Archivi categoria: Antropologia

URLO CIVILE: “INDIGNATI” con l’accento sulla seconda “I”

PICT0253PICT0269PICT0296PICT028511140361_10205513695540863_8571818493130156987_nPICT0316PICT0321PICT0330

Il passaggio che Melania Petriello, accompagnata dal suo Editore – Danila De Lucia – ha voluto regalarci ha lasciato un segno profondo. Alla FIL (Formazione Innovazione Lavoro) dove abbiamo incontrato tanta forza morale e dignità Melania ha infuso coraggio ed ha indicato un percorso da seguire per esprimere con maggiore vigore e razionalità la propria indignazione. Al Circolo “Matteotti” Melania ha diffuso energia sostenuta da una lettura davvero appropriata di un brano scelto da Antonello Nave e letto da Roberto Caccamo di “Altroteatro” che si conclude con un URLO CIVILE: “INDIGNATI!!!” con l’accento sulla seconda “I”. Il pubblico tutto scelto (mancavano alcune persone che andranno recuperate nel percorso che continua) ha partecipato in modo attivo ponendo quesiti ed interloquendo. Con Melania e Danila siamo poi andati ad inaugurare la splendida Mostra di Egisto Nino Ceccatelli, altra forza della Cultura pratese, grande antropologo visuale e fotografo etnografico allo Spazio DADO di Piazza del Pesce. Abbiamo poi visitato una parte di Prato: siamo stati al Teatro “Magnolfi” accompagnati da un chaperon d’eccezione, Remino Cavaciocchi, che ci ha poi portati al “Cantiere”, realtà periferica e centrale forse “unica”, alla quale ho dedicato una piccola parte del mio impegno “amministrativo”; siamo poi andati a visitare – ospiti dell’Amministrazione comunale – il Museo Civico di Palazzo Pretorio e Danila e Melania sono state in estasi ad imbeversi della Cultura medievale, rinascimentale e moderna nella straordinaria ri-sistemazione approntata. La felicità costa davvero poco se si vive in un’Italia così bella e ricca, anche se rimonta più forte la “rabbia” allorquando quella “bellezza” straordinaria viene deturpata dall’ignominia e dalla sciatteria di chi dovrebbe governarla. Ci siamo poi addentrati nella Chinatown fino al cuore del Macrolotto Zero e di San Paolo e siamo stati a discutere con il gruppo di Tramediquartiere – Sara Iacopini e Massimo Tofanelli, al quale Melania ha promesso attenzione e collaborazione. Dopo il pranzo abbiamo salutato Danila e Melania, che sono ritornate nella loro Benevento, con il nostro invito a ritornare presto per realizzare altri Progetti comuni.
Stamattina ho inviato una breve sintetica mail di ringraziamento a quanti hanno lavorato in questi giorni per la riuscita del nostro Evento:

intanto mi piace ringraziare il supporto che la nostra “squadra” ha prodotto in questi giorni. Ringrazio l’Assessore Simone Mangani al di là di ogni convenzione formale per la sua presenza altrettanto poco formale; ringrazio il Circolo Matteotti (Alessandro, Luciano e Vincenzo) per l’ospitalità che forniscono; “Succede a Prato” con Nicola che ha agito da grafico pubblicitario “egregio” e Lucio; “Altroteatro” che ci ha proposto una lettura – attraverso Roberto – scelta da Antonello di un brano “meridionalista” nel quale si avverte l’ “URLO CIVILE”; la FIL che con Michele ci ha aperto le porte di una conoscenza unica e speciale; ADSP e Circolo San Paolo che soprattutto con Marzio e Gabriele hanno sostenuto ed accompagnato Danila e Melania nella conoscenza della nostra città; “Tramediquartiere” con Sara e Massimo che hanno dimostrato come da una piccola realtà di periferia si possa contribuire a cambiare la rassegnazione in fiducia in se stessi e nelle istituzioni; ringrazio allo stesso tempo tutti coloro che continueranno a lavorare per il Progetto di “URLO CIVILE” che con Melania vogliamo realizzare a Prato.

