueremo ad occuparcene.

…4…..

PERCHE’ LA DESTRA STA VINCENDO NEL PAESE (o perlomeno così appare) – parte 5

A voi che mi leggete (quei “pochi” che mi sopportano) sembra che quella “Carta” così tanto spesso richiamata come fondamentale sia rispettata? Oppure in modo ipocrita non ci si spinge a  farne quotidianamente “carta straccia”? Vi sembra che siano rispettati i suoi “precetti”?                                                    Ho la sensazione che si blateri essenzialmente – anche da parte di quella Sinistra “nuda e pura” – e ci si impegni  per soddisfare i propri convincimenti e ci si crogioli all’interno di gruppetti autoreferenziali, tronfi ed esclusivi. La Sinistra, anche per questo motivo, è composta in definitiva di varie infinitesime anime che si contrappongono tra di loro al solo obiettivo di “esistere”. Un leader recente è arrivato addirittura a profferire dure accuse (“mi vergogno”) anche all’interno del rassemblement più corposo, coacervo di anime diverse, alcune delle quali di “Sinistra” – ne sono sempre più convinto – solo per comodo e per interesse personale. Se non si corregge questo “difetto” la macchina non può funzionare ed è destinata alla rottamazione coatta.            Se si va al “dunque” si scoprono difetti davvero così evidenti che anche un dilettante con normali capacità intellettive le comprenderebbe: basterebbe osservare due degli episodi drammatici accaduti qui a Prato e di cui ho trattato; il primo in modo più diretto, mentre sul secondo ho soltanto avviato una riflessione cruda per rimarcare le distanze sempre più forti tra me e la sedicente Sinistra. “Sedicente” e dunque lontana dalla mia visione di Sinistra, per ora. Su questo secondo evento, la morte drammatica di una giovane operaia, in una fabbrica gestita da italiani (non da “cinesi” che assorbono da qualche tempo in qua tutti gli attacchi fondalmentalmente “razzistici” per tutto il caleidoscopio di ingiustizie e nefandezze sui luoghi di lavoro), che con nonchalance – per quanto se ne sappia – hanno commesso una serie di irregolarità. Nell’affrontare l’altro evento (l’affare Texprint)  ebbi a sottolineare che sarebbe stato necessario innanzitutto ascoltare le parti, porre sotto sorveglianza il rispetto delle regole (così come affermato più volte dalla parte imprenditoriale), ma promuovere un intervento politico generale per consentire a tutti, compreso i proprietari, il giusto guadagno. Mi ripeto per chiarezza: in un mercato drogato dalle irregolarità non è facile, per chi voglia intraprendere un’attività, agire nel rispetto delle regole. Ma la Sinistra non si muove in tale direzione; alza le barricate e i muri ma nulla fa per cambiare davvero le cose.

Il tempo che abbiamo vissuto in questo anno e mezzo, quello in cui ci siamo fermati, non ha creato i presupposti per rimettere in piedi l’economia sulla base di una giustizia sociale che prenda il via dai fondamentali della Costituzione. Lo stesso “mercato del lavoro” ha proseguito ad operare all’interno di un sistema che spingeva verso il “lavoro nero” parziale o totale; i “sostegni” insufficienti garantiti sollecitavano ad accettare lavori sottopagati e non era certo il “reddito di cittadinanza” a produrre tale “vulnus” legale. Su questo tema ci diffonderemo ulteriormente anche per segnalare le debolezze della Sinistra. Con un’incursione intorno al “mercato illegale” del lavoro che utilizza senza limiti la manodopera di persone straniere, che non sempre sono in regola dal punto di vista del permesso di soggiorno.

Durante queste ultime settimane, grazie alla vaccinazione di massa che procede alacremente, il mercato del “lavoro” sembra essere ripartito: in modo particolare ne sono felici tutti gli orfani dei locali commerciali (pub, ristoranti, bar e…discoteche professionali e dilettanti) soprattutto quelli che si rivolgono alle fasce più giovani, ma non solo (giovani “diversamente” sono molto interessati e partecipi). Molte località turistiche sono “a caccia” di personale; vengono richieste molte mansioni e sembra che, quest’anno, l’offerta non corrisponda alla domanda. La “domanda” è quella dei datori; l’offerta è quella dei prestatori d’opera. C’è un j’accuse molto forte nei confronti di questi ultimi da parte di alcune fasce di “opinione pubblica”, che diffondono la novella dei “giovani” choosy (ricordate la “mitica” frase snob della signora – pardòn “professoressa” – Fornero, che scimmiottava Maria Antonietta?) che rifiutano di lavorare, grazie al “reddito di cittadinanza”. Ma non sono in grado nemmeno di guardarsi allo specchio, per procedere ad un’auto offesa, e capire che la domanda è connotata realmente da un inganno su tempi e compensi, che non sono tra di loro adeguati ?
Si fa finta di non sapere che in quella “contrattazione” si utilizza l’”apprendistato” ed un orario di lavoro dichiarato che non corrisponde a quello realmente effettuato; ed inoltre il compenso è irrispettoso della minima dignità. E’ mai possibile che debba apparire in “Prima pagina” la notizia che esiste un albergo dove le “regole del mercato del lavoro” vengono rispettate? Lo trovo assurdo, ma probabilmente quella notizia permette ai dubbiosi di comprendere meglio che le ragioni di questo “rifiuto” da parte dei “giovani” non sono collegate “solo” al reddito di cittadinanza che è in definitiva un pannicello caldo in tempi di crisi ma non risolve il problema della dignità del lavoro cui tutti naturalmente, tranne pochi casi, tendono. E quei provvedimenti vanno riformati, con opportuni aggiustamenti a fronte, però di interventi risolutivi con i quali il lavoro – quello equo, legale, retribuito in modo adeguato – venga creato per tutti.

http://www.maddaluno.eu/wp-content/uploads/2021/06/Albergo-etico-1.jpg
https://corrieredibologna.corriere.it/bologna/cronaca/21_giugno_21/a-rimini-primo-hotel-etico-riviera-stipendi-equi-riposo-straordinari-035a95a6-d251-11eb-b284-d5b87af38504.shtml?fbclid=IwAR0Hyl7E77Mriad8vuztI8zvipxJJBQFYodcYEx3SjYu0N5eNwkCqfigfIY

Bisogna essere davvero “radicali”, non indulgere in giustificazioni verso ciò che è stato e che ha prodotto – o sopportato supportando e viceversa – tali forme di ingiustizia; occorre un nuovo tempo del rigore, prima interno e poi esterno o, meglio contemporaneamente interno ed esterno. Mi spiego meglio: troppe volte il traccheggiamento a favore dei propri interessi, o tornaconti, non ha consentito che l’analisi degli errori venisse poi condotta fino in fondo con il riconoscimento degli attori principali (individui e gruppi) rei di quelle azioni, o inazioni, antitetiche alle caratteristiche valoriali fondamentali (equità, giustizia sociale, difesa dei più deboli). Bisogna chiedere  che si vada ad un cambio sostanziale di passo, una virata poderosa, bisogna chiederlo ai Partiti e ai Sindacati, quelli che in prima fila si dichiarano essere difensori delle ingiustizie sui luoghi di lavoro: non si può continuare semplicemente a chiedere che il lavoro sia retribuito equamente, che vi siano sostegni adeguati per chi perde il lavoro, che vengano riconosciute le competenze e i meriti. Non si può continuare solo a chiederlo. Bisogna passare ad una protesta veemente, dopo aver sperimentato che sia diventata inutile ogni confronto serio, aperto e democratico. Non una rivoluzione velenosa cruenta e violenta, ma una battaglia pacifica che si fondi sulla consapevolezza che non è la distruzione ma la costruzione di un sereno futuro per tutti l’obiettivo che ci si pone.  Appare, detta così, un’utopia come le tante altre che hanno preceduto la nostra Storia e che alla fine hanno prodotto qualche vantaggio per pochi ed una profonda delusione per molti.

