Archivi categoria: Ambiente

RITORNO A POZZUOLI estate 2018 parte 1 e 2

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,171,50,0,0,100,0,1971,1968,2177,21353
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,171,50,0,0,100,0,1971,1968,2177,21353

Il 13 agosto scorso ho pubblicato questa prima parte di un “iter narrativo”, chiamato AGOSTO flegreo 2018, abbandonato dopo che ho avviato un nuovo “iter” con lo stesso titolo. Ne ripropongo il testo modificando il titolo e facendolo seguire dalla seconda parte.

Non più quindi “AGOSTO Flegreo 2018” ma

“Ritorno a Pozzuoli”

“No, la signora a fianco non c’è. E non c’è neanche il cane!” è stato  più o meno il primo messaggio, forse preceduto da un cenno di saluto forse no non ricordo, la prima forma comunicativa complessa che l’amico del piano di sopra ci ha riservato non appena ci siamo incontrati “da vicino”. In realtà “da lontano” ci avevano sonoramente salutati dall’alto del terzo piano, non appena abbiamo messo piede nel cortile, scendendo,  affaticati dal viaggio, dopo sei ore di traffico agostano intenso ma non tanto quanto si temeva. Quel primo saluto era inatteso, perché di solito gli occhi vigili si nascondono dietro le tapparelle ma non si palesano: forse siamo arrivati proprio dietro l’ora di pranzo e nel corso dello scotimento della tovaglia da tavolo per la goduria di qualche piccione residuo, dopo che i gabbiani li hanno spodestati, e le maledizioni dei condomini sottostanti.

Poi abbiamo avuto il nostro daffare per svuotare l’auto che stavolta non era così ingolfata ma non meno faticoso è stato il trasbordo fatto velocemente anche per evitare il timore del tutto assurdo di qualche lestofante convinto di aiutarci nel trafugare qualche pacchetto e reale di qualche bestiola, tipo gattini vari incuriositi ed attratti dalla loro atavica fame, che si intrufolava nel passaggio tra una consegna e l’altra;  era infatti accaduto in un’altra occasione che tra una corsa e l’altra in tre di loro si erano fiondati dentro, forse attratti dal profumo di cibi . Occorreva  puntare a record sempre più improponibili con l’avanzare dell’età. Ma con quel caldo ed a quell’ora i pericolosi lestofanti presunti erano al mare ed i gatti sonnecchiavano all’ombra  tra le siepi di due ampie aiuole e sotto altre due auto che sostavano in quel piazzale, cercando di digerire quel poco che mani pietose avevano loro preparato.

Dopo aver sbagagliato dovevamo sistemare il tutto, ma di tempo ce ne avevamo e la stanchezza superava l’appetito che pure non era stato soddisfatto nel corso del viaggio. Per cui decidemmo di “saltare” ambedue le incombenze e ristorati da una doccia fredda, visto che non avevamo neanche riattivato la caldaia ci siamo adagiati direttamente sul copriletto. Abbiamo lasciato tutto nel pieno disordine. Poco più di un’ora di riposo in un ambiente straordinariamente fresco a dispetto delle temperature esterne e senza ausili tecnologici è bastata. Questo, grazie anche al silenzio che non ti aspetti, visto che siamo in  realtà tradizionalmente chiassose; ma, e già, saranno tutti al mare oggi che è un lunedì, il 6 di agosto 2018.

“Scusate il disordine! Abbiamo deciso di lasciar tutto in giro ma in cucina è tutto libero. Venite qui!” gli amici del piano di sopra erano impazienti di rivederci da vicino e “blin blon” avevano suonato alla porta. E non avevamo dubbi che fossero loro quando abbiamo sentito quel suono.  In realtà non vorrei dare la sensazione che fossero  indesiderati;  ben altro: è sempre stato ed è un piacere dialogare con loro.

E, poi  “La signora a fianco a noi, quella che di notte ossessiona i vostri sonni con tacchi e rumori vari non c’è. E’ in vacanza. E non c’è neanche il cane! C’è la figlia”.

…parte 1…continua

 

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,173,49,0,0,100,0,1970,1968,2177,103239
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,173,49,0,0,100,0,1970,1968,2177,103239

parte 2

Sono circa due mesi che non torniamo alla casa materna di Marietta  e quindi ce ne sarebbe da raccontare ma i temi sono sempre gli stessi e ormai non sorprendono più.

La novità è però quella annunciata sin dal primo abbraccio. Per il resto si parla di prodotti a chilometro zero, che sono la passione del nostro amico ed il tormento della sua signora; altri temi sono la salute, che quando gli anni superano gli “enta” e cavalcano gli “anta” di qualche decina comincia ad essere ricorrente, e gli amarcord collegati ad eventi particolarmente toccanti come le esperienze professionali e le feste. Non manca nell’occasione il riferimento a problemi familiari e all’organizzazione delle vacanze, che da lì a poco cominceranno. Ognuno spara le sue batterie senza risparmio. Un conforto comune è dato da quell’annuncio iniziale. Nessuno ha mai dimenticato i guaiti del cane, abbandonato nella notte dell’ultimo dell’anno in casa. Qui poi a Pozzuoli come in tutta la “bassa” è tradizione utilizzare già dal tardo pomeriggio di San Silvestro botti e fuochi rumorosi e gli animali sono atterriti da questi e lo dimostrano con l’unico modo che hanno a disposizione con grande gaudio del vicinato. La protesta tra l’altro poi continua fino al mattino, quando le pie donne decidono di ritirarsi alla loro sede.