Giuseppe Maddaluno – Dicearchia 2008

PRATO – VENERDI’ 17 APRILE ORE 18.00 AL CIRCOLO MATTEOTTI – MELANIA PETRIELLO e PRESENTAZIONE “AL MIO PAESE. SETTE VIZI UNA SOLA ITALIA”

con un video che vi mostra diverse bellezze che “forse” vi fanno comprendere alcuni dei motivi per cui Joshua Madalon (Giuseppe Maddaluno) ogni tanto torna in quell’area dei Campi Flegrei nella quale partecipa a – e li organizza – eventi culturali….

36144296

campi_flegrei


PRESENTAZIONE “AL MIO PAESE. SETTE VIZI UNA SOLA ITALIA”

E’ un libro da leggere ad alta voce dalle primissime pagine

In un pomeriggio di ordinaria (auto)sopportazione, ho aperto il cassettodei sogni possibili: l’ideificio che avete in mano è la prima cosa balzata fuori.
Al mio Paese è il viaggio dell’occhio che guarda per raccontare, utilizzando il filtro della lingua, della catarsi, della identificazione.
Della dissomiglianza. Della coralità.
È uno sforzo. Un rigurgito. Il ticchettio delle lettere sulla tastiera. L’abat-jour che fa compagnia perché scaccia lo spettro del buio.
Il paradigma della frattura tra ricerca e giornalismo, che attiene alla necessità storica di ricontestualizzare la memoria. E che abbiamo il dovere di raccontare, per vincere la resistenza della demagogia e della disaffezione.
La cultura è la sola risposta. Magari altra. Magari molteplice. Magari capovolta.

Io sono l’Italia dice Melania ed io le faccio “coro”
“noi” le facciamo coro io io io
noi noi
NOI

C’è un PROLOGO di Franco Di Mare nel quale si tratta il sottile divario tra “vizio” e “virtù” tra quest’ultima e il primo.
Ed in esso ritroviamo l’incerto riconoscimento di una VERITA’ ASSOLUTA
E C’è UN POST-PROLOGO NEL QUALE FA CAPOLINO L’impunita’, DESIGNATO POI COME L’ottavo vizio, QUELLO PEGGIORE, PERCHé è QUELLO CHE PERVADE LA societa’ DEI VIZI.
E via via poi fra un’anticipazione-presentazione della Melania ed un testo prodotto da “belle penne”, belle e giovani penne “Una rosa di vizi in un giardino di grigie virtù” o forse il contrario.
E così all’AVARIZIA viene dedicata la “narrazione” di Luca Maurelli, “CAPO DI GABINETTO” (dove la parola “GABINETTO” è ambigua! Volutamente ambigua!) un sordido ritratto di “funzionario grigio” nel quale le parole agiscono come “vetriolo”.
E dopo l’Avarizia è l’IRA ad essere oggetto di un intermezzo di Melania, che ha colpito l’attenzione del nostro Antonello Nave per il suo riferimento ad un’icona specialisima del “meridionalismo” asse centrale della grande CULTURA sociologica storica e politica del nostro PAESE.

…continua…

17 aprile – MELANIA PETRIELLO A PRATO – Promemoria Comunicato Stampa

800px-Panorama_di_Prato_Dal_Cupolin_degli_Ori_2

CiminiereCANTIERE 1

MELANIA PETRIELLO A PRATO – Promemoria Comunicato Stampa
COMUNICATO STAMPA

Gentilissimei
VENERDI’ 17 APRILE ALLE ORE 18.00 presso il Circolo “G.Matteotti” in via Verdi 30 un gruppo di Associazioni culturali presenti sul territorio pratese ( Dicearchia 2008 – Circolo “Matteotti”, Laboratorio di via del Cittadino, Succede a Prato, Il diario del viaggiatore, Altroteatro, ADSP Circolo delle Idee ) presenta il libro “Al mio Paese. Sette vizi una sola Italia” di Melania Petriello – edizioni eDimedia. L’iniziativa ha ottenuto il patrocinio del Comune di Prato – Assessorato alla Cultura. Sarà presente l’Assessore alla Cultura Simone Mangani.
L’autrice, la effervescente giornalista romana, anima culturale di Eliseo Scuola che, anche dopo la chiusura definitiva di quel Teatro, continua ad agire nella realtà culturale della Capitale, presenterà il suo nuovo Progetto, “Manipolati – storie violente” e proporrà, alla realtà culturale pratese che vorrà recepirne le caratteristiche, una sua realizzazione teatrale nei prossimi mesi.
In serata, alle ore 21.00 Melania Petriello parteciperà all’inaugurazione della Mostra fotografica di Egisto Nino Ceccatelli dedicata agli Stati Uniti d’America allo spazio DADO in Piazza del Pesce.

