66634239_399427657365188_1262982871950295040_n

UNA SERA D’ESTATE 2019

67194013_391160971542188_4773244026470006784_n

UNA SERA D’ESTATE 2019

Scrivevo ad un compagno l’altro giorno su una chat “L’estate è una brutta bestia: smorza le passioni, ci si disperde per motivi logici (si va in vacanza non solo fisica ma anche mentale): bisogna costruire obiettivi concreti, strutturare un metodo ed avviare a compimento la creazione di un gruppo che si senta coinvolto e partecipe. C’è il rischio che ciascuno o da solo o come gruppetto corra dietro a forme di progettualità non condivise. E’ naturale, non è del tutto fuori della logica umana. E’ accaduto, accade, accadrà. Spetta a chi ha più esperienza avanzare preoccupazioni. Senza pretese”.
Rispondevo ad un “quid?” su una mia preoccupazione. Parlavo di corpo debole, ancora informe, le cui cellule potrebbero disperdersi o rincorrere utopie. E’ sempre stata bella l’utopia, affascinante anche per me, ed in qualche modo ancora oggi ci corro dietro come “un ragazzo (che) segue l’aquilone”
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Si è avviata la nuova stagione amministrativa. Puledri scalpitano e vorrebbero correre avanti per precedere tutti marcando territori, che ritengono di poter governare. Affacciarsi sul palcoscenico senza aver prima imparato a recitare il proprio ruolo provoca il dileggio degli spettatori. Al giovane che crede di poter essere protagonista della storia consiglio prudenza e soprattutto umiltà, non quella finta che si vende a un euro a tonnellata al mercato del lunedì. E soprattutto gli chiedo di avere rispetto vero e di non farci perdere del tempo: altri prima di lui hanno provato a convincerci in modo subdolo di seguirli, affinchè potessero poi accreditarsi come federatore delle pecorelle sperdute. Non hanno raccolto consensi lusinghieri: troppo era il discredito accumulato negli anni come “folli banderuole”.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Intanto questa estate è anche segnata dal risveglio “sindacale”. Non tanto quello delle sigle che hanno il maggiore credito, ma quello “di base”. Quello che parte dai bisogni dei singoli e dalle ingiustizie che essi patiscono in una società schizofrenica. Non conosco, forse, nessuno di quei lavoratori; ma con qualcuno di loro ho parlato durante le ore in cui vengono a lezione di lingua italiana in San Bartolomeo. Alle nove di mattina arrivano, spesso non in orario, stanchi affamati sporchi e assonnati. “Dove lavori?” “In fabbrica” “Hai un contratto?” “Sì” (D’altronde il contratto serve per avere il permesso di soggiorno) “Ho un contratto di quattro ore” con un sorrisino amaro che è tutto un programma “Però….lavoro otto ore al giorno quando va bene e…mi pagano per quattro” Le ditte sempre più spesso sono anch’esse a conduzione straniera e infatti “I proprietari sono cinesi” aggiungono lanciando un sorriso verso i colleghi di quella comunità, che frequentano lo stesso corso.
La dignità del lavoro non appartiene soltanto ai nostri connazionali. Il “prima gli italiani” non vale per loro: anche se qualcuno, più di qualcuno, ritiene che questa nuova Politica aggressiva verso gli stranieri porterà loro benefici, e non si rende conto degli interessi macroscopici che finiranno per prevalere sulle loro teste. E’ un balletto macabro che parte dal rendere clandestini la maggior parte degli stranieri, spingendoli nelle braccia apparentemente fraterne di imprenditori famelici, che utilizzeranno a bassissimo costo quella manodopera, con contratti “regolari” ma immorali, che verranno accettati anche da molti dei nostri connazionali, piegati dalla crisi ed esclusi nel contempo dagli interventi governativi.
Le proteste delle ultime settimane sono state contrassegnate da interventi poco chiari da parte delle forze dell’ordine e questo è un altro degli elementi su cui le principali parti sociali, sindacali e amministrative della città di Prato dovrebbero rapidamente riflettere ed agire. Nessuno di loro deve voltare lo sguardo; non c’è neanche il tempo per chiedersi “cosa posso fare?” Occorre attivarsi creando condivisione ampia per puntare ad un solo scopo: riportare “dignità” sui luoghi di lavoro. Se si attende troppo tempo, sarà alla fine troppo tardi.

Joshua Madalon

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>