Nuovi documenti sulla mia attività istituzionale in Circoscrizione 19 giugno 2003 – 2

Mia foto

Nuovi documenti sulla mia attività istituzionale in Circoscrizione 19 giugno 2003 – 2

In questa seconda parte del mio intervento del giugno 2003 sottolineo l’importanza delle Circoscrizioni e di un coordinamento tra le varie omologhe Commissioni: questo era reso maggiormente possibile (in Politica tutto è “possibile”) proprio dalla coincidenza fino a quella legislatura 1999-2004 e quella successiva 2004-2009 tra Amministrazione comunale e i cinque parlamentini circoscrizionali. Non tralascio di porre in evidenza gli insuccessi e le difficoltà di rapporti ma sottolineo le potenzialità di tali strumenti. In coda c’è inoltre il riferimento alla capacità di coinvolgimento delle innumerevoli risorse culturali associative che hanno reso ricco di opportunità il nostro territorio. (J.M.)

Molti di noi, specialmente nelle Circoscrizioni infatti, nel corso di questi anni hanno mantenuto inalterata l’attenzione nei confronti dell’importanza strategica dell’educazione degli adulti, sia quella di tipo formale che quella di tipo informale. Nessuno di noi vive fuori da questa realtà; siamo per lo più amministratori, fra quelli che in più di un’occasione hanno anche partecipato da protagonisti alla stesura di un programma di governo, sia quello di tipo elettorale sia quello annuale legato al PEG. Dico questo perché nelle Circoscrizioni, in particolare in alcune come ad esempio la Circoscrizione Centro, l’impegno verso l’area non formale dell’EDA è stato molto incisivo e continuativo, e le circoscrizioni, ancora di più nella nuova forma, hanno creduto fortemente a questa cosa.

In quest’ultima legislatura, anche per la volontà espressa in modo esplicito dai Presidenti delle Commissioni Cultura della precedente legislatura, si è creata una forma di Coordinamento che ha potuto, fra l’altro, realizzare percorsi comuni in più circoscrizioni: come coordinatore non sono affatto soddisfatto; in una scala da 1 a 100 non siamo riusciti a superare 50 e questo se da una parte assume una nota di rammarico ci spinge davvero ad essere per il futuro maggiormente propositivi.
Non faccio la storia degli insuccessi, ma li assumo come esempio di quello che non deve essere fatto e spingo tutti in avanti. Anche perché quando i progetti, anche se vedono solo una o alcune Circoscrizioni in cooperazione, poi funzionano servono a tutti e bisogna essere contenti. Così, non è che il Coordinamento debba mortificare l’autonomia dei singoli; deve saperla esaltare e saper cogliere gli elementi positivi che emergono dal lavoro dei diversi operatori, dal contributo dei fruitori. Non deve mai essere un problema il “copiare”, basta farlo con personalità, basta saper inserire le proprie sensibilità, le proprie competenze specifiche al servizio degli unici nostri veri giudici (ovviamente si fa per dire, ma le elezioni incalzano) che sono i nostri cittadini.
Il ruolo delle Circoscrizioni è stato fondamentale in un momento durante il quale solo le Circoscrizioni, come dicevo prima, rappresentavano il Comune di Prato nell’ambito dell’EDA; con il Progetto del quale oggi verifichiamo il primo dei due anni previsti, le circoscrizioni erano pronte a fare quel salto di qualità necessario per accreditarsi quali agenti formativi, pur se all’interno della rete civica, ma fondamentalmente prioritari e privilegiati. Ed è stato infatti il Coordinamento delle Comm.ni Cultura delle Circoscrizioni ad attivarsi su un’idea che tendesse a rivitalizzare l’attenzione di gruppi di cittadini sulle piccole e grandi trasformazioni che il territorio aveva subito negli ultimi venti.dieci anni attraverso diversi linguaggi, attraverso diverse modalità, dal corso abbastanza tradizionale ai Circoli di Studio, coinvolgendo molti soggetti, i più importanti Enti Culturali e l’Università della Terza Età, mettendo in moto poi anche le competenze diverse di tanti soggetti, da Dryphoto alla scuola d’arte “Leonardo”, da Alta Via Trekking all’Itc Dagomari, dalla Scuola comunale G Verdi ai Circoli della Circoscrizione Est (La Querce, La Macine, La Pietà e Mezzana).

….2……
Joshua Madalon

Scansione0009