Cover-1-2015-Copia

ANTONIO GRAMSCI – “Che cosa farete nella vita”

Gramsciana._Sagg_524c2214c31fe

ANTONIO GRAMSCI – “Che cosa farete nella vita”
GIOVEDI’ 1° GIUGNO ORE 17.00 LIBRERIA FELTRINELLI PRATO E ORE 20.15 (CENA) – ORE 21.30 “CONVERSAZIONE” SUL LIBRO DI ANGELO d’ORSI “GRAMSCI una nuova biografia – SPAZIO AUT VIA FILIPPINO 24

«Che cosa farete nella vita» in fondo in maniera sintetica era quello che Gramsci aveva già svolto come tema finale all’esame di fine primo ciclo. Questa è una delle lettere “dal carcere”, l’unico modo con il quale Gramsci poteè comunicare quotidianamente, anche se con limiti estremamente severi di controllo, con le persone care di famiglia e di consonanza intellettuale.

Ne parleremo giovedì insieme al prof. Angelo d’Orsi

2 gennaio 1928
Carissima Tania,
[…] Nelle scuole elementari ogni anno di questi tempi assegnavano come tema di componimento la quistione: «Che cosa farete nella vita». Quistione ardua che io risolvetti la prima volta, a 8 anni, fissando la mia scelta nella professione di carrettiere. Avevo trovato che il carrettiere univa tutte le caratteristiche dell’utile e del dilettevole: schioccava la frusta e guidava cavalli, ma nello
stesso tempo compiva un lavoro che nobilita l’uomo e gli procura il pane quotidiano. Sono rimasto fedele a questo indirizzo anche l’anno successivo, ma per ragioni che direi estrinseche. Se fossi stato
sincero, avrei detto che la mia più viva aspirazione era quella di diventare usciere di pretura. Perché?
Perché in quell’anno era venuto nel mio paese come usciere della pretura un vecchio signore che possedeva un simpaticissimo cagnetto nero sempre in ghingheri: fiocchetto rosso alla coda,
gualdrappina sulla schiena, collana verniciata, finimenti da cavallo in testa. Io proprio non riuscivo a dividere l’immagine del cagnetto da quella del suo proprietario e dalla professione sua. Eppure rinunziai,con molto rammarico, a cullarmi in questa prospettiva che tanto mi seduceva. Ero di una logica formidabile e di una integrità morale da fare arrossire i più grandi eroi del dovere. Sì, mi ritenevo indegno di diventare usciere di pretura e quindi possedere cagnetti così meravigliosi: non conoscevo a memoria gli 84 articoli dello Statuto del regno! Proprio così. Avevo fatto la seconda classe elementare (rivelazione prima delle virtù civiche del carrettiere!) e avevo pensato di fare nel mese di novembre gli esami di proscioglimento, per passare alla quarta saltando la terza classe: ero persuaso di essere capace di tanto, ma quando mi presentai al direttore didattico per presentargli la domanda protocollare, mi sentii fare a bruciapelo la domanda: «Ma conosci gli 84 articoli dello Statuto? ». Non ci avevo neanche pensato a questi articoli: mi ero limitato a studiare le nozioni di «diritti e doveri del cittadino» contenute nel libro di testo.

Cover-1-2015-CopiaAngelo d'Orsi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>