images

Dove eravamo rimasti? riprendiamo il cammino – LE CIRCOSCRIZIONI a Prato ed il lavoro di compartecipazione che curavano (da un’esperienza diretta) – Un nuovo documento- parte 1 e 2

14152_domus-etrusca-di-gonfienti

LE CIRCOSCRIZIONI a Prato ed il lavoro di compartecipazione che curavano (da un’esperienza diretta) – Un nuovo documento- prima parte

Come avevo già scritto l’altro giorno, molti sono stati i documenti che attestano quanto fosse importante il lavoro nelle Circoscrizioni. Utilizzo materiale di prima mano – la mia. Il Blog ovviamente è aperto alla partecipazione di chi volesse ampliare tale documentazione.

Quello che segue è la conseguenza dell’intervento precedentemente pubblicato riferito ad un incontro di maggioranza di Centrosinistra nella Circoscrizione Est in apertura della legislatura 2004-2009. In questo caso relaziono ai membri della Commissione.

CIRCOSCRIZIONE EST DEL COMUNE DI PRATO
Commissione Formazione e Cultura
MARTEDI 5 ottobre 2004

Centro Polivalente don Lorenzo Milani – ore 21.00

Introduzione

Una delle prime frasi che un Presidente di una commissione dovrebbe rivolgere ai membri di essa è certamente: “Buon lavoro!”. Ancor di più, un augurio di buon lavoro, è importante per me che nei precedenti cinque anni ho avuto la fortuna di presiedere questa stessa Commissione e ritengo di aver ben lavorato insieme a tutti i membri sia di maggioranza che di opposizione, che in questo momento di ripresa dei lavori in una nuova legislatura ( e penso soprattutto a quelli che, per diversi motivi, hanno lasciato questo impegno ) voglio particolarmente ringraziare per la collaborazione anche critica che hanno fornito a questo territorio nell’arco degli ultimi cinque anni. Di quel gruppo qualcuno è ancora presente e potrà essere testimone del clima con il quale abbiamo operato pur nella diversità ideologica: è pur vero che il lavoro nelle Circoscrizioni ha una caratterizzazione tale da essere fortemente pragmatico ed operativo, e questo in particolare nel lavoro della nostra Commissione non ha mai comportato lacerazioni.

La nostra Commissione si occupa di due settori creativi, la Formazione e la Cultura, che consentono a tutti noi anche di esprimere le proprie caratteristiche peculiarità. Inoltre, proprio per il “turn over” che si è prodotto con queste nuove elezioni, vi è la possibilità di rinnovare il nostro impegno in questa Circoscrizione contando su nuove energie.

Ad essere precisi e schietti vorrei in primo luogo sottolineare il mio pieno convincimento che, pur essendo all’inizio di un nuovo periodo legislativo, in questo territorio per tutta una serie di interventi significativi realizzati, in particolare, nella scorsa legislatura, nei diversi settori di nostra competenza non si possa minimamente pensare che si parta dal cosiddetto “anno zero”.
Occorrerà dunque, nel ripartire, valutare, fra i diversi progetti, quel che ha funzionato pienamente, quello che bisognerà migliorare assieme a quello che necessariamente potrà essere accantonato definitivamente. Ad ogni modo, bisognerebbe riconoscere “in primis” la validità dell’intero impianto adottato nella scorsa legislatura, anche e soprattutto perché, nel costruire il programma di governo per questa legislatura, forte è stata la presenza della progettazione sia formativa che culturale. Il Programma al quale si fa riferimento, essendo anche il Programma della coalizione che ha vinto le elezioni, non potrà essere eluso, ma varrà la pena sostenerlo e con il contributo di tutti migliorarlo. Pensiamo, infatti, che anche l’opposizione non voglia lasciarsi sfuggire, nel proseguire il lavoro svolto nella passata legislatura, l’occasione di poter cooperare anche con i suoi spunti critici alla realizzazione di obiettivi che servono in particolare a tutti i cittadini del nostro territorio, a prescindere dalla loro collocazione politica.

Per quel che mi riguarda, nei settori della Formazione e della Cultura, ritengo opportuno aprire la più ampia riflessione sul lavoro già svolto perché è necessario che i consiglieri (eletti ed esterni) sappiano, e possano valutare il punto di partenza dal quale prendiamo le mosse per apportare adeguamenti e miglioramenti all’azione di governo amministrativo su questo territorio.

