Archivi categoria: ARTE

…eppur si muove!

…eppur si muove!

Sono ritornato dalle vacanze con un po’ di stanchezza. Indubbiamente, non sono state le solite vacanze ma semplicemente una sorta di trasloco temporaneo tra quella che è la casa della nostra famiglia e quella dei nostri genitori. Chi ha seguito le mie “chiacchiere” a ruota libera dal buen retiro flegreo sa che abbiamo vissuto una quotidianità anche colta ma lontana dall’agone politico che invece ho ritrovato tornando a casa. A Prato. E così con la giusta e necessaria lentezza stiamo costruendo “Prato in Comune”, ispirata con desiderio di distinguersene, alle Città in Comune già avviate. Dopo l’avvio del 6 ottobre stanno per partire alcuni Gruppi di lavoro. Avranno una caratteristica “aperta” di ascolto. Solo una breve introduzione e poi attraverso la richiesta di partenza ciascuno è invitato a portare un contributo di idee. Lo slogan potrebbe essere “Sei invitata/o a partecipare non (solo) per ascoltare ma (soprattutto) per analizzare e proporre”.
Non sono previsti sproloqui; sono utili e sufficienti anche gli stimoli. I Gruppi di lavoro cominceranno il loro percorso per enucleare un programma amministrativo alternativo di Sinistra. Di tanto in tanto poi si svolgeranno momenti assembleari per compattare le idee espresse attraverso i tavoli di Lavoro.
Questi sono i temi. Non troverete la “summa” di ogni argomento. Ve ne sono alcuni essenzialmente trasversali, come ad esempio il classico riferimento ai “giovani”.

42633996_316338749152813_8574620121601933312_n

1)Intercultura. Accoglienza, inclusione. Nuova cittadinanza. Giustizia sociale: si riunisce martedì 23 ottobre ore 21 al circolo di Cafaggio – Via del Ferro Referente Tommaso Chiti 3334671628

2) Sanità pubblica e sociale. Casa e nuove povertà. Verrà comunicato a brevissimo quando e dove sarà convocato.

3) Modello di città. Urbanistica. Piani operativi. Ambiente. Servizi locali. Mobilità sostenibile. Si riunisce venerdì 26 ottobre ore 21 presso il circolo arci di Viaccia – referente: Leonardo Becheri 3332450963

4) Lavoro. Sistema produttivo. Si riunisce mercoledì 24 ottobre ore 21 presso il circolo Arci di San Giusto – Piazza Gelli – referente Andrea Martinelli 3392277903

5) Cultura. Formazione continua. Scuola. Sport. Verrà comunicato a brevissimo quando e dove sarà convocato.

6) Decentramento e Democrazia partecipata. Patti di collaborazione. – si riunisce mercoledì 26 ottobre ore 21 presso il circolo Arci di San Paolo, Via Cilea – Referente: Giuseppe Maddaluno 3465259722

J.M.

2487,0,1,0,369,256,304,1,0,104,48,0,0,100,0,1968,1968,2177,496024
2487,0,1,0,369,256,304,1,0,104,48,0,0,100,0,1968,1968,2177,496024

PRATO IN COMUNE – prove di dialogo (intorno ad un caso recente)

2487,0,1,0,307,256,463,2,2,189,52,0,0,100,0,1969,1968,2177,594989
2487,0,1,0,307,256,463,2,2,189,52,0,0,100,0,1969,1968,2177,594989

PRATO IN COMUNE – prove di dialogo (intorno ad un caso recente)

“No, non sono per niente d’accordo!” Roberto è stato assertivo in modo netto.
Eppure, avevo bisogno di portare un esempio per poter poi ulteriormente confermare ed affermare la necessità di una visione diversa da quella prettamente ideologica rispetto alle multiformi realtà. Il “punto di vista” che non rinnega la validità dei valori collegati alla libertà, alla richiesta di giustizia sociale connessa al bisogno sempre più impellente di raggiungere l’eguaglianza tra le diverse classi. “Est modus in rebus” con cui affrontare non necessariamente in modo moderato ed ambiguo, a dirla tout court “riformista”, le diverse questioni. Ribadisco dunque che non si riuscirebbe a fare un solo passo in avanti senza mettersi a disposizione dialettica non pregiudiziale nei confronti di coloro che a prima vista appaiono nostri avversari. Bisognerebbe convincersi che alcune persone ed alcuni eventi tra quelle e quelli che incontriamo potrebbero essere utili a comprendere meglio la realtà che vogliamo trasformare e non è detto che non si riesca a trovare delle ragioni che suffraghino pienamente la realizzazione dei valori in cui crediamo. C’è una modalità integralista che chiude completamente a saracinesca le porte del dialogo e finisce per non essere utile al progresso: d’altronde, si può essere ancora più convinti delle “proprie ragioni” dopo un dialogo, dopo l’approfondimento delle “ragioni degli altri”. Certamente da soli o in piccola compagnia ci si sente sicuri e protetti, ed è infinitamente più comodo! Diversamente c’è da faticare, utilizzando il cervello in modo aperto e senza condizionamenti. E, dopo questo preambolo, scendiamo nello specifico: non ho condiviso la posizione di una parte della Sinistra e dei Giovani Democratici in relazione alla scelta che il Consiglio d’Istituto della scuola “San Niccolò” ha approvato all’inizio di questo anno scolastico concernente il divieto di utilizzare a scuola la lingua cinese da parte dei bambini e ragazzi di quella nazionalità.
Di primo acchito anche a me è apparsa una scelta antilibertaria ed ho condiviso l’opinione di chi la osteggiava anche se nelle affermazioni di chi la proponeva ed in quella di chi la combatteva trovavo da subito delle profonde verità. Perchè – mi sono chiesto – non incrociarle? Immagino che siano queste le modalità che attengono ad educatori e politici nel tentativo di migliorare il nostro mondo. La contrapposizione non rende facile l’esistenza e crea altri muri.
La scelta della scuola “San Niccolò” è indubbiamente quella di chi ha un ruolo specifico nel campo dell’educazione; tocca al “politico” andare oltre ma per “procedere” bisogna parlarsi; altrimenti ciascuno rimane nella convinzione delle “proprie ragioni”.

Joshua Madalon

2487,0,1,0,361,256,343,2,2,171,53,0,0,100,0,1968,1968,2177,387614
2487,0,1,0,361,256,343,2,2,171,53,0,0,100,0,1968,1968,2177,387614

PASSEGGIATE FLEGREE DI META’ SETTEMBRE 2018 – ‘o Valione

 

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,209,57,1,0,100,0,1970,1968,2177,268587
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,209,57,1,0,100,0,1970,1968,2177,268587

PASSEGGIATE FLEGREE DI META’ SETTEMBRE 2018 – ‘o Valione

L’impatto è devastante; il Valione è uno dei luoghi dove Mary ed io andiamo frequentemente. Ci sono molti motivi che ci spingono a farlo. Nei prossimi post ne parleremo. Tornando in questi luoghi nel settembre 2018 dopo una mia breve assenza da Pozzuoli abbiamo visto che non è accessibile più “per lavori”. E ci siamo chiesti: Qual è il Piano alternativo per la fruizione anche parziale dello spazio detto “O Valione” da parte dell’Amministrazione comunale di Pozzuoli ora che stanno per partire i lavori di risistemazione di quella parte? Come sarà possibile accedere alla Chiesetta della Madonna Assunta ed al Laboratorio Vallozzi? E come si pensa di rendere meno complicata la vita dei pescatori che avevano accesso per trasportare tutto ciò che era necessario per il loro lavoro?

Non penso di potermi ergere a loro interesse e difesa, non ne ho il diritto né le competenze. Ma ho la sensazione che tutto sia stato ordinato senza concordare preventivamente le soluzioni. Da un giorno all’altro sono state sistemate delle  alte recinzioni che hanno delimitato il perimetro della darsena e  ne hanno limitato l’accesso.

