fermata-metropolitana-piazza-toledo-5-73ca08d1-4de6-418e-b731-e43c668a08d8

NAPOLI e la civiltà – istruzioni per un uso politico amministrativo

49841032_515249475634408_3464628737612447744_n
NAPOLI e la civiltà – istruzioni per un uso politico amministrativo

Via Toledo è ancora infreddolita in questa mezza giornata , quando Mary ed io la percorriamo di ritorno dalla visita guidata sui Quartieri Spagnoli dalla preziosissima Simona di Insolitaguida. Eppure mentre dappertutto in questo Sud il ghiaccio e la neve la fanno da padroni (persino Matera ha accolto la nostra amica Angela desiderosa di lasciare la fredda Feltre con ben più di dieci centimetri di neve) qui a Napoli solo la cima del Vesuvio è circondata da uno spruzzo di bianco. Passando da un lato all’altro per dare un’occhiata ai negozi ci ritroviamo a ridosso dell’ingresso della Stazione della Linea 1 del Metrò quando ci arriva un’ondata di aria calda. Ne siamo per un attimo sorpresi; poi la memoria recente ci aiuta. Nei giorni scorsi la città di Napoli in previsione di questi freddi annunciati ha aperto tutti gli spazi coperti, come quello di alcune stazioni della linea ferroviaria, per ospitare i sempre più numerosi senza tetto, consentendo alle organizzazioni volontarie di svolgere la loro preziosa assistenza. Quel caldo che arrivava assumeva anche la funzione di un simbolo, di una città accogliente, solidale, pienamente consapevole dei problemi generali ma anche attenta ai bisogni degli ultimi e di tutti quelli che sono stati condotti in quelle condizioni dall’insipienza volontaria o meno di governanti incapaci se non addirittura xenofobi e razzisti. Napoli conosce anche i problemi dei suoi cittadini “privilegiati” (gli “italiani”, come ribadisce ad ogni piè sospinto quel “qualcuno” innominabile), ma un buon Sindaco deve occuparsi di tutti quelli che coabitano anche se temporaneamente il suo territorio, garantendo la Sicurezza che è anche quella Sociale e Sanitaria.
Allo stesso tempo quell’aria calda mi fa ricordare che a Prato, invece, le stazioni vengono chiuse ermeticamente per non consentire l’utilizzo dei suoi spazi coperti ai bisognosi di un tetto mentre fuori piove e fa freddo.
Cresce dunque l’intolleranza, l’indifferenza, l’incuria. Altro che!
Nei Quartieri spagnoli a ridosso di via Toledo avevamo letto un cartello con tre parole “CULTURA – INTEGRAZIONE – TOLLERANZA”.
La civile città ha da insegnare valori fondamentali al mondo incivile che chiude gli occhi sulla sofferenza e gioisce ipocritamente su discutibili successi.

Joshua Madalon

foto-cancelli-tunnel-stazione-centrale-678x381download (1)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>