Ora affrontiamo in modo sintetico ma preciso quel che nei cinque anni (1999\2004) abbiamo realizzato nei settori della Formazione e della Cultura in questa Circoscrizione.

LE CIRCOSCRIZIONI a Prato ed il lavoro di compartecipazione che curavano (da un’esperienza diretta) – Un nuovo documento- seconda parte

Proseguo a riportare il testo del documento la cui prima parte ho pubblicato lo scorso 2 settembre

CIRCOSCRIZIONE EST DEL COMUNE DI PRATO
Commissione Formazione e Cultura
MARTEDI 5 ottobre 2004

Centro Polivalente don Lorenzo Milani – ore 21.00

La Formazione

Il lavoro nel settore della Formazione è stato caratterizzato da un’essenziale continuità rispetto alla legislatura precedente (1994\1999), tranne che per qualche aspetto di cui ora si parlerà.

L’impegno della Circoscrizione nel settore della Scuola si è configurato fino a tre anni fa in un intervento diretto su alcuni progetti condivisi: la nostra struttura amministrativa seguiva passo passo (soprattutto dal punto di vista finanziario) i progetti approvati. In pratica si operava così: la Circoscrizione (il Comitato Esecutivo, la Commissione e poi il Consiglio) stabiliva in sede di Piano Programma i macro argomenti su cui far confluire l’intervento finanziario. Di norma, in tutti questi anni i macro argomenti sono stati: l’ambiente, la multicultura, la memoria, la musica, la lettura.

Da tre anni in qua, con l’avvento dell’autonomia scolastica (autonomia soprattutto finanziaria, anche se le risorse poi le dovevamo mettere anche noi), abbiamo modificato di poco la modalità di intervento, lasciando alle scuole tutta la parte amministrativa con esclusione del preventivo e del resoconto finale, anche se alla Circoscrizione interessa soltanto questo ultimo (infatti noi spesso abbiamo coperto solo parte dei progetti, laddove il preventivo particolarmente “sostanzioso” si riferiva a progetti che ritenevamo interessanti, lasciando alle scuole il compito di reperire altrove le rimanenti risorse necessarie).

In pratica funziona così: le diverse realtà scolastiche presenti sul nostro territorio (due Circoli Didattici, il secondo ed il settimo; una Scuola Media Statale, la “Pier Cironi”; due istituti Medi Superiori, il “Buzzi” ed il “Copernico”; alcune scuole private), attraverso dei referenti, a volte supportati dai Dirigenti Scolastici stessi, vengono invitati a presentare – di norma all’inizio dell’anno scolastico – i loro progetti riferiti in particolare agli obiettivi istituzionali sopra espressi.
Nel corso degli ultimi anni, considerando questo settore fra le priorità da mantenere intatte nel limite delle possibilità, la Circoscrizione ha fatto di tutto per confermare i budget assegnati alle diverse realtà scolastiche del territorio, senza distinguere fra pubbliche e private, anche se per la caratteristica e la mole dei progetti proposti e realizzati la maggior parte degli interventi finanziari è stata appannaggio delle scuole pubbliche.

Nel prossimo futuro speriamo di poter mantenere questo nostro impegno, anche se i segnali già da qualche anno non ci aiutano in tal senso.

La Circoscrizione inoltre segue con incontri periodici sia di tipo collegiale sia individuale il percorso degli interventi con incontri con i referenti e gli operatori interni ed esterni chiamati ad operare, fin quando, di norma nelle ultime settimane di scuola, non si perviene alla realizzazione del progetto con mostre dei lavori svolti, relazioni aperte anche al pubblico esterno, performance dei gruppi degli studenti coinvolti. Molto interessante è stata in questo anno 2004 tutta la serie di interventi formativi e culturali, in parte finanziati dalla Circoscrizione, che hanno visto coinvolto il VII Circolo ed in particolare la Scuola della Castellina, che è stata intitolata a Fabrizio De Andrè.

Un quadro sintetico degli interventi realizzati, quest’anno, con le scuole della Circoscrizione è a vostra disposizione. Da quest’anno, al posto dell’unico primo incontro collegiale ho avviato già dalla scorsa settimana incontri riservati con ciascuna delle Istituzioni scolastiche del nostro territorio (pubbliche e private) nelle loro sedi per programmare i futuri interventi, verosimilmente quelli da realizzare nel 2005.

…2…

image035

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>