cloud6definitivo340x238

PRATO IN COMUNE – contributi per un avvio di programma

beni-comuni-1

PRATO IN COMUNE – contributi per un avvio di programma

Stiamo realizzando, partendo da individualità, un collettivo

Ora è il tempo di costruire il Programma vero e proprio del soggetto che abbiamo chiamato “PRATO IN COMUNE”.

Il nostro Programma non si baserà sul “NO”, ma costruiremo ogni aspetto di esso sul “COME” e sul “PERCHE’”

Ho tralasciato di occuparmi del mio Blog per alcuni giorni, una settimana. Mi sono occupato di Politica in modo più diretto, dando spazio alla riflessione ed alla parola, cercando di fare una ricognizione delle idee che abbiamo avuto modo di raccogliere tra le tante persone che hanno pensato di aiutarci nella costruzione di un progetto programmatico che prendesse il via da concretezza per dare risposte alle problematiche che abbiamo riscontrato nella nostra esperienza individuale.

Stiamo realizzando, partendo da individualità, un collettivo.

Ciascuno di noi ha una sua storia fatta di successi ed errori e, mettendo a reddito ognuno di questi, approfondendone le ragioni, abbiamo avviato la valutazione critica delle contraddizioni della Sinistra, della nostra particolare personale visione di questa e di quella che intendiamo sottoporre a verifica proprio perchè non ci ha onestamente convinto sia quella che appartiene ad una visione integralista purista intransigente poco disponibile ed aperta al confronto sia di quell’altra che afferisce ad un riformismo che ha corrisposto più ai bisogni del “mercato” (pur giustificandosi con la convinzione che se gira il mercato si possa ottenere un benessere diffuso) che a quelli della stragrande maggioranza della gente, sempre più emarginata ed umiliata.

In questi ultimi mesi ho scritto molto su tutto questo.

Ora è il tempo di costruire il Programma vero e proprio del soggetto che abbiamo chiamato “PRATO IN COMUNE”.
Il nostro Programma non si baserà sul “NO”, ma costruiremo ogni aspetto di esso sul “COME” e sul “PERCHE’”

Il nostro candidato Sindaco non è e non sarà un “uomo solo al comando”.
Siamo un gruppo affiatato di donne ed uomini che porteranno la loro esperienza nei diversi settori, dai temi della Cultura a quelli della Scuola, da quelli dell’Urbanistica al Sociale, dal Lavoro all’Ambiente, dalla Partecipazione alla Sicurezza, costruendo intorno a quest’ultima la definizione delle problematiche connesse a tutti gli altri settori allo scopo di abbattere il profondo senso di “incertezza” che deriva particolarmente dalla sempre più alta solitudine nella quale viviamo ( una Cultura sempre più appannaggio dei “pochi”, una Scuola con livelli di abbandono e dispersione elevatissimi, una visione urbanistica che si lega a poteri imprenditoriali incapaci di modificare le loro tipologie di intervento, una Sanità ed un Sociale che invece di allargarsi sui territori tende a ridurre e concentrare in pochi luoghi la sua azione, una scarsa attenzione reale ai temi ambientali ed una sottovalutazione dell’importanza della Partecipazione attiva dei cittadini)
.
Una particolare attenzione alle problematiche del Lavoro ci spinge a costruire un’idea complessiva programmatica che ci consenta di sviluppare molteplici azioni riferite ai vari settori di cui sopra, capaci di creare nuovi posti di lavoro (nell’Ambiente, nella Cultura, nella Scuola, nel mondo produttivo tout court).
Di questo parleremo con le organizzazioni sindacali e quelle imprenditoriali.

Non manca la nostra attenzione al mondo giovanile, all’interno di un contesto complessivo che afferisca alle varie sezioni. Certamente non consideriamo i giovani come un settore a sè stante; fondamentalmente ci consideriamo ancora “tutte e tutti” alla pari e guardiamo ad un progetto che tenda a migliorare l’esistenza di ciascuno e di tutte e tutti.

Joshua Madalon

rescommunessqaured

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>