Tutti gli articoli di giuseppe

L’IPOCRISIA NON E’ (PIU’) UNA VIRTU’ …almeno così dovrebbe essere ma…..

nuova-pista-peretola-fb_0

L’IPOCRISIA NON E’ (PIU’) UNA VIRTU’ …almeno così dovrebbe essere ma…..

Se non ve ne foste accorti, la campagna elettorale per le amministrative (a Prato) è già iniziata!
Noi di “Prato in Comune” non possiamo esimerci dal mostrare quelle che sono state (e continuano ad essere) le contraddizioni di un’Amministrazione che si è presentata come se fosse di Sinistra ed invece trope volte si è caratterizzata in modo addirittura peggiorativa rispetto alla precedente, nettamente di Destra. Uno degli aspetti su cui lavoriamo in modo specifico e strutturale in vista del nostro Programma di Governo sarà quello della Partecipazione democratica.

E’ stato da anni uno dei punti dolenti delle “diverse” Amministrazioni che si sono susseguite. Già nell’ultima fase della vita breve delle Circoscrizioni il rapporto tra I cittadini delle periferie e l’Amministrazione comunale ha mostrato i suoi limiti; che non possono essere se non per pochi aspetti addebitabili ad una vacanza legislativa ma alla precisa volontà di mantenere ferme le leve del Potere in modo centralistico.

Anche se a prima vista la questione che ci ha visti protagonisti negli ultimi giorni (mi riferisco al nostro intervento sull’esito del voto espresso in Consiglio Regionale per l’ampliamento della pista dell’Aeroporto di Firenze) sembra non essere collegata allo scarso rispetto della partecipazione democratica, la Consigliera pratese regionale del PD Ilaria Bugetti finisce per offrirci un valido assist in quella direzione.

Dopo il nostro intervento sulla stampa, che abbiamo ammesso essere stato “intempestivo” ed impreciso – anche se ci siamo rapidamente corretti – eravamo pronti a ricevere la replica della deputata regionale piddina, che è prontamente apparsa sul suo profilo Facebook.

La Bugetti ha precisato di non essere stata in Consiglio quel giorno (noi in un primo tempo avevamo avuto informazioni sbagliate dedotte da articoli di stampa altrettanto errati – non abbiamo orecchie ed occhi amiche in quei luoghi) ed ha ricordato di essere stata già nel 2011 contraria alla costruzione della nuova pista aeroportuale (da notare: non “dal” ma “nel”).

Abbiamo riflettuto su questo ed in una nostra ulteriore controreplica sull’ account Facebook di “Prato in Comune” ci siamo chiesti come avrebbe votato laddove fosse stata presente.

Non si è fatta attendere la risposta (in verità non sappiamo se rivolta a noi o ad altri) ma ci fa piacere sapere quel che ha detto alla stampa stamattina (25 novembre 2018).

“Mi sarei astenuta, probabilmente”.
Complimenti!
Dopo aver avuto chiare indicazioni contrarie a quella pista da parte del suo Partito e del Consiglio Comunale all’unanimità i due Consiglieri regionali pratesi votano, uno a favore e l’altra dice che “probabilmente” si sarebbe astenuta! Sinceramente sconfortante il livello espresso da questa classe dirigente locale, che non può essere ulteriormente tollerato.

Joshua Madalon

“SINISTRA, vecchi e nuovi tromboni”

HOMELESS

“SINISTRA, vecchi e nuovi tromboni”

Tra i vecchi tromboni, mummie della Politica, uomo per tante troppe stagioni, inossidabile faccia tosta ondivagante a seconda del tempo e dei venti della politica, c’è quel tale Pier Ferdinando Casini, il cui doppio nome lascerebbe intravedere una certa qual nobiltà mentre il cognome ci ricorda tempi lontani con quei locali chiusi dalla signora Merlin. In una delle ultime sortite televisive in uno dei salotti dove si vorrebbe formare l’opinione pubblica, costui ci ha spiegato perché mai non c’è più Destra e Sinistra e non solo nel nostro Paese.

E’ una delle fissazioni di coloro che desiderano a più non posso che il destino dei diseredati, degli ultimi, dei poveri sia assegnato alla benevolenza dei singoli contravvenendo così al rispetto dei vincoli costituzionali che si occupano della dignità dell’uomo sotto ogni aspetto. Lo desiderano ma non hanno il coraggio di ammetterlo in maniera chiara.

