Archivi categoria: Ambiente

ANTIFASCISMO senza ipocrisie

Prato

ANTIFASCISMO senza ipocrisie

Mi chiedo a cosa sia servito portare in Commissione, credo la prima, e poi in aula del Consiglio comunale di Prato un Ordine del giorno per chiedere l’applicazione di leggi dello Stato in materia di concessioni di spazi e di manifestazioni a coloro che a titolo personale o collettivo nei fatti si richiamano ad ideologie nazifasciste e anticostituzionali. La soluzione di affidare ad una dichiarazione, che nella pratica risulterebbe mendace e dunque passibile penalmente, di rispetto della Costituzione italiana è un escamotage che non può che essere considerato un appoggio esplicito a che queste persone possano manifestare impunemente la loro ideologia intrisa di violenza verbale e fisica.

Questo è avvenuto lo scorso anno più o meno in questo periodo. Ne ho scritto in modo indiretto attraverso una narrazione solo in parte inventata quasi a ridosso dell’evento. Ieri ho ripubblicato il racconto ispirato a quella vicenda.

Personalmente sono molto colpito dall’inazione del Comune e delle autorità preposte, che mostrano un atteggiamento quasi curiale da semplici travet dello Stato. E’ inammissibile che si esalti per giunta con gesti e grida minacciose la storia di un passato intriso di sangue e di sopraffazioni antidemocratiche, prefigurando la possibilità di un balzo all’indietro del tempo. Non si tratta di limitazione delle libertà ma di una difesa di queste di fronte ad una prospettiva molto diversa.

Ho pertanto aderito con la mia Associazione di Cultura Politica e Democratica “Dicearchia 2008” alla stesura del documento che è stato inviato alla Stampa. Lo ripropongo qui di seguito

 

Comunicato stampa

Ieri rigurgiti fascisti in piazza delle Carceri. SI, PAP, PRC, CGIL Prato e numerose associazioni: “perché le istituzioni hanno autorizzato il presidio ? Le forze politiche “democratiche” ne prendano le distanze o si dimostreranno quantomeno impotenti davanti a  questi infausti rigurgiti”

Prato, 10 settembre. Esprimiamo stupore e forte disappunto per la concessione dell’autorizzazione concessa a un presidio ieri in piazza delle Carceri che ha fatto sfoggio, nelle motivazioni e nello svolgimento,  di evidente apologia del fascismo (e dei fascisti) “sfregiando” con tutto ciò non solo la storia di una città come la nostra medaglia d’argento per la resistenza, ma – specificamente – anche la memoria delle deportazioni che proprio una targa ricorda in quel luogo. Perché le istituzioni – Comune, prefettura, questura ecc – hanno concesso l’autorizzazione o comunque non si sono opposte? L’amministrazione non aveva disposto la non concessione degli spazi a chi non avesse fatto pubblica dichiarazione di riconoscersi nei valori anti fascisti?

Chiediamo che le forze politiche prendano pubblicamente le distanze da tutto questo e condannino l’accaduto. E non lo facciamo solo per il rispetto dei drammi del passato, ma anche per il presente e soprattutto per il futuro. Per due motivi: il clima che si sta registrando nel paese è di montante razzismo e xenofobia, e  richiede non solo dichiarazioni di facciata e mobilitazioni mediatiche, ma anche una ferma condanna diffusa sui territori e in tutte le città. Il secondo motivo, strettamente legato al primo, è che non vorremmo che questo silenzio – e queste autorizzazioni – fossero dovute ad un bieco calcolo politico: quello di far rialzar la testa a simili rigurgiti per poi passare all’incasso con appelli al fronti unici in vista di appuntamenti elettorali prossimi. Sarebbe ignobile, sull’anti fascismo (e anti razzismo) non si gioca! Noi continueremo – così come abbiamo fatto con la partecipazione al presidio organizzato da ANPI venerdì scorso proprio in Piazza delle Carceri e contestando poi l’appuntamento – ad opporci in ogni modo a tutto questo, appunto per il presente e per il futuro. La politica, e diremmo la città tutta (se si escludono appunto rari casi registrati) esca da un silenzio che su questi temi – al di là delle volontà – non è mai neutro e rischia di farsi complice. La condanna delle leggi razziali e poi il silenzio e l’autorizzazione di tutto questo sono fatti che stridono, non vorremmo pensare che essa sia stata – a livello nazionale – una condanna di circostanza. E’ arrivato il momento – anche a Prato – per autorità e forze politiche, di dimostrarlo.

CGIL Prato

Sinistra Italiana Prato

Potere al Popolo Prato

Rifondazione Comunista Prato

Associazione Dicearchia 2008 Prato

Associazione Le Mafalde Prato

Left Lab Prato

MeltinPo

https://www.facebook.com/106708932732379/videos/695449714145001/

A seguito di questa presa di posizione rivolta a tutte le forze politiche costituzionali sorprende la dichiarazione attraverso Facebook  del segretario del Partito Democratico di Prato, Gabriele Bosi. In essa rilevo una profonda incapacità a venir fuori dalla palude creata intorno al suo Partito da una leadership arrogante e presuntuosa incapace di poter rappresentare la maggioranza dei propri cittadini. Forse se avesse letto a fondo il documento avrebbe compreso che all’Amministrazione comunale si addebitava la responsabilità di trasmettere alle altre Istituzioni il dettato dell’Ordine del giorno di cui parlo sopra,  la cui validità non è soltanto data dall’approvazione di un Ordine del giorno (vedi sopra) a larghissima maggioranza ma anche dal riferirsi alle leggi dello Stato ed agli articoli della Costituzione italiana. A tutta evidenza non c’è stato il necessario collegamento tra le varie Istituzioni, ben diversamente da altre occasioni (ma la storia settembrina pratese dovreste conoscerla meglio di alcuni di noi, o no?) e la maggiore responsabilità di questo “disguido” è del Comune. Forse si sta chiedendo, Gabriele Bosi, come mai alcune forze politiche e sindacali ed alcune Associazioni non abbiano sentito il PD come proprio alleato, pur non disconoscendone l’appartenenza all’antifascismo? E’ molto probabile che tutto ciò accada per la preoccupazione che un’operazione comune venga interpretata, con le dovute mistificazioni, come un preambolo ad accordi politici, che non sono a vista, soprattutto a causa di una non volontà di riconoscere le ragioni profonde del recente disastro elettorale, che è allo stesso tempo culturale e politico.

Ecco il testo della breve

 

 

Dichiarazione di Bosi

A me sinceramente dispiace che dopo il presidio di 23 neofascisti in Piazza delle Carceri una serie di associazioni e partiti abbia come prima cosa attaccato l’Amministrazione comunale per aver concesso loro il permesso.
L’Amministrazione comunale non ha concesso nessuna autorizzazione, come si sarebbe potuto appurare facendo magari un paio di telefonate.
Ricordo a tutti che questo Sindaco ha ricevuto recentemente minacce esplicite accompagnate da simboli neofascisti. 
Forse sarebbe il caso di fare fronte comune su queste cose, invece di dividersi tra antifascisti.

 

++

Ipocrisia o ignoranza? Il Segretario Bosi forse non sa che già il 6 settembre, in vista della parata di Casa Pound, era stato inviato alle tre Istituzioni – Comune, Prefettura e Questura – dall’ANPI un esposto per chiedere l’annullamento di quella manifestazione, offensiva della memoria della deportazione.

Le forze politiche, sindacali e antifasciste  hanno  espresso la loro solidarietà agli atti minacciosi ricevuti dal Sindaco ed il segretario Bosi non può ricordarlo a noi; sia egli a ricordarselo!

Richiamarsi ai valori comuni degli antifascisti, va ribadito, non appartiene ad una sola parte. Coloro che hanno protestato, non solo in questa occasione, hanno avvertito il silenzio e l’incuria delle Istituzioni, e lo hanno denunciato.

 