Melania Petriello, accompagnata da Giuseppe Maddaluno, incontrerà venerdì pomeriggio un gruppo di disoccupati che partecipano ad un Laboratorio di scrittura creativa e, nella mattinata di sabato 18 visiterà il Teatro “Magnolfi”, il “Cantiere” straordinario esempio di “periferia nel cuore della città” e poi si recherà intorno alle 11.00 nella realtà del macrolotto Zero e di San Paolo insieme agli operatori di “Tramediquartiere”.

Se siete interessatei ad un’intervista con la Melania Petriello potete chiamare il 346 5259722 (Melania sarà a Prato dalle ore 12.00 del 17 alle ore 15.00 del 18 aprile).

In calce alcune tracce del reading in costruzione “Manipolati – storie violente”

MANIPOLATI – STORIE VIOLENTE
Manipolazioni della coscienza e del consenso, violenze urbane palpabili e sanguinamenti familiari, solitudini grevi nella centrifuga dal tempo, sogni e segni corrosi, il peso dell’incuria sulla prepotenza dell’oblio.
I fatti raccontano di un paese ferito e stanco, nelle cui pieghe si dipana il colore delle resistenze.
Dietro le storie, ci sono le donne e gli uomini che ne muovono l’epilogo. Vite abortite o consegnate, rinascimenti privati e silenzi affollati, memorie rapite dalla chiamata al racconto. Identità che appartengono alla storia comune, nelle quale ci sono colpevoli e vinti, carnefici mascherati e morti senza giustizia. Ci sono le città che viviamo e la città che siamo. C’è, anche, il non essere mai del tutto.
Con una sola, forte responsabilità che chiede riscatto: allargare la parentesi del bene.
Certe parole hanno ragione, e quando ci chiediamo che fine fanno le abbiamo già condannate.
Salvarle è provare a salvarsi.

giovedì 23 aprile ore 17.00 Pozzuoli Il Gozzetto Largo san paolo c/o Darsena – Angela Schiavone e Giuseppe Maddaluno presentano Luigi Russi autore di “In pasto al capitale” – Chi è Luigi Russi

 

 

in pasto

 

Il video è relativo alla presentazione del libro “In pasto al capitale” di Luigi Russi il 7 maggio 2013 allo IUC  (International University College)  di Torino

 

 

Siete tuttei invitatei alla presentazione che, insieme all’autore e ad Angela Schiavone de “Il diario del viaggiatore” nell’ambito del Festival delle Idee Politiche farò a POZZUOLI il 23 aprile presso il Gozzetto in Largo San Paolo – Darsena

 

TRAME DI QUARTIERE – “Proiettando visioni di città – Riflessioni sulla città in mutamento” con Roberto Vezzosi al Circolo Curiel via Filzi

10997890_1579915375580510_640368062085529068_o

TRAME DI QUARTIERE – “Proiettando visioni di città – Riflessioni sulla città in mutamento” con Roberto Vezzosi al Circolo Curiel via Filzi

Tratterò di un’iniziativa già svolta per fare solo un esempio su quel che significa il progetto “TRAMEDIQUARTIERE” che prosegue con la sua programmazione dentro al territorio di San Paolo e Macrolotto Zero di Prato. Vi operano competenze diversificate e trasversali: nel caso che tratto (“Proiettando visioni di città – Riflessioni sulla città in mutamento” con Roberto Vezzosi al Circolo Curiel via Filzi) accanto all’urbanista Vezzosi abbiamo il sociologo Andrea Valzania, il sociologo urbano Massimo Tofanelli, Marco Brizzi e Claudia Ricco, urbanisti fondatori e curatori di Image Archive, Alessandro Coppola, esperto di trasformazioni urbane, autore di “Apocalypse Town” e Maria Rita Ceccarini presidente di Legambiente Prato. Era presente il Presidente di IRIS Toscana l’antropologo Massimo Bressan. Assente per influenza tardo-primaverile l’antropologa Sara Iacopini.
Sono stati presentati e commentati alcuni filmati che trattano di “trasformazioni urbane di riqualificazione operate dal basso, scelte cioè dalla gente che abita in quei luoghi”.
L’iniziativa di Tramediquartiere proseguirà nei prossimi giorni con il ritorno “graditissimo” di Michela Pasquali, paesaggista e botanica. Il 23 e 24 aprile al Circolo “Aurora” di via Ciardi 20 a San Paolo.

