2004-07 (lug)

UN PROMEMORIA

UN PROMEMORIA

TEMPO DI RIFLESSIONI (prima di agire)

Come hanno potuto intuire le (poche-pochissime) persone che seguono il mio Blog il mio silenzio prolungato in questo mese di Agosto ha coinciso con la situazione politica di questo nostro Paese, i cui interessi appaiono sempre più lontani dalla sensibilità degli attuali provvisori governanti e dei loro sostenitori, a dispetto dei proclami reiterati sulla prevalenza nazionalistica.
Non ho in questo “tempo” dato seguito alle argomentazioni dei “molti” che sui social sono state prodotte disconoscendo la validità e la essenzialità di esse. Nessuno di noi ha in questo momento (nè tanto meno “prima” di questo momento) la possibilità di incidere sulle scelte, che appartengono alla classe politica espressa il 4 marzo del 2018. E’ pratica oziosa e velleitaria questa di dispensare consigli non avendone nè il diritto nè il dovere. E d’altra parte sarebbe vieppiù frustrante il comprendere che dei tuoi consigli nessuno di coloro cui li si dirige ne tenga conto; anche nel caso in cui ciò che si suggerisce fosse messo in pratica non sarebbe realisticamente da assegnare a coloro che sui social si esercitano al ruolo di “mosche cocchiere”.
Non parlerò dunque di cosa dovrebbero fare gli attuali gruppi parlamentari, ma nei prossimi post eserciterò il mio ruolo per ribadire ciò che “sarebbe” necessario fare “dopo”.

Nel frattempo mi limito a riprodurre questo Appello

J.M.

Appello per un governo politico di risorgimento democratico

Associazione Nazionale Giuristi Democratici

La nostra democrazia costituzionale attraversa un momento drammatico.
La Lega sembra avere accuratamente programmato la data elettorale. Ha fatto cadere il governo, con un banale pretesto, nel momento in cui il proprio gradimento è massimo, per capitalizzare il consenso cinicamente raccolto negli ultimi mesi.
L’obiettivo è un governo compattamente di destra, che instauri un regime autoritario nel nostro Paese. Gli ultimi mesi ci hanno fatto comprendere molto bene quale sia il progetto. Demolire la resistenza dei corpi intermedi, partendo dalla magistratura. Condurre un’azione decisa sul mondo della scuola, con il pretesto di salvare i ragazzi da insegnanti di sinistra, mettere sotto controllo l’insegnamento stesso. Asservire l’informazione pubblica e privata. Poi toccherà alla Costituzione.
Nel 2022 vi sarà da eleggere il nuovo Presidente della Repubblica. Se la Lega avrà la maggioranza in Parlamento, potrà contare su una sponda decisiva per consolidare il nuovo sistema autoritario.
Occorre allora prendere una posizione chiara, in un momento in cui questo disegno può ancora essere arrestato.
Le forze che non si riconoscono in questo progetto, che hanno ancora a cuore la Repubblica costituzionale, devono dare vita ad un governo politico, democratico, costituzionale e di legislatura. Non un governo di transizione, ma un progetto basato sui valori fondanti della nostra Carta. Un governo che ripristini gli equilibri democratici. Che garantisca e fortifichi l’indipendenza dei poteri e della magistratura. Che rispetti i trattati e gli accordi internazionali e riprenda una dialettica corretta con le istituzioni comunitarie. Che intervenga per risolvere la crisi umanitaria del Mediterraneo. Che rimetta al centro dell’azione di governo il lavoro e la sua tutela.
Ciò che più conta, oggi, è impedire il concretizzarsi del disegno autoritario.
È illusorio pensare che un governo spregiudicatamente repressivo, con cinque anni a disposizione, restituisca facilmente il potere.
Non si deve dimenticare quanto accadde con il fascismo. Partito popolare e socialisti non si accordarono, e pensarono che Mussolini si sarebbe bruciato presto. Non capirono che chi ha le leve del potere le usa prima di tutto per consolidarlo, inventando nemici esterni e interni su cui far ricadere le colpe dei fallimenti.
Di fronte a questi rischi i leader ed i militanti dei partiti democratici debbono mettere da parte gli interessi egoistici. Non ci si brucia governando un Paese in crisi: ci si brucia, e per sempre, lasciandolo governare a una forza eversiva, nell’illusoria speranza di raggranellare qualche seggio in più dopo cinque anni.
È allora il momento di rivolgere un appello chiaro: si anteponga a tutto l’interesse collettivo. Passerà questa ubriacatura securitaria.
Ora si deve impedire il precipitare degli eventi.
Le forze parlamentari come Partito Democratico e Cinque Stelle, con i radicali, i liberali e la Sinistra devono tutte fare un passo di disponibilità a sostenere un governo di programma, la cui guida sia concordata, se possibile, o indicata autorevolmente dal Presidente della Repubblica.
Rivolgiamo un appello anche a tutte le cittadine ed i cittadini e a tutte le forze democratiche per costruire insieme un argine al disegno eversivo della Lega; la società è ricca di forze sane, dimostriamo che esiste un’Italia che resiste e contropropone.
12 agosto 2019

