12974361_10207146549994544_3751231847178186702_n

IL 17 APRILE VAI A VOTARE E VOTA SI

IL 17 APRILE VAI A VOTARE E VOTA SI

Da alcuni giorni vado chiedendomi quali siano le “motivazioni” (faccio lo “scemo per non andare alla guerra”!) che spingono i rappresentanti del Governo a scoraggiare e screditare la partecipazione al voto per il referendum del 17 aprile. Al netto del fatto che ormai il referendum è indetto e dunque lo “spreco”(!) di denaro pubblico risulta inevitabile non comprendo davvero quali siano le ragioni per non incoraggiare ad andare al voto e segnare la croce sul NO se “davvero” (scusate la ripetizione e ridondanza dell’avverbio) con questo referendum nulla cambia.
Ho la sensazione (continuo il mio elucubrare) che invece molto forti siano gli interessi “privati” difesi dai poteri “pubblici(!)”: non si tratta di “tangenti” (se così fosse andrebbero scoperte) ma certamente di sostegni “indiretti” ad operazioni mediatiche post-moderne. Mi spiego meglio interpretando il nervosismo e l’attivismo “sospetto” di alcuni network e dei loro dipendenti a favore del disinteresse, della diserzione, di progetti che anticipino la stagione estiva marina e montana. Non tutti, per fortuna; anche perché è da “irresponsabili” e “superficiali” invitare a disertare le urne.
Io, come ho detto già da tempo, voterò SI e c’entra ben poco la mia naturale ed atavica avversione per gli spocchiosi, gli arroganti, i presuntuosi (che mortificano il loro “talento” in onore del Potere); “democraticamente” auguro loro di fare una “brutta fine”! che è poi quel che meritano! Intanto diamo loro un “segnale” ed a prescindere dalle caratteristiche delle mie scelte, andiamo a votare! E a quel “signore” che mi ha chiesto di andare a votare in autunno per il referendum istituzionale glielo garantisco io che ci andrò e voterò NO, perché la Costituzione va sì adeguata, ma soprattutto va rispettata e modificata per garantire maggiore DEMOCRAZIA. La quale DEMOCRAZIA è faticosa ma essenziale e non mi interessa sostituirla con forme più o meno chiare di “presidenzialismo”, così come erano proposte soprattutto dalle Destre, berlusconiane e non. Do you remember?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>