“Sinistra” in sè e per sè significa ben poco: tutti sanno che è semplicemente una collocazione specifica nell’ambito delle assise governative. Ed infatti si potrebbe anche affermare che non si chiami più Sinistra ma che abbia una intitolazione più gradita come potrebbe essere “Aurora”, “Caldo” oppure “Bouquet”.
Ma anche scherzandoci sopra, come ho appena fatto, poco cambia.
Basta andare in giro tra diversi ambienti: ogni settimana per alcune ore mi occupo di donne ed uomini – ed anche di alcuni loro piccoli figli – istruendoli volontariamente alla conoscenza della lingua italiana di base (quel che serve: non più di tanto; non grammatica o sintassi ma lessico fondamentale) ed ascolto e capisco le loro difficoltà. E poi se vai in giro per la città sempre più riesci a vedere donne ed uomini senza fissa dimora trascinarsi i loro averi ed affacciarsi, in attesa dell’unico pasto che la Caritas fornisce, nei cestini dei giardini, ora che con la raccolta porta a porta non ci sono più i cassonetti. Dall’altra parte i supermercati ed i centri commerciali pullulano di acquirenti impazziti, consumatori compulsivi di oggetti inutili che presto o tardi saranno destinati alle discariche e di un surplus di alimenti che ingolfano a dismisura i frigoriferi e le coppe di verdura e di frutta e poi concludono la loro esistenza nelle buste di polietilene per l’organico. In tutto questo divario sociale abbiamo bisogno di interventi strutturali efficaci che da subito siano funzionanti senza essere caritatevoli e meramente assistenziali. Occorre valorizzare la piena dignità dell’uomo attraverso il lavoro, un lavoro “subito” con il corrispettivo reddito non certamente quello che si lascia intravedere attraverso il meccanismo di un reddito di cittadinanza devoluto semplicemente agli incapienti nell’attesa di trovare una collocazione lavorativa. Ed un tetto per tutti, provvisorio per le emergenze ma definitivo in tempi ragionevoli ma comunque rapidi.
E chi si dovrebbe occupare di tutto questo se non la Sinistra? La Destra ha una visione pauperistica basata sulla sopportazione, la tolleranza, il senso cattolico della colpa di non essere poveri. Occorre andare al di là di questi limiti ed avere il coraggio di affrontare le cause delle differenze sociali, prima che sia troppo tardi. Alcune delle ragioni per cui l’intervento del Governo di Destra che ci ritroviamo è messo in discussione a livello europeo stanno proprio nella incapacità di capire che alcuni interventi rischiano fortemente di essere, nel contesto tipicamente antropologico italiano, a fondo perduto. Forse non tutti tutti, ma tanti tanti sì.

Joshua Madalon

918577_20150313_1359

NON SOLO ESISTE, MA VE N’E’ URGENTE BISOGNO (di quella vera, però, eh?)

sinistra-vita-610x350

NON SOLO ESISTE, MA VE N’E’ URGENTE BISOGNO (di quella vera, però, eh?)

Di che cosa parliamo? della Sinistra, intorno alla quale gufi spelacchiati e prefiche cadenti cercano di negarne l’esistenza. Lo fanno anche e soprattutto per paura, ma anche per ignoranza. Il Partito Democratico ed i suoi sostenitori la temono, il Movimento 5 Stelle in generale fa parte dell’altro blocco, quello degli ignoranti.
Poi si sentono ancora certi commenti solonici di vecchie cariatidi indebolite dallo smog che non hanno proprio nulla da insegnarci ma da vere e proprie “chiangimorti” cassandriche stanno lì a tirare i piedi alla Sinistra, annunciandone la morte. In verità, tiè! Per oggi, tiè!

Uocchio, malocchio,frutticielle a ll’uocchio, prutusino e ffenucchio, o formule più moderne quali aglio,fravaglie e ffattura ca nun quaglia cap’ ‘alice e capa d’aglio, cuorno e bicuorno

Ovviamente ho scherzato utilizzando queste formule. Noi che siamo esseri pensanti e siamo in grado di riconoscere la verità dalle falsità non ci lasciamo ingannare.