download (1)

UN NUOVO CAMBIAMENTO o sarà la fine della Democrazia anche in questo Paese

Sono rimasto in silenzio, anche tra le mura domestiche ed amicali, in questi giorni. Provavo difficoltà a vaticinare prospettive in questa calda mezza estate astronomica ed in questa fase calante dei valori civili. A coloro che mi chiedevano cosa pensassi con la vana speranza di una illuminazione rispondevo con un mezzo umido e catarroso bofonchio. Ed è stato infatti un tempo di silenzio e di riflessioni, che non hanno tuttavia prodotto un ripensamento, anche se a qualcuno potrebbe venire il dubbio che io stia per aprire un varco in tal senso. Sono in sintonia con la riflessione di Daniele Pinai (post su Facebook 14 agosto ore 20.44), e non è la prima volta, ma provo un forte imbarazzo di fronte alle argomentazioni dei vari piccoli, medi e grandi leader, a parte quella che l’altro ieri – 17 agosto – è apparsa su “Repubblica”pagina 8 a firma di Pier Luigi Bersani. “… o si prende questo tornante come un’occasione per una correzione di rotta da parte di tutti i protagonisti, o qualsiasi soluzione apparirà un arrocco difensivo, e la destra potrà rimanere protagonista nel paese…”.
Ed è anche vero che in tutto questo tempo il mio silenzio è titanicamente (come iperbole immeritata ma ironicamente espressa) significativo per il fatto che quel che esprimono Pinai e Bersani è un punto di sintesi di quanto da me espresso in un fiume di post. Purtroppo devo rilevare – e “purtroppo” mi aspetto di dovermi ancor più ripetere e ripetere nei prossimi giorni e mesi – che quei consigli “diversamente” autorevoli saranno inascoltati ed andremo verso una deriva disastrosa.
Qualcuno farà spallucce, qualche altro mi considererà un inguaribile rompiscatole altri mi ignoreranno a bella posta. Scrivo anche per questo motivo: non mi si venga a rimproverare di non aver utilizzato il senso critico.
In soldoni, ritengo che la soluzione alla “crisi” debba partire dal riconoscere unilateralmente (tra coloro che aspirano al “nuovo cambiamento”) gli errori tattici e strategici nelle scelte troppo spesso contraddittorie rispetto ai punti fermi politici assunti preventivamente come necessari corollari imprescindibili. Occorre imparare a rimettersi in discussione: se nel Paese la Destra avanza significa che le risposte della parte opposta non sono state accolte, e bisogna chiedersi il perché non procedere come elefanti (o caproni) impazziti verso il baratro.
A quei tanti altri che continuano ad appassionarsi a difesa delle argomentazioni renziane, tronfie orgogliose ed acritiche rispetto ai disastri inferti alle posizioni di Sinistra in questo Paese sono a chiedere di fermarsi a riflettere, abbandonando forme scioviniste deleterie assumendosi la responsabilità primaria dell’aver consentito a Salvini ed alle Destre (non ci prendiamo in giro: con lui ci sono Casapound e Forza Nuova), le più chiaramente reazionarie dalla fine del ventennio fascista, di riprendere forza e vigore nella società.