 

 

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,147,48,0,0,100,0,1968,1968,2177,768781
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,147,48,0,0,100,0,1968,1968,2177,768781

Abbiamo incontrato qualche giorno fa Antimo Vallozzi, l’ultimo rappresentante di una famiglia di Maestri d’ascia, davanti al suo Laboratorio; aria stanca che tuttavia sparisce quando lo si coinvolge nel racconto di quello che è stato il suo lavoro. Ha davanti a sé un modellino di nave: è del nipote e lo sta restaurando.      Ci parla anche delle caratteristiche della barca “puzzulana” (di Pozzuoli)  della cui costruzione è specializzato tecnico e descrive la differenza tra questa e quella “sorrentina”. . Ci racconta del progetto “ultima barca” preparato da alcuni anni e mai avviato a causa di vari eventi e condizioni sfavorevoli. Ne volevano fare un documentario che seguisse le varie fasi; poi sono morti un fratello ed uno degli organizzatori locali ed il documentario è stato realizzato solo in parte attraverso interviste e documentazioni  (“Una città in barca” è il lavoro di Dario Antonioli del 2014 contornato ancora da un lieve ottimismo relativo al futuro)  ma l’ultima barca non è stata costruita.      Antimo Vallozzi rammaricato ci dice che tutta la legna che doveva servire per quel progetto è accatastata là dentro il casotto e non ha più né la forza né la voglia di metterci  mano:  avverte la stanchezza e la solitudine. Tra l’altro l’Associazione che avrebbe dovuto sovraintendere a quel lavoro “si è sfasciata” come una vecchia barca. Inoltre denuncia gli atti di vandalismo subiti e lo scarso rispetto che i giovani hanno per quel luogo, utilizzato spesso come bivacco notturno dove ubriacarsi e far trascorrere “allegramente” la serata. Antimo Vallozzi è forse anche disilluso dalla trascuratezza vissuta anche umiliazione da parte delle istituzioni che non sono state in grado di valorizzare le sue competenze aiutando a trasmetterle a nuove generazioni. Vita difficile e grama, con scarsi risultati economici ma vita sana certamente e aiutata da interventi pubblici e privati di sostegno culturale a questa attività. Ma purtroppo non c’è la giusta sensibilità verso il passato tale da poter traghettare al futuro la conoscenza tecnica di quel mestiere.

Ci siamo andati insieme a nostra figlia Lavinia, curiosa osservatrice degli aspetti sociologici ed antropologici della terra di origine dei suoi genitori. Ci siamo arrivati dopo un sopralluogo alla ricerca dei ricordi, così come qualche giorno prima ci eravamo andati, Mary ed io.

“Ah, mastu Peppe era proprio nu scassacazzo! T’’o ricuorde?” e chi era Mastu Peppe? La prossima volta ne parleremo.

 

 

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,164,49,0,0,100,78,2247,2244,2281,119306
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,164,49,0,0,100,78,2247,2244,2281,119306

DA GIOVANE: LA SENSIBILITÀ AMBIENTALISTA, STORICA E CULTURALE – SETTIMA PARTE – 3

giacinto-gigante-capo-miseno-e-golfo-di-pozzuoli

DA GIOVANE: LA SENSIBILITÀ AMBIENTALISTA, STORICA E CULTURALE – SETTIMA PARTE – 3

Mi ero ripromesso di pubblicare su questo mio Blog il testo di un mio libretto preparato in occasione dei 2500 anni dalla fondazione di Dicearchia, nome greco della mia città di provenienza, cioè Puteoli – nome romano – Pozzuoli. Avevo da tempo questa intenzione. Ora, in coda alla mia presenza estiva su questi luoghi della mia infanzia adolescenza e giovinezza, mi appresto a pubblicarlo. Può apparire datato; tuttavia, le problematiche antropologiche e sociali sono peggiorate o perlomeno poco è cambiato, a volte tuttavia in peggio. La mia non è una critica senza dolore; nell’intenzione del giovane che ero esisteva la volontà di un cambiamento in meglio. Tuttavia ritorno alla mia terra e non rilevo miglioramenti nella sua cura. Anche i tanti interventi prodotti potenzialmente  positivi subiscono il degrado antropologico ormai strutturale.

So bene che gli amministratori sono dotati di una volontà propositiva  eccellente; pur tuttavia non riescono per motivi che mi sfuggono a superare le numerose difficoltà che incontrano ed anche alcuni interventi  che avrebbero dovuto e potuto produrre effetti positivi  sono stati poi negletti e disattesi come ad esempio lo spazio antistante l’uscita dal tunnel del tram chiamato Piazza Rione Terra, nel quale peraltro si celebrava la Storia della città, la mia, di Pozzuoli.

Sul mio Blog dall’inizio ho parlato del mio ritorno in questi luoghi che mi hanno visto crescere. Non ho mai accettato di ricevere rimproveri per essermene allontanato che tendevano a ribaltare su coloro che da qui sono partiti la responsabilità del degrado che se non è peggiorato – come io credo –  è di certo rimasto ai livelli precedenti. Non sarei stato in grado di cambiare e forse sarei rimasto invischiato in quei meccanismi antropologici che io critico o mi sarei isolato come è accaduto a qualcuno dei miei amici antichi. Quindi non ho  volontà specifiche  sanzionatorie nei confronti di chi ha amministrato ed amministra e di quella “intellighentia” alla quale avrei potuto essere affiliato.

Dal libretto possiamo comprendere l’entusiasmo di un neofita: nel 1971 avevo 24 anni e la volontà di produrre un cambiamento. Sono andato via da questa città poco dopo per lavoro e quando ne avevo la possibilità non sono ritornato. Non avrei potuto cambiare nulla; ma il mio sguardo mitteleuropeo l’ho potuto costruire rimanendo tra l’Alto Veneto e l’Alta Toscana. Non sono pentito di averlo fatto.

 

PASSEGGIATA NEI CAMPI FLEGREI novembre 1971

Prendendo il treno della Metropolitana e andando verso Napoli c’è, prima di entrare nel tunnel, un rapido scorcio panoramico di rara bellezza. Ma non viene notato. Immaginiamo allora di essere dei viaggiatori cui questa terra è sconosciuta e sentiremo, a vederla, un certo brivido. E’ proprio vero, bisogna per un attimo trasformarsi  per godere a pieno di un simile spettacolo.

Per il turista che invece arriva da Napoli per la Domitiana (leggi “Domiziana”), i Campi Flegrei si presentano dapprima con la conca cratere di Agnano una volta sede di un lago e di una vegetazione ed ora di industrie e cemento. Il verde si assottiglia.

Poco più avanti l’Accademia Aeronautica, da un belvedere, si può godere lo stupendo panorama del Golfo di Pozzuoli e delle isole dell’Arcipelago napoletano: Capri (a sinistra), Procida a destra e, dietro di questa, Ischia.

….fine parte 3…..   continua

Joshua Madalon

 

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,194,53,0,0,100,0,1975,1968,2177,600447
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,194,53,0,0,100,0,1975,1968,2177,600447

PASSEGGIATE FLEGREE – settembre 2018

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,189,53,0,0,100,0,1975,1968,2177,790413
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,189,53,0,0,100,0,1975,1968,2177,790413

 

PASSEGGIATE FLEGREE – settembre 2018

“Mi scusi, saprebbe indicarci una Farmacia? La ragazza è stata punta da un’ape” ci eravamo rivolti al vigile urbano che presidiava la struttura comunale che avevamo incrociato lungo la strada principale che da Acquamorta portava verso la piazza di Monte di Procida. Quella mattina avevamo deciso di fare due passi lungo un breve tratto di mare ed avevamo scelto di utilizzare quello che si distende a destra del molo. Avevamo parcheggiato sullo sterrato antistante il parco marino di Torrefumo e poi a piedi, attraversando il porto dei pescatori, tutti intenti a ripulire le reti, per la goduria di alcuni gabbiani espressa con stridolini irripetibili, siamo ritornati indietro verso il molo. E così mentre mia moglie e Lavi passeggiavano lungo la battigia scattavo foto sullo splendido autunno. La spiaggia di Acquamorta non è baciata dal sole per larga parte della mattinata e rende il paesaggio di fronte nel contrasto molto più luminoso: l’isolotto di San Martino luogo di scorribande giovanili dei tempi andati mi ricorda la tragedia di Genova con il suo pontile interrotto e mai più ricostruito. Dall’altra parte l’isola di Ischia si eleva sovrastando la piccola Procida che appare ad un tiro di schioppo: in mattinata c’è sempre un vaporetto che collega Acuamorta con Procida ad un prezzo più che vantaggioso rispetto a quanto costa partire da Pozzuoli e molti, facendo un po’ di conti lo utilizzano d’estate, mentre nel resto dell’anno è utile agli studenti del Nautico.

Fotografo anche quel che resta delle caverne ricavate nel costone tufaceo per riparare le barche dei pescatori negli anni in cui non c’era il bel porto costruito da qualche decennio, ma molto recente rispetto al tempo dei miei ricordi.