Joshua Madalon

sinistra

SULLA CATASTROFE PROSSIMA VENTURA (seguendo le vicende del progetto di ampliamento dell’Aeroporto di Firenze Peretola)

sondaggi-politici-640x342

SULLA CATASTROFE PROSSIMA VENTURA (seguendo le vicende del progetto di ampliamento dell’Aeroporto di Firenze Peretola)

Niente di nuovo sotto il sole della Toscana

Un Partito Democratico che non ha mai saputo trovare la popria essenza di Sinistra pur riformista e democratica appare sempre più confuso nell’oscillazione tra la resistenza di una leadership da sempre disponibile per la conservazione del Potere a costruire rapporti con i poteri forti e con le Destre semmai civiche ma non solo e le minoranze – che insieme non costruirebbero una maggioranza – che vanno alla ricerca di un collegamento con la vecchia e stanca base popolare ancor più indebolita dalle ricorrenti crisi economiche e sociali.

Una Destra divisa ancor più ben lontana dalle visioni culturali che negli anni avevano prodotto una certa qual egemonia che le aveva consentito di assumere posizioni di primo piano nella città di Prato, e piegata dalle ubbie e dai capricci della Lega che dietro i successi salviniani pregusta una nuova vittoria.

Un Movimento 5 Stelle inconsistente che non ha radici nella società e che vive per ora di una rendita che sembra sempre più vecchia pur non datata al di là di un quinquennio.

Come scritto in un inciso parlo di Prato.
E mi riferisco in particolare alla vicenda aeroporto. Mi spiego meglio: da qualche anno si dibatte in modo anche isterico e rapsodico del possibile ampliamento dell’aeroporto di Firenze. Un intervento che prevede di costruire una nuova pista parallela al tratto conclusivo della Firenze Mare che consentirebbe a parere dei sostenitori un maggiore e più pesante afflusso di veicoli, rendendo quello scalo di livello internazionale, portando a Firenze ancor più turismo, oltre che incentivando ancor più il commercio. Una visione ultramoderna non c’è che dire! Ma non fa i conti con la realtà, limitandosi alla difesa di una visione catastrofica e distruttiva degli ambienti naturali. Non solo quelli del Parco naturale della Piana che finirebbe per essere inquinato oltre misura ma tutto il resto del territorio della stessa Città metropolitana che per consentire afflussi umani e commerciali sempre più massicci finirebbe per occupare cementificamente molti degli spazi. Ho la sensazione che vi sia una profonda ottusità, una unilateralità di visione da parte dei proprietari dei territori e delle grandi imprese commerciali e turistiche che non consente loro, dietro il baluginio della moneta, di osservare come la città capoluogo sia già troppo stretta nelle diverse e sempre più frequenti occasioni internazionali. Da parte della Politica, Partito Democratico e Destre unite, si dà forza a questa idea nella speranza di poter lucrare consensi plutocratici che permettano di disporre di sostegni sostanziali nelle sempre più costose macchine elettorali. La gran massa di popolo si lascia in parte convincere che potrà trarne benefici per sè ed i propri figli, e forse nipoti, vista anche la certezza che la realizzazione definitiva non sarebbe così vicina nel tempo. Ovviamente molti non riescono ad essere informati correttamente e pienamente, visto che la forza economica di chi si batte perché quest’opera non veda la luce è molto ridotta, per i motivi di cui accennavo prima. D’altra parte il mondo è sempre più piccolo nelle distanze e l’aeroporto di Pisa – che ha spazi naturalmente molto più ampi per crescere – assolverebbe senza produrre gli stessi catastrofici danni al ruolo di scalo internazionale.
Qui di seguito un Comunicato di Prato in Comune (vedi cosa è Prato in Comune seguendo il mio Blog) relativo alla posizione delle varie forze politiche toscane in seguito ad un voto espresso qualche giorno fa.

