PERCHE’ L’UNITA’ DELLE SINISTRE deve essere “oltre” il PD

42266482_570911739993916_2010472314356891648_n

PERCHE’ L’UNITA’ DELLE SINISTRE deve essere “oltre” il PD

Nelle vicende storiche, in quelle personali o collettive di donne ed uomini normali, quel che avviene si spiega come conseguenza di altre vicende che si sono verificate e snodate nel corso del tempo. Quel che accade non è il frutto di una casualità né l’espressione di un capriccio individuale che può coincidere con scelte di singoli e di gruppi in modo indistinto.
Anche per questo motivo la scelta di costruire un nuovo soggetto di Sinistra che coinvolga le Sinistre è per tante e tanti la conclusione di un percorso di ricerca meditato a lungo e che ha a che fare con la consapevolezza che non vi sia altra scelta nella rappresentanza di quelle che sono le principali urgenze da affrontare relative ai bisogni in primo luogo davvero primari della stragrande maggioranza della popolazione. Indubbiamente la principale forza che si avvale solo in parte di un retaggio antico di Sinistra ha vissuto progressivamente un degrado culturale e politico che l’ha allontanata dai valori fondamentali avvicinandola sempre più ad un neocentrismo depositario di valori capitalistici più consoni alle Destre, ancorché illuminate democratiche e liberali.
Le scelte politiche del Partito Democratico sono dunque state forgiate dagli interessi dei gruppi finanziari e imprenditoriali. Quel Partito si è così allontanato dal mondo che lo aveva sorretto, preferendo acquisire meriti da parte di una leadership arrogante insensibile ed aggressiva nei confronti delle richieste dei più deboli.
La crisi attuale di quel Partito è tutta inscritta in quel quadro che molto sinteticamente ho qui sopra delineato. Di fronte alla crisi solitamente si risponde con una presa di coscienza oppure con un’alzata di spalle. Il Partito Democratico, la sua dirigenza “in toto” con minime prese di distanza, ha scelto il secondo atteggiamento. Ancor di più, ancor peggio, questo Partito ha riconosciuto gli addebiti ma non ha proposto le soluzioni; ancor più, ancor peggio, i maggiori responsabili di queste “storie” sono stati riconfermati nei loro ruoli e, quando può apparir bene, dirigono nell’ombra i fili dell’agire politico sia sui territori che a livello nazionale. Per capirci, Renzi è solo apparentemente “dietro le quinte”: c’è, è lì, ma ancora dirige i fili dei suoi burattini. La stessa cosa accade nelle realtà periferiche.
Quel che ho scritto è un semplice preambolo: sintetico quanto basta. Voglio infatti rispondere a compagne e compagni che avvertono il rischio di nuove divisioni e potrebbero essere disponibili ad un ultimo appello all’unità da parte del PD, semmai accompagnato da una sorta di anatema verso coloro che vadano lavorando per un’altra forma di UNITA’, scaricando su di loro l’eventuale probabile inevitabile debacle a favore della Destra. Spero non si lascino incantare: sono sempre gli stessi, non hanno riconosciuto gli errori e quando hanno accennato a farlo non hanno poi dato seguito a quell’atto. Continueranno a dire: “Compagni, non è il momento!” rispondendo alla vostra richiesta di una revisione; e vi prenderanno per la gola.
Qualcuno “sembra” esserci cascato in quella trappola; ma non è così. Vecchie volpi, “pesce ‘e cannuccia”, creduloni dalla bocca buona ed in perenne attesa di un riconoscimento. Loro, questi ultimi, diranno che sono alternativi: pura ipocrisia d’accatto.

Joshua Madalon

www.image-size.com
www.image-size.com