Senza molte storie “Lavi è stata punta da un’ape sotto il piede” mi dice Mary. Le vedo far ritorno e pregusto una passeggiata anche a Torrefumo, ma il benvenuto di questa terra è un po’ più amaro anche se risolvibile con un goccio di ammoniaca.  “Chiediamo a quei signori che sono là sotto quelle panchine” gli anziani pescatori presidiano il territorio. “Mia figlia è stata punta da un’ape. Avete dell’ammoniaca?” ci guardano molto perplessi e poi “Ma siete proprio sicure? Non è che si tratta di una tracina?” “Guardate che abbiamo visto anche l’ape divincolarsi morente dopo aver punto il piede!” ma intanto si è compreso che non c’è nulla che possa servire al caso: il punto colpito comincia a gonfiarsi e allora si procede salutando cortesemente. Andiamo verso la scogliera a lavare bene il piede pieno di sabbia. “Aspettate qua” dico e vado a riprendere l’auto.

“Ci fermeremo in Farmacia” e così procediamo sui tornanti verso la piazza. “C’è un vigile” dice Mary “chiediamo a lui dove sia la Farmacia”.

Ci accostiamo. All’apertura del finestrino il vigile fa il suo saluto militare ponendosi a disposizione. Ascolta “Ma sì, intanto perché non prendete quattro o cinque erbe diverse, tra quelle naturali che crescono nei cespugli e le passate sulla parte punta?”  “ Grazie, sì. Ora che passiamo da Monte Grillo ci si ferma”. “Ma aspettate” ci dice e poi attraversa la strada che intanto, essendo abbastanza stretta, si è affollata di auto in transito e di un autobus che fatica a muoversi in quella contingente difficoltà creata dalla nostra sosta non del tutto corretta. Sparisce, il vigile, dietro alcune recinzioni e riappare dopo alcuni minuti con un pugno di erbe. Ringraziamo e, mentre nostra figlia si stropiccia sotto il piede quell’impacco naturale, riparto verso casa. Anche se sorridiamo, in fondo quei rimedi naturali sono davvero portentosi. A casa poi l’ammoniaca farà il resto. Per oggi la nostra vacanza è accompagnata dal piacevole incontro del vigile cortese.

Joshua Madalon

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,195,50,0,0,100,72,2241,2225,2258,37858
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,195,50,0,0,100,72,2241,2225,2258,37858

ANTIFASCISMO senza ipocrisie

Prato

ANTIFASCISMO senza ipocrisie

Mi chiedo a cosa sia servito portare in Commissione, credo la prima, e poi in aula del Consiglio comunale di Prato un Ordine del giorno per chiedere l’applicazione di leggi dello Stato in materia di concessioni di spazi e di manifestazioni a coloro che a titolo personale o collettivo nei fatti si richiamano ad ideologie nazifasciste e anticostituzionali. La soluzione di affidare ad una dichiarazione, che nella pratica risulterebbe mendace e dunque passibile penalmente, di rispetto della Costituzione italiana è un escamotage che non può che essere considerato un appoggio esplicito a che queste persone possano manifestare impunemente la loro ideologia intrisa di violenza verbale e fisica.

Questo è avvenuto lo scorso anno più o meno in questo periodo. Ne ho scritto in modo indiretto attraverso una narrazione solo in parte inventata quasi a ridosso dell’evento. Ieri ho ripubblicato il racconto ispirato a quella vicenda.

Personalmente sono molto colpito dall’inazione del Comune e delle autorità preposte, che mostrano un atteggiamento quasi curiale da semplici travet dello Stato. E’ inammissibile che si esalti per giunta con gesti e grida minacciose la storia di un passato intriso di sangue e di sopraffazioni antidemocratiche, prefigurando la possibilità di un balzo all’indietro del tempo. Non si tratta di limitazione delle libertà ma di una difesa di queste di fronte ad una prospettiva molto diversa.

Ho pertanto aderito con la mia Associazione di Cultura Politica e Democratica “Dicearchia 2008” alla stesura del documento che è stato inviato alla Stampa. Lo ripropongo qui di seguito

 

Comunicato stampa

Ieri rigurgiti fascisti in piazza delle Carceri. SI, PAP, PRC, CGIL Prato e numerose associazioni: “perché le istituzioni hanno autorizzato il presidio ? Le forze politiche “democratiche” ne prendano le distanze o si dimostreranno quantomeno impotenti davanti a  questi infausti rigurgiti”

Prato, 10 settembre. Esprimiamo stupore e forte disappunto per la concessione dell’autorizzazione concessa a un presidio ieri in piazza delle Carceri che ha fatto sfoggio, nelle motivazioni e nello svolgimento,  di evidente apologia del fascismo (e dei fascisti) “sfregiando” con tutto ciò non solo la storia di una città come la nostra medaglia d’argento per la resistenza, ma – specificamente – anche la memoria delle deportazioni che proprio una targa ricorda in quel luogo. Perché le istituzioni – Comune, prefettura, questura ecc – hanno concesso l’autorizzazione o comunque non si sono opposte? L’amministrazione non aveva disposto la non concessione degli spazi a chi non avesse fatto pubblica dichiarazione di riconoscersi nei valori anti fascisti?

Chiediamo che le forze politiche prendano pubblicamente le distanze da tutto questo e condannino l’accaduto. E non lo facciamo solo per il rispetto dei drammi del passato, ma anche per il presente e soprattutto per il futuro. Per due motivi: il clima che si sta registrando nel paese è di montante razzismo e xenofobia, e  richiede non solo dichiarazioni di facciata e mobilitazioni mediatiche, ma anche una ferma condanna diffusa sui territori e in tutte le città. Il secondo motivo, strettamente legato al primo, è che non vorremmo che questo silenzio – e queste autorizzazioni – fossero dovute ad un bieco calcolo politico: quello di far rialzar la testa a simili rigurgiti per poi passare all’incasso con appelli al fronti unici in vista di appuntamenti elettorali prossimi. Sarebbe ignobile, sull’anti fascismo (e anti razzismo) non si gioca! Noi continueremo – così come abbiamo fatto con la partecipazione al presidio organizzato da ANPI venerdì scorso proprio in Piazza delle Carceri e contestando poi l’appuntamento – ad opporci in ogni modo a tutto questo, appunto per il presente e per il futuro. La politica, e diremmo la città tutta (se si escludono appunto rari casi registrati) esca da un silenzio che su questi temi – al di là delle volontà – non è mai neutro e rischia di farsi complice. La condanna delle leggi razziali e poi il silenzio e l’autorizzazione di tutto questo sono fatti che stridono, non vorremmo pensare che essa sia stata – a livello nazionale – una condanna di circostanza. E’ arrivato il momento – anche a Prato – per autorità e forze politiche, di dimostrarlo.

CGIL Prato

Sinistra Italiana Prato

Potere al Popolo Prato

Rifondazione Comunista Prato

Associazione Dicearchia 2008 Prato

Associazione Le Mafalde Prato

Left Lab Prato

MeltinPo

https://www.facebook.com/106708932732379/videos/695449714145001/

A seguito di questa presa di posizione rivolta a tutte le forze politiche costituzionali sorprende la dichiarazione attraverso Facebook  del segretario del Partito Democratico di Prato, Gabriele Bosi. In essa rilevo una profonda incapacità a venir fuori dalla palude creata intorno al suo Partito da una leadership arrogante e presuntuosa incapace di poter rappresentare la maggioranza dei propri cittadini. Forse se avesse letto a fondo il documento avrebbe compreso che all’Amministrazione comunale si addebitava la responsabilità di trasmettere alle altre Istituzioni il dettato dell’Ordine del giorno di cui parlo sopra,  la cui validità non è soltanto data dall’approvazione di un Ordine del giorno (vedi sopra) a larghissima maggioranza ma anche dal riferirsi alle leggi dello Stato ed agli articoli della Costituzione italiana. A tutta evidenza non c’è stato il necessario collegamento tra le varie Istituzioni, ben diversamente da altre occasioni (ma la storia settembrina pratese dovreste conoscerla meglio di alcuni di noi, o no?) e la maggiore responsabilità di questo “disguido” è del Comune. Forse si sta chiedendo, Gabriele Bosi, come mai alcune forze politiche e sindacali ed alcune Associazioni non abbiano sentito il PD come proprio alleato, pur non disconoscendone l’appartenenza all’antifascismo? E’ molto probabile che tutto ciò accada per la preoccupazione che un’operazione comune venga interpretata, con le dovute mistificazioni, come un preambolo ad accordi politici, che non sono a vista, soprattutto a causa di una non volontà di riconoscere le ragioni profonde del recente disastro elettorale, che è allo stesso tempo culturale e politico.