…6….

UN DOCUMENTO DEL 17 MAGGIO 2013 – A FUTURA MEMORIA PER CAPIRE PERCHÉ MAI QUASI TUTTI I SUOI SOTTOSCRITTORI NON SONO PIÙ NEL PD

Il testo è stato redatto dagli iscritti del PD nel Circolo San Paolo di Prato – c’erano stati i 101 (non quelli della simpatica “carica” disneyana); Bindi e Bersani si erano dimessi dalle loro cariche di Presidente e Segretario del PD, Napolitano era stato riconfermato Presidente della Repubblica, Letta (Enrico) era stato nominato Presidente del Consiglio, Epifani aveva assunto la carica di Segretario del PD, Renzi scalpitava pregustando la sua rivincita rispetto alle Primarie del 2012.
Tale testo rappresenta con chiarezza gli obiettivi ideali di una “base” e quello che è accaduto da allora ad oggi ha purtroppo confermato i dubbi, le perplessità sul futuro di quel Partito.
Non è un mistero che la maggior parte dei sottoscrittori di questo documento siano fuori dal Partito Democratico e operano per la costruzione di un Partito alternativo di SINISTRA “vera” e c’è molto poco da ironizzare sull’aggettivo “vera” in quanto non ne è rimasta traccia alcuna nel PD.

Joshua Madalon

Noi siamo donne ed uomini in carne, nervi ed ossa; non siamo dei burattini, né automi, robot replicanti alla “Blade Runner” e siamo davvero incazzati per la superficialità con la quale una parte considerevole dei nostri rappresentanti politici ha voluto affrontare le problematiche legate alla elezione del Capo dello Stato ed alla susseguente formazione del Governo.
Poche parole bastano a far intendere che non abbiamo più intenzione di sostenere a scatola “quasi” chiusa tutte le decisioni dei Dirigenti del nostro Partito sia a livello nazionale che a livello locale.
Troppo spesso si dice che occorra “rinnovarsi” ma altrettanto più spesso ci si trova a doverci imbattere in vecchie logiche non più condivisibili; si dice anche che la Politica è cambiata ma i nostri rappresentanti non se ne sono accorti; così come non si sono accorti – e vomitano fiumi di vuote ed insulse parole – della sofferenza morale e materiale che colpisce da tempo la gente, sia quella più propriamente da considerare “nostra” che tutto il resto di essa.
Noi abbiamo dovuto sopportare già più di un anno di Governo dei tecnici che non volevamo ma ci siamo adattati cercando di calmare le ansie e le delusioni dei “nostri”.
Ora basta!
A questo punto anche se è vero che non si possa andare – in un momento così delicato – ad una crisi di Governo che potrebbe avere esiti drammatici noi chiediamo che
il nostro Partito si faccia garante di
1) intervenire con urgenza sui temi dell’Economia e del Mercato del Lavoro;
2) di andare rapidamente a scegliere una nuova Legge elettorale (meno urgente è l’impalcatura costituzionale) semmai passando attraverso un ddl che abolisca quella attuale;
3) applicare per i nati in Italia da genitori stranieri immediatamente lo “ius soli”.
Solo di fronte a queste tre scelte assolute noi dichiariamo di essere disposti a riprendere la tessera 2013 del Partito, verso il quale portiamo un profondissimo rispetto (per alcuni di noi è il Partito che abbiamo fondato, per altri è stato il primo ed unico Partito) tale da non voler nemmeno pensare a strapparne la tessera come è purtroppo avvenuto in qualche caso eclatante.
E’ per questo che non ritireremo la tessera 2013 nel nostro Circolo, pur dichiarando che continueremo ad operare per il bene del Paese a partire dal nostro territorio e lotteremo per raggiungere i migliori risultati possibili nelle prossime competizioni lavorando non sui personaggi e sui candidati ma sui Progetti sia nella fase Congressuale futura (sosteniamo in ciò pienamente la richiesta formulata dal gruppo che fa riferimento ai recenti fuoriusciti dalla Segreteria) sia in quella amministrativa del 2014, laddove non vogliamo tornare a perdere.
Siamo profondamente delusi dalla leadership sia nazionale che locale e ne chiediamo il rinnovo attraverso i Congressi nel minor tempo possibile: il Paese non può attendere!