Joshua Madalon

41474515_298926690909452_8468103223264149504_n

RITORNO A POZZUOLI estate 2018 parte 4

41323127_269065967048875_3584522539226890240_n

RITORNO A POZZUOLI estate 2018 parte 4

“Vado via qualche giorno…” saluto gli amici del condominio, che intanto erano passati a farci dei cadeaux deliziosi, alici marinate e cozze.  Me ne lamento perché non ne potrò godere, ma sono certo che Mary, che rimarrà qui, saprà apprezzarle e…mi dirà. “Mannaggia…” tra me e me. Devo tornare a Prato per delle commissioni familiari, ma ne approfitterò per curare le mie imprese politiche, anche se non è mica detto che senza di me non riescano meglio. Prima di prendere la via della partenza agli amici chiedo un’informazione: “Ma voi riuscite a leggere il contatore del gas?” Sergio rivela che lui non lo ha mai fatto e che se ne occupa la moglie. Chiamata in causa, Vittoria dice che lei lo legge senza problemi: “Basta mettere uno specchio!” e sì, perché questi contatori sono stati tutti esposti in modo esterno girati a godersi  il paesaggio, beati loro! “Certo!” dico io “quello che c’era prima lo leggevo; ma quest’ultimo che ci hanno montato l’anno scorso, no!”    “L’anno scorso? Ma noi abbiamo ancora quello vecchio! E perché mai a voi l’hanno cambiato? Lo avete richiesto?”. A dire il vero, i gestori del gas ci avevano inviato un comunicato a Prato  nel quale ci avvertivano che sarebbero passati a sostituirci il dispositivo a fine maggio. In quell’anno si lavorava ancora e sinceramente era abbastanza improbabile che uno di noi si fosse presenti  in quel periodo. Mi affrettai a comunicare la richiesta di rinvio attraverso pec senza però ricevere alcun segnale, per cui a metà luglio quando decidemmo di scendere mettemmo in conto che avremmo affrontato il problema. In primo luogo decisi di riutilizzare la pec; di solito si dovrebbe avere una risposta nel giro di ventiquattro quarantotto ore. Nulla di nulla. Cercai su Internet un recapito telefonico; provai quest’altra  strada, ma non rispose nessuno.  Poiché era tutto rimasto lettera morta pensai di cercare ancora sul web un indirizzo valido per comunicare de visu il nostro disagio. Ci precipitammo a quell’indirizzo, consapevoli che “forse” avremmo risolto. Era una struttura protetta da portoni blindati e varchi quasi militari. A mio rischio e pericolo, sceso dall’auto, mentre Mary mi attendeva al sole,  entrai e palesai il motivo per cui ero arrivato fino a lì. Furono cortesi e dopo una spiegazione la più precisa e dettagliata dei vari passaggi, mi comunicarono che sarebbero passati il giorno dopo, in mattinata dalle 9 alle 12. Tronfio dell’essere finalmente giunto ad un obiettivo concreto dopo lunghe inutili peregrinazioni telematiche, ci apprestammo all’attesa.  Aspettammo fino alle 12.30; poi, visto che non si era palesato persona alcuna, neanche il postino, telefonai all’ufficio nel quale ero andato il giorno avanti. Per fortuna, risposero. Dopo una breve indagine, mentre la solita musichetta sinfonica allietava l’attesa, ci informarono che si scusavano ma da lì a una settimana ci avrebbero risolto il problema, giurarono sui loro principali che ciò sarebbe accaduto con la massima precisione: alle 9 del mattino del giovedì successivo qualcuno avrebbe provveduto. Se ricordo bene, dissi che non avrei atteso oltre le 9.30 e loro mi rassicurarono nuovamente. Avevano ragione, infatti. L’operaio arrivò munito di tesserino di riconoscibilità e con un pacchetto integro. Ci spiegò che era finita la scorta già da più di una settimana e che avevano dovuto anche loro fermarsi per attendere il nuovo stock.

Già, perché ho raccontato tutto questo? Erano tutti sorpresi per quell’oggetto nuovo in nostro possesso. Mannaggia a loro! Non funziona, caspita! Non riesco a leggere i consumi e quando all’improvviso per qualche strano “miracolo” tecnico la cifra appare è scritta in un formato piccolissimo ed io che sono oltre che sordo anche cecagnolo non ce la faccio a leggerla. Diciamola così: loro, i condòmini, invidiano noi e noi loro. Così va spesso il mondo…voglio dire, così (va) nel secolo ventunesimo…..(non me ne vogliano i manzoniani e don Alessandro!).

 

J.M.

 

…..e intanto io parto…… ma ritorno, eh!

 

41412381_2108473799185989_7344267739696988160_n

RITORNO A POZZUOLI estate 2018 parte 3

 

 

2487,0,1,0,360,256,443,5,0,38,41,1,0,100,0,1975,1968,2177,206296
2487,0,1,0,360,256,443,5,0,38,41,1,0,100,0,1975,1968,2177,206296

RITORNO A POZZUOLI estate 2018  parte 3

3.

Un’ellissi falsh-forward ci porta a qualche giorno di distanza. La vacanza inaspettatamente si è prolungata. Altrettanto sorprendentemente abbiamo potuto dormire in modo sereno e tranquillo. Di sopra i rumori sono felpati; anche di notte li avvertiamo ma c’è un passo leggero e soprattutto la buona educazione della convivenza in ore notturne. C’è stato un solo unico episodio nel quale la ragazza del piano di sopra, tornata alle prime ore della giornata, intendo dire le “3”, si è prodigata in una lunga agitata conversazione telefonica. A senso unico, ho detto. La mia sordità “lieve” non mi consente di capire ma avverto rumori, e quelli erano fastidiosi, prolungati e provenivano da un solo interlocutore: lei, la nostra condòmina, la “figlia”. L’altro interlocutore non aveva diritto di replica: lei da sola  era un fiume in piena, a tutta evidenza. Che stesse fingendo a se stessa; e perché coinvolgere l’intero condominio? Altri meno sordi di me avrebbero capito; ma quasi certamente dormivano sereni, o forse fingevano di farlo. E’ toccata a me il compito di lanciare un urlo di disapprovazione. Vuoi vedere che hanno sentito me? Può darsi.

Quel caso è rimasto unico; ma la vacanza della padrona di casa è volta al termine e quindi la nostra curiosità era diventata molto forte. Sarà, al suo ritorno, più attenta ai bisogni notturni degli altri condòmini? Il “ritorno” era stato annunciato da un attivismo intenso; la giovane si era un po’ di più impegnata nei mestieri casalinghi. L’ipotesi che negli ultimi due giorni vi sia stato un lavorio domestico ci è stata peraltro confermata involontariamente da una telefonata ascoltata semplicemente fatta en plein air sul terrazzo e con voce abbastanza distinta per essere avvertita con chiarezza da uno come me (vedi sopra). La signora al suo rientro tesseva ad un interlocutore a noi giustamente sconosciuto le lodi della ragazza per la cura che aveva avuto in tutti quei giorni nel tenere in ordine l’appartamento.

Noi in verità speravamo che il comportamento della giovane derivasse da un mutamento sostanziale del comportamento di tutta la famiglia. Dicevamo tra noi: “Forse qualche altro condòmino ha fatto notare come nelle ore notturne non si dovesse sbattere la porta dell’ascensore facendo tremare i vetri delle finestre sui ballatoi; o come non si dovessero srotolare a valanga le tapparelle; o come non ci si dovesse impegnare in attività domestiche come se fosse giorno,  andando avanti ed indietro forsennatamente (“più veloce si fa prima finisco” forse lei pensa?) ahimè e ahinoi con scarpe con tacco. Noi dopo tutto sappiamo anche quante volte si siede sul water, perché utilizza con veemenza la tavoletta sbatacchiandola, facendola precedere da sonore “piss” e seguire da impetuosi sciacquoni.

Quanto ai rumori tecnologici di cui accenno in coda alla parte 2, si trattava di un sifone idraulico che emetteva un sibilo penetrante ad ogni apertura di rubinetto. Di giorno si sentiva ma non era particolarmente noioso, anche perché si è svegli, ci si muove anche noi ed a volte non si sta neanche in casa troppo a lungo; ma di notte, all’una alle due alle tre era un tormento. Si sopportava un pochino, si diceva “ma va, ora va anche lei a dormire”. Macchè! Si mandavano segnali soft, con un bastone sotto il nostro solaio. Macchè! E così in quell’occasione decisi di scrivere un messaggio e lasciarlo nella buca della posta, accennando a fastidiosi rumori tecnologici.  La signora non era a tutta evidenza di norma attenta a controllare l’arrivo della “posta”, perché  il foglietto con il messaggio rimase là dentro per alcuni giorni, poi qualcuno lo ritirò ed alcuni giorni dopo trovammo a nostra volta un messaggio nella  buca della posta, con il quale la signora si scusava, promettendo di far aggiustare quanto prima il sifone. Il “quanto prima” tuttavia non lo potemmo quantificare perché la nostra vacanza finì, senza che il fastidio cessasse.

 

…continua….

 

J.M.

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,165,56,1,0,100,0,1975,1968,2177,66718
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,165,56,1,0,100,0,1975,1968,2177,66718

IL TEMPO NON TORNA PIU’ La corda, usurata, si rompe! Sappiatelo

 

 

 

IL TEMPO NON TORNA PIU’

 

La corda, usurata,  si rompe! Sappiatelo

Se corro con la mente indietro nel tempo, trovo sempre più il senso della sofferenza che alcuni di noi hanno patito nella partecipazione ricca di ideali e passione alla vita politica.

La saggezza degli anziani mi aveva accompagnato nel corso degli anni giovanili, consigliandomi di non occuparmi di Politica, ma “giovane” e ribelle come si addice all’età dei quindici-venti anni non potevo sottrarmi all’impegno per combattere le ingiustizie e soprattutto le differenze di classe.

Ho raccontato tante parti di me, non – come suppone un mio attuale detrattore – per vanità, per segnare il passaggio dei nostri giorni ad una fase rigenerativa, superate le secche delle delusioni.

Basta seguire questo Blog e leggerne alcuni post dal 2014 ad oggi, anche se costerà fatica a chi volesse aderire a questo invito, per capire le fasi delle delusioni e quelle delle battaglie culturali e politiche.

Non sono stato uomo di rotture decise, ho sempre privilegiato passaggi soft, anche se come nel caso della mia esperienza consiliare in Comune “sbattendo la porta” (così dissero alcuni giornalisti) ma transitando temporaneamente in Gruppo misto indipendente.