Ecco il testo della breve

 

 

Dichiarazione di Bosi

A me sinceramente dispiace che dopo il presidio di 23 neofascisti in Piazza delle Carceri una serie di associazioni e partiti abbia come prima cosa attaccato l’Amministrazione comunale per aver concesso loro il permesso.
L’Amministrazione comunale non ha concesso nessuna autorizzazione, come si sarebbe potuto appurare facendo magari un paio di telefonate.
Ricordo a tutti che questo Sindaco ha ricevuto recentemente minacce esplicite accompagnate da simboli neofascisti. 
Forse sarebbe il caso di fare fronte comune su queste cose, invece di dividersi tra antifascisti.

 

++

Ipocrisia o ignoranza? Il Segretario Bosi forse non sa che già il 6 settembre, in vista della parata di Casa Pound, era stato inviato alle tre Istituzioni – Comune, Prefettura e Questura – dall’ANPI un esposto per chiedere l’annullamento di quella manifestazione, offensiva della memoria della deportazione.

Le forze politiche, sindacali e antifasciste  hanno  espresso la loro solidarietà agli atti minacciosi ricevuti dal Sindaco ed il segretario Bosi non può ricordarlo a noi; sia egli a ricordarselo!

Richiamarsi ai valori comuni degli antifascisti, va ribadito, non appartiene ad una sola parte. Coloro che hanno protestato, non solo in questa occasione, hanno avvertito il silenzio e l’incuria delle Istituzioni, e lo hanno denunciato.

 

Joshua Madalon

41474515_298926690909452_8468103223264149504_n

IL TEMPO NON TORNA PIU’ La corda, usurata, si rompe! Sappiatelo

 

 

 

IL TEMPO NON TORNA PIU’

 

La corda, usurata,  si rompe! Sappiatelo

Se corro con la mente indietro nel tempo, trovo sempre più il senso della sofferenza che alcuni di noi hanno patito nella partecipazione ricca di ideali e passione alla vita politica.

La saggezza degli anziani mi aveva accompagnato nel corso degli anni giovanili, consigliandomi di non occuparmi di Politica, ma “giovane” e ribelle come si addice all’età dei quindici-venti anni non potevo sottrarmi all’impegno per combattere le ingiustizie e soprattutto le differenze di classe.

Ho raccontato tante parti di me, non – come suppone un mio attuale detrattore – per vanità, per segnare il passaggio dei nostri giorni ad una fase rigenerativa, superate le secche delle delusioni.

Basta seguire questo Blog e leggerne alcuni post dal 2014 ad oggi, anche se costerà fatica a chi volesse aderire a questo invito, per capire le fasi delle delusioni e quelle delle battaglie culturali e politiche.

Non sono stato uomo di rotture decise, ho sempre privilegiato passaggi soft, anche se come nel caso della mia esperienza consiliare in Comune “sbattendo la porta” (così dissero alcuni giornalisti) ma transitando temporaneamente in Gruppo misto indipendente.

Ci fu poi il mio periodo con l’Asinello attratto da Prodi e da Landini Goffredo. I Democratici prodiani poi si accostarono al Partito Popolare, ex DC che aveva formato poi la Margherita. Per me la scelta non poteva prendere quella strada: altri lo fecero. Ma le differenze erano notevoli tra il mio ed il loro pensiero e, così, all’insegna di un nuovo passaggio soft, entrai nei Democratici di Sinistra, visto che nel frattempo il PDS era stato già superato.

Intanto veniva avanti una nuova idea, tutto sommato accattivante, pensando alla possibilità di smantellare metodi e pratiche politiche. Illusione ovviamente di un giovane cinquantenne. Il nuovo soggetto mi vide in una prima fila, a seguire dapprima le giravolte di un gruppo che si era costituito intorno all’avvocato Rocca per poi decidere, di fronte alle ambiguità ed alle indecisioni di questa prima esperienza, di costituire ufficialmente il Comitato per il PD insieme alla carissima amica Tina Santini.

Quel periodo ha evidenziato in modo palese le ragioni per cui l’attuale PD sta fortunatamente correndo verso la sua autodistruzione.

Insieme ad altre persone stiamo lavorando per mettere in piedi un nuovo soggetto plurale che rappresenti le idee della Sinistra a sostegno delle fasce più deboli della popolazione. Sarà un’impresa; ma vale la pena provare.             Mi aiuta padre Dante Inferno canto XXVI vv.114-116   “…a questa tanto picciola vigilia / de’ nostri sensi ch’è del rimanente / non vogliate negar l’esperienza….”

 

Non possiamo sottrarci: non mi rimane molto da vivere, anche se mi auguro che avvenga più tardi possibile, ma non è umano pensare di avere “tutto” il tempo a propria disposizione. Bisogna dunque mettere tutta la nostra forza in gioco.

 

J.M.

AGOSTO FLEGREO 2018 – 5

 

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,197,53,0,0,100,0,1968,1968,2177,511554
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,197,53,0,0,100,0,1968,1968,2177,511554

AGOSTO FLEGREO 2018 – 5

Di fronte al Monumento ai caduti c’è la sede dell’Ufficio Turistico.  Avevo avuto modo di fotografarlo mentre, nell’approssimarsi della stagione estiva a giugno era tristemente “chiuso” con l’indicazione che “erano finiti i fondi”.  Segno anche questo dell’indolenza fatalistica di questo popolo che pure mi appartiene; dell’incapacità a progettare di cui già accenno altrove. Era aperto ma allo stesso tempo chiuso; ho picchiato lievemente le nocche sul vetro ed una gentile signorina è venuta ad aprire. Quasi certamente incolpevole e succube di un destino, non ho argomentato in merito al suo futuro, limitando la richiesta ad un paio di riviste qualitativamente di buon livello, “My Country”. Fossi un visitatore inglese qualsiasi della classe operaia sarei compiaciuto; se però fossi un inglese colto mi porrei più di un quesito in merito alla necessità di intitolare una rivista che parli del tuo paese italiano, intitolandola “My Country”. La nostra è una lingua storicamente importante, al di là della sua diffusione universale.

Abbiamo ritirato le riviste e salutato. Procedendo a ridosso del rione Poerio ristrutturato in modo egregio utilizzando le forme mosse preesistenti, siamo passati davanti alla composizione maiolicata di un trittico che rappresenta  a sinistra di chi guarda la Vergine del Rosario con il Bambino supplicata da San Vincenzo Ferrer e dalle anime dell’Inferno; da notare anche il simbolo dei Domenicani, un cane con in bocca una fiaccola accesa. Al centro poi la Crocifissione con personaggi contemporanei alla realizzazione del trittico adoranti. A destra di chi osserva poi l’Apoteosi di San Vincenzo che sovrasta una delineazione di come doveva essere la città di Pozzuoli a metà Ottocento, età in cui il trittico fu realizzato. E’ una delle opere artistiche più importanti della Pozzuoli moderna ancor più per il fatto che sia godibile pubblicamente.

 

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,158,51,0,0,100,0,1971,1968,2177,83897
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,158,51,0,0,100,0,1971,1968,2177,83897

La Chiesa ha una sua grazia naturale anche per la sua collocazione e per quella della canonica la cui struttura scenografica interna ed esterna sospinge verso il mare. Credo che il mio amico Giuseppe Gaudino puteolano e cultore a suo modo “artistico” della storia locale ne abbia tratta ispirazione per uno dei suoi ultimi film, “Per amor vostro”, in quelle inquadrature oniriche che spingono oltre balconi e finestre. Ai visitatori chiedo di non limitarsi alla visita della Chiesa ma di procedere a sinistra percorrendo qualche ansa della canonica fino ad affacciarsi sul lungomare che si trova a destra dello scheletro orrendo dell’ex “Vicienzo a mmare”.

 

Noi avveduti infatti procedemmo in tale direzione ed un gentilissimo sagrestano anziano ci tenne compagnia senza negare dettagli storici ed archeologici conditi da inserti antropologici, tutti insieme abbastanza inesatti ma appassionati.