Il vicinato lamenta molto altro, anche perché la nostra presenza si limita a giorni di festa o poco più: una settimana ogni tanto per mantenere inalterato il rapporto con la nostra terra di origine. Certo, chi abita qui stabilmente ha da sopportare ben altro, compresa la costanza dei cattivi comportamenti dei vicini di casa. E il povero cane è bersaglio perenne per il fatto che festeggia con il solo modo con il quale sa farlo quando sente arrivare l’ascensore: e questo accade soprattutto durante le ore tarde o della notte fonda quando le simpatiche padrone si ritirano dalle loro frequentazioni.

Forse anche perché a noi è toccato anche subire altri rumori, tecnologici o meno, l’abbaiare di un canino peraltro molto docile ed estremamente simpatico (lo dice uno, come me, che non ama i cani e parteggia per i loro avversari, i gatti) non dà alcun fastidio.

J.M

 

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,165,56,1,0,100,0,1975,1968,2177,66718
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,165,56,1,0,100,0,1975,1968,2177,66718

.

AGOSTO FLEGREO 2018 – 3

AGOSTO FLEGREO 2018 – 3

2487,0,1,0,349,256,376,1,0,113,49,0,0,100,0,1974,1968,2177,601670
2487,0,1,0,349,256,376,1,0,113,49,0,0,100,0,1974,1968,2177,601670

 

 

2487,0,1,0,372,256,312,2,2,138,53,0,0,100,42,2126,2116,2227,713024
2487,0,1,0,372,256,312,2,2,138,53,0,0,100,42,2126,2116,2227,713024

 

2487,0,1,0,381,256,302,2,2,136,49,0,0,100,102,2308,2282,2348,388966
2487,0,1,0,381,256,302,2,2,136,49,0,0,100,102,2308,2282,2348,388966

 

2487,0,1,0,374,256,311,2,2,130,50,0,0,100,30,2078,2070,2249,403904
2487,0,1,0,374,256,311,2,2,130,50,0,0,100,30,2078,2070,2249,403904

3.

In conclusione alla seconda parte di queste mie riflessioni “a ruota libera” scrivevo

“Il problema vero è che questa città opera come una Penelope, che di giorno fila la tela e di notte ne smonta le trame. In più e diversamente dalla donna di Ulisse a Pozzuoli quel che si fa o di giorno o di notte si disfa negli stessi periodi indistintamente e progressivamente, con il risultato che quel che poteva essere un abbellimento  finisce per diventare più brutto e tremendo di quel che c’era prima”.

Mi riferivo ad una serie di interventi  sul territorio che dimostrano da una parte la volontà di valorizzare ciò che si possiede sia dal punto di vista storico sia da quello paesaggistico che pure è uno degli aspetti che afferisce alla “Storia”.

Nel corso degli anni sono stati molteplici e significativi, ma hanno avuto vita breve, finendo spesso in modo inglorioso nel dimenticatoio. A mio parere, manca la progettazione dietro ogni intervento. C’è un’approssimazione colpevole che scoraggia i volenterosi; a parte il fatto che anche tra questi ultimi prevale l’indolenza e lo scoramento mentre è latente l’indignazione, spesso sostituita da rabbia inespressa che sfocia poi nel disinteresse totale. Manca l’aspetto pedagogico educativo e l’idea di difendere il proprio territorio dai facinorosi barbari locali.

“Dovunque il guardo giro…” poetava il poliedrico Pietro Metastasio nella sua “Passione” del 1736; anch’io volgo lo sguardo ma non vedo Dio: o almeno laicamente spero non sia volontà di Dio questo immenso disordine, anche se i panteisti che non mancano mai mi confermerebbero il contrario. Accade che è sconfortante il degrado, pur in contemporanea presenza di eccezioni positive. Non sono un turista, da queste parti, sono un cittadino in temporaneo ritorno; in fondo da quando sono in pensione lo sono anche quando faccio ritorno a Prato. In effetti sono un contribuente anche qui a Pozzuoli. I turisti si lasciano incantare dai paesaggi mozzafiato, dalla gentilezza interessata dei mercanti che, in definitiva, li coccolano, anche se i cialtroni riconoscibili non mancano di certo anche qui. Chi questa terra l’ha calcata con piedi infanti, adolescenti e giovani ed ha cercato anche di produrre cultura non ha solo occhi incantati.

Facendo ritorno dalla processione del 15 agosto Mary ed io siamo passati in via Camillo Benso di Cavour che costeggia il Rione Terra. Arrivati in vista del tunnel di via Tranvai (ci passava il tram fino al secondo dopoguerra) c’è una Piazza “vivibile” con panchine ed uno spazio che dovrebbe essere verde e corredato da fontane e giochi d’acqua. In verità avrei dovuto scrivere “c’era” perché tre anni fa, forse poco dopo la sua inaugurazione,  ebbi modo a famiglia completa di sostare compiaciuto per l’opera realizzata. In questo agosto lo spettacolo è stato desolante.  Tutto il luogo sporco ed abbandonato, sbiadite del tutto stile nebbia milanese le tabelle illustrative che riportavano in modo correttamente storico le caratteristiche del luogo e delle vicende che vi si erano nel corso del tempo svolte.