Verso il 25 settembre – reloaded significativo di un mio post del 17 luglio 2016 collegato al “reddito di cittadinanza”

Verso il 25 settembre – reloaded significativo di un mio post del 17 luglio 2016 collegato al “reddito di cittadinanza”

A CHI FA PAURA IL REDDITO DI CITTADINANZA?

Un Governo che si dica di Centro(Sinistra) dovrebbe avere una particolare cura nei confronti dei ceti più sofferenti ma continua ad avere un sostegno molto convinto da parte degli imprenditori e di quella parte della società che possiede la maggior parte della ricchezza del paese; lo stesso leader del Governo ha scalato il Potere utilizzando fondi la cui origine – ma su questo attendo smentite “documentate” – è per lo più ignota. Ed inoltre lo stesso Governo – pur attuando mediatici sforzi per fronteggiare la corruzione (vedi il lavoro dell’ex magistrato Cantone) – non è stato in grado di incidere positivamente nello scaricare la parte malata dell’Amministrazione pubblica, tanto che gli “scandali” (piccoli medi o grandi essi siano) si susseguono senza sosta, mettendo in evidenza l’abuso di parole come “rinnovamento” e “rottamazione”, che alla fine si sono scaricate solo sulla parte buona della società italiana.

Parlerò del “reddito di cittadinanza” come intervento per ridurre le ingiustizie sociali.

Il Governo si rifiuta di attivarlo, adducendo motivazioni che sono concrete e reali all’interno di una realtà che non ha vera intenzione di trasformarsi in meglio. Sono d’accordo che “il reddito di cittadinanza” non potrà funzionare in una società nella quale si fa di tutto per valorizzare la furbizia e il malaffare; ed allora di che parliamo? Il governo che rifiuta di attivare tale processo si arrende di fronte alle ingiustizie da se stesso – nelle sue strutture amministrative – provocate. Di che parliamo? lo ripeto! Di che cosa argomentiamo? Questo Governo si è presentato e tuttora si presenta come fortemente rinnovatore, come paladino delle giustizie sociali, come difensore dei deboli contro le stesse angherie della macchina dello Stato, che si dice di voler razionalizzare nell’ottica dell’equità. Ed allora perchè mai ci si ostina a criminalizzare uno dei pochi interventi che porterebbe giustizia ed equità sociale, come il “reddito di cittadinanza”?
Chi ne usufruirebbe? Tutti coloro che si attivino nella ricerca di un lavoro, offrendo la propria disponibilità attraverso organismi pubblici (gli stessi che dovrebbero sovrintendere all’erogazione del “reddito”) ad accettare un lavoro, anche temporaneo (stagionale), purché collegato a titoli di studio o abilità pratiche accertabili. Tale “reddito” si interrompe nel periodo lavorativo e riprende poi corso alla sua conclusione, e via dicendo: tale “reddito” deve avere una parte che va a coprire la previdenza e tutta la parte assicurativa. Il “lavoro” che viene offerto dovrà essere accettato se rispondente alle qualificazioni dei cittadini, pena l’esclusione definitiva del sussidio; allo stesso tempo il cittadino che svolgesse mentre usufruisce di quel “reddito” un’attività qualsiasi “in nero” si vedrebbe escluso da tale vantaggio.