Joshua Madalon

www.image-size.com
www.image-size.com

42633996_316338749152813_8574620121601933312_n

Prato in comune Vicenda aeroporto

Dopo il si di ieri in regione di Ciolini e l’uscita dall’aula di Bugetti, dovrebbero dimettersi. Se no lo faccia Bosi. Gli unici contrari davvero noi di Prato in Comune qui e in regione. Dagli altri spettacolo indegno

Vicenda aeroporto. Tutta la comunità pratese ha preso ieri dal Consiglio regionale uno schiaffo tremendo. Con la risoluzione votata dall’ aula infatti è stato dato mandato al presidente Rossi di portare il parere favorevole della Regione per la nuova pista da 2400 metri del nuovo aeroporto di Peretola in Conferenza dei servizi. Come cittadine e cittadini di Prato non possiamo non chiedere le dimissioni immediate dei consiglieri regionali pratesi Bugetti e Ciolini (uno a favore, una uscita dall’aula, a differenza dei voti contari espressi dal consigliere pratese del PD nella scorsa legislatura Mattei), in quanto hanno espresso un voto in totale contrasto con la volontà del loro territorio, del Consiglio comunale e dello stesso PD locale. Se non si dimetteranno – non potendo pensare che sia un no falso quello del Sindaco e del Partito Democratico di questa città – un minimo di decenza vorrà che si dimetta il segretario del PD Bosi, per manifesta incapacità di far rispettare ai propri eletti il volere del suo partito, insieme allo stesso Sindaco che pur avendo tanta rappresentatività istituzionale (ANCI) e politica ( con un ruolo di primo piano a livello nazionale) non è stato in grado di svolgere un ruolo positivo come primo cittadino pratese. Infatti il PD ieri (21 novembre) in Regione ha votato compatto per la nuova pista insieme a Forza Italia. A Destra si è svolto invece uno psicodramma con ogni posizione possibile espressa (sono usciti dall’aula al momento del voto) compreso quella solita inconcludente dei 5 Stelle, contrari alla risoluzione ma astenuti sugli atti collegati, alcuni dei quali chiedevano espressamente il si alla nuova pista. Gli unici contrari, il gruppo di SI Toscana a sinistra e la rappresentante di MDP, Serena Spinelli che a questo punto ha votato coerentemente contro le indicazioni del suo Partito. Per l’aggiunta questo atto a nostro avviso non è solo politicamente illegittimo ma anche istituzionalmente barbarico perché dà carta bianca al “socialista” Rossi (quello che disse nel 2015 che se si fosse andati oltre la pista di 2000 metri si sarebbe dinesso) di distruggere il Parco agricolo della Piana, il Polo scientifico di Castello, mandare al macero la programmazione urbanistica dei comuni della piana. Insomma in Conferenza dei servizi potranno fare quello che vogliono pur di portare a casa il risultato, cioè il nuovo aeroporto. Fermiamoli con una mobilitazione di popolo, quel popolo che hanno abbandonato per fare politicamente primariamente gli interessi di qualche potere forte.

PRATO in Comune

download

Ci vuole pazienza, ancora un po’ prima che finisca!

Ci vuole pazienza, ancora un po’ prima che finisca!

Indubbiamente ci vuole pazienza, poi ci vuole una dedizione massima che ci faccia dimenticare i nostri specifici – e perciò “miseri” – interessi ponendo come priorità quello degli altri, che sono altrettanto “personali” ma appartengono a persone più deboli, meno tutelate dalla fortuna e dalle vicissitudini del contesto in cui sono vissute. in questo senso, la pratica politica può somigliare anche a quella religiosa che ha tuttavia un limite, che è quello di affidarsi, consultandola continuamente, ad una entità ignota, invisibile, difficilmente riconoscibile. Ciascuno, però, degli operatori politici, sia aspiranti sia praticanti di medio o lungo corso, vive la sua storia centripeta, senza mai allargare il proprio raggio d’azione oltre gli steccati del territorio che si è costruito intorno.
E’ anche per questi motivi che non si è compreso ancora che, non essendo mai soli, si ha il bisogno urgente di aprirsi anche a coloro che la pensano in maniera diversa: perchè il mondo non è mai stato come ora, un granitico monolita compatto. E si ha un grande bisogno di collegarsi a competenze che non siano solo quelle strettamente imparate nell’agone politico, sterile platea di compromessi mortiferi.