La mia notazione vorrebbe essere uno stimolo ad un maggior rispetto del bene pubblico, nella consapevolezza che in questo Paese esistono anche luoghi nei quali la “bellezza” è tenuta in grande considerazione e luoghi dove alberga il disordine mentale.

Tocca soprattutto ai governanti costruire eventi che abbiano una loro progettazione a lunghissimo termine. Nel caso esposto (ma non dubitino i puteolani, sottolineerò accanto alle cose buone della nostra terra quelle meno buone di altre città, come ad esempio Prato). Non c’è stata ed attendo smentite alcun tipo di progettazione e temo che questo sia il metodo, con buona pace dei fondi, siano essi europei o meno, che sono stati investiti.

 

Le foto le riporto a commento; le prime sono riferite per l’appunto a tre anni orsono.

Le seconde sono quelle attuali; addirittura c’è stato un peggioramento “in corso d’opera” che evidenzierò in una foto subito dopo la mia sigla.

39982749_1995498850472283_7760894088693415936_n

 

39937525_247290102596880_2756597280013287424_n39927895_1852766478104769_8653394962886426624_n 39975739_296789757568967_6355783756711723008_n40044365_638924359841034_4353155117789216768_n (1)

 

 

Joshua Madalon

 

c’è una nuova mano sulle tabelle “illustrative”!

 

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,120,57,1,0,100,0,1972,1968,2177,409439
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,120,57,1,0,100,0,1972,1968,2177,409439

AGOSTO FLEGREO 2018 – 2

39310509_514976075593061_7043298202782531584_n

AGOSTO FLEGREO 2018 – 2

 

E ce ne stavamo seduti su queste assi, mentre di fronte a noi su un banco colmo di oggetti indistinti e non particolarmente invitanti alcune donne svolgevano il ruolo di organizzatrici di una “Pesca di beneficenza” certamente allo scopo di coprire parte delle spese dei vari eventi previsti. Erano molto indaffarate e questo deponeva a favore del successo della loro iniziativa. Avevo intravisto tra loro un volto familiare di tempi molto lontani: una signora  che all’apparenza evidenziava il suo essere a capo del gruppo; tutte le altre signore infatti si riferivano a lei ed anche i ricavi affluivano sotto il suo diretto controllo. Dai miei ricordi ad oggi sembrava  non essere trascorso molto tempo: segno che l’età oggettiva non aveva prodotto cambiamenti nella fisionomia.

“Ciao. Ti ricordi di me?” rivolgendomi a lei ho allungato la mano, dopo essermi alzato ed essere andato sul davanti del banco. “Certamente! Come stai? Abiti al Nord?” “Sì, a Prato ma di tano in tanto ora che sono in pensione ritorno qui” e “Allora? Hai trovato la nostra città migliorata?” Di fronte a questo tipo di domanda mi sento disorientato e rispondo vagamente, genericamente con un “Sìììì…” strascicato seguito da un “Insomma!”. Per fortuna, a salvarmi da questo imbarazzante quesito si è affacciato un altro volto per me noto, avendolo già incontrato in altre mie occasionali puntate flegree.  Me lo presenta come suo marito ed a quel punto mi sovviene che avrei dovuto ricordarmene ma mi mancavano i punti di riferimento: per me erano tutte facce note ma difficilmente accostabili per parentele ed affini. “Sì, ci siamo già incontrati al Circolo; a proposito come stanno i miei amici di infanzia e di gioventù?”   mi riferisco a due fratelli che vivevano nella mia prima abitazione in via Campana 25, quella in cui sono arrivato dopo essere nato a Napoli e ad un grande artista dal volto di pescatore, un po’ stanco ed invecchiato già qualche anno fa, a cui risale l’ultima volta che l’ho incontrato. “Sì, qualche volta lui (l’artista) viene giù ma il maggior tempo ormai lo dedica alla sua famiglia”.

Le campane suonano e gli altoparlanti lanciano a tutto volume i salmi a significare che a secondi uscirà la processione. Ed infatti i fedeli sciamano già per collocarsi in posizione utile ad essere in prima fila sia ai lati che alle spalle della statua. Lascio il dialogo e recupero Mary che intanto aveva trovato degli amici che le ricordavano gli anni dell’Alto Veneto. Li salutammo e “Mi ha chiesto se avessi trovato dei miglioramenti nella città…!” e Mary “E tu? Le potevi chiedere in che senso!”.   “Ma in che senso vuoi che te lo chiedano? A me sembra semplicemente un modo come l’altro per non dire niente. Vale un “come va? Stai bene?” così giusto per dire qualcosa di inutile ad una persona che non vedi da decenni”.