Si comprende tra l’altro che con una simile legislazione lavorativa verrebbe a ridursi fortemente la parte di “lavoro in nero” o “sottopagato” che è una delle piaghe sociali del nostro Paese. Così come quell’immane spreco di risorse pubbliche che è l’Istruzione italiana troverebbe una limitazione significativa: parlo di quanto costi allo Stato la formazione dei nostri giovani e di come questi sempre più spesso siano costretti ad emigrare per cercare e trovare un lavoro che dia loro dignità e riconoscimenti economici.

IN QUESTI GIORNI SONO A SVOLGERE ATTIVITA’ DI PRESIDENTE DI COMMISSIONE PER GLI ESAMI DI STATO (quelli che chiamiamo “maturità”!) E MOLTI PIU’ GIOVANI TRASCURANDO I TIMORI DELLA BREXIT ALLA DOMANDA SU QUEL CHE FARANNO DOPO GLI ESAMI RISPONDONO CHE ANDRANNO IN INGHILTERRA, A LONDRA, ALLA RICERCA DI UN LAVORO – IL PRIMO CHE TROVINO – NON IMPORTA QUALE SIA – MA HANNO UNA CERTEZZA, CHE NON SARANNO TRATTATI DA STRACCIONI MISERABILI! (meglio lavare i piatti in una cucina che fare l’operatore di call-center)

E a questo punto il dubbio è formidabile! Questo giochino (del dire “no” al reddito di cittadinanza) non sarà mica indirizzato al mantenimento di “potentati” imprenditoriali di sfruttatori che vivono sul lavoro a basso reddito e su quello in nero?

Verso il 25 settembre – reloaded di un mio post del 2 ottobre 2020 – con un brevissimo preambolo

Se oggi, settembre 2022, siamo ancora una volta a domandarci cosa sia “utile” votare alle prossime elezioni politiche, la responsabilità non può essere addebitata alle elettrici ed agli elettori, ma ad una classe politica (quella di riferimento individuale) assolutamente inadeguata a svolgere il ruolo che si è assegnato in maniera quasi autoreferenziale (quasi tutti votati ma designati da gruppi ristretti di Potere). C’è una parte degna di attenzione, ma occorrerà che assuma posizioni di coraggio e si attrezzi a smantellare le strutture che hanno prodotto tali disastri.

IL FUTURO DELLA “SINISTRA” (unita) ed il possibile accordo (non solo di Programma)  tra PD e M5S

Se davvero….bisogna fronteggiare le Destre, “le più pericolose e aggressive”, allora occorre che vi sia una Sinistra, “unita”, che non abbia tuttavia alcun elemento in comune di contenuti e di forme, di mezzi e di risorse umane e che abbia davvero in mente di declinare in senso democratico l’arcobaleno valoriale che si incentra sulla libertà e l’uguaglianza di donne ed uomini, lavoratrici e lavoratori, e che riesca a contemperare le ipotesi programmatiche con la volontà del popolo chiamato ad esprimersi in modo partecipativo attraverso una miriade di organismi territoriali diffusi. Se invece chi si dice di Sinistra anche facendo precedere a quella distinzione politica il termine Centro, allo scopo di aggregare forme variegate e spurie sempre più lontane dagli obiettivi ideali fondamentali dell’essere “di Sinistra”, dell’essere “Sinistra”, rischia di produrre divisioni in una parte considerevole dell’elettorato che o si rassegna o si ribella o si estranea. Nondimeno alcuni “matrimoni” forzosi non possono produrre effetti benefici d’emblée, con un semplice schiocco di dita.