Ci fu poi il mio periodo con l’Asinello attratto da Prodi e da Landini Goffredo. I Democratici prodiani poi si accostarono al Partito Popolare, ex DC che aveva formato poi la Margherita. Per me la scelta non poteva prendere quella strada: altri lo fecero. Ma le differenze erano notevoli tra il mio ed il loro pensiero e, così, all’insegna di un nuovo passaggio soft, entrai nei Democratici di Sinistra, visto che nel frattempo il PDS era stato già superato.

Intanto veniva avanti una nuova idea, tutto sommato accattivante, pensando alla possibilità di smantellare metodi e pratiche politiche. Illusione ovviamente di un giovane cinquantenne. Il nuovo soggetto mi vide in una prima fila, a seguire dapprima le giravolte di un gruppo che si era costituito intorno all’avvocato Rocca per poi decidere, di fronte alle ambiguità ed alle indecisioni di questa prima esperienza, di costituire ufficialmente il Comitato per il PD insieme alla carissima amica Tina Santini.

Quel periodo ha evidenziato in modo palese le ragioni per cui l’attuale PD sta fortunatamente correndo verso la sua autodistruzione.

Insieme ad altre persone stiamo lavorando per mettere in piedi un nuovo soggetto plurale che rappresenti le idee della Sinistra a sostegno delle fasce più deboli della popolazione. Sarà un’impresa; ma vale la pena provare.             Mi aiuta padre Dante Inferno canto XXVI vv.114-116   “…a questa tanto picciola vigilia / de’ nostri sensi ch’è del rimanente / non vogliate negar l’esperienza….”

 

Non possiamo sottrarci: non mi rimane molto da vivere, anche se mi auguro che avvenga più tardi possibile, ma non è umano pensare di avere “tutto” il tempo a propria disposizione. Bisogna dunque mettere tutta la nostra forza in gioco.

 

J.M.

da Alfredo Vernazzani sull’articolo di W.Veltroni (La Repubblica 29 agosto 2018)

1_wnGT2fls8weimLRM0G9geA

 

da Alfredo Vernazzani sull’articolo di W.Veltroni (La Repubblica 29 agosto 2018)

 

Lo scorso anno grazie a mia figlia Lavinia ebbi modo di incontrarlo in uno di quei casi che evidenziano i contrasti storici ed antropologici della terra flegrea (ma non solo: potrebbe essere un difetto tutto italiano che giustificherebbe quel “Prima gli italiani” che vorrebbe portare a valore la nostra nazionalità ma dimentica gli “orrori” che commettiamo nel non rispettare “regolarmente” le regole e farsene vanto).

Si tratta di un giovane, Alfredo Vernazzani, ricercatore in Filosofia della mente, della percezione e delle scienze cognitive alla Ruhr-Universität di Bochum.  E’ stato presidente dell’ANPI Deutschland dal 2015 al 2017, dove ha organizzato diverse iniziative in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura e il Consolato generale. Nel 2011 è stato invitato a partecipare ad un incontro con gli allora presidenti,  italiano, Giorgio Napolitano, e tedesco, Christian Wullf, in un workshop sul Futuro dell’Europa.

Lo seguo su Facebook mentre gira per il mondo, a dimostrazione che gran parte della nostra “intellighentia” trova una sua collocazione di merito “solo” fuori dai nostri confini. Se Salvini  e tanti altri avessero pensato anche a far rientrare questi “cervelli” valorizzandoli e non mortificandone le qualità oggi avremmo un mondo migliore e di certo avrebbero compiuto un’opera meritoria per “elevare il grado di Cultura” del nostro Paese; ma a tutta evidenza costoro sarebbero soltanto visti come intralcio e quindi non se ne parla: anzi, andiamo avanti con il “reddito” che non è “assistenzialismo” e la “flat tax” che non è “un regalo ai più ricchi”, un nuovo regalo.

Stamattina ho letto un suo post che si ispira all’intervento di Walter Veltroni.

Eccolo:

 

Naturalmente, conoscendo il soggetto, sapevo bene in cosa mi sarei imbattuto quando ho letto il recente articolo di Veltroni su «La Repubblica». Forse dovrei star zitto, ma come vedete non sono riuscito a trattenermi. Accantonando ogni considerazione sullo stile patetico da brutto compitino melenso — 10 e lode e gli applausi della professoressa — perché qua ci son cose ben più gravi persino (!) della perduta arte del buon eloquio e del saper scrivere, basta leggere questo articoletto per capire perché Salvini continuerà a tuonare le sue minacce anti-europee ed anti-migranti a sfregio di ogni Europa, diritti umani, buon senso, ed umana decenza.

Perché l’unico straccio di critica che il nostro fa al PD è un felpato e cauto attacco alla retorica di Renzi. Non, per carità, agli scandali come Banca Etruria, non al fatto che malgrado le tante belle e ipocrite parole abbia reclutato come collaboratori amici e conoscenti del ‘giglio magico’ nella miglior tradizione della raccomandazione all’italiana, non il fatto che contro qualunque critica Renzi sparasse contro i ‘professoroni’ e i ‘gufi’ tanto per gettare ulteriore discredito alla categoria dei competenti e di chi, poco alla volta e con fatica, si sforza di comprendere o anche di criticare in modo costruttivo, e non infine ad un referendum costituzionale pensato male, inopportuno, e gestito con la spocchia e piagnisteo del bimbo offeso ‘se non vi sta bene io non gioco più!’. Il nostro Walter nel pieno rispetto della ormai inveterata cecità (o ottusità) di tanti dirigenti del PD, protesta ricordando la sua idea di partito, quella che riempiva il Circo Massimo e raggiungeva il 34%. Non ricorda però che la stagione Veltroniana del PD è durata un battito di ciglia ed è finita con una sconfitta elettorale. Non rammenta la propria incoerenza, la stessa di Renzi, quella di aver promesso di abbandonare la politica per «andare a occuparsi dei bambini in Africa» una volta assolto il suo incarico di sindaco di Roma (per poi gettarsi alla guida del PD). Non si sviluppa una sana autocritica di partito, spiegando come Salvini vinca non perché sia un bravo politico — non lo è, non lo è mai stato, è solo un ottimo animale da campagna elettorale — ma perché la ‘sinistra’, comunque la si voglia definire, anziché ribattere con intelligenza agli slogan peggiori (ben intenzionati o meno) dei 5S, della Lega e quant’altro, ha contrapposto Orfini, la Madia, la Boschi, Franceschini ed altri soggetti disegnati nel peggior bestiario di arroganza e disgustosa ignoranza italica, perché il massimo orizzonte culturale di questa gente sono Giovanni Allevi, Jovanotti, Saviano, ed altri nomi pescati nel grande e fetido marasma culturale italiano.

Walter la butta sulla crisi mondiale della sinistra, è un fatto storico, che ci vogliamo fare. Non è che se alle insicurezze e problemi della gente — reali o percepiti che siano — su temi come migrazione, istruzione, lavoro, ecc. il PD lascia il campo a Salvini — in nome poi di una opposizione fantasma — non si pensa che il PD dovrebbe opporre una visione politica articolata e ragionata, magari formandosi anche sui tanti personaggi validi della nostra storia come Calamandrei, Carlo Rosselli, Eugenio Colorni, no, per Veltroni la sinistra si riduce ancora una volta alla irritante formuletta dell’«accendere un sogno». Ma naturalmente la colpa non è solo di Walter e del PD di Renzi, è colpa anche di quei milioni di imbecilli, quella «trascurabile maggioranza» (sì, è una citazione, e non è di Jovanotti) che sta là assopita e che sognava la catastrofe cui andiamo incontro oggi.

E no, i vostri avatar social con la scritta ‘Qui ci abita un antifascista’ non vi renderanno antifascisti, condividere i post dell’imbecille di turno, da Fusaro — e ne sono convinto, dovremo guardarci molto bene da questo soggetto pericoloso in futuro — e Salvini, ed altri con un salace commento solo per sentirvi parte della vostra cerchia non servirà ad arginare la marea, anzi, la rafforzerà soltanto.

 

Alfredo Vernazzani

J.M.

nulla-piu-a24242820

AGOSTO FLEGREO 2018 – 6

 

 

AGOSTO FLEGREO 2018 – 6

La scalinata che dalla chiesetta di San Vincenzo porta verso la passeggiata che si distende tra I blocchi di case marinare e la scogliera ha un che di aristocratico e pare molto adatta a location di sfilate di moda. Purtroppo come notavo precedentemente l’ambiente si è progressivamente degradato, forse non più di quanto lo fosse prima. Le aiuole sono aride e prive di radici, come se vi fosse passata un’orda di cani barbarici. L’idea era interessante anche perché prevedeva che una striscia di terra o ponti di legno sorretti da travi d’acciaio avrebbe dovuto abbracciare l’intero corpo del Rione Terra e spuntare all’altezza della Chiesina della Madonna Assunta; per capirci meglio nel luogo dove eravamo poco prima.

La passeggiata è romantica e colma di tanti ricordi cinematografici: mi viene in mente subito il corto di Antonio Capuano, “Sofialorèn”, inserito ne “I Vesuviani”.