Il problema vero è che questa città opera come una Penelope, che di giorno fila la tela e di notte ne smonta le trame. In più e diversamente dalla donna di Ulisse a Pozzuoli quel che si fa o di giorno o di notte si disfa negli stessi periodi indistintamente e progressivamente, con il risultato che quel che poteva essere un abbellimento  finisce per diventare più brutto e tremendo di quel che c’era prima.

 

J.M.

 

 

39409436_274552223272199_879738211369222144_n

AGOSTO flegreo

 

39284489_233660517345804_5002081206850813952_n

 

AGOSTO flegreo

Intorno alla metà di agosto di solito avviene un cambiamento del clima: “di solito” significa anche “non sempre”. Ma quest’anno la tradizione si è confermata e già un giorno prima del Ferragosto c’è stata un’intera giornata con temporali, fulmini e tuoni possenti con acqua che veniva giù dritta e copiosa. Indubbiamente non è dappertutto così, ma qui nell’area flegrea la ricorrenza della festività della Madonna Assunta che è tradizione consolidata è stata – quest’anno – colpita non solo dalla immane tragedia genovese ma anche dall’inclemenza naturale del clima nelle ore precedenti allo svolgersi delle funzioni laiche (il tradizionale “Palo a sapone”) e religiose (la Processione della Madonna).

Don Antonio ci aveva accolti qualche giorno prima, descrivendo con il giusto orgoglio come si sarebbe svolta la funzione e la processione; ma non aveva potuto tener conto degli eventi futuri. Aveva accennato ad una Messa all’aperto nello spazio ben più ampio antistante la piccola chiesa sul lieve declivio del “Valione”  ma poi il 14 agosto per l’intera giornata e nottata dello stesso 15 si era scatenato Giove pluvio e non era stato possibile né consigliabile allestire il palchetto esterno, per cui tutta la funzione religiosa  era stata ricondotta all’interno, come peraltro era avvenuto negli anni passati. Nel pomeriggio invece la popolare competizione del  “Palo a sapone” era stata rinviata in segno di rispetto per il lutto nazionale per il quale anche le navi da diporto che solitamente usano lanciare il proprio saluto sonoro in omaggio alla Madonna erano state tristemente  silenti.

Mary ed io ci eravamo confusi tra la folla del popolo e le autorità che seguivano in modo distratto dall’esterno lo svolgimento della funzione religiosa. Solo una minima parte riusciva a lanciare lo sguardo all’interno.  Dopo un po’ abbiamo cercato un posto dove sederci e lo abbiamo trovato sotto il portico del Laboratorio dei Vallozzi, Maestri d’ascia di grande valore storico e culturale, che purtroppo hanno dovuto chiudere per stanchezza e consunzione fisica (uno dei due fratelli è venuto meno e l’altro non se la sente più di continuare in assenza di discepoli: è la storia che si ripete purtroppo in relazione ad attività artigianali specifiche e speciali). La loro era un’impresa portata avanti con genialità, della quale ha parlato Dario Antonioli in un film documentario  di qualche anno fa, “Una città in barca” che purtroppo non ho ancora visto. Me ne aveva accennato in un sopralluogo per una location di tipo teatrale un amico di gioventù, Enzo D’Oriano, che è stato l’ideatore di quel film. Sulla porta chiusa c’è una formula “però a comm’stann’ca capa” a segnalare che quell’attività è collegata non tanto alle necessità economiche ma alla libera espressione dell’ingegno umano.

Mary ed io ci siamo però ricordati che qualche mese prima eravamo passati di là e ci eravamo affacciati per curiosare ed avevamo  interloquito con un signore anziano che ci aveva accolti in modo cortese e gentile. L’ambiente presentava già i segni dell’abbandono anche se vigeva un certo ordine. Di tanto in tanto spuntava da qualche segreto nascondiglio qualche gatto impaurito da presenze estranee. In ambienti marinari è consuetudine avere comunità feline per difendersi dai roditori; in cambio ricevono doni ittici, siano residui interi o parziali di un possibile pescato. Non ci trattenemmo molto, però; ed ora che seduti su una delle basi per la costruzione delle barche attendevamo l’uscita della statua della Madonna Assunta  davanti alla porta chiusa ce ne rammaricavamo.

J.M.

 

 

NAPOLI è……

 

 

 

 

 

 

34849788_10213473231837636_9055246615794679808_n

 

34849001_10213473231797635_8941276244096319488_n34817659_10213473226317498_1308328127344148480_n35051648_10213473233997690_3639854345203220480_n37153869_244923196349002_730472751915073536_n39332622_235300343846260_2808258460909568000_n

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,181,49,0,0,100,0,1969,1968,2177,270554
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,181,49,0,0,100,0,1969,1968,2177,270554
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,168,56,0,0,100,60,2190,2185,2216,1194579
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,168,56,0,0,100,60,2190,2185,2216,1194579
2487,0,1,0,360,256,443,5,0,74,53,0,0,100,0,1975,1968,2177,955424
2487,0,1,0,360,256,443,5,0,74,53,0,0,100,0,1975,1968,2177,955424

39310509_514976075593061_7043298202782531584_n37145884_2114550861908964_8375170855512047616_n

 

 