Joahua Madalon

PARTITO DEMOCRATICO E SUOI “FAKE” (a Prato ma non solo)

www.image-size.com
www.image-size.com

PARTITO DEMOCRATICO E SUOI “FAKE” (a Prato ma non solo)

La mistificazione E il trasformismo

Non accadrà solo a Prato, figuriamoci! Ognuno vive la propria fettina di storia ma non ci sarà da qui a minimo un paio di anni la reale diffusa presa di coscienza che, a causa di un livellamento al basso della Cultura tout court (a partire da quella scolastica per andare poi su per tutta la società), che in qualche modo è servita ai più furbi per costruire provvisorie fortune economiche e politiche, occorrerà ricostruire la Sinistra senza più riferirsi direttamente o indirettamente al PD. Non ci sarà nella sua piena consapevolezza: altri insuccessi saranno necessari per comprenderlo. Occorrerà dunque prepararsi e questo impegnerà il tempo di chi già da qualche anno lo aveva previsto.
Purtroppo vi è una parte della società minoritaria che ritiene ancora possibile la rinascita del Partito Democratico così come si è andato formando e trasformando nel corso dell’ultimo decennio. Si è parlato di “mutazione antropologica” ed è un termine complesso che sintetizza il progressivo degrado della società accentuato dalla presenza di una classe dirigente che non ha saputo corrispondere alle esigenze del Paese, arroccandosi in una difesa degli interessi dei pochi contrabbandata e mistificata come scelta per i tanti.
Non basterebbe purtroppo come qualcuno afferma cambiare qualche personaggio e, a dire il vero, non basterebbe neanche modificare in toto la leadership attuale. E’ la proposta politica che è stata attuata e mai fino ad ora rimessa in discussione che deve essere totalmente cambiata.
Invece cosa accade? A Prato, ma ritengo non solo in questa città, si va costruendo un progetto basato sulla mistificazione, per il fatto stesso che si presenta come alternativo al PD ma allo stesso tempo si propone di sostenerlo per fronteggiare il Centrodestra e il Movimento 5 Stelle.
Tale scelta è in generale controproducente prima e dopo, sia prima che dopo la prossima fase elettorale verso cui si guarda prioritariamente. “Prima” perché si tende a non riconoscere, per motivi sostanzialmente legati agli interessi di pochissime persone, che sarebbe necessario andare verso un’alternativa netta e non collaterale; “poi” perchè non si comprenderà la “ratio” di tale scelta e l’elettorato che non vorrà scegliere il PD non sceglierà neanche il fakePD. Così facendo non si contribuirà a quel necessario rinnovamento dei metodi e delle pratiche politiche di cui la Sinistra nel nostro Paese ha bisogno.

Joshua Madalon
pd-bandiera-rossa10

bcf4689920ba3ba98e8c4c61e50c1c78

Cari “cosi” del Movimento 5 Stelle vi rinfresco la memoria

download

Cari “cosi” del Movimento 5 Stelle vi rinfresco la memoria

Cari “cosi” (supporters, sostenitori, militanti, eccetera eccetera…) “pentastellati” (bello questo attributo a patto che tra qualche giorno, mese o anno non abbia valenza dispregiativa: penso ai supporters, sostenitori eccetera eccetera di quello che fu il “Movimento dell’Uomo Qualunque” di Guglielmo Giannini che ha dato la vita al “qualunquismo”) come tante e tanti altre/i italiane/i avete una debolezza nella memoria, anche se non tutte/i siete affette/i da Alzheimer. I vostri leaders e molte/i tra voi non hanno mai avuto la giusta attenzione a non trascendere in offese che potrebbero davvero essere soggette a sanzioni penali. Lo hanno fatto in diretta nei comizi pubblici o nelle aule parlamentari, attraverso I vari blog e i vari social; e continuano tuttora ad utilizzare turpiloqui irripetibili per una persona per bene.
Il recente attacco ai giornalisti è l’evidente grossolana conferma che ci si trova di fronte ad una classe dirigente rozza, volgare e presuntuosa che utilizza due pesi e due misure ben diverse a seconda delle collocazioni. Ad una classe dirigente che a tutta evidenza non sopporta di dover riconoscere la profonda differenza tra opposizione e Governo, tra quando ci si prepara a governare e quando vi tocca governare. Così è…se vi pare. Ora in effetti toccherebbe a quelli come noi (PD e Sinistra) che siamo all’Opposizione fare quello che avete fatto quando c’eravate voi in quel ruolo. Invece la vostra “coerenza” – che non è sempre una virtù, soprattutto quando la qualità delle donne e degli uomini che la incarnano o pretendono di doverlo fare è infima – vi sollecita a proseguire nel turpiloquio e nell’attacco agli organismi dell’informazione che fanno più o meno il loro mestiere (anche tra i giornalisti come tra i politici e non solo ci sono i farabutti e quelli che si trincerano dietro la “libertà di stampa e di opinione”).
Qui di seguito inserisco qualche link e qualche “perla” alla rinfusa giusto per un piccolo assaggio dell’ampio florilegio (!) a disposizione che non finisce di colpire la nostra attenzione.