 

Il panorama volgendoci a destra è indimenticabile; mentre a sinistra lo sguardo va a colpire quella struttura incompiuta, giustamente forse tale, elevata sulla base dell’ex Ristorante “Vicienzo a mmare”. E’un colpo allo stomaco ritornare ogni volta e trovarla in piedi. C’è stato un acceso dibattito tra vecchi amici, interrotto per motivi tristi. Lucio era convinto che sarebbe stato meglio rimettere in piedi la vecchia struttura in legno; sono convinto, lo ero già da prima, che il tempo non ritorna mai indietro e che, una volta distrutto un manufatto anche per l’incuria della proprietà successivamente ai fenomeni sismici che hanno prodotto ben altre profonde ferite nella realtà puteolana non si possa pensare ad una ricostruzione ma vada abbattuto ed utilizzato semmai per scopi pubblici. Anche in questo caso ci è sembrato che l’indecisione prevalga e che torneremo molte altre volte in questa città e ritroveremo il “mostro”. Eppure a quello spazio mi legavano ricordi festosi e ricchi di passione politica ed anche in questo caso immagini del Cinema, come quelle di “Catene” degli anni Cinquanta con Amedeo Nazzari.

 

 

 

Superato quell’obbrobrio abbiamo passeggiato serenamente lungo il nuovo Corso Umberto con il Lungomare Pertini e Lungomare Yalta, frequentatissimi da persone di tutte le età soprattutto verso sera quando si può godere la brezza marina. Spazi vari, sedute comode per larghezza e straordinariamente pulite; ampio lo spazio per il passeggio tanto che si può proseguire in pattini o bicicletta. E’ uno dei luoghi dove quasi ogni sera si va ed a volte si incontrano vecchi amici.

Rendo omaggio a Claudio Correale mostrando uno dei suoi video che illustra proprio questa parte della città. A metà percorso io e Mary ci siamo fermati davanti ad un balcone arredato artisticamente un po’ come quelli della Napoli del popolo. Ma ne parleremo poi.

J.M.

AGOSTO FLEGREO 2018 – 5

 

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,197,53,0,0,100,0,1968,1968,2177,511554
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,197,53,0,0,100,0,1968,1968,2177,511554

AGOSTO FLEGREO 2018 – 5

Di fronte al Monumento ai caduti c’è la sede dell’Ufficio Turistico.  Avevo avuto modo di fotografarlo mentre, nell’approssimarsi della stagione estiva a giugno era tristemente “chiuso” con l’indicazione che “erano finiti i fondi”.  Segno anche questo dell’indolenza fatalistica di questo popolo che pure mi appartiene; dell’incapacità a progettare di cui già accenno altrove. Era aperto ma allo stesso tempo chiuso; ho picchiato lievemente le nocche sul vetro ed una gentile signorina è venuta ad aprire. Quasi certamente incolpevole e succube di un destino, non ho argomentato in merito al suo futuro, limitando la richiesta ad un paio di riviste qualitativamente di buon livello, “My Country”. Fossi un visitatore inglese qualsiasi della classe operaia sarei compiaciuto; se però fossi un inglese colto mi porrei più di un quesito in merito alla necessità di intitolare una rivista che parli del tuo paese italiano, intitolandola “My Country”. La nostra è una lingua storicamente importante, al di là della sua diffusione universale.

Abbiamo ritirato le riviste e salutato. Procedendo a ridosso del rione Poerio ristrutturato in modo egregio utilizzando le forme mosse preesistenti, siamo passati davanti alla composizione maiolicata di un trittico che rappresenta  a sinistra di chi guarda la Vergine del Rosario con il Bambino supplicata da San Vincenzo Ferrer e dalle anime dell’Inferno; da notare anche il simbolo dei Domenicani, un cane con in bocca una fiaccola accesa. Al centro poi la Crocifissione con personaggi contemporanei alla realizzazione del trittico adoranti. A destra di chi osserva poi l’Apoteosi di San Vincenzo che sovrasta una delineazione di come doveva essere la città di Pozzuoli a metà Ottocento, età in cui il trittico fu realizzato. E’ una delle opere artistiche più importanti della Pozzuoli moderna ancor più per il fatto che sia godibile pubblicamente.

 

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,158,51,0,0,100,0,1971,1968,2177,83897
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,158,51,0,0,100,0,1971,1968,2177,83897

La Chiesa ha una sua grazia naturale anche per la sua collocazione e per quella della canonica la cui struttura scenografica interna ed esterna sospinge verso il mare. Credo che il mio amico Giuseppe Gaudino puteolano e cultore a suo modo “artistico” della storia locale ne abbia tratta ispirazione per uno dei suoi ultimi film, “Per amor vostro”, in quelle inquadrature oniriche che spingono oltre balconi e finestre. Ai visitatori chiedo di non limitarsi alla visita della Chiesa ma di procedere a sinistra percorrendo qualche ansa della canonica fino ad affacciarsi sul lungomare che si trova a destra dello scheletro orrendo dell’ex “Vicienzo a mmare”.

 

Noi avveduti infatti procedemmo in tale direzione ed un gentilissimo sagrestano anziano ci tenne compagnia senza negare dettagli storici ed archeologici conditi da inserti antropologici, tutti insieme abbastanza inesatti ma appassionati.

 

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,210,52,0,0,100,0,1968,1968,2177,72213
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,210,52,0,0,100,0,1968,1968,2177,72213

Dalla terrazza il panorama è magnifico ad eccezione dei ruderi contemporanei dell’ex ristorante “Vicienzo a mmare”. In effetti, purtroppo non si tratta proprio delle vestigia di quel locale ma di un fabbricato in cemento armato orribile nella sua incompiutezza ed abbandono, ricettacolo per decenni di monnezza varia e di tossici alla ricerca di una copertura per spaccio e consumo. Punto dolente è tuttavia anche  la vista di un percorso alberato oramai già consumato in gran parte,  che divide il terrapieno dove si trova la Chiesa e le abitazioni del rione Poerio dalla scogliera. Ai tempi dell’inaugurazione era uno dei fiori all’occhiello della Giunta comunale. Ora ci si va per lamentarsi o, in linea di massima, per accontentarsi. Dopo tutto, è la rassegnazione la peggior disgrazia che colpisce questa parte di mondo.

 

J.M.

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,206,49,0,0,100,0,1968,1968,2177,216540
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,206,49,0,0,100,0,1968,1968,2177,216540

reloaded RACCONTO D ‘ESTATE ad un anno dalla sua pubblicazione

centro-giovannini

 

 

reloaded RACCONTO D ‘ESTATE ad un anno dalla sua pubblicazione

Il display segnalò che era venuto il suo turno: a quell’ora l’attesa era di cinque massimo dieci minuti. Con la calura estiva non c’era ressa alle 3 pomeridiane.
“Devo ritirare le analisi di mia figlia; ho la delega e la fotocopia del suo documento!” Gil sapeva presentarsi senza tanti fronzoli per ottimizzare i tempi di lavoro dei suoi occasionali interlocutori.
“Perfetto! Pochi arrivano qui che hanno già preparato tutto. Complimenti!” fece l’impiegato che subito dopo aver rapidamente controllato che fosse tutto a posto digitò le lettere del codice fiscale per accedere attraverso il monitor alla documentazione richiesta.
Gil scherzosamente volle rilevare che, in un’altra occasione, sempre per sua figlia, gli era stato consegnato un referto che apparteneva ad un’altra persona. Se ne era accorto mentre usciva, avendo aperto il plico per verificare i dati delle analisi della ragazza che, essendo via voleva esserne informata.
E l’addetto disse che non sarebbe stato possibile; lo ribadì, mentre però verificava con ulteriore attenzione i dati. Poi chiuse il tutto nella busta e la consegnò a Gil.
Appena fuori fece la stessa identica operazione delle volte precedenti. Il nome corrispondeva; scorse i vari dati comparandoli con il range indicato a margine: era tutto nella norma con un lieve calo dei globuli rossi, ma poco al di sotto del minimo. Girò la pagina e… tutto appariva regolare…. ma c’era qualcosa di strano in una delle regolarità.
*******************
Anche d’estate il clima al mattino è abbastanza fresco. Gil aveva accompagnato sua figlia Mary al Centro comunale per le analisi mediche. Bisognava arrivare presto per poter poi tornare a casa e ripartire per l’Archivio entro metà mattinata. Mary non voleva prendere un permesso lungo. Quella mattina ad un certo punto vennero giù, brevi ma fitte e grosse, gocce di pioggia proprio mentre Gil, dopo aver fatto scendere la ragazza per potersi anticipare nella fila “esterna”, era andato a parcheggiare l’auto. Pagò il parcheggio alle macchinette e rientrato in auto ne prelevò uno degli ombrelli per ripararsi mentre aumentava il passo per raggiungere Mary. Da lontano vide che era in compagnia di una signora, anch’ella in fila, che la proteggeva con il suo ombrello……e rallentò tranquillo.