Si è insistito molto sulla necessità di piegare la leadership – e l’elettorato – del Movimento 5 Stelle a garantire nelle elezioni regionali un sostegno ai candidati del Centro Sinistra. Ovviamente non è andata bene in quella direzione; il Centro Sinistra ha vinto malgrado il non avvenuto accordo là dove poteva vincere, aggregando anche voti proveniente da elettori del Centrodestra; ha perso dove non poteva vincere e dove invece un accordo si è verificato. Sento che qui in Toscana in questo fine settimana, quando si svolgeranno i ballottaggi, in uno dei Comuni dove questi sono previsti, c’è stato l’apparentamento tra PD-altre liste civiche e il Movimento 5 Stelle. Il Comune in oggetto è Càscina, in provincia di Pisa, roccaforte della Lega e della ex Sindaca Susanna Ceccardi (anche se in questo primo turno sia per le Regionali che per il Comune le cose non sono andate bene per Salvini e per la sua “pupilla”) ma l’apparentamento è una forma di disperato tentativo, soprattutto laddove o ci sono molte differenze tra le forze politiche che si accordano o ci sono troppi punti in comune. A ben vedere le due ipotesi così d’acchitto non si tengono in piedi. Pur tuttavia quello che può sembrare un inizio fulgido in previsione di un futuro più solido accordo anche a livello nazionale è semplicemente un riconoscere la profonda debolezza della parte a Sinistra in questo paese. Sarebbe invece ottima cosa procedere in un clima di reciproco rispetto, conoscersi meglio, comprendere le differenze e valorizzarle pienamente, senza soffermarsi sui distinguo ideologici da una parte e postideologici dall’altra, abbattendo il muro dei sospetti. E’ un lavoro molto difficile, pieno di incognite ma anche ricco di possibili soddisfazioni. Sarà probabilmente più semplice riuscire ad operare in questa direzione nelle sedi territoriali periferiche, laddove è la concretezza del “fare” a prevalere; ai livelli centrali bisogna richiedere prudenza ed equilibrio, che possano essere di buon esempio anche in tutto il resto del Paese. Ci saranno temi che possono appassionare al di là delle tifoserie partigiane consuete, come – solo per fare un esempio la revisione e la messa a punto dei meccanismi del “reddito di cittadinanza”. Chi lo ha sostenuto in modo fideistico e chi lo ha denigrato dovrebbero ricercare punti di accordo per non deprivare di quel contributo chi ha davvero “onestamente” usufruito di quel contributo (e sono moltissimi) e per mettere a punto un percorso virtuoso che metta in condizione le strutture che si occupano del “mercato del lavoro” di poter funzionare e consentire a coloro che devono controllare nel merito la giustezza del RdC concesso di poterlo fare nel migliore modo possibile. E poi ci sono altri temi che dovrebbero appassionare in modo concorde a dimostrazione di possedere la stessa identica anima “di Sinistra”. Su questo avremo da discutere: non c’è un gran “tempo” di fronte a tutti noi e dobbiamo mettere alla prova la tenuta democratica di questo Paese. Ne riparleremo.

Joshua Madalon

LE STORIE altre (il Circolo San Paolo di via Cilea) 2009 seguenti – dopo una breve introduzione parte 7 (per la parte 6 vedi 1 settembre)

In questo blocco pubblico un “Documento” considerato “URGENTE” per una serie di motivazioni oggettive: 1) malgrado le numerose adesioni, molte delle quali riferite a “nuove iscrizioni”, la struttura “centrale” provinciale faceva “orecchie da mercante” e procrastinava la decisione che appariva ineludibile dal punto di vista sia formale che sostanziale; 2) era in atto sul territorio di San Paolo un’azione discriminatoria con una raccolta firme contro l’apertura della nuova sede (in un prossimo blocco pubblico la denuncia alla Commissione Provinciale di Garanzia di quelle azioni indegne).

DOCUMENTO URGENTE SULLA PROPOSTA DI APERTURA DEL CIRCOLO PD A SAN PAOLO

Intendiamo fare il punto della situazione in relazione alla richiesta di riaprire nella sede del circolo Arci di San Paolo in via Cilea un Circolo del Partito Democratico nuovo, così come espresso nei precedenti documenti.

