PROMEMORIA PER UNA SINISTRA CHE VUOLE RIPARTIRE

 

sinistra-vita-610x350

PROMEMORIA PER UNA SINISTRA CHE VUOLE RIPARTIRE

Cosa spinge tanti fra gli elettori italiani oggi a sostenere la Lega, il M5S e tutto il Governo? La possibilità che costoro incidano sulle situazioni economiche sociali di una parte sempre più consistente della popolazione preoccupata non solo delle proprie condizioni di vita ma anche di quelle dei propri figli e nipoti.

A fronte di tali perduranti presupposti  il sostegno a chi prospettava e rappresentava un “cambiamento” continua ad essere molto forte, o addirittura in crescita. Tanti elettori avevano avanzato  richiesta di presa in carico ed avvio a soluzione dei problemi ma questa  è risultata sostanzialmente inevasa ed inappagata anche a causa di una ben precisa volontà di privilegiare le rendite finanziarie, quelle imprenditoriali e quelle, spesso connesse ad entrambe le precedenti, immobiliari,  prescelta dai precedenti Governi a guida sia del Centrodestra che del Centrosinistra. Non era strana  in verità l’impressione che gli opposti schieramenti avessero condiviso alcune scelte di fondo.

Anche in questa direzione occorre interpretare i sondaggi che in larga misura premiano il sovranismo ed il populismo delle due forze politiche. Ed il premio è basato su dati ancora percettivi, vista l’assenza di scelte significative. La luna di miele è stata peraltro contraddittoriamente dilatata a causa del tragico evento di Ferragosto, che ha impegnato l’Esecutivo in attività purtroppo straordinarie, anche se i mesi estivi di solito non possono essere conteggiati a pieno nel processo legislativo.

I conti, che non sono i due viceministri del Premier Conte, verranno al pettine a fine anno quando dovranno essere state comprese nella loro pienezza le linee governative.

C’è allo stesso tempo un’ansia di prestazione che è ben comprensibile nel proporre rispetto delle promesse. Una di queste riguarda lo spoil system che prevede il cambio ai vertici di molti Istituti ed Aziende controllate dallo Stato: i vertici precedenti sono sotto pressione e finiranno per essere sostituiti  a prescindere dal loro valore.  Il vero problema sta infatti nelle competenze che una massa di funzionari dello Stato, onesti, possedevano a monte ed hanno conseguito; e non solo: il loro allontanamento costerà molti quattrini e ridurrà drasticamente il risparmio previsto da una sorta di spending  review.   C’è accanto alla volontà di cambiamento una rabbia che emerge e fa diventare rozzo e volgare gran parte di questo Governo.  C’è poi una imperizia culturale e politica che ai più appare ruspante e baldanzosa, ma che genera a livello internazionale forte preoccupazione (e non si tratta di una apprensione immotivata, visto che non c’è futuro senza l’Europa: piuttosto mettiamoci d’accordo su come vogliamo che essa sia) che spinge ancor più all’angolo la nostra economia.

Alcune affermazioni sono state improvvide, anche se applaudite dagli ultras. Minacciare di non versare i contributi all’Europa significa in primo luogo non sapere nemmeno di che cosa si stia parlando. Tra persone ignoranti si può condividere e plaudere;  ma un’Economia che viene messa ai margini comporta un livello di disperazione e miseria che già è stata sperimentata a poche miglia dalle nostre coste ioniche.

Alzare la voce contro l’immigrazione può essere doveroso, se si denunciano le irregolarità, che poi devono essere provate; ma non a casaccio  e semmai andando ad affrontare le problematiche legate ai processi  di integrazione che sono stati spesso lasciati alla libera scelta di organizzazioni senza  che venissero  accompagnate da regole precise.

Per non parlare, oggi, di quella bella proposta avanzata dal M5S: il cosiddetto reddito di cittadinanza. Ne parleremo; ne riparleremo.

Joshua Madalon

 

sinistra