www.lecodelsud.it/vocabolario-5-stelle-unantologia-insulti-sempre-piu-ricca-ad-sconfitta

https://www.huffingtonpost.it/michele-anzaldi/accordo-con-m5s-ecco-la-lista-degli-insulti-che-abbiamo-ricevuto_a_23380232/

A dire il vero sono stato sollecitato a scrivere dalla faccia tosta di una consigliera del movimento 5 Stelle di Prato che per vantare le magnifiche sorti e progressive del suo Movimento ha postato una frase epica formulata tempo addietro da uno dei massimi Dirigenti che per ora si gode la sua “vacanza” pagata (da noi) all’estero, quel DiBa farneticante che ha accusato i giornalisti di essere delle “puttane” (chi le nomina evidentemente le conosce meglio di altri), semplicemente per aver utilizzato la libertà di opinione della quale in defintiva lui stesso si vanta, allorquando afferma di avere scelto di starsene in disparate per “essere totalmente libero di scrivere e dire ciò che penso”.

Il dotto testo riportato è il seguente:
“Quando decisi di non fare il ministro lo feci per una sola ragione: per essere totalmente libero di scrivere e dire ciò che penso. Questo è un privilegio incredibile, altro che auto blu e assegni di fine mandato. E quando inizi ad assuefarti alla libertà ne vuoi sempre di più, anche se sai che dire ciò che pensi ti farà tanti nemici e a volte ti farà venire il sangue amaro. Ma, allo stesso tempo, ti fa guardare allo specchio”

A questa dotta ed epica affermazione ho detto che si trattava di “Un’altra evidente “contraddizione” del “nuovo che avanza” (nel senso che, per ora “va avanti” ma…poi ci si augura sia residuale, che è l’altro significato del verbo “avanzare”). In fondo è quello che pensano e scrivono gli altri giornalisti…No?” e la consapevolezza che la persona con cui interloquivo sul social era affetta da “analfabetismo funzionale” dovuto all’obnubilamento delle facoltà intellettive, con l’attenuante del riconoscimento pur parziale di tale difetto con la risposta “sinceramente non ho capito una mazza a partire dalla “evidente contraddizione” . Sarebbe ottima cosa che queste signore e questi signori (i “cosi” di cui sopra) avessero studiato meglio la Costituzione e, dopo, la rispettassero punto per punto.

Joshua Madalon

Five Stars movement's leader Beppe Grillo attends a press conference on December 18, 2014 in Rome.  AFP PHOTO / ANDREAS SOLARO        (Photo credit should read ANDREAS SOLARO,ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)
Five Stars movement’s leader Beppe Grillo attends a press conference on December 18, 2014 in Rome. AFP PHOTO / ANDREAS SOLARO (Photo credit should read ANDREAS SOLARO,ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