Già da circa un anno alcuni iscritti ed alcuni simpatizzanti hanno rivolto in modo corretto la richiesta al Segretario Provinciale (Bruno Ferranti) al Coordinatore del Circolo Borgonuovo-san Paolo (Fabio Razzi) ed al coordinatore Circ.le Ovest del PD (Fabio Colzi). Una discussione, presenti i suddetti al Comitato Direttivo di Borgonuovo-San Paolo appositamente convocato, è avvenuta prima delle Primarie per le Elezioni Regionali dello scorso anno.

Gentilissima Coordinatrice, tu conosci le nostre intenzioni e conosci anche le motivazioni che ci spingono. Fra i molti simpatizzanti che si sono avvicinati all’idea di aprire un Circolo nuovo sta sopravvenendo una certa disillusione.

Entriamo però nel vivo:

Mercoledì scorso vi è stato il primo incontro del Comitato Direttivo del circolo Borgonuovo-San Paolo nel quale alcuni di noi sono presenti (l’altra sera eravamo anche in maggioranza come san paolini) ed il Coordinatore Matteo Nesi ha proposto di parlare della nostra richiesta in uno dei prossimi incontri, anche perché nel Congresso avevamo presentato un documento ad hoc. Nel dibattito si sono avuti interventi tuttavia che lasciavano presupporre l’ipotesi di procrastinare alle “calende greche” questa decisione, chiedendo riflessioni, approfondimenti, condivisioni etc… Ho fatto presente che è per noi urgente a questo punto affrontare la materia e decidere.

Il giorno dopo abbiamo anche riflettuto e facciamo una proposta su cui vogliamo il tuo parere:

penseremmo di chiedere che dal 1 gennaio 2011 il Circolo San Paolo faccia il “suo” tesseramento, pur rimanendo in piedi (onde evitare difficoltà al Partito) il coordinamento unico (arricchito da qualche altro nostro rappresentante – ad esempio Marzio Gruni che è anima del progetto non è presente nel Coordinamento attuale)  e  gruppi di lavoro comuni; inoltre tutte le iniziative dovrebbero essere concordate, quanto alle date  fra i due Coordinatore di Borgonuovo e quello temporaneamente espresso di San Paolo.  Il Congresso – eventualmente davanti ad un nostro auspicabile successo di adesioni nuove in cui fortemente crediamo  – dovrebbe svolgersi a fine 2011 – inizio 2012.

Chiediamo di essere resi autonomi rapidamente, anche perché vi potrebbero essere presto delle urgenze e vorremmo evitare di incorrere in emergenze varie che procrastinino ulteriormente questa scelta.

Ti chiediamo gentilmente di convocare il Coordinatore Nesi e fare sì che si svolga al più presto prima della fine di quest’anno il Comitato direttivo che si occupi in modo specifico e definitivo di questo argomento.

Grazie.

Marzio e Giuseppe

29.11.2010

Verso il 25 settembre

Nel corso della vita, occorre saper leggere le vicende e trarne delle conseguenze: non nasciamo già con l’etichetta di Destra o di Sinistra e come esseri pensanti abbiamo anche la possibilità di rivedere “on the road” alcune nostre posizioni. La Natura ci dovrebbe aiutare a comprendere come sia logico tutto questo, in contrasto proprio con chi non riconosce la mutabilità come effetto di eventi che sovrastano le nostre limitate potenzialità individuali. Non trovo affatto disdicevole che un elettore “comune”, ovverossia colui che non ha interessi particolari sia di carattere economico o puramente etico modifichi nel corso degli anni la sua scelta. D’altra parte, per  esplicitare meglio quanto dico, generalmente donne e uomini impegnati direttamente in Politica non si preoccupano più di tanto di dover giustificare le loro scelte, quando – come è ampiamente accaduto di recente – passeggiano con nonchalance da una sigla all’altra e non di rado da uno schieramento all’altro.