NAPOLI E’ TANTO, UNA CITTA’ RICCHISSIMA DI STORIA, DI CULTURA NEL SENSO PIU’ AMPIO DEL TERMINE

LE IMMAGINI SONO RIFERITE AL COMPLESSO DI SAN GIOVANNI IN CARBONARA, A QUELLO DI SANTA MARIA LA NOVA ED A PANORAMI FLEGREI

NON MANCA L’OMAGGIO A PULCINELLA ED A PINO DANIELE

 

J.M.

reloaded 19 e 20 aprile 2018 da giovane: la sensibilità ambientalista, storica e culturale – settima parte – 1 e 2

2487,0,1,0,344,256,384,2,2,151,55,1,0,100,0,1974,1968,2177,554941
2487,0,1,0,344,256,384,2,2,151,55,1,0,100,0,1974,1968,2177,554941
2487,0,1,0,356,256,367,2,2,135,52,0,0,100,0,1969,1968,2177,235118
2487,0,1,0,356,256,367,2,2,135,52,0,0,100,0,1969,1968,2177,235118
2487,0,1,0,354,256,360,2,2,185,52,0,0,100,0,1969,1968,2177,2568134
2487,0,1,0,354,256,360,2,2,185,52,0,0,100,0,1969,1968,2177,2568134

Lo scorso 19 e 20 aprile avevo pubblicato queste parti 1 e 2 del blocco 7 dedicato alle mie esperienze giovanili. Oggi, 14 agosto le ripropongo e darò loro un seguito da domani.

 

Grazie per la vostra attenzione

 

Joshua Madalon

 

 

19 e 20 aprile —-  da giovane: la sensibilità ambientalista, storica e culturale – settima parte – 1

Alla fine degli anni Sessanta la mia formazione culturale era stata legata ad una profonda libertà; mi scrollavo di dosso ciò che mi veniva imposto dagli altri e cominciavo a rendermi conto di quale sarebbe stato il mio “tempo”. Amavo il mio territorio senza retoriche scioviniste. Lo scrutavo, analizzando i comportamenti umani che lo deturpavano, incoraggiati da un Potere corrotto come da eterno copione.
Nei post precedenti ho ripercorso alcuni aspetti della mia formazione, solo pochi e solo epidermicamente. Ho cercato di utilizzare l’ironia, quando mi sembrava utile, ma non sempre riuscendoci a pieno. Nella vita capita a ciascuno di noi di avere occasioni varie che ci sospingono. A volte è necessario il coraggio, altre volte invece è una vera e propria Fortuna che ti accoglie tra le braccia. Mi è stato consentito di nascere e di vivere in un posto ed in un tempo nel quale la Storia ci consentiva di ricordare un Anniversario straordinario tondo tondo: 2500 anni, un doppio millennio e mezzo; questo è quel che avveniva nel 1972 a Pozzuoli, l’antica Dicearchia greca, poi Puteoli al tempo dei Romani. E sono stato davvero fortunato perché quella città dal 1953 fu scelta da Adriano Olivetti per insediarvici una delle sue fabbriche (per capirci quella di “Donnarumma all’assalto” di Ottiero Ottieri, romanzo del 1959). Il luogo dove essa fu costruita è una delle straordinarie terrazze panoramiche sul golfo di Pozzuoli. La fabbrica costituiva per l’organizzazione una grande scommessa per il mondo del lavoro del nostro Paese: purtroppo diventerà un caso da manuale e poco più.
Grazie alle mie “amicizie” di cui ho accennato in altri post “da giovane” fui inserito in un contesto celebrativo dei 2500 anni di Dicearchia. Il Comune ed altri enti di cui oggi poco ricordo sponsorizzati da Olivetti avviarono sin dall’autunno del 1970 la progettazione e mi chiesero di produrre un libretto da diffondere nelle scuole, quelle medie inferiori e le ultime due della primaria. Partecipai ad una serie di incontri del Comitato organizzatore come giovane studente che aveva mostrato attenzione verso i problemi ecologici, che dalle nostre parti erano già acuti, abbinati ad una conoscenza dei territori storici e geologici. Nei prossimi post mi dedicherò alla riproposizione di quei temi così come riportati nel testo del libretto.
da giovane: la sensibilità ambientalista, storica e culturale – settima parte – 2

Gabbiani o viandanti medievali pellegrini alla ricerca del loro destino, avrei voluto essere! I secondi alla fin fine mi assomigliavano di più perché non potevo volare se non che con la fantasia ed in anticipo sui tempi mi inventai il “drone”.

D’altronde non possiamo sceglierci il luogo né la famiglia; ma l’uno e l’altra sono due delle mie grandi fortune. Solo la fine della nostra esistenza ci renderà piatti ed un luogo varrà l’altro così come una famiglia.
Nascere e “vivere” nei Campi Flegrei è stato ed è straordinario. Non esiste un luogo nel quale la leggenda, il Mito e la Storia si sono intrecciate in modo così continuativo ed intenso. Le abbiamo respirate tutte quelle vicende e le portiamo dentro di noi. Non c’è altro luogo che possa contenere tutta la “bellezza” che qui trasuda dalle zolle sulfuree e dalle onde che emanano profumo di salsedine ineguagliabile nella sua composizione vulcanica. Viviamo tra e dentro i vulcani e la nostra terra ribolle come il nostro sangue sempre caldo.