La visione positiva dei partenopei

61E+w3BwlML._SS500

La visione positiva dei partenopei

Stamattina mentre andavo ad incontrare I miei allievi a San Bartolomeo dove svolgo da volontario attività di alfabetizzazione con adulti provenienti da diverse nazioni del Mondo, passando per via Garibaldi ho lanciato lo sguardo verso le locandine del Politeama e ne ho particolarmente memorizzata una, che riguarda un evento dal titolo “Up and Down” con Paolo Ruffini. Diciamo che non è stata la locandina con la faccia buffa straniante del simpaticissimo conduttore livornese a colpirmi ma il titolo, sul quale ho svolto una immediata riflessione. Mi è venuta infatti alla mente dalle mie origini partenopee, che pure di tragedie e disastri ne avrebbero da raccontare, il modo di esprimere qualsiasi evento drammatico che nasconde tuttavia una visione tutto sommato ottimistica, di evidente speranza. Il titolo si rifà certamente ad una modalità inglese per definire (anche) le alterne vicende umane: gli alti ed i bassi, che mettono in evidenza la possibilità per uno che se la passa bene di andare verso un tracollo. Eppure gli inglesi, diversamente dai tedeschi e dai popoli mitteleuropei (mi riferisco essenzialmente alla letteratura, anche se non a tutta – si pensi solo a Mann ed a Kafka) sono dotati di un humour davvero raffinato ed hanno spesso narrato le fortune di persone che si sono “fatte” partendo dal basso. In questo loro modo di dire mi hanno deluso un pochino; e ci ho messo settanta anni per comprenderlo. Noi, partenopei, forse siamo un po’ troppo ottimisti e non lo nascondiamo nemmeno nelle nostre espressioni. Non diciamo “Sopra e sotto” ma “Sotto e sopra” intendendo dire che diamo un calcio alla iella ed abbiamo sempre la speranza di un tempo migliore. Sì, certo per rifarsi al motto di Gramsci che mutuava da Romain Rolland: “pessimismo della ragione e ottimismo della volontà”, sono ben felice di sentirmi figlio di quel popolo che tra tante traversie dovute anche a dominazioni predatorie, penso ai Borboni ma anche al periodo di Lauro e di Gava, riesce sempre a trovare il modo di sorridere. Ah dimenticavo: noi partenopei diciamo “Sotto e ‘ncoppa”

Joshua Madalon

Napoli_-_La_città_vecchia_risorge

LE DIVISIONI DELLA “SINISTRA”

LE DIVISIONI DELLA “SINISTRA”

Non sono innocente e riconosco che dal punto di vista politico e culturale ho le mie responsabilità in merito ed allo stesso tempo ce le hanno coloro che a me in questo momento sono più vicini. Allo stesso tempo riconosco che non sia possibile dialogare con chi in modo a volte chiaro a volte criptico pensa ad altre strade da percorrere, altre condivisioni, altre collocazioni, altre strategie per il future, quello prossimo e quello a medio e lungo termine. Se la Politica è quella cosa che dovrebbe aiutare a costruire il bene comune e non quello personale o poco poco più allora è abbastanza evidente il disappunto mio e dei miei vicini attuali di fronte a scelte che non ci sono piaciute e nelle quali non vi è stato peraltro (per me la differenza è molto sottile, non mi avrebbe, ciò, fatto cambiare idea) alcun tentativo di un nostro coinvolgimento. C’è un profondo discrimine legato a quel che si presume e che non è del tutto palesato: si opera su “sospetti”, non ci si fida e, dunque, non si coopera. Punto
Se non lo si è compreso, mi riferisco – per esperienza personale – a quel che accade a Prato. La mia presunzione non va oltre.
Ma poichè siamo in un Paese nel quale c’è una maggioranza di Destra, nella quale populismo e sovranismo fanno a cazzotti sulla nostra pelle, occorrerebbe che se ne prendesse piena consapevolezza e si evitassero personalismi da una parte e dall’altra: ma, lo si sa, non mi sembra che ciò stia avvenendo e non se ne intravede all’orizzonte una soluzione in tal senso.
Una maggioranza che non fa velo di voler ricercare un cambiamento nell’impianto democratico del Paese, uno smantellamento dell’insieme dei diritti fondamentali conquistati con lotte mai regalati dal Potere. Gli anni del berlusconismo e poi quelli più recenti del renzismo hanno annunciato questo “cambiamento”; ed è stato evidente come ci si sia indeboliti progressivamente incapaci di reagire e di capire fino in fondo quello che stava accadendo, quello che stava per accadere, quali sono i rischi per il futuro, quello prossimo e quello più lontano ma non tanto da non appartenerci.
Assistiamo al paradosso dei paradossi allorquando troviamo al nostro fianco addirittura Silvio Berlusconi. Ovviamente lo disconosciamo come nostro sodale, ma non possiamo non confermarci nell’idea che il consociativismo del “Nazareno” è stato reale ed ha creato cloni diffuse sui territori.
C’è un attacco alla libertà di stampa per giunta condotto in modo maldestro, dato che il livello culturale di chi lo sferra è infimo. Sentir attaccare la stampa perchè si occuperebbe troppo delle confuse e balzane idee dei rappresentanti del Movimento 5 Stelle fa indubbiamente riflettere su quali potrebbero essere gli interventi che attraverso il Governo si intendono proporre ed approvare. C’è un attacco al Parlamento sempre più esautorato nelle sue funzioni a vantaggio dell’esecutivo e nemmeno nella sua totalità. Ma anche su questi temi poco di nuovo appare, visto quello che abbiamo vissuto nell’ultimo ventennio; grande è la responsabilità di chi ha presieduto le ultime legislature. Noi non possiamo condividerne I passi. Non possiamo confonderci.