…rallentò e, curioso come era, lentamente Gil, meno preoccupato avendo la certezza che Mary fosse protetta dagli scrosci, si avvicinò alle due donne allo scopo di poter capire di cosa stessero confabulando. Lo capì quando riuscì ad avvicinarsi meglio. La signora era inglese ed aveva frequentato da ragazza gli stessi ambienti universitari nei quali lavorava Mary. Fecero rapide presentazioni poiché intanto le porte magiche dei Laboratori si erano aperte e tutti stavano affluendo in un ordine tutto italiano verso l’ingresso. Soltanto una donnina gentile si accodò loro riconoscendo forse in modo non del tutto corretto ma a suo svantaggio che era arrivata dopo.
Un gran caos che proseguì davanti ai distributori di numeri ma che era solo un timido annuncio di quel che avvenne poi…

Eterogenee etnie ed una babele linguistica moderna affollavano la sala d’attesa; la maggior parte dei pazienti e di alcuni accompagnatori, tra quelli soprattutto che erano arrivati molto presto quella mattina, sedeva tenendo a vista il display, che però non dava segni di vita.
Nel silenzio dell’attesa, quando la pazienza ha ancora un po’ di limiti da sopportare, si percepirono alcune voci, piuttosto agitate, non chiare, al di là della porta avetri che dava alla reception amministrativa – primo step della sequenza degli impegni dei “pazienti” – ed alle salette per i prelievi – successivo step per coloro che attendevano in sala – ma non si comprendeva quali fossero le ragioni di tali dissidi. Anche dopo l’avvio delle chiamate, ogni volta che veniva aperta la porta a vetri, sia che ne entrasse sia che ne uscisse qualcuno, arrivavano alle orecchie degli astanti voci e urla: era soltanto evidente che là dentro i “conti”, quali fossero le caratteristiche di essi non essendo ben chiaro, non tornavano.
Gil si allontanò dalla sala mentre Mary continuava a leggere e scrivere appunti, utilizzando il suo tablet in mezzo a quella bailamme. Il suo cellulare vibrava; era un suo amico che quello stesso giorno sarebbe partito per gli Stati Uniti e non se la sentiva di dirgli che non poteva parlare. Uscì fuori sullo spiazzo dal quale erano entrati.
La telefonata fu abbastanza lunga: peraltro mentre parlava con il suo amico, Gil aveva incrociato lo sguardo di un suo ex allievo, un suo coetaneo del Corso per adulti che non vedeva da alcuni anni. Terminato il dialogo telefonico “Come va?” si dissero all’unisono, e solite ovvietà senza alcun senso di chi si rivede con piacere, ma non più di tanto, poi. Era seduto insieme alla moglie su un’aiuola rialzata e circondata da un muretto; erano arrivati piuttosto tardi ed il loro turno sarebbe stato di certo in là con i tempi tra più di mezzora forse anche un’ora. Tra l’altro degli scrosci di prima nulla era rimasto…..
*****
Ancora berci ed urla provenienti dall’interno dei laboratori, più chiare e più forti quando si aprivano le porte per far uscire o entrare i pazienti che dovevano sottoporsi ai controlli. Gil nel rientrare si era accorto che Mary non c’era e si affacciò verso l’interno attraverso i veri delle due porte; scorse sua figlia al desk e con la dovuta riservatezza si rimise a sedere…
“Sì, Mary è già dentro. Sono qui nell’ingresso; non penso per molto…” Gil rassicurò la moglie che lo aveva chiamato e poi riprese ad inviare messaggi in chat ad alcuni suoi amici. Passò mezzora ed allora decise di far finta di essere un paziente e varcò le porte della reception. Una grande confusione lo colpì e si sorprese a vedere che Mary era ancora là seduta ad aspettare. “Ho già fatto un’analisi ma mi hanno detto che ne devo fare un’altra per la quale è necessario che io stia ferma qui. Mi chiameranno a momenti; perlomeno così sembra debba essere…. Tu vai di là!” gli disse.
Più paziente del solito, con Mary lo era in modo insolito, si rimise a sedere nella saletta d’attesa e la aspettò.
*********
Con i fogli delle analisi Gil decise di andare direttamente dal medico di famiglia, chiedendo di essere ricevuto tra un paziente e l’altro solo per la “lettura” dei dati, che – a suo parere – erano davvero sorprendenti. Tra le diverse voci ce n’era una che non si aspettava potesse trattare un soggetto femminile.
Era regolare, però, ma riguardava il test di PSA prostatico. “E’ da rifare!” fu la sentenza del dottore. Gil uscì dallo studio con una nuova richiesta e continuò a chiedersi di chi fossero quelle analisi, con la curiosità di sapere a chi fossero poi state consegnate le altre di Mary.

J.M.

 

redim

a grande richiesta!!! per intero PASSEGGIATE FLEGREE – giugno 2018

 

 

 

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,207,52,0,0,100,0,1969,1968,2177,687452
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,207,52,0,0,100,0,1969,1968,2177,687452

 

a grande richiesta!!!

 

PASSEGGIATE FLEGREE – giugno 2018

 

“Fru fru!  Frufruuuu!” la donnina attempata ma dalla figura eretta vagava sulla strada assolata del primo pomeriggio caldo di giugno. Il selciato era sconnesso e la via,  ingombra di auto parcheggiate, polverosa anche per i lavori di rifacimento di alcune facciate rovinate dal tempo e dal vento ricco di salsedine.

Stavamo facendo ritorno da una lunghissima “passeggiata”. Contando sulle nostre forze espresse nei percorsi pedonali   sulle ciclabili lungo il fiume Bisenzio non avevamo temuto di intraprendere il nostro viaggio urbano sulle pendici che dalla Solfatara portano verso il mare. Spesso ci dicevamo che camminavamo poco e che, alla nostra età, avevamo bisogno di farlo quotidianamente: d’inverno era  più difficile uscire a passeggiare mentre tirava vento, con il  freddo e la  pioggia; in primavera ed in estate dovevamo recuperare.

Avevamo preso la strada più diritta che dal Parco Bognar  portava verso le ex Palazzine, attraversando il tunnel della Ferrovia; era ancora fresca la mattina e spirava un leggero venticello, anche se il cielo era sgombro di nubi. La piazza che fino a pochi anni prima era sede di un mercato rionale allora era ingombra di auto. Avevamo deciso di andare al Cimitero per un saluto ai nostri cari. Davanti all’Ufficio Postale non c’era ancora la fila consueta, in fondo erano appena le otto e mezza del mattino. Rasentammo utilizzando il marciapiede sulla Domiziana il muro delle case Olivetti, costruite negli anni Sessanta per i dipendenti di quella grande fabbrica.                                                                                                                                                      Mura fatte di mattoni di tufo corrosi dal tempo. Erano là sin dall’inizio di quell’avventura: chissà da dove provenivano, non molto lontano da quel luogo certamente! Ma da quale cava tra quelle che, girando un’occhiata rapida  in giro per i Campi Flegrei riuscivate a scorgere, abbandonate, dopo l’intenso sfruttamento umano che per secoli hanno subìto, quelle pietre provenivano? Di fronte alle case Olivetti, là dove c’era la Scuola elementare che io avevo frequentato dopo la “primina” e che era stata una delle sedi dove Marietta aveva insegnato quando iniziavo a conoscerla, c’erano soltanto i maestosi ruderi di un complesso termale romano: tutta l’area trasudava  storia antica mal sopportata dai contemporanei che nel corso degli ultimi secoli ne hanno fatto strame. Era un miracolo puro che fosse rimasto intatto l’Anfiteatro Flavio, a pochi passi indietro da dove stavamo, mentre non aveva avuto altrettanta fortuna l’altro, il secondo, Anfiteatro, che segnalava – se ce ne fosse pur stato bisogno – l’importanza della Puteoli romana, porto imperiale precedente a quello di Ostia.  Di fronte alle case Olivetti accanto ai ruderi antichi ed ai ricordi nostalgici della mia infanzia e della nostra giovinezza notammo il perimetro difeso da filo spinato della Casa Circondariale Femminile, con il piccolo ingresso privato riservato alle suore, che avevano  il compito di portare sollievo “spirituale” alle povere donne carcerate, povere in genere anche se, per motivi molto diversi e lontani dalla “povertà” aveva avuto l’onore di frequentare quella realtà anche una delle più illustri figure artistiche internazionali di origine puteolana.

Arrivati alla Piazza dell’Annunziata, Piazza Francesco Capomazza, uno sguardo appena sollevato sulla nostra destra ci fece  scorgere il massiccio bastione del Palazzo Cosenza, che dominava tutta la scena. Là dietro c’era in disordine sparso una delle più grandi Necropoli romane visibili ma non visitabili, anche se per fortuna non del tutto distrutte dalla violenta inciviltà degli uomini. Noi proseguimmo.

Passando davanti alla Chiesa buttai lo sguardo all’ingresso come d’abitudine si fa con un luogo amico. Compresi che tanto tempo era trascorso da quando frequentavo quegli ambienti. Ma a quell’ora non si intravedeva alcun movimento, non sarebbe stato possibile.  Ci inoltrammo su via Luciano, la strada degli addii perché porta al Cimitero. Sulla sinistra cespugli incolti dietro un alto cancello nascondevano il vialetto di ingresso ad una Villa signorile, che apparteneva ad una famiglia che ebbi modo di conoscere da bambino, avendo ricevuto in quel luogo  lezioni private per la “primina” alla quale mi inviarono i miei genitori. Più in là da adolescente ho frequentato quei luoghi perché amico di Ludovico un mio coetaneo del quale ho perso le tracce da un mezzo secolo circa. La villa era interamente abbandonata, circondata da alberi alti e rovi pungenti, allo stesso modo con cui lo erano altre vestigia imperiali all’esterno di quella.