Joshua Madalon

RITORNO A POZZUOLI estate 2018

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,143,51,0,0,100,0,1972,1968,2177,148527
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,143,51,0,0,100,0,1972,1968,2177,148527
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,188,47,0,0,100,96,2286,2281,2337,195320
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,188,47,0,0,100,96,2286,2281,2337,195320
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,198,54,1,0,100,0,1975,1968,2177,225547
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,198,54,1,0,100,0,1975,1968,2177,225547

RITORNO A POZZUOLI estate  2018

“No, la signora a fianco non c’è. E non c’è neanche il cane!” è stato  più o meno il primo messaggio, forse preceduto da un cenno di saluto forse no non ricordo, la prima forma comunicativa complessa che l’amico del piano di sopra ci ha riservato non appena ci siamo incontrati “da vicino”. In realtà “da lontano” ci avevano sonoramente salutati dall’alto del terzo piano, non appena abbiamo messo piede nel cortile, scendendo,  affaticati dal viaggio, dopo sei ore di traffico agostano intenso ma non tanto quanto si temeva. Quel primo saluto era inatteso, perché di solito gli occhi vigili si nascondono dietro le tapparelle ma non si palesano: forse siamo arrivati proprio dietro l’ora di pranzo e nel corso dello scotimento della tovaglia da tavolo per la goduria di qualche piccione residuo, dopo che i gabbiani li hanno spodestati, e le maledizioni dei condomini sottostanti.

Poi abbiamo avuto il nostro daffare per svuotare l’auto che stavolta non era così ingolfata ma non meno faticoso è stato il trasbordo fatto velocemente anche per evitare il timore del tutto assurdo di qualche lestofante convinto di aiutarci nel trafugare qualche pacchetto e reale di qualche bestiola, tipo gattini vari incuriositi ed attratti dalla loro atavica fame, che si intrufolava nel passaggio tra una consegna e l’altra;  era infatti accaduto in un’altra occasione che tra una corsa e l’altra in tre di loro si erano fiondati dentro, forse attratti dal profumo di cibi . Occorreva  puntare a record sempre più improponibili con l’avanzare dell’età. Ma con quel caldo ed a quell’ora i pericolosi lestofanti presunti erano al mare ed i gatti sonnecchiavano all’ombra  tra le siepi di due ampie aiuole e sotto altre due auto che sostavano in quel piazzale, cercando di digerire quel poco che mani pietose avevano loro preparato.

Dopo aver sbagagliato dovevamo sistemare il tutto, ma di tempo ce ne avevamo e la stanchezza superava l’appetito che pure non era stato soddisfatto nel corso del viaggio. Per cui decidemmo di “saltare” ambedue le incombenze e ristorati da una doccia fredda, visto che non avevamo neanche riattivato la caldaia ci siamo adagiati direttamente sul copriletto. Abbiamo lasciato tutto nel pieno disordine. Poco più di un’ora di riposo in un ambiente straordinariamente fresco a dispetto delle temperature esterne e senza ausili tecnologici è bastata. Questo, grazie anche al silenzio che non ti aspetti, visto che siamo in  realtà tradizionalmente chiassose; ma, e già, saranno tutti al mare oggi che è un lunedì, il 6 di agosto 2018.

“Scusate il disordine! Abbiamo deciso di lasciar tutto in giro ma in cucina è tutto libero. Venite qui!” gli amici del piano di sopra erano impazienti di rivederci da vicino e “blin blon” avevano suonato alla porta. E non avevamo dubbi che fossero loro quando abbiamo sentito quel suono.  In realtà non vorrei dare la sensazione che fossero  indesiderati;  ben altro: è sempre stato ed è un piacere dialogare con loro.

E, poi  “La signora a fianco a noi, quella che di notte ossessiona i vostri sonni con tacchi e rumori vari non c’è. E’ in vacanza. E non c’è neanche il cane! C’è la figlia”.

…parte 1…continua

 

Joshua Madalon

36632265_10213640685103863_7931923272717828096_n-729x576

PASSEGGIATE FLEGREE giugno 2018 – parte 7

 

 

 

fermata-cumana-cappuccini

 

PASSEGGIATE FLEGREE giugno 2018 – parte 7

 

Tornare a casa dalla zona Mercato-Porto di Pozzuoli a quella collinare della Solfatara significava dover salire di quattrocento metri  e qualche centimetro ad una distanza di  poco più di cinquecento metri.  Avevamo rinunciato a prendere in considerazione i mezzi “pubblici” del tutto inaffidabili; peraltro in un impeto di fiducia avevamo anche acquistato i titoli di viaggio, incuranti in quel momento di poter essere sbeffeggiati dai compagni di avventura che ci avrebbero degnati di commiserazione osservando il nostro tentativo di obliterarli in macchinette quasi sempre in tilt.