 

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,210,52,0,0,100,0,1968,1968,2177,72213
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,210,52,0,0,100,0,1968,1968,2177,72213

Dalla terrazza il panorama è magnifico ad eccezione dei ruderi contemporanei dell’ex ristorante “Vicienzo a mmare”. In effetti, purtroppo non si tratta proprio delle vestigia di quel locale ma di un fabbricato in cemento armato orribile nella sua incompiutezza ed abbandono, ricettacolo per decenni di monnezza varia e di tossici alla ricerca di una copertura per spaccio e consumo. Punto dolente è tuttavia anche  la vista di un percorso alberato oramai già consumato in gran parte,  che divide il terrapieno dove si trova la Chiesa e le abitazioni del rione Poerio dalla scogliera. Ai tempi dell’inaugurazione era uno dei fiori all’occhiello della Giunta comunale. Ora ci si va per lamentarsi o, in linea di massima, per accontentarsi. Dopo tutto, è la rassegnazione la peggior disgrazia che colpisce questa parte di mondo.

 

J.M.

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,206,49,0,0,100,0,1968,1968,2177,216540
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,206,49,0,0,100,0,1968,1968,2177,216540

a grande richiesta!!! per intero PASSEGGIATE FLEGREE – giugno 2018

 

 

 

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,207,52,0,0,100,0,1969,1968,2177,687452
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,207,52,0,0,100,0,1969,1968,2177,687452

 

a grande richiesta!!!

 

PASSEGGIATE FLEGREE – giugno 2018

 

“Fru fru!  Frufruuuu!” la donnina attempata ma dalla figura eretta vagava sulla strada assolata del primo pomeriggio caldo di giugno. Il selciato era sconnesso e la via,  ingombra di auto parcheggiate, polverosa anche per i lavori di rifacimento di alcune facciate rovinate dal tempo e dal vento ricco di salsedine.

Stavamo facendo ritorno da una lunghissima “passeggiata”. Contando sulle nostre forze espresse nei percorsi pedonali   sulle ciclabili lungo il fiume Bisenzio non avevamo temuto di intraprendere il nostro viaggio urbano sulle pendici che dalla Solfatara portano verso il mare. Spesso ci dicevamo che camminavamo poco e che, alla nostra età, avevamo bisogno di farlo quotidianamente: d’inverno era  più difficile uscire a passeggiare mentre tirava vento, con il  freddo e la  pioggia; in primavera ed in estate dovevamo recuperare.

Avevamo preso la strada più diritta che dal Parco Bognar  portava verso le ex Palazzine, attraversando il tunnel della Ferrovia; era ancora fresca la mattina e spirava un leggero venticello, anche se il cielo era sgombro di nubi. La piazza che fino a pochi anni prima era sede di un mercato rionale allora era ingombra di auto. Avevamo deciso di andare al Cimitero per un saluto ai nostri cari. Davanti all’Ufficio Postale non c’era ancora la fila consueta, in fondo erano appena le otto e mezza del mattino. Rasentammo utilizzando il marciapiede sulla Domiziana il muro delle case Olivetti, costruite negli anni Sessanta per i dipendenti di quella grande fabbrica.                                                                                                                                                      Mura fatte di mattoni di tufo corrosi dal tempo. Erano là sin dall’inizio di quell’avventura: chissà da dove provenivano, non molto lontano da quel luogo certamente! Ma da quale cava tra quelle che, girando un’occhiata rapida  in giro per i Campi Flegrei riuscivate a scorgere, abbandonate, dopo l’intenso sfruttamento umano che per secoli hanno subìto, quelle pietre provenivano? Di fronte alle case Olivetti, là dove c’era la Scuola elementare che io avevo frequentato dopo la “primina” e che era stata una delle sedi dove Marietta aveva insegnato quando iniziavo a conoscerla, c’erano soltanto i maestosi ruderi di un complesso termale romano: tutta l’area trasudava  storia antica mal sopportata dai contemporanei che nel corso degli ultimi secoli ne hanno fatto strame. Era un miracolo puro che fosse rimasto intatto l’Anfiteatro Flavio, a pochi passi indietro da dove stavamo, mentre non aveva avuto altrettanta fortuna l’altro, il secondo, Anfiteatro, che segnalava – se ce ne fosse pur stato bisogno – l’importanza della Puteoli romana, porto imperiale precedente a quello di Ostia.  Di fronte alle case Olivetti accanto ai ruderi antichi ed ai ricordi nostalgici della mia infanzia e della nostra giovinezza notammo il perimetro difeso da filo spinato della Casa Circondariale Femminile, con il piccolo ingresso privato riservato alle suore, che avevano  il compito di portare sollievo “spirituale” alle povere donne carcerate, povere in genere anche se, per motivi molto diversi e lontani dalla “povertà” aveva avuto l’onore di frequentare quella realtà anche una delle più illustri figure artistiche internazionali di origine puteolana.

Arrivati alla Piazza dell’Annunziata, Piazza Francesco Capomazza, uno sguardo appena sollevato sulla nostra destra ci fece  scorgere il massiccio bastione del Palazzo Cosenza, che dominava tutta la scena. Là dietro c’era in disordine sparso una delle più grandi Necropoli romane visibili ma non visitabili, anche se per fortuna non del tutto distrutte dalla violenta inciviltà degli uomini. Noi proseguimmo.

Passando davanti alla Chiesa buttai lo sguardo all’ingresso come d’abitudine si fa con un luogo amico. Compresi che tanto tempo era trascorso da quando frequentavo quegli ambienti. Ma a quell’ora non si intravedeva alcun movimento, non sarebbe stato possibile.  Ci inoltrammo su via Luciano, la strada degli addii perché porta al Cimitero. Sulla sinistra cespugli incolti dietro un alto cancello nascondevano il vialetto di ingresso ad una Villa signorile, che apparteneva ad una famiglia che ebbi modo di conoscere da bambino, avendo ricevuto in quel luogo  lezioni private per la “primina” alla quale mi inviarono i miei genitori. Più in là da adolescente ho frequentato quei luoghi perché amico di Ludovico un mio coetaneo del quale ho perso le tracce da un mezzo secolo circa. La villa era interamente abbandonata, circondata da alberi alti e rovi pungenti, allo stesso modo con cui lo erano altre vestigia imperiali all’esterno di quella.

Camminammo lungo la strada tra abitazioni popolari fatiscenti e sorrette da travature di acciaio per difendere i passanti da un possibile crollo e manufatti ristrutturati, tra i quali quelli del complesso che appartiene alla Curia vescovile e che, prima del picco del bradisismo agli inizi degli anni ’80, ospitavano giovani orfani e bisognosi di sostegno economico per gli studi. Dagli anni Ottanta, poi, il “Villaggio del Fanciullo” aveva accolto tutto l’Archivio e la Biblioteca Diocesana. I suoi spazi moderni ed accoglienti vengono utilizzati per Convegni e Seminari non solo afferenti alla cultura cattolica. Poco prima del “Villaggio” c’era uno spazio semi verde che forniva l’idea dell’incuria e dell’abbandono: si trattava di un vallone incolto adibito ad attività artigianali.

Poco oltre sulla sinistra grazie ad un muro meno alto degli altri si apriva a noi uno splendido panorama sul Golfo di Pozzuoli.  Sollevando il nostro sguardo al di sopra del muretto  scorgemmo altri ruderi più corposi ed apparentemente meno trascurati. Si trattava dello Stadio Antonino Pio, una vera e propria rarità, il cui trattamento ci spingeva a maggiori preoccupazioni per il futuro rispetto delle “storie”: l’incuria verso il passato è segno di una inciviltà barbarica.

Era abbastanza presto; di prima estate in prossimità del solstizio i frequentatori del cimitero si riducono, soprattutto nei giorni infrasettimanali lavorativi. Avanzammo lentamente per rendere il nostro saluto ai parenti più stretti. C’era un grande ordine nei viali. Sostituimmo i fiori fradici rinsecchiti e scoloriti con nuovi e sgargianti oggetti floreali in plastica, non essendo consentito con la stagione calda il deposito di fiori freschi. Tra le tombe notammo che in qualche vasetto di nostra pertinenza  avevano sottratto – o erano magicamente spariti – ogni traccia di fiori. Pensammo anche ai colombi che imperversavano nelle aree protette da loggiati, accomodandosi sugli steli fogliosi a costruire una sorta di loro esclusivo nido. Non che quelle bestiole li avessero portati nel becco da una tomba all’altra, ma che li avessero fatti cascare e…raccogliere da qualche umano passante.

Muovendoci da una parte all’altra del luogo gettavo lo sguardo ad osservare cognomi e nomi e date, anche alla ricerca di visi da me conosciuti; per anni ero stato via e di alcuni avevo perso le tracce e non sempre i pochi amici rimasti mi informavano delle “storie” concluse.