Camminammo lungo la strada tra abitazioni popolari fatiscenti e sorrette da travature di acciaio per difendere i passanti da un possibile crollo e manufatti ristrutturati, tra i quali quelli del complesso che appartiene alla Curia vescovile e che, prima del picco del bradisismo agli inizi degli anni ’80, ospitavano giovani orfani e bisognosi di sostegno economico per gli studi. Dagli anni Ottanta, poi, il “Villaggio del Fanciullo” aveva accolto tutto l’Archivio e la Biblioteca Diocesana. I suoi spazi moderni ed accoglienti vengono utilizzati per Convegni e Seminari non solo afferenti alla cultura cattolica. Poco prima del “Villaggio” c’era uno spazio semi verde che forniva l’idea dell’incuria e dell’abbandono: si trattava di un vallone incolto adibito ad attività artigianali.

Poco oltre sulla sinistra grazie ad un muro meno alto degli altri si apriva a noi uno splendido panorama sul Golfo di Pozzuoli.  Sollevando il nostro sguardo al di sopra del muretto  scorgemmo altri ruderi più corposi ed apparentemente meno trascurati. Si trattava dello Stadio Antonino Pio, una vera e propria rarità, il cui trattamento ci spingeva a maggiori preoccupazioni per il futuro rispetto delle “storie”: l’incuria verso il passato è segno di una inciviltà barbarica.

Era abbastanza presto; di prima estate in prossimità del solstizio i frequentatori del cimitero si riducono, soprattutto nei giorni infrasettimanali lavorativi. Avanzammo lentamente per rendere il nostro saluto ai parenti più stretti. C’era un grande ordine nei viali. Sostituimmo i fiori fradici rinsecchiti e scoloriti con nuovi e sgargianti oggetti floreali in plastica, non essendo consentito con la stagione calda il deposito di fiori freschi. Tra le tombe notammo che in qualche vasetto di nostra pertinenza  avevano sottratto – o erano magicamente spariti – ogni traccia di fiori. Pensammo anche ai colombi che imperversavano nelle aree protette da loggiati, accomodandosi sugli steli fogliosi a costruire una sorta di loro esclusivo nido. Non che quelle bestiole li avessero portati nel becco da una tomba all’altra, ma che li avessero fatti cascare e…raccogliere da qualche umano passante.

Muovendoci da una parte all’altra del luogo gettavo lo sguardo ad osservare cognomi e nomi e date, anche alla ricerca di visi da me conosciuti; per anni ero stato via e di alcuni avevo perso le tracce e non sempre i pochi amici rimasti mi informavano delle “storie” concluse.

Riprendemmo la strada del ritorno ripercorrendo quella dell’andata, mentre la giornata si faceva più calda ed afosa. Avevamo previsto di fermarci ad un supermarket adiacente al Cimitero ma riflettemmo sul fatto che una volta fatto acquisti  deperibili avremmo dovuto necessariamente far ritorno a casa, anche perché, appesantiti dalle borse colme di derrate non potevamo pensare di proseguire nel nostro primo pedonale vagabondaggio flegreo.

Arrivati alla piazza Francesco Capomazza, quella subito dopo la Chiesa della santissima Annunziata, la attraversammo per utilizzare la via Pergolesi, intitolata al grande musicista che poco più avanti concluse la sua vita terrena, a soli 26 anni, il 16 marzo del 1736.

Sulla destra, mentre si intravedeva il panorama del Golfo di Pozzuoli con un ampio sguardo sulle bellezze dei Campi Flegrei, un altro grande vallone abbandonato ma ricchissimo di vegetazione ci  rendeva  esplicito il lavorio intenso della natura con la sua grande bellezza. A sinistra una lunga fila di persone di età diversa si accalcava all’ingresso del carcere per fare visita ai propri congiunti, vivi.

Mentre dirigevo la telecamera sulla destra, evitavo con accortezza il lato sinistro; ma subito dopo lanciando lo sguardo verso l’alto non era possibile distoglierlo dalla lunga ed “appesa” scalinata che portava alla Chiesa di Sant’Antonio da Padova.  Eretta nel 1472 e dedicata congiuntamente a San Francesco d’Assisi andò distrutta per il cataclisma naturale del 1538, che aveva sconvolto tutta l’area. In quel luogo c’era  stato dunque anche  il Convento dei Cappuccini dove morì Giovan Battista Draghi detto Pergolesi, a causa della tubercolosi. Il giovane ormai affermato violinista sperava di poter guarire utilizzando l’aria salubre dei luoghi flegrei, ricchi di vapori e fanghi benefici; ma la sua salute era già stata compromessa da una serie di fattori genetici che avevano visto perire prematuramente gran parte della sua famiglia.

Proprio poco più giù scendendo c’era stato negli anni passati uno stabilimento termale, che nel tempo era stato abbandonato per incuria gestionale. Quando ero ragazzo frequentavo con assiduità  il Cinema che aveva occupato parte delle Terme, che dal suo antico proprietario aveva preso il nome, “Lopez”.

 

Da qualche anno sapevamo che, dopo la chiusura definitiva delle Terme e quella del Cinema, alcune anime imprenditoriali si erano attivate per recuperare  quella attività. Nel frattempo si erano progressivamente concluse le vicende di altri stabilimenti come quello detto de “La Salute” e poi le “Terme Puteolane”, entrambe sulla strada che porta a Bagnoli. Eravamo già passati di là alcuni mesi addietro, avendo intravisto un accenno di recupero del complesso,  incoraggiati anche da cartelli che pubblicizzavano attività turistiche. Eravamo entrati ed eravamo stati informati di una prossima ma non precisata riapertura.

Non speravamo, quindi, di avere risposte diverse e nuove, ma decidemmo di entrare nuovamente in quegli ambienti per sincerarcene. Con nostra sorpresa, dopo un breve percorso dall’ingresso si intravedeva  un salottino al piano inferiore molto lindo e curato. Non c’era nessuno a ricevere eventuali visitatori o curiosi importuni e scocciatori come potevamo essere noi; ma mentre scattavo qualche foto si era palesata una signora in palese tenuta da cameriera che, al nostro cenno di indicazioni, ci aveva invitati a procedere senza indugi o timidezze. Più avanti si sentivano delle voci dall’ inconfondibile slang locale e si procedette in quella direzione.

Girata la balaustra che affacciava sul salottino collegato ad ambienti che noi, per memoria, presupponevamo essere collegati alle vecchie terme ed ai locali di un Cinema che da giovani avevamo frequentato da artisti filodrammatici e e da spettatori molto attenti alle opera dei grandi registi europei ed americani, ci eravamo così diretti verso le “voci”.

Un ufficio dove sedevano tre persone, due donne giovani ed un signore attempato ma di un’eleganza professionale indubbia, mentre di spalle sulla soglia dell’ufficio un altro signore altrettanto elegante in piedi questionava intorno a temi probabilmente organizzativi.

Al nostro saluto doveroso, si girò verso di noi; e fu allora che lo riconobbi. Quando ero all’Università, lo conoscevo appena, essendo solo il fratello di un altro mio coetaneo, che partecipava in modo costante alle nostre organizzazioni culturali, oltre che ricreative. Sapevo che poi aveva fatto carriera nella Democrazia Cristiana, arrivando a ricoprire incarichi prestigiosi fino a quello di primo cittadino puteolano.

“Ciao” con reciproca cordialità. Una stretta di mano vigorosa. “Sei te che ti occupi di questo spazio?” “Sì, da alcuni anni…” “Ma eravamo passati e sembrava tutto in perfetto ordine, ma non in attività!” “Sì, certo, da qualche mese ci siamo dati da fare. C’è l’albergo, il ristorante, la beauty farm con le terme e poi delle iniziative culturali…”. Procedemmo nella visita, ora accompagnati da uno chaperon esclusivo che ci spinge verso la terrazza panoramica, dalla quale si gode nel pieno del calore già estivo uno splendido panorama sul golfo, a partire dal Serapeo sottostante. L’ambiente è però algido, indistinto; manca un vero e proprio tocco artistico che non sarebbe male: la terra flegrea è per sua natura semantica vulcanica, calda impetuosa ed in quella realtà invece ci si trova di fronte ad un luogo che, pur nella sua indubbia eleganza, potrebbe essere tra le fredde valli delle Alpi.

Ovviamente il nostro amico vantava professionalità di ottimo livello come collaboratori e collaboratrici e su questo non potevamo che assentire. Lasciammo che decantasse anche quelli che erano importanti collegamenti con bagni esclusivi raggiungibili con facilità dalla Ferrovia sottostante, la Cumana, esempio di fatiscenza ormai consolidata e disperata. Non riuscimmo a visitare gli altri ambienti; volevamo accedere a qualche camera per saggiarne le caratteristiche, ma non fu possibile. Andammo via insesauditi. Perplessi sul futuro di un’attività nella quale la passione è sovrastata da un’indolenza caratteristica di una parte della mentalità meridionale, che sembra affidarsi più nelle mani della dea “fortuna” piuttosto che nell’attivismo umano. “Dio gliela mandi buona. Dio perchè non altri!” pensammo all’unisono.