In questo post troverete accanto a dei video collegati all’iniziativa riportata nel titolo anche un link che vi conduce all’attività prioritaria della prof.ssa Pasquali.

http://www.linariarete.org/wp/?tag=michela-pasquali

10447845_1561321587439889_4548165488054299346_n

MELANIA PETRIELLO A PRATO venerdì 17 ore 18.00 Circolo Matteotti via Verdi 30 a Prato – perché l’ho invitata

Melania Petriello(3)

napoli_04 (1)

MELANIA PETRIELLO A PRATO – perché l’ho invitata

Innanzitutto perché ha un approccio con il mondo che è assolutamente “INCLUSIVO”; perché tratta argomenti IMPORTANTI di tipo UNIVERSALE anche se ispirati a vicende italiane; perché sa parlare cogliendo nella SINTESI il CUORE dei temi che decide di trattare; è COINVOLGENTE senza essere presuntuosa ed arrogante; sa motivare e sensibilizzare i suoi interlocutori facendone emergere le potenzialità; e, quel che non guasta mai ma che è il naturale logico risultato di quanto ho finora scritto, è SIMPATICA.

Vi aspettiamo in modo “attivo” e propositivo venerdì 17 ore 18.00 al CIRCOLO Matteotti via Verdi 30 a PRATO

Ho conosciuto Melania Petriello al Festival della letteratura nei Campi Flegrei (settembre 2014) e ne ho recensito il libro che presenterò insieme ad altri il prossimo 17 aprile. “Al mio Paese…” è un libro collettivo che poggia la sua “forza” la sua “potenza” sulla PAROLA e sulla CULTURA, identificate entrambe come “salvatrici” della nostra umanità. E’ un libro composito redatto a più mani ma coordinato e diretto da una giovane giornalista, abile nell’uso della PAROLA, determinata negli obiettivi da raggiungere, assertrice convinta della necessità di imprimere una svolta all’appiattimento, alla omologazione, all’ipocrisia dilagante nella realtà quotidiana con la quale dobbiamo continuare a confrontarci. LA CULTURA CI SALVERA’! è uno dei motti più frequentemente ripetuti al quale non potevo essere insensibile.
La struttura di “Al mio Paese. Sette vizi una sola Italia” si è prestata, si presta, ad un utilizzo di tipo teatrale; ed è così che la Melania Petriello ha vissuto gli ultimi mesi di vita dell’Eliseo di Roma adoperando il “canovaccio” de “Al mio Paese…” per continuare in modi nuovi e diversi ma sempre con il piglio forte e combattivo le battaglie civili per denunciare i nostri vizi atavici.
Negli ultimi mesi si è posta a costruire un nuovo Progetto che si avvale dello stesso “format”. Il suo titolo è “Manipolati” e lavora sui temi della violenza declinata in diversi modi.
A telefono la Melania, forse anche accorta osservatrice delle nostre iniziative, ha detto che il prossimo impegno sarà quello delle “periferie”. Ritengo si riferisca in particolare a quelle “urbane” delle grandi metropoli. Melania opera a Roma e di certo le periferie romane sono una vera e propria palestra per chi voglia addentrarsi nei meccanismi socio-antropologici dell’umanità costretta a vivere ai margini delle metropoli.