Riprendemmo la strada del ritorno ripercorrendo quella dell’andata, mentre la giornata si faceva più calda ed afosa. Avevamo previsto di fermarci ad un supermarket adiacente al Cimitero ma riflettemmo sul fatto che una volta fatto acquisti  deperibili avremmo dovuto necessariamente far ritorno a casa, anche perché, appesantiti dalle borse colme di derrate non potevamo pensare di proseguire nel nostro primo pedonale vagabondaggio flegreo.

Arrivati alla piazza Francesco Capomazza, quella subito dopo la Chiesa della santissima Annunziata, la attraversammo per utilizzare la via Pergolesi, intitolata al grande musicista che poco più avanti concluse la sua vita terrena, a soli 26 anni, il 16 marzo del 1736.

Sulla destra, mentre si intravedeva il panorama del Golfo di Pozzuoli con un ampio sguardo sulle bellezze dei Campi Flegrei, un altro grande vallone abbandonato ma ricchissimo di vegetazione ci  rendeva  esplicito il lavorio intenso della natura con la sua grande bellezza. A sinistra una lunga fila di persone di età diversa si accalcava all’ingresso del carcere per fare visita ai propri congiunti, vivi.

Mentre dirigevo la telecamera sulla destra, evitavo con accortezza il lato sinistro; ma subito dopo lanciando lo sguardo verso l’alto non era possibile distoglierlo dalla lunga ed “appesa” scalinata che portava alla Chiesa di Sant’Antonio da Padova.  Eretta nel 1472 e dedicata congiuntamente a San Francesco d’Assisi andò distrutta per il cataclisma naturale del 1538, che aveva sconvolto tutta l’area. In quel luogo c’era  stato dunque anche  il Convento dei Cappuccini dove morì Giovan Battista Draghi detto Pergolesi, a causa della tubercolosi. Il giovane ormai affermato violinista sperava di poter guarire utilizzando l’aria salubre dei luoghi flegrei, ricchi di vapori e fanghi benefici; ma la sua salute era già stata compromessa da una serie di fattori genetici che avevano visto perire prematuramente gran parte della sua famiglia.

Proprio poco più giù scendendo c’era stato negli anni passati uno stabilimento termale, che nel tempo era stato abbandonato per incuria gestionale. Quando ero ragazzo frequentavo con assiduità  il Cinema che aveva occupato parte delle Terme, che dal suo antico proprietario aveva preso il nome, “Lopez”.

 

Da qualche anno sapevamo che, dopo la chiusura definitiva delle Terme e quella del Cinema, alcune anime imprenditoriali si erano attivate per recuperare  quella attività. Nel frattempo si erano progressivamente concluse le vicende di altri stabilimenti come quello detto de “La Salute” e poi le “Terme Puteolane”, entrambe sulla strada che porta a Bagnoli. Eravamo già passati di là alcuni mesi addietro, avendo intravisto un accenno di recupero del complesso,  incoraggiati anche da cartelli che pubblicizzavano attività turistiche. Eravamo entrati ed eravamo stati informati di una prossima ma non precisata riapertura.

Non speravamo, quindi, di avere risposte diverse e nuove, ma decidemmo di entrare nuovamente in quegli ambienti per sincerarcene. Con nostra sorpresa, dopo un breve percorso dall’ingresso si intravedeva  un salottino al piano inferiore molto lindo e curato. Non c’era nessuno a ricevere eventuali visitatori o curiosi importuni e scocciatori come potevamo essere noi; ma mentre scattavo qualche foto si era palesata una signora in palese tenuta da cameriera che, al nostro cenno di indicazioni, ci aveva invitati a procedere senza indugi o timidezze. Più avanti si sentivano delle voci dall’ inconfondibile slang locale e si procedette in quella direzione.

Girata la balaustra che affacciava sul salottino collegato ad ambienti che noi, per memoria, presupponevamo essere collegati alle vecchie terme ed ai locali di un Cinema che da giovani avevamo frequentato da artisti filodrammatici e e da spettatori molto attenti alle opera dei grandi registi europei ed americani, ci eravamo così diretti verso le “voci”.

Un ufficio dove sedevano tre persone, due donne giovani ed un signore attempato ma di un’eleganza professionale indubbia, mentre di spalle sulla soglia dell’ufficio un altro signore altrettanto elegante in piedi questionava intorno a temi probabilmente organizzativi.

Al nostro saluto doveroso, si girò verso di noi; e fu allora che lo riconobbi. Quando ero all’Università, lo conoscevo appena, essendo solo il fratello di un altro mio coetaneo, che partecipava in modo costante alle nostre organizzazioni culturali, oltre che ricreative. Sapevo che poi aveva fatto carriera nella Democrazia Cristiana, arrivando a ricoprire incarichi prestigiosi fino a quello di primo cittadino puteolano.

“Ciao” con reciproca cordialità. Una stretta di mano vigorosa. “Sei te che ti occupi di questo spazio?” “Sì, da alcuni anni…” “Ma eravamo passati e sembrava tutto in perfetto ordine, ma non in attività!” “Sì, certo, da qualche mese ci siamo dati da fare. C’è l’albergo, il ristorante, la beauty farm con le terme e poi delle iniziative culturali…”. Procedemmo nella visita, ora accompagnati da uno chaperon esclusivo che ci spinge verso la terrazza panoramica, dalla quale si gode nel pieno del calore già estivo uno splendido panorama sul golfo, a partire dal Serapeo sottostante. L’ambiente è però algido, indistinto; manca un vero e proprio tocco artistico che non sarebbe male: la terra flegrea è per sua natura semantica vulcanica, calda impetuosa ed in quella realtà invece ci si trova di fronte ad un luogo che, pur nella sua indubbia eleganza, potrebbe essere tra le fredde valli delle Alpi.

Ovviamente il nostro amico vantava professionalità di ottimo livello come collaboratori e collaboratrici e su questo non potevamo che assentire. Lasciammo che decantasse anche quelli che erano importanti collegamenti con bagni esclusivi raggiungibili con facilità dalla Ferrovia sottostante, la Cumana, esempio di fatiscenza ormai consolidata e disperata. Non riuscimmo a visitare gli altri ambienti; volevamo accedere a qualche camera per saggiarne le caratteristiche, ma non fu possibile. Andammo via insesauditi. Perplessi sul futuro di un’attività nella quale la passione è sovrastata da un’indolenza caratteristica di una parte della mentalità meridionale, che sembra affidarsi più nelle mani della dea “fortuna” piuttosto che nell’attivismo umano. “Dio gliela mandi buona. Dio perchè non altri!” pensammo all’unisono.

Scendemmo le scale del vicoletto sempre lurido di residui corporali ed acque indistinte che cascano da tubature pendenti, quella stretta viuzza che conduce verso il piccolo passaggio a livello della Cumana che si affaccia sul lato interno del Tempio di Serapide. Giusto allora dei rintocchi segnalavano l’arrivo del treno impedendo l’attraversamento pedonale. Di lì a poco un treno reso cadente anche dall’impeto graffittaro di anonimi artisti, che ne avevano letteralmente coperto tutti i finestrini, abbuiando gli interni, sopraggiunse fischiando forse semplicemente per salutare gli addetti del casello che corrisposero con un cenno delle loro mani.