“Saglite, saglite, signo’” aveva detto il conducente del bus a Marietta, quando in uno dei suoi viaggi di ritorno nella sua terra aveva mostrato  che non aveva i biglietti e “Cosa ha detto il signore?” le aveva controbattuto l’amica Angela, incredula, avendo ben compreso l’invito alla trasgressione civile. Ed allo stesso modo insieme alla delegazione di un’Amministrazione in visita al territorio gemellato avevo fatto io sulla linea della Cumana nel tratto “Terme puteolane – Bagnoli”. Ricordi di annata, ormai. Oggi, maturi ultrasessantenni, ci apprestavamo a pagare il fio delle birbonate, scegliendo di far ritorno a piedi, con una differenza sostanziale nella forza fisica e nella sopportazione di una umidità elevata.

La più agevole tra le salite ci sembrò quella dei Cappuccini e così ci avviammo, scegliendo tra l’altro di percorrere un tunnel  che attraversa la collina della Terra murata. Fino a più di settanta anni fa (io non l’ho mai visto in funzione) c’era la linea del tram che arrivava da Napoli lungo la litoranea.

Il percorso ci consentiva di ridurre il cammino e di avere una discreta ombra, anche se mista a qualche scarico di motorette rombanti.

Passammo a fianco della vecchia struttura del Cinema Mediterraneo, chiuso ormai da trenta anni, del quale però si vedeva ancora l’Uscita di Sicurezza e poi cominciammo lentamente a salire sulle comode larghe scale.

Attraversata la sede ferroviaria della Cumana cominciò la nostra ascesa e  “Village of Hope & Justice Ministry (onlus)” vedemmo scritto al termine della prima rampa.   Curioso ma il caldo, l’ora e il desiderio di “elevarci” prima possibile ci sconsigliò l’approfondimento.  Anche perché, girato l’angolo, fummo attratti da voci giovanili e da uno strano lampione sotto il quale c’era  una scritta amena ma molto attraente, “Lux in Fabula”, accompagnata dall’immagine della “lampada di Aladino”, così come trasmessa dalla nostra infanzia di visionari. Sarà stata pure la stanchezza ma quei due curiosi che siamo rimasti si spinsero a chiedere qualche informazione in più. I ragazzi furono molto contenti di accontentare il nostro desiderio di sapere. “Claudio, ci sono questi due signori che vogliono sapere di cosa ci occupiamo” uno dei giovani si era rivolto a qualcuno che era dentro, in uno spazio apparentemente angusto e colmo di oggetti e libri. Marietta ed io con il peso delle nostre “provviste”  e la leggerezza  della curiosità avevamo allungato il collo per capire chi fosse Claudio, mentre il parlottare dei giovani si era acquietato, forse anche in attesa di sapere chi fossimo noi, così curiosi ed interessati sia alla sosta in un ambiente più fresco sia alla possibile nuova scoperta di mondi a noi ignoti.

 

…fine parte 8….continua

 

Joshua Madalon

 

images (1)

PASSEGGIATE FLEGREE Giugno 2018 – parte 6

Coroglio_al_crepuscolo

PASSEGGIATE FLEGREE Giugno 2018 – parte 6

La città di Pozzuoli è adagiata in una conca vulcanica che parte dalla periferia di Bagnoli, frazione nota nell’antichità come luogo di turismo termale (da “balneis”) e poi dall’inizio del Novecento sede di attività industriali (c’era l’ILVA fino agli anni ’90 di quel secolo), per poi comprendere, dopo l’insediamento cittadino, la frazione di Arco Felice – Lucrino, Baia, luogo anch’esso che rimanda alla cultura romana e Bacoli, fino al capo Miseno. La città si è strutturata nei secoli e soprattutto nell’ultimo con insediamenti collinari che arrivano a toccare quasi 500 m. sul livello del mare.
Marietta ed io abitavamo alle pendici della Solfatara (458 m slm) e da lì quella mattina, con il fresco, eravamo scesi giù prima verso il cimitero e poi al porto. Ora ci toccava rifare il percorso in salita con un clima che, nel frattempo era diventato insostenibile: oltretutto eravamo partiti leggeri ed ora dovevamo far ritorno con un carico di qualche chilo in più.
I mezzi pubblici sono tra le note dolenti di una realtà così ricca di stimoli culturali ma così povera e sprovveduta dal punto di vista imprenditoriale. “Sopportare” cristianamente o meno e “tirare a campare” sembrano imperativi categorici negativi persistenti in questa porzione di mondo.
Scartata l’idea di aspettare lì altri quaranta minuti nell’incertezza che ciò fosse vero, dovevamo scegliere a quale albero impiccarci; ovvero quale percorso in salita privilegiare. Ci fermammo un po’ nella “villa”. Altro aspetto dolente di questo luogo è la quasi assenza di spazi verdi. In verità le colline, ancorchè punteggiate da manufatti abusivi “di necessità”, erano abbastanza verdi; ma la città è stata costruita riempiendo tutti i vuoti e la “villa comunale” è un appezzamento di cemento di circa 500 metri quadrati con qualche panchina, una fontana centrale contesa da bambini e cani e alcune aiuole con pochi alberi. Nella città medio-alta c’è un altro parco giardino acquisito alla fruizione pubblica negli anni Ottanta ma non c’è molto altro. Anche quella che chiamavamo da ragazzetti “la selva” è stata riempita dalla Tangenziale.
Dal mercato alla villa sono trecento metri: decidemmo che nella sosta avremmo vagliato le ipotesi per la salita.
Mentre eravamo seduti a goderci il traffico che era intenso, visto la concomitanza di arrivi e partenze dei traghetti per le isole ed il contemporaneo spostamento degli acquirenti che dal mercato si dirigevano nella parte superiore della città per l’elaborazione dei cibi, si palesò uno dei miei amici teatranti che non vedevo da anni.
“Non sei proprio cambiato, diamine!” “E tu, hai fatto il patto col diavolo?” battute più o meno simili per segnalare l’esatto contrario. Il tempo passa e i segni si vedono. Lo spirito però, quello sì, non è cambiato e probabilmente anche la sveltezza intellettiva, visto che entrambi non ci siamo adagiati: io un docente impegnato nella scuola superiore lui un piccolo imprenditore attivo nella politica.
Non palesammo la nostra stanchezza ed orgogliosamente – ahimè – salutammo l’amico e declinammo l’invito ad utilizzare un passaggio, essendo del tutto convinti delle nostre forze e della capacità di adeguarle all’impresa.