Cosa vorrei proporre? Beh, io l’ho già scritto e soprattutto detto a qualcuno di voi!
Vorrei con l’ausilio della Melania riprodurre a Prato, adattandole alle nostre realtà, le elaborazioni che ella ha curato a Roma. Mi piacerebbe, ad esempio, avere un gruppo di persone (professionisti, studenti, operai, artisti, politici, giornalisti, amministratori etc etc etc) che prendendo spunto dagli input dei due libri (quello pubblicato, “Al mio Paese…” e quello da pubblicare, “Manipolati”) ne costruisca, semmai guidato oltre che dalla Petriello da un regista di teatro (io ho già una proposta a tale scopo), un nuovo lavoro fatto di “testimonianze” (essenzialmente trasposte) con accompagnamento di testi musicati e cantati.
Vi allego la mia recensione settembrina
http://www.maddaluno.eu/?p=932
e altro.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Per quel che riguarda il 17 ed il 18 aprile, se l’idea ha una sua condivisione, non mi dispiacerebbe farvi incontrare la Petriello; Marzio ed io la porteremo in ogni caso a visitare la nostra “periferia”.

UNO SPLENDIDO POMERIGGIO DI PRIMAVERA – L’ORTO A CASA TUA – MIRACOLI DI ORDINARIA AMMINISTRAZIONE A SAN PAOLO DI PRATO in fondo a Via Donizetti

001

PICT0218

UNO SPLENDIDO POMERIGGIO DI PRIMAVERA – L’ORTO A CASA TUA – MIRACOLI DI ORDINARIA AMMINISTRAZIONE A SAN PAOLO DI PRATO in fondo a Via Donizetti

A Prato succede anche questo! Tre giovani, Niccolò Fiaschi, Daniele Leonetti e Pietro Battaglia aiutati dalle famiglie e da un appezzamento di terra (due ettari) – parte di un frutteto preesistente ma non accudito regolarmente di proprietà dei nonni di Niccolò – lo hanno adibito ad orto.
Ieri pomeriggio abbiamo festeggiato questo avvio di impresa! C’erano tantissimi giovani allegri e pieni di energie positive, determinati nei loro obiettivi. Ottimi, eccellenti, gli assaggi proposti.
Chi legge dal pieghevole riportato in cima ed in fondo a questo post può mettersi in contatto per informazioni notizie precisazioni.

001

anticipazione di un evento – TERZO INCONTRO del DOMINO LETTERARIO – I VETRI SUI MURI di Fabio Panerai MERCOLEDI’ 29 APRILE – circolo arci san paolo via cilea 3 Prato – UN’INIZIATIVA DI ADSP – CIRCOLO DELLE IDEE

cop

anticipazione di un evento – TERZO INCONTRO del DOMINO LETTERARIO – I VETRI SUI MURI di Fabio Panerai MERCOLEDI’ 29 APRILE – circolo arci san paolo via cilea 3 Prato – UN’INIZIATIVA DI ADSP – CIRCOLO DELLE IDEE

Venerdì scorso (10 aprile) si è svolto l’incontro con Riccardo Cammelli, autore de “Tra i panni di rosso tinti – Appunti di storia pratese 1970-1992″ nell’ambito del DOMINO LETTERARIO organizzato da ADSP – CIRCOLO DELLE IDEE che agisce all’interno del Circolo ARCI San Paolo di via Cilea 3. Il libro edito da ATTUCCI Editrice è stato presentato da Giuseppe Maddaluno e Manuele Marigolli.
Sono state trattate storie della nostra gente, di carattere economico, urbanistico, politico. Si è voluto scorrere la parte di Storia che maggiormente ha riguardato il nostro territorio (le battaglie per un ambiente migliore, la presenza della comunità cinese) con uno sguardo anche alle problematiche che si riferiscono alla vicenda “Aeroporto di Peretola”. Il pubblico presente è intervenuto con passione.

Al termine dell’incontro come di consueto Riccardo Cammelli ha indicato libro ed autore che saranno presentati nel prossimo incontro che si svolgerà mercoledì 29 aprile p.v. sempre al Circolo ARCI San Paolo di via Cilea 3 ore 21.00. Il libro è “I vetri sui muri” di Fabio Panerai edito da Sarnus.

Gli organizzatori stanno verificando la possibilità di costruire un’Appendice al “DOMINO” per consentire la presentazione di altri autori ed altre opere.