Scendemmo le scale del vicoletto sempre lurido di residui corporali ed acque indistinte che cascano da tubature pendenti, quella stretta viuzza che conduce verso il piccolo passaggio a livello della Cumana che si affaccia sul lato interno del Tempio di Serapide. Giusto allora dei rintocchi segnalavano l’arrivo del treno impedendo l’attraversamento pedonale. Di lì a poco un treno reso cadente anche dall’impeto graffittaro di anonimi artisti, che ne avevano letteralmente coperto tutti i finestrini, abbuiando gli interni, sopraggiunse fischiando forse semplicemente per salutare gli addetti del casello che corrisposero con un cenno delle loro mani.

Staccarono il gancio che limitava il ristretto passaggio alle persone e tutti insieme da una parte e dall’altra fluimmo. Avevamo pensato di fare una puntatina al “mercato generale al dettaglio” più per godere della vista della molteplicità dei colori e dei prodotti agricoli ed ittici. Superato il passaggio a livello c’è il Tempio di Serapide, una sorta di centro commerciale archeologico risalete al periodo tra il I° ed il II° secolo dopo Cristo. In realtà era un mercato con vari spazi e piani; il nome è legato alla statuina dedicata alla divinità egizia Serapis di cui nel 1750 fu rinvenuta una traccia. Pozzuoli era una base fondamentale del commercio romano: fu il porto principale romano, sia commerciale che militare prima di essere sostituito in modo innaturale, artificiale, da quello di Ostia, che indubbiamente aveva altri vantaggi, essendo a pochi chilometri da Roma. Non è affatto strano che possedesse due anfiteatri e strutture commerciali a livello internazionale; e dunque non sorprende che vi fossero culti diversi all’interno di un sincretismo religioso invidiabile ai nostri giorni.
Andammo oltre verso la riva del porto dove avevamo intravisto una sfilza di banchi; vi ci dirigemmo, io con accondiscendenza passiva e disinteressata, Marietta con il desiderio femminile di acquistare oggetti e vestiario a prezzi oltremodo convenienti. Ne venimmo via senza acquisti: il sole cominciava a picchiare e ci inoltrammo attraverso il parcheggio del Mercato ittico generale verso il Mercato al dettaglio.
“Peppino!” una voce mi ricordò che mi chiamavo Giuseppe. Una voce femminile con l’accento puteolano. Una signora piccolina che non aveva rinunciato a chiamarmi con vigore pur essendo impegnata in una conversazione telefonica. “T’he fatte ‘e solde?” una modalità idiomatica per sottolineare la mia lunghissima assenza nei rapporti umani con lei. “Saie cu cchi sto parlanno? Peppino, ‘o figlie ‘e Rafele, ‘o cuggine nuosto” intuii che stesse parlando con il fratello Salvatore che da più lungo tempo non avevo incontrato. Baci ed abbracci e promesse di rivederci presto, scambio di telefono (forse già fatto in precedenza ma ripetuto a scanso di equivoci). Saluti con il desiderio sincero di rivedersi, ma…
Il mercato è sempre attrattivo ed alcuni banchi sono affollatissimi. A noi sono sempre piaciuti quelli solitari, appartati, dove puoi meglio scegliere i prodotti. E facemmo così anche quella volta con il risultato che avevamo acquistato quattro cinque chili di roba e dovevamo salire su da dove eravamo scesi. Ed il caldo era ormai asfissiante.
A pochi metri dal mercato c’è una sorta di “Terminal” degli autobus locali. Decidemmo di andarci. Ci fermammo a fare i biglietti e chiedemmo dove avremmo potuto prendere il mezzo per salire verso la Solfatara: una signora gentile bucò il muro con il suo dito per mostraci la direzione.

Pochi metri oltre alcuni autobus sostavano sonnolenti, in una controra certamente anomala, insieme ai loro conducenti. Nessuno di loro sapeva, e non intendevano sforzarsi troppo al di là di un cenno negativo. Decisi di rincorrere un autobus che stava miracolosamente spostandosi e mi rivolsi al conducente che emise il responso: “Signo’ avite aspittà quaranta minute”.

Marietta ed io ci guardammo scoraggiati e ci dicemmo che “forse” a quell’ora potevamo anche essere già a casa.

La città di Pozzuoli è adagiata in una conca vulcanica che parte dalla periferia di Bagnoli, frazione nota nell’antichità come luogo di turismo termale (da “balneis”) e poi dall’inizio del Novecento sede di attività industriali (c’era l’ILVA fino agli anni ’90 di quel secolo), per poi comprendere, dopo l’insediamento cittadino, la frazione di Arco Felice – Lucrino, Baia, luogo anch’esso che rimanda alla cultura romana e Bacoli, fino al capo Miseno. La città si è strutturata nei secoli e soprattutto nell’ultimo con insediamenti collinari che arrivano a toccare quasi 500 m. sul livello del mare.
Marietta ed io abitavamo alle pendici della Solfatara (458 m slm) e da lì quella mattina, con il fresco, eravamo scesi giù prima verso il cimitero e poi al porto. Ora ci toccava rifare il percorso in salita con un clima che, nel frattempo era diventato insostenibile: oltretutto eravamo partiti leggeri ed ora dovevamo far ritorno con un carico di qualche chilo in più.
I mezzi pubblici sono tra le note dolenti di una realtà così ricca di stimoli culturali ma così povera e sprovveduta dal punto di vista imprenditoriale. “Sopportare” cristianamente o meno e “tirare a campare” sembrano imperativi categorici negativi persistenti in questa porzione di mondo.
Scartata l’idea di aspettare lì altri quaranta minuti nell’incertezza che ciò fosse vero, dovevamo scegliere a quale albero impiccarci; ovvero quale percorso in salita privilegiare. Ci fermammo un po’ nella “villa”. Altro aspetto dolente di questo luogo è la quasi assenza di spazi verdi. In verità le colline, ancorchè punteggiate da manufatti abusivi “di necessità”, erano abbastanza verdi; ma la città è stata costruita riempiendo tutti i vuoti e la “villa comunale” è un appezzamento di cemento di circa 500 metri quadrati con qualche panchina, una fontana centrale contesa da bambini e cani e alcune aiuole con pochi alberi. Nella città medio-alta c’è un altro parco giardino acquisito alla fruizione pubblica negli anni Ottanta ma non c’è molto altro. Anche quella che chiamavamo da ragazzetti “la selva” è stata riempita dalla Tangenziale.

 

 

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,169,52,0,0,100,0,1970,1968,2177,1314444
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,169,52,0,0,100,0,1970,1968,2177,1314444

 

Dal mercato alla villa sono trecento metri: decidemmo che nella sosta avremmo vagliato le ipotesi per la salita.
Mentre eravamo seduti a goderci il traffico che era intenso, visto la concomitanza di arrivi e partenze dei traghetti per le isole ed il contemporaneo spostamento degli acquirenti che dal mercato si dirigevano nella parte superiore della città per l’elaborazione dei cibi, si palesò uno dei miei amici teatranti che non vedevo da anni.
“Non sei proprio cambiato, diamine!” “E tu, hai fatto il patto col diavolo?” battute più o meno simili per segnalare l’esatto contrario. Il tempo passa e i segni si vedono. Lo spirito però, quello sì, non è cambiato e probabilmente anche la sveltezza intellettiva, visto che entrambi non ci siamo adagiati: io un docente impegnato nella scuola superiore lui un piccolo imprenditore attivo nella politica.
Non palesammo la nostra stanchezza ed orgogliosamente – ahimè – salutammo l’amico e declinammo l’invito ad utilizzare un passaggio, essendo del tutto convinti delle nostre forze e della capacità di adeguarle all’impresa.

Tornare a casa dalla zona Mercato-Porto di Pozzuoli a quella collinare della Solfatara significava dover salire di quattrocento metri  e qualche centimetro ad una distanza di  poco più di cinquecento metri.  Avevamo rinunciato a prendere in considerazione i mezzi “pubblici” del tutto inaffidabili; peraltro in un impeto di fiducia avevamo anche acquistato i titoli di viaggio, incuranti in quel momento di poter essere sbeffeggiati dai compagni di avventura che ci avrebbero degnati di commiserazione osservando il nostro tentativo di obliterarli in macchinette quasi sempre in tilt.

“Saglite, saglite, signo’” aveva detto il conducente del bus a Marietta, quando in uno dei suoi viaggi di ritorno nella sua terra aveva mostrato  che non aveva i biglietti e “Cosa ha detto il signore?” le aveva controbattuto l’amica Angela, incredula, avendo ben compreso l’invito alla trasgressione civile. Ed allo stesso modo insieme alla delegazione di un’Amministrazione in visita al territorio gemellato avevo fatto io sulla linea della Cumana nel tratto “Terme puteolane – Bagnoli”. Ricordi di annata, ormai. Oggi, maturi ultrasessantenni, ci apprestavamo a pagare il fio delle birbonate, scegliendo di far ritorno a piedi, con una differenza sostanziale nella forza fisica e nella sopportazione di una umidità elevata.

La più agevole tra le salite ci sembrò quella dei Cappuccini e così ci avviammo, scegliendo tra l’altro di percorrere un tunnel  che attraversa la collina della Terra murata. Fino a più di settanta anni fa (io non l’ho mai visto in funzione) c’era la linea del tram che arrivava da Napoli lungo la litoranea.

Il percorso ci consentiva di ridurre il cammino e di avere una discreta ombra, anche se mista a qualche scarico di motorette rombanti.