Joshua Madalon

Intanto occorre mantenere desta ed attiva la “memoria” e non far finta che quel che è accaduto, quel che accade e – di riflesso – quel che accadrà sia colpa di un sortilegio maligno.

download (2)

51b787fe620f2feab9a8d1e3dfda2ad9

Scherzi della Politica

Lapalissianamente parlando,ben si sa che molte affermazioni “politiche” si sviluppano in un senso che ai “più” è incomprensibile. Non per niente, quando si parla di “classe politica” la si associa ad una “casta”. Volendo essere “terra terra” senza però abbandonare del tutto la specificità per la quale si è andata sviluppando la mia professione potrei aggiungere che si parla in modo gergale, sottintendendo e ammiccando “perchè suocera intenda”.
In queste ore si alternano dichiarazioni solitarie e collettive; i social ci hanno abituato a sentirci protagonisti anche se di fatto con quella modalità non lo potremmo mai essere: è un po’ frutto dell’illusione generata da una democrazia del web che è in pratica la “contraddizione in toto” di ciò che dovrebbe essere la comune “democrazia”.
A me sembra che si stia assistendo ad un balletto dell’ipocrisia che potrebbe produrre danni incalcolabili proprio alla tenuta democratica del Paese. Nella totale irresponsabilità delle forze politiche – tutte nessuna esclusa – finiremo per dover celebrare il funerale della nostra Repubblica.
Tutti dicono di voler lavorare “per il bene del Paese” ma nessuno vuole fare un solo passo indietro. O meglio forse Salvini lo vorrebbe anche fare ma è un iracondo accidioso aggressivo e avendo seguito il suo istinto e delirio di onnipotenza non può farlo del tutto ed infatti la sua proposta sarebbe semplicemente un escamotage per poter ritornare sulla cresta dell’onda. Di Maio dopo la pausa per San Luigi (in fondo è ancora “un figlio di famiglia”) ha difficoltà a gestire la complessità del Movimento e si appende a qualsiasi alibi per poter fare marcia indietro. Zingaretti è ancora un “generale” senza esercito e non riesce a fare grandi concessioni al rivale esterno senza doversi accollare la responsabilità o di aver ceduto troppo o di aver calato le brache davanti a pivelli della Politica come quelli del Movimento 5 stelle o aver tenuto il punto e fatto fallire l’accordo: in realtà, scopro l’acqua calda, il peso del renzismo è intatto e in fase crescente dopo la dèbacle del Referendum e del 4 marzo.
Tutti però tra poche ore dovranno rendere conto al Capo dello Stato. Rimane molto poco tempo per decidere e c’è il rischio di produrre altri danni.
A coloro che si accapigliano sui social, che in questi giorni si sono divisi tra favorevoli o contrari ad un accordo rosso-verde, consiglierei di essere più prudenti. Come scrivevo sopra, non appartiene a nessuno di “noi” la verità e non è così semplice trovare degli accordi su temi intorno ai quali ci si è quasi scannati. La società nella quale viviamo è molto diversa da quella dei rioni dei quartieri dei paesi medi e piccoli che a stento riusciamo ad amministrare. La dimostrazione sta interamente in quello specchio della vita che quotidianamente abbiamo davanti: non si riesce più a comunicare e vengono veicolati messaggi mediati allo scopo di produrre percezioni sempre più negative che invitano a contrapporre tra loro i “perdenti” che sono numericamente in netta nettissima crescita mentre i vincenti si allontanano, sdegnati da questa competizione, a difesa dei propri interessi, e si ritirano nei loro dorati “castelli”.

Joshua Madalon

Spiaggia

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>