IERI OGGI DOMANI – il “caso” Marino (anche a lui è arrivato il tweet “stai sereno!”)

marino-renzi
IERI OGGI DOMANI

L’ipocrisia della Poltica, quella praticata dalla maggioranza dei “politicanti”, è infinita. C’era “ieri”, la troviamo “oggi” e quasi certamente non finirà “domani”.
Il “caso Marino” ne è una incontrovertibile conferma!
Gli imbiancati sepolcri farisaici colpiscono ancora. Diciamoci la verità: Marino è stato un “bischero” a compiere una leggerezza ( se accaduta davvero ) nell’utilizzare quella carta di credito “pubblica” per scopi “privati” di così lieve entità. Lo dico perchè non sono ipocrita e perché i puntini sulle “ i “ vanno posti e non me la sento di esprimere una difesa per il Sindaco chirurgo e marziano a prescindere: sarebbe una “difesa” a spada spuntata e simili comportamenti da parte di un uomo pubblico vanno sanzionati. Ma è del tutto evidente, carissimi giudici del Partito Democratico, che l’eliminazione di Marino attraverso episodi di questa portata è un atto proditorio che nasconde la volontà di eliminare semplicemente ciò che è stato ed è un “corpo estraneo” all’interno di una formazione politica giovane ma già gravemente malata, tanto che davvero non si comprende come possa ancora essere in vita.

(Mi verrebbe da aggiungere che da “chirurgo” potrebbe fare meglio se applicasse la sua professione verso il Partito che lo ha tradito e che “mi” ha tradito!)

Tuttavia la vicenda Marino potrebbe – ma è una vana speranza che idealisti come me portano dentro – essere un toccasana per quel moribondo Partito di cui qui sopra parlo. Eliminando Marino per uno scontrino “illegale” potremmo utilizzare tale azione per eliminare tutti i comportamenti consimili e non solo quelli di piccola portata, che paradossalmente sono i più chiari ed evidenti, praticati in modo diffuso dalla Politica. Pur non appartenendo più – lo vado scrivendo da mesi pubblicamente e l’ho comunicato più e più volte a Presidente e Segretario del PD di Prato – a quel Partito, che non riconosco più come mio punto di riferimento, provo un affetto infinito ed una infinità pietà per quel percorso avviato idealmente alla ricerca di aria nuova e di effettivo rinnovamento della pratica poltica, percorso stroncato dall’arrivo del “renzismo” prodotto con modalità che poco hanno a che fare con la “Democrazia” pur apparentemente utilizzata con le Primarie aperte a 360°.
Persone come me non demordono anche se si trovano a dover ir-ridere di fronte a quella ricerca di “rinnovamento” di “ri-facimento” che ad uso degli stupidi illusi si sta cercando di portare avanti. Lo so che offendo le persone per bene (i gonzi, direi), e me ne dolgo. Ma forse non è più il tempo di fingere; il Partito ha bisogno di darsi una rinfrescatina, una passata di bianco leggera per illudersi e per illudere altra gente per bene e semmai aggregare qualche vecchia volpe o serpente capace di portare nuova linfa in senso quantitativo (per quello qualitativo bisogna stare attenti: non si sa mai ci sia qualcuno più capace e furbo che si infiltra).
RINNOVO LA MIA RICHIESTA DI CANCELLAZIONE O DEVO CHIEDERE UNA CONVOCAZIONE STRAORDINARIA (MOLTO STRAORDINARIA, ECCEZIONALMENTE STRAORDINARIA) DELLA COMMISSIONE DI GARANZIA?

http://www.pdprato.it/partito/commissione-di-garanzia/
Commissione di Garanzia
Xxxxxx Xxxxxxx
Xxxxxx Xxxxx
Xxxxxxx Xxxxxxx
Xxxxxxxx Xxxxx
Xxxxx Xxxxxxx
Xxxxxx Xxxxxxxxx
Xxxxxxx Xxxxxxxx
Giuseppe Maddaluno
Xxxx Xxxxxxxx

Marino