Staccarono il gancio che limitava il ristretto passaggio alle persone e tutti insieme da una parte e dall’altra fluimmo. Avevamo pensato di fare una puntatina al “mercato generale al dettaglio” più per godere della vista della molteplicità dei colori e dei prodotti agricoli ed ittici. Superato il passaggio a livello c’è il Tempio di Serapide, una sorta di centro commerciale archeologico risalete al periodo tra il I° ed il II° secolo dopo Cristo. In realtà era un mercato con vari spazi e piani; il nome è legato alla statuina dedicata alla divinità egizia Serapis di cui nel 1750 fu rinvenuta una traccia. Pozzuoli era una base fondamentale del commercio romano: fu il porto principale romano, sia commerciale che militare prima di essere sostituito in modo innaturale, artificiale, da quello di Ostia, che indubbiamente aveva altri vantaggi, essendo a pochi chilometri da Roma. Non è affatto strano che possedesse due anfiteatri e strutture commerciali a livello internazionale; e dunque non sorprende che vi fossero culti diversi all’interno di un sincretismo religioso invidiabile ai nostri giorni.
Andammo oltre verso la riva del porto dove avevamo intravisto una sfilza di banchi; vi ci dirigemmo, io con accondiscendenza passiva e disinteressata, Marietta con il desiderio femminile di acquistare oggetti e vestiario a prezzi oltremodo convenienti. Ne venimmo via senza acquisti: il sole cominciava a picchiare e ci inoltrammo attraverso il parcheggio del Mercato ittico generale verso il Mercato al dettaglio.
“Peppino!” una voce mi ricordò che mi chiamavo Giuseppe. Una voce femminile con l’accento puteolano. Una signora piccolina che non aveva rinunciato a chiamarmi con vigore pur essendo impegnata in una conversazione telefonica. “T’he fatte ‘e solde?” una modalità idiomatica per sottolineare la mia lunghissima assenza nei rapporti umani con lei. “Saie cu cchi sto parlanno? Peppino, ‘o figlie ‘e Rafele, ‘o cuggine nuosto” intuii che stesse parlando con il fratello Salvatore che da più lungo tempo non avevo incontrato. Baci ed abbracci e promesse di rivederci presto, scambio di telefono (forse già fatto in precedenza ma ripetuto a scanso di equivoci). Saluti con il desiderio sincero di rivedersi, ma…
Il mercato è sempre attrattivo ed alcuni banchi sono affollatissimi. A noi sono sempre piaciuti quelli solitari, appartati, dove puoi meglio scegliere i prodotti. E facemmo così anche quella volta con il risultato che avevamo acquistato quattro cinque chili di roba e dovevamo salire su da dove eravamo scesi. Ed il caldo era ormai asfissiante.
A pochi metri dal mercato c’è una sorta di “Terminal” degli autobus locali. Decidemmo di andarci. Ci fermammo a fare i biglietti e chiedemmo dove avremmo potuto prendere il mezzo per salire verso la Solfatara: una signora gentile bucò il muro con il suo dito per mostraci la direzione.

Pochi metri oltre alcuni autobus sostavano sonnolenti, in una controra certamente anomala, insieme ai loro conducenti. Nessuno di loro sapeva, e non intendevano sforzarsi troppo al di là di un cenno negativo. Decisi di rincorrere un autobus che stava miracolosamente spostandosi e mi rivolsi al conducente che emise il responso: “Signo’ avite aspittà quaranta minute”.

Marietta ed io ci guardammo scoraggiati e ci dicemmo che “forse” a quell’ora potevamo anche essere già a casa.

La città di Pozzuoli è adagiata in una conca vulcanica che parte dalla periferia di Bagnoli, frazione nota nell’antichità come luogo di turismo termale (da “balneis”) e poi dall’inizio del Novecento sede di attività industriali (c’era l’ILVA fino agli anni ’90 di quel secolo), per poi comprendere, dopo l’insediamento cittadino, la frazione di Arco Felice – Lucrino, Baia, luogo anch’esso che rimanda alla cultura romana e Bacoli, fino al capo Miseno. La città si è strutturata nei secoli e soprattutto nell’ultimo con insediamenti collinari che arrivano a toccare quasi 500 m. sul livello del mare.
Marietta ed io abitavamo alle pendici della Solfatara (458 m slm) e da lì quella mattina, con il fresco, eravamo scesi giù prima verso il cimitero e poi al porto. Ora ci toccava rifare il percorso in salita con un clima che, nel frattempo era diventato insostenibile: oltretutto eravamo partiti leggeri ed ora dovevamo far ritorno con un carico di qualche chilo in più.
I mezzi pubblici sono tra le note dolenti di una realtà così ricca di stimoli culturali ma così povera e sprovveduta dal punto di vista imprenditoriale. “Sopportare” cristianamente o meno e “tirare a campare” sembrano imperativi categorici negativi persistenti in questa porzione di mondo.
Scartata l’idea di aspettare lì altri quaranta minuti nell’incertezza che ciò fosse vero, dovevamo scegliere a quale albero impiccarci; ovvero quale percorso in salita privilegiare. Ci fermammo un po’ nella “villa”. Altro aspetto dolente di questo luogo è la quasi assenza di spazi verdi. In verità le colline, ancorchè punteggiate da manufatti abusivi “di necessità”, erano abbastanza verdi; ma la città è stata costruita riempiendo tutti i vuoti e la “villa comunale” è un appezzamento di cemento di circa 500 metri quadrati con qualche panchina, una fontana centrale contesa da bambini e cani e alcune aiuole con pochi alberi. Nella città medio-alta c’è un altro parco giardino acquisito alla fruizione pubblica negli anni Ottanta ma non c’è molto altro. Anche quella che chiamavamo da ragazzetti “la selva” è stata riempita dalla Tangenziale.

 

 

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,169,52,0,0,100,0,1970,1968,2177,1314444
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,169,52,0,0,100,0,1970,1968,2177,1314444

 

Dal mercato alla villa sono trecento metri: decidemmo che nella sosta avremmo vagliato le ipotesi per la salita.
Mentre eravamo seduti a goderci il traffico che era intenso, visto la concomitanza di arrivi e partenze dei traghetti per le isole ed il contemporaneo spostamento degli acquirenti che dal mercato si dirigevano nella parte superiore della città per l’elaborazione dei cibi, si palesò uno dei miei amici teatranti che non vedevo da anni.
“Non sei proprio cambiato, diamine!” “E tu, hai fatto il patto col diavolo?” battute più o meno simili per segnalare l’esatto contrario. Il tempo passa e i segni si vedono. Lo spirito però, quello sì, non è cambiato e probabilmente anche la sveltezza intellettiva, visto che entrambi non ci siamo adagiati: io un docente impegnato nella scuola superiore lui un piccolo imprenditore attivo nella politica.
Non palesammo la nostra stanchezza ed orgogliosamente – ahimè – salutammo l’amico e declinammo l’invito ad utilizzare un passaggio, essendo del tutto convinti delle nostre forze e della capacità di adeguarle all’impresa.

Tornare a casa dalla zona Mercato-Porto di Pozzuoli a quella collinare della Solfatara significava dover salire di quattrocento metri  e qualche centimetro ad una distanza di  poco più di cinquecento metri.  Avevamo rinunciato a prendere in considerazione i mezzi “pubblici” del tutto inaffidabili; peraltro in un impeto di fiducia avevamo anche acquistato i titoli di viaggio, incuranti in quel momento di poter essere sbeffeggiati dai compagni di avventura che ci avrebbero degnati di commiserazione osservando il nostro tentativo di obliterarli in macchinette quasi sempre in tilt.

“Saglite, saglite, signo’” aveva detto il conducente del bus a Marietta, quando in uno dei suoi viaggi di ritorno nella sua terra aveva mostrato  che non aveva i biglietti e “Cosa ha detto il signore?” le aveva controbattuto l’amica Angela, incredula, avendo ben compreso l’invito alla trasgressione civile. Ed allo stesso modo insieme alla delegazione di un’Amministrazione in visita al territorio gemellato avevo fatto io sulla linea della Cumana nel tratto “Terme puteolane – Bagnoli”. Ricordi di annata, ormai. Oggi, maturi ultrasessantenni, ci apprestavamo a pagare il fio delle birbonate, scegliendo di far ritorno a piedi, con una differenza sostanziale nella forza fisica e nella sopportazione di una umidità elevata.

La più agevole tra le salite ci sembrò quella dei Cappuccini e così ci avviammo, scegliendo tra l’altro di percorrere un tunnel  che attraversa la collina della Terra murata. Fino a più di settanta anni fa (io non l’ho mai visto in funzione) c’era la linea del tram che arrivava da Napoli lungo la litoranea.

Il percorso ci consentiva di ridurre il cammino e di avere una discreta ombra, anche se mista a qualche scarico di motorette rombanti.

Passammo a fianco della vecchia struttura del Cinema Mediterraneo, chiuso ormai da trenta anni, del quale però si vedeva ancora l’Uscita di Sicurezza e poi cominciammo lentamente a salire sulle comode larghe scale.