fine parte 6….continua

Joshua Madalon

09072013074

PASSEGGIATE FLEGREE giugno 2018 – parte 5

[/caption]

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,170,56,0,0,100,120,2226,2218,2329,571540
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,170,56,0,0,100,120,2226,2218,2329,571540

jpg_x_micheleSerapeo-

PASSEGGIATE FLEGREE giugno 2018 – parte 5

Staccarono il gancio che limitava il ristretto passaggio alle persone e tutti insieme da una parte e dall’altra fluimmo. Avevamo pensato di fare una puntatina al “mercato generale al dettaglio” più per godere della vista della molteplicità dei colori e dei prodotti agricoli ed ittici. Superato il passaggio a livello c’è il Tempio di Serapide, una sorta di centro commerciale archeologico risalete al periodo tra il I° ed il II° secolo dopo Cristo. In realtà era un mercato con vari spazi e piani; il nome è legato alla statuina dedicata alla divinità egizia Serapis di cui nel 1750 fu rinvenuta una traccia. Pozzuoli era una base fondamentale del commercio romano: fu il porto principale romano, sia commerciale che militare prima di essere sostituito in modo innaturale, artificiale, da quello di Ostia, che indubbiamente aveva altri vantaggi, essendo a pochi chilometri da Roma. Non è affatto strano che possedesse due anfiteatri e strutture commerciali a livello internazionale; e dunque non sorprende che vi fossero culti diversi all’interno di un sincretismo religioso invidiabile ai nostri giorni.
Andammo oltre verso la riva del porto dove avevamo intravisto una sfilza di banchi; vi ci dirigemmo, io con accondiscendenza passiva e disinteressata, Marietta con il desiderio femminile di acquistare oggetti e vestiario a prezzi oltremodo convenienti. Ne venimmo via senza acquisti: il sole cominciava a picchiare e ci inoltrammo attraverso il parcheggio del Mercato ittico generale verso il Mercato al dettaglio.
“Peppino!” una voce mi ricordò che mi chiamavo Giuseppe. Una voce femminile con l’accento puteolano. Una signora piccolina che non aveva rinunciato a chiamarmi con vigore pur essendo impegnata in una conversazione telefonica. “T’he fatte ‘e solde?” una modalità idiomatica per sottolineare la mia lunghissima assenza nei rapporti umani con lei. “Saie cu cchi sto parlanno? Peppino, ‘o figlie ‘e Rafele, ‘o cuggine nuosto” intuii che stesse parlando con il fratello Salvatore che da più lungo tempo non avevo incontrato. Baci ed abbracci e promesse di rivederci presto, scambio di telefono (forse già fatto in precedenza ma ripetuto a scanso di equivoci). Saluti con il desiderio sincero di rivedersi, ma…
Il mercato è sempre attrattivo ed alcuni banchi sono affollatissimi. A noi sono sempre piaciuti quelli solitari, appartati, dove puoi meglio scegliere i prodotti. E facemmo così anche quella volta con il risultato che avevamo acquistato quattro cinque chili di roba e dovevamo salire su da dove eravamo scesi. Ed il caldo era ormai asfissiante.
A pochi metri dal mercato c’è una sorta di “Terminal” degli autobus locali. Decidemmo di andarci. Ci fermammo a fare i biglietti e chiedemmo dove avremmo potuto prendere il mezzo per salire verso la Solfatara: una signora gentile bucò il muro con il suo dito per mostraci la direzione.

Pochi metri oltre alcuni autobus sostavano sonnolenti, in una controra certamente anomala, insieme ai loro conducenti. Nessuno di loro sapeva, e non intendevano sforzarsi troppo al di là di un cenno negativo. Decisi di rincorrere un autobus che stava miracolosamente spostandosi e mi rivolsi al conducente che emise il responso: “Signo’ avite aspittà quaranta minute”.

Marietta ed io ci guardammo scoraggiati e ci dicemmo che “forse” a quell’ora potevamo anche essere già a casa.

…fine parte 5…continua

Joshua Madalon

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,156,56,1,0,100,0,1975,1968,2177,1449278
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,156,56,1,0,100,0,1975,1968,2177,1449278