“Memoria”

Da poche ore si può trovare sul sito del PD una lettera di Enrico Letta rivolta al mondo degli iscritti (I circoli) ed indirettamente ai potenziali sostenitori. C’è fretta camuffata da ponderatezza; ma  c’è una grande urgenza di arrivare al “cambiamento”, dimenticando di averne avuto subito dopo il cambio di guardia con Zingaretti, che aveva denunciato ampiamente questo bisogno. In tal modo si rischia grosso: le truppe camellate stanno preparando già gli armamentari, forti della scarsa memoria collettiva.

“Memoria” che è necessario avere per capire quanto sia stato pretestuoso l’abbandono del “campo largo”, scarsamente coltivato e perfino mal arato. La responsabilità del mancato accordo è da addebitare in primo luogo al Partito Democratico, e poi a Lega e Forza Italia, che hanno subodorato il lauto affare. La “crisi” è stata provocata dal forzoso inserimento in un dispositivo di natura sociale ed economico come il Decreto Aiuti di un articolo che intende approvare la costruzione di un termovalorizzatore a Roma: una diretta provocazione inserita in luogo improprio e senza un accordo, che non avrebbe potuto sortire altro che la levata di scudi del M5S che si è astenuto.

Oltre tutto il M5S è stato sottovalutato per una sorta di presunzione culturale e politica di superiorità. Ciò traspare altresì dal livore con cui una parte del mondo politica e della stampa sostenitrice del Partito Democratico (vedi N. Aspesi che sul “Venerdì di Repubblica”) non manca di offendere Giuseppe Conte, leader del M5S.

E’ evidenziato anche dalle scelte che il PD di Enrico Letta ha fatto in controtendenza, accogliendo – al posto dei “contrari” pentastellati – i rappresentanti di Sinistra Italiana e Verdi che non hanno mai votato i dispositivi della famosa “Agenda Draghi”. Quella scelta è la cartina di tornasole della pretestuosità della motivazione con cui si è escluso sin da subito l’accordo.

Quanto a Calenda e Renzi la loro nota boriosità è infinita e, per fortuna, l’elettorato non li ha premiati.