La terrazza

LA TERRAZZA – luogo esclusivo dell’esclusione

 

La terrazza 2

 

LA TERRAZZA – luogo esclusivo dell’esclusione

Concludevo il post di ieri 11 giugno, quello dal titolo “UN VORTICE PERICOLOSO”  con quell’invito ad “essere in un mercato, in un ufficio pubblico, in treno o in una piazza” per poter  ascoltare la gente e rendersi  conto di quel che è accaduto nella nostra società in questi ultimi anni. In quel modo da me suggerito si sarebbe altresì creato un rapporto diretto, non mediatico e basta, con la gente. Anche se sarebbe bastato tastare il polso attraverso i social, comodamente seduti nelle nostre case. Ma l’ideologia, la presunzione, l’arroganza, la cocciutaggine e, spero, non gli interessi personali,  hanno fatto sì che non solo non si ascoltassero  le voci della gente che soffre ma molto spesso la si sbeffegiasse ed umiliasse nella considerazione commiserevole del loro grado di istruzione o dell’appartenenza a classi sociali considerate “infime”.

Badate bene che sto parlando del Partito Democratico che avrebbe dovuto e potuto avere un rapporto privilegiato proprio con quella parte della società meno tutelata ed invece negli ultimi tempi ha scelto, con il sostegno di una leadership forte ma sciagurata, la strada dello snobismo, smantellando gli avamposti popolari (i Circoli, le Feste) su tutti i territori, abbandonando al loro destino migliaia di persone spaventate dalla crisi oltre che impoverite a dismisura anche nel livello culturale, che hanno trovato un sostegno psicologico nelle parole d’ordine della Lega e delle Destre: solo una parvenza di futuro migliore ha spazzato via decenni di lavoro democratico sui territori periferici.

E ad errori si risponde nella foga con altri errori ancora più gravi perché non si avverte un benché minimo segno di resipiscenza. Non chiedo di tornare indietro dal punto di vista dei valori riconoscendo agli avversari  – le Destre – di avere ragione, ma insisto nel chiedere che si valuti con onestà quale sia stata l’opera educativa di una forza politica che vanta di provenire dalla tradizione socialista, comunista, cristiana, nel diffondere nel cuore della società il germe della solidarietà, della generosità, dell’apertura ai bisogni del mondo degli ultimi che interpellano le nostre coscienze. Noi siamo nati e viviamo qui in una realtà libera e democratica, in grandissima parte prospera; milioni di esseri umani vivono in luoghi dove non c’è libertà e democrazia, ci sono violenze e guerre, non c’è il minimo per poter sopravvivere. E questo avviene anche e soprattutto per l’egoismo delle classi egemoni occidentali, di cui “noi” involontariamente ma concretamente” facciamo parte.  Sono i nipoti e pronipoti, forse anche i bisbisnipoti, di coloro che sono stati oppressi e defraudati dai nostri predecessori (le Destre che inneggiano al passato non dimentichino le colpe dei loro rappresentanti così esaltati).

Leggo – e ascolto – sospiri di sollievo da parte del PD per i risultati delle elezioni comunali del 10 giugno e credo che davvero non c’è alcun limite alla dabbenaggine. Non c’è stato alcun passo in avanti; solo un rafforzamento della Destra salviniana (Lega più estrema Destra), un arretramento del M5S che perde qualche pezzo di Destra a favore della Lega, la sconfitta sicura in alcune realtà ed altrettante annunciate per il prossimo 24 giugno.

Ed in mezzo a questi disastri cosa fa il PD ancora tributario dell’incoscienza renziana? Lancia il progetto della “terrazza”! Un progetto “Verità”, a mio parere! In quella idea di utilizzare per comunicare con il “mondo”  la “terrazza” della sede romana di via Santi Apostoli c’è il nucleo della sconfitta così come la descrivevo sopra: c’è qualcosa di “esclusivo”, trasmette la volontà di non mescolarsi, di essere al di sopra di tutti, i migliori! Una sorta di “caminetto” da cui far partire delle “omelie”!

 

Joshua Madalon

 

terrazzaset01terrazzaset03

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>