DEMOCRAZIA, ipocrisia ed ignoranza

45754823_293984777886844_3069328168256012288_n

DEMOCRAZIA, ipocrisia ed ignoranza

Ieri sono stato attaccato al telefono per seguire le vicende che vedevano coinvolte le tante persone che erano partite anche da Prato per raggiungere Roma per partecipare alla manifestazione contro il Decreto Salvini, contro il razzismo emergente e contro il Disegno di Legge Pillon. Leggevo i commenti che venivano postati su Facebook ed i messaggi che arrivavano via whatsapp corredati entrambi da foto. Provavo lo stesso sdegno che veniva trasmesso attraverso quegli strumenti comunicativi, contemporaneamente riflettevo intorno alle ragioni per le quali tutto ciò accadeva. Molti erano i commenti che presagivano progressive riduzioni della Democrazia, uno Stato illiberale voluto dal nuovo Governo e si attaccava in modo esclusivo l’attuale vice Ministro titolare degli Interni come “mandante” di simili operazioni liberticide. Indubbiamente Salvini non fa molto per rasserenare gli animi ed ha un atteggiamento altezzoso e tracotante che non fa ben sperare per il futuro relativamente ad una pace sociale di cui il nostro Paese da tanto tempo ha urgente bisogno. Quel piglio con il quale rappresenta la sua narrazione lascia credere ciò che non gli appartiene direttamente, di cui però con piacere raccoglie i frutti.
In realtà sono stati applicati forse in maniera estensiva alcuni dettami del Decreto Sicurezza n.14 del 20.02.2017 firmato dal predecessore di Salvini, Marco Minniti. E qui ovviamente occorre fare chiarezza: so che serve a poco dire che “lo avevamo detto” che la stragrande maggioranza delle iniziative legislative dei Governi sedicenti di Centrosinistra erano molto più orientate verso il Centro e la Destra. Non voglio vantarmi di averlo detto ma tanto è: le scelte di questo Governo non hanno molto bisogno di mettere in discussione sul serio quelle precedenti. Basta semplicemente calcare la mano, utilizzando quello che è già indicato.
Inoltre c’è un elemento molto importante da valutare: i partecipanti alla manifestazione di ieri erano essenzialmente liberi cittadini, molti dei quali facenti riferimento ad associazioni ed organizzazioni che non erano state funzionali o collaterali al Governo precedente e quindi non avevano neanche la tutela del maggior Partito pur residuale, e cioè il Partito Democratico, il quale si è ben guardato dall’appoggiare la loro scelta. D’altronde al Partito Democratico nell’ultimo anno della legislatura passata era mancato il coraggio, o i suoi rappresentanti non ne erano così convinti o ritenevano di dover soggiacere a volontà xenofobe ed autenticamente razziste per lucrare sporchi consensi, allorquando non hanno fatto avanzare l’iter di approvazione dello “ius soli”.
L’ipocrisia che è una forma endemica di malattia politica ha prodotto, oltre che una visione parziale dell’attuale situazione (si attacca Salvini ed il Governo ma non si riconoscono gli errori commessi), anche una sorta di via libera sotterranea per iniziative parapolitiche (il termine non è negativo in sè e per sè, ma è negativo ciò che si vuol far credere alla gente che possiede valori alti e che finisce per essere strumentalizzata) in cui una parte della Poltica si traveste da “società civile” ed organizza eventi “paralleli” ad uso poco più che personale.
Con questi presupposti, aggiunti a quelli che da tempo vado rilevando e che appartengono comunemente ad una parte considerevole delle persone che avvertono l’impossibilità di un dialogo “politico” con il Partito Democratico, non è per niente ricevibile alcun invito all’unità, come i “messaggi di pace” molto anonimi e impersonali che vengono distribuiti qua e là, accompagnati da ricatti morali poco credibili e davvero penosi.

Joshua Madalon

45539910_1749541921823069_1944895448011505664_n