Attraversata la sede ferroviaria della Cumana cominciò la nostra ascesa e  “Village of Hope & Justice Ministry (onlus)” vedemmo scritto al termine della prima rampa.   Curioso ma il caldo, l’ora e il desiderio di “elevarci” prima possibile ci sconsigliò l’approfondimento.  Anche perché, girato l’angolo, fummo attratti da voci giovanili e da uno strano lampione sotto il quale c’era  una scritta amena ma molto attraente, “Lux in Fabula”, accompagnata dall’immagine della “lampada di Aladino”, così come trasmessa dalla nostra infanzia di visionari. Sarà stata pure la stanchezza ma quei due curiosi che siamo rimasti si spinsero a chiedere qualche informazione in più. I ragazzi furono molto contenti di accontentare il nostro desiderio di sapere. “Claudio, ci sono questi due signori che vogliono sapere di cosa ci occupiamo” uno dei giovani si era rivolto a qualcuno che era dentro, in uno spazio apparentemente angusto e colmo di oggetti e libri. Marietta ed io con il peso delle nostre “provviste”  e la leggerezza  della curiosità avevamo allungato il collo per capire chi fosse Claudio, mentre il parlottare dei giovani si era acquietato, forse anche in attesa di sapere chi fossimo noi, così curiosi ed interessati sia alla sosta in un ambiente più fresco sia alla possibile nuova scoperta di mondi a noi ignoti.

Un ingresso molto stretto attraverso una porticina aperta solo a metà introduceva ad un corridoio buio, ancorché illuminato da una flebile luce che proveniva dal fondo sulla nostra sinistra: scendemmo due gradini e curiosando all’ingrosso sugli oggetti posti alla rinfusa sugli scaffali ci rendemmo conto di essere in un ambiente dal fascino archeotecnologico. Ci dirigemmo verso quella che doveva essere la figura di Claudio, che intanto aveva sospeso quello che appariva essere un impegno di coordinamento di altri due giovani seduti, di fronte dietro un ampio tavolo ricolmo di testi di varia misura, ed intenti a smanettare su due portatili. La stanza era illuminata in gran parte naturalmente da un balcone che affacciava sulla linea ferroviaria. Dappertutto una grande confusione tipica degli ambienti di studio e di arte; non ne potevamo essere sorpresi né tantomeno potevamo ergerci a giudici severi:  casa nostra spesso aveva posseduto  quell’aspetto.

Sì, di Claudio avevo già sentito parlare come di un operatore culturale intelligente ed originale; sapevo ma, come troppo spesso è accaduto, la lontananza non mi ha consentito di mantenere i vecchi contatti o di costruirne di nuovi.  Non è che non ci abbia provato, ma poi il ritmo della vita a circa 900 poi 600 chilometri di distanza non me lo ha permesso. Non sapevo, però, di queste due grandi passioni di Claudio: quella per l’archeocinema e quello per il recupero bibliografico di testi attraverso la digitalizzazione, anche di testi unici ed introvabili.  Egli  ci fece accomodare, la qual cosa con il caldo e con la stanchezza che non veniva meno era gradevole;  ci offrì dell’acqua fresca che era quel che desideravamo e ci raccontò di alcune iniziative sul territorio flegreo in relazione agli anni ed ai temi del bradisismo ed alle bellezze archeologiche riprese e montate con l’ausilio di strumenti modernissimi come i droni e le centraline digitali. I ragazzi intanto uno dopo l’altro stavano andando via ed anche Claudio sembrò mantenere la pazienza con noi per cortesia.    Bastò uno sguardo tra me e Marietta e “Ti ringraziamo, passeremo nei prossimi giorni. Semmai ti chiamiamo per fissare con comodo”. E dopo esserci scambiati i numeri di cellulare ci salutammo.

Riprendemmo a salire, confortati dal ristoro materiale e culturale, verso il Carmine. Le scale sono basse e lunghe e se non si ha fretta sono meno faticose di tutte le altre che dal mare portano in collina. C’è un gran bel panorama quando si passa sotto il complesso dell’Immacolata  i cui muri sono cosparsi di ottime piante di cappero. Arrivati al culmine mentre si dà un ultimo sguardo al panorama del golfo ed alla struttura della chiesa barocca di San Raffaele da un lato e dall’altro della Villa Avellino, ci si trova davanti all’ex residenza dei carabinieri ora trasformata in uno splendido elegantissimo complesso residenziale. Subito dopo c’è il Cinema che porta il nome della più importante figura artistica vivente di Pozzuoli, Sofia Loren.

Pian piano eravamo tornati sotto casa.

“Fru fru” la nonnina con lo sguardo smarrito catatonico vagava tra le auto in sosta. “Fru fruuu” e sapemmo che si trattava di una gattina randagia che tuttavia di norma a quell’ora gradiva servirsi al desco dell’anziana donna e quel giorno non si era presentata……. Ci descrisse come era e gli occhi trasmettevano affetto per una sorta di figliola o nipotina surrogata. Per qualche attimo girammo lo sguardo affacciandoci anche sotto le auto; qualche gatto c’era ma non corrispondeva alla descrizione e tra l’altro non mostrava interesse al nostro richiamo. Salutammo la vecchina augurandole di poter ritrovare Frufru. Ed in modo irriverente mi venne in mente un classico della canzone napoletana, “Dove sta Zazà”.

 

Fine

 

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,160,51,0,0,100,0,1976,1968,2177,1111961
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,160,51,0,0,100,0,1976,1968,2177,1111961

 

 

AGOSTO FLEGREO 2018 – 4

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,120,57,1,0,100,0,1972,1968,2177,409439
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,120,57,1,0,100,0,1972,1968,2177,409439

AGOSTO FLEGREO 2018 – 4

Lasciata la coda della processione ci siamo addentrati tra i vicoli stretti della città bassa. “Bella Pozzuoli. Ci vengo spesso: si mangia bene!” sembra quasi che tutti coloro che incontro a cui diciamo di essere “di Pozzuoli”  ignorino  – ma sì “ignorano”  –   la Storia di questo territorio.  Nemmeno quella legata agli eventi sismici e vulcanici, con quel “movimento lento” che gli esperti della materia chiamano “bradisisma” o “bradisismo” – il dibattito lessicale è ancora aperto. Anche se è vero che la città si è ormai dedicata più ad un turismo consumistico gastronomico che a quello di tipo culturale storico ed archeologico; per non dimenticare quello letterario etnico ed artistico che pure ha dato ottime prove. L’abbandono dei siti e l’incuria organizzativa meriterebbe una riflessione seria: mancano progettazioni e programmazione a medio e lungo termine ed è assente il coinvolgimento dei privati come sponsor di spazi strutturati. E’ teoricamente l’apoteosi del mercato senza tuttavia l’apporto imprenditoriale necessario. Che dire? A simili rilievi so già che qualcuno risponderebbe che “non è così”, altri direbbero che “ci si prova, ma…” e qualcun altro ancora incolperebbe i suoi concittadini insensibili, dimenticando che sono lo specchio della società della quale loro stessi fanno parte.

Eravamo passati a sconsolarci davanti al degrado di Piazza Rione Terra ed attraversando il Corso Vittorio Emanuele  ci imbattiamo in un altro elemento di “moderna archeologia”. Poco prima di transitare sotto l’arco del ponte che conduce verso via Matteotti il degrado è composito: da una parte c’è un ascensore che da un decennio è fermo.  A  dire il vero credo che non sia stato “mai” utilizzato, “mai” collaudato: eppure servirebbe a ridurre la fatica di chi voglia salire al Rione Terra. Ma non finisce di certo qui. Di fronte prima dell’arco ci sono delle scale che portano verso il Rione Terra incrociando però sul lato sinistro  un’altra breve rampa che conduce ad una delle Chiese del 1600, che è dedicata alla Santa Croce ed al Purgatorio.  Ormai saranno 40 anni che risulta abbandonata e distrutta completamente. Se avete occasione di andare  sul sito archeologico flegreo  www.archeoflegrei.it  vi ritroverete anche alcune fotografie dell’amico Aldo Adinolfi  che confermano  quanto qui riportato. Non posso non ricordare che le scale sono state dedicate ad un grande protagonista della Cultura flegrea in ambito accademico, il prof. Raffaello Causa; allo stesso tempo denoto l’abbandono anche di attività artistiche e culturali realizzate negli anni passati su quei gradini e non più riproposte.

I pilastri dell’arco sulle loro ampie pareti  presentano l’apoteosi dell’interventismo e dell’eroismo italico accanto a testi che si riferiscono a periodi storici collegati alla dominazione spagnola: questi risultano abbastanza curati, così come lo è  il Monumento ai Caduti di Santo D’Amico  che si riferisce ai soldati della prima guerra mondiale.

Altre sorprese sia positive che negative attendevano i nostri passi…..

 

2487,0,1,0,367,256,349,2,2,129,54,0,0,100,0,1972,1968,2177,208362
2487,0,1,0,367,256,349,2,2,129,54,0,0,100,0,1972,1968,2177,208362