Passammo a fianco della vecchia struttura del Cinema Mediterraneo, chiuso ormai da trenta anni, del quale però si vedeva ancora l’Uscita di Sicurezza e poi cominciammo lentamente a salire sulle comode larghe scale.

Attraversata la sede ferroviaria della Cumana cominciò la nostra ascesa e  “Village of Hope & Justice Ministry (onlus)” vedemmo scritto al termine della prima rampa.   Curioso ma il caldo, l’ora e il desiderio di “elevarci” prima possibile ci sconsigliò l’approfondimento.  Anche perché, girato l’angolo, fummo attratti da voci giovanili e da uno strano lampione sotto il quale c’era  una scritta amena ma molto attraente, “Lux in Fabula”, accompagnata dall’immagine della “lampada di Aladino”, così come trasmessa dalla nostra infanzia di visionari. Sarà stata pure la stanchezza ma quei due curiosi che siamo rimasti si spinsero a chiedere qualche informazione in più. I ragazzi furono molto contenti di accontentare il nostro desiderio di sapere. “Claudio, ci sono questi due signori che vogliono sapere di cosa ci occupiamo” uno dei giovani si era rivolto a qualcuno che era dentro, in uno spazio apparentemente angusto e colmo di oggetti e libri. Marietta ed io con il peso delle nostre “provviste”  e la leggerezza  della curiosità avevamo allungato il collo per capire chi fosse Claudio, mentre il parlottare dei giovani si era acquietato, forse anche in attesa di sapere chi fossimo noi, così curiosi ed interessati sia alla sosta in un ambiente più fresco sia alla possibile nuova scoperta di mondi a noi ignoti.

Un ingresso molto stretto attraverso una porticina aperta solo a metà introduceva ad un corridoio buio, ancorché illuminato da una flebile luce che proveniva dal fondo sulla nostra sinistra: scendemmo due gradini e curiosando all’ingrosso sugli oggetti posti alla rinfusa sugli scaffali ci rendemmo conto di essere in un ambiente dal fascino archeotecnologico. Ci dirigemmo verso quella che doveva essere la figura di Claudio, che intanto aveva sospeso quello che appariva essere un impegno di coordinamento di altri due giovani seduti, di fronte dietro un ampio tavolo ricolmo di testi di varia misura, ed intenti a smanettare su due portatili. La stanza era illuminata in gran parte naturalmente da un balcone che affacciava sulla linea ferroviaria. Dappertutto una grande confusione tipica degli ambienti di studio e di arte; non ne potevamo essere sorpresi né tantomeno potevamo ergerci a giudici severi:  casa nostra spesso aveva posseduto  quell’aspetto.

Sì, di Claudio avevo già sentito parlare come di un operatore culturale intelligente ed originale; sapevo ma, come troppo spesso è accaduto, la lontananza non mi ha consentito di mantenere i vecchi contatti o di costruirne di nuovi.  Non è che non ci abbia provato, ma poi il ritmo della vita a circa 900 poi 600 chilometri di distanza non me lo ha permesso. Non sapevo, però, di queste due grandi passioni di Claudio: quella per l’archeocinema e quello per il recupero bibliografico di testi attraverso la digitalizzazione, anche di testi unici ed introvabili.  Egli  ci fece accomodare, la qual cosa con il caldo e con la stanchezza che non veniva meno era gradevole;  ci offrì dell’acqua fresca che era quel che desideravamo e ci raccontò di alcune iniziative sul territorio flegreo in relazione agli anni ed ai temi del bradisismo ed alle bellezze archeologiche riprese e montate con l’ausilio di strumenti modernissimi come i droni e le centraline digitali. I ragazzi intanto uno dopo l’altro stavano andando via ed anche Claudio sembrò mantenere la pazienza con noi per cortesia.    Bastò uno sguardo tra me e Marietta e “Ti ringraziamo, passeremo nei prossimi giorni. Semmai ti chiamiamo per fissare con comodo”. E dopo esserci scambiati i numeri di cellulare ci salutammo.

Riprendemmo a salire, confortati dal ristoro materiale e culturale, verso il Carmine. Le scale sono basse e lunghe e se non si ha fretta sono meno faticose di tutte le altre che dal mare portano in collina. C’è un gran bel panorama quando si passa sotto il complesso dell’Immacolata  i cui muri sono cosparsi di ottime piante di cappero. Arrivati al culmine mentre si dà un ultimo sguardo al panorama del golfo ed alla struttura della chiesa barocca di San Raffaele da un lato e dall’altro della Villa Avellino, ci si trova davanti all’ex residenza dei carabinieri ora trasformata in uno splendido elegantissimo complesso residenziale. Subito dopo c’è il Cinema che porta il nome della più importante figura artistica vivente di Pozzuoli, Sofia Loren.

Pian piano eravamo tornati sotto casa.

“Fru fru” la nonnina con lo sguardo smarrito catatonico vagava tra le auto in sosta. “Fru fruuu” e sapemmo che si trattava di una gattina randagia che tuttavia di norma a quell’ora gradiva servirsi al desco dell’anziana donna e quel giorno non si era presentata……. Ci descrisse come era e gli occhi trasmettevano affetto per una sorta di figliola o nipotina surrogata. Per qualche attimo girammo lo sguardo affacciandoci anche sotto le auto; qualche gatto c’era ma non corrispondeva alla descrizione e tra l’altro non mostrava interesse al nostro richiamo. Salutammo la vecchina augurandole di poter ritrovare Frufru. Ed in modo irriverente mi venne in mente un classico della canzone napoletana, “Dove sta Zazà”.

 

Fine

 

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,160,51,0,0,100,0,1976,1968,2177,1111961
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,160,51,0,0,100,0,1976,1968,2177,1111961

 

 

AGOSTO FLEGREO 2018 – 4

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,120,57,1,0,100,0,1972,1968,2177,409439
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,120,57,1,0,100,0,1972,1968,2177,409439

AGOSTO FLEGREO 2018 – 4

Lasciata la coda della processione ci siamo addentrati tra i vicoli stretti della città bassa. “Bella Pozzuoli. Ci vengo spesso: si mangia bene!” sembra quasi che tutti coloro che incontro a cui diciamo di essere “di Pozzuoli”  ignorino  – ma sì “ignorano”  –   la Storia di questo territorio.  Nemmeno quella legata agli eventi sismici e vulcanici, con quel “movimento lento” che gli esperti della materia chiamano “bradisisma” o “bradisismo” – il dibattito lessicale è ancora aperto. Anche se è vero che la città si è ormai dedicata più ad un turismo consumistico gastronomico che a quello di tipo culturale storico ed archeologico; per non dimenticare quello letterario etnico ed artistico che pure ha dato ottime prove. L’abbandono dei siti e l’incuria organizzativa meriterebbe una riflessione seria: mancano progettazioni e programmazione a medio e lungo termine ed è assente il coinvolgimento dei privati come sponsor di spazi strutturati. E’ teoricamente l’apoteosi del mercato senza tuttavia l’apporto imprenditoriale necessario. Che dire? A simili rilievi so già che qualcuno risponderebbe che “non è così”, altri direbbero che “ci si prova, ma…” e qualcun altro ancora incolperebbe i suoi concittadini insensibili, dimenticando che sono lo specchio della società della quale loro stessi fanno parte.

Eravamo passati a sconsolarci davanti al degrado di Piazza Rione Terra ed attraversando il Corso Vittorio Emanuele  ci imbattiamo in un altro elemento di “moderna archeologia”. Poco prima di transitare sotto l’arco del ponte che conduce verso via Matteotti il degrado è composito: da una parte c’è un ascensore che da un decennio è fermo.  A  dire il vero credo che non sia stato “mai” utilizzato, “mai” collaudato: eppure servirebbe a ridurre la fatica di chi voglia salire al Rione Terra. Ma non finisce di certo qui. Di fronte prima dell’arco ci sono delle scale che portano verso il Rione Terra incrociando però sul lato sinistro  un’altra breve rampa che conduce ad una delle Chiese del 1600, che è dedicata alla Santa Croce ed al Purgatorio.  Ormai saranno 40 anni che risulta abbandonata e distrutta completamente. Se avete occasione di andare  sul sito archeologico flegreo  www.archeoflegrei.it  vi ritroverete anche alcune fotografie dell’amico Aldo Adinolfi  che confermano  quanto qui riportato. Non posso non ricordare che le scale sono state dedicate ad un grande protagonista della Cultura flegrea in ambito accademico, il prof. Raffaello Causa; allo stesso tempo denoto l’abbandono anche di attività artistiche e culturali realizzate negli anni passati su quei gradini e non più riproposte.

I pilastri dell’arco sulle loro ampie pareti  presentano l’apoteosi dell’interventismo e dell’eroismo italico accanto a testi che si riferiscono a periodi storici collegati alla dominazione spagnola: questi risultano abbastanza curati, così come lo è  il Monumento ai Caduti di Santo D’Amico  che si riferisce ai soldati della prima guerra mondiale.

Altre sorprese sia positive che negative attendevano i nostri passi…..

 

2487,0,1,0,367,256,349,2,2,129,54,0,0,100,0,1972,1968,2177,208362
2487,0,1,0,367,256,349,2,2,129,54,0,0,100,0,1972,1968,2177,208362