Archivi categoria: Narrativa

PASSEGGIATE FLEGREE di metà settembre 2018 – parte 2

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,210,52,0,0,100,0,1968,1968,2177,72213
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,210,52,0,0,100,0,1968,1968,2177,72213

PASSEGGIATE FLEGREE di metà settembre 2018 – parte 2

 

Abbiamo deciso di scendere verso via Napoli attraverso le rampe Cappuccini sul far della sera per godere dell’ultimo sole d’estate rinfrescato però dalla brezza marina attenuata, quel caldo ma non tanto, piacevole frescolino serale. Lavi è scesa indossando un paio di infradita che hanno deciso di interrompere la loro collaborazione ed una dopo l’altra in diverse parti l’una dall’altra si sono rotte. Scegliere di utilizzare la pianta nuda dei piedi in un ambiente come quello di Pozzuoli non è proprio l’optimum e  allora dopo un tentativo di Mary, fallito, di riaggiustarle alla meglio, mia moglie stessa decide di andar in uno dei negozietti cinesi della città, che di certo è aperto nonostante sia domenica e per giunta di sera, a cercare un paio di ciabatte per sostituirle. Lavi ed io siamo rimasti seduti alla prima panchina libera che abbiamo trovato sul lungomare.

Si sorride del caso, rilevando che ogni volta che si decide di venir fuori qualche caso strano ci accade. Ricordiamo l’episodio dell’ape sulla spiaggia di Acquamorta che ci ha costretti a cambiare programma e temiamo possa accadere qualcosaltro di nuovo. “Questa è mia figlia Lavinia!” dico ai due amici gentili che si sono avvicinati. Gentili anche per un cortese passaggio serale di qualche giorno prima, quando eravamo scesi giù Mary ed io e li avevamo incontrati sullo stesso percorso. Spiegato l’accaduto, la gentilezza si ripete: “Se avete bisogno, questo è il mio numero di cellulare! Chiamateci e vi riportiamo volentieri su, più tardi”. “Grazie, ad ogni modo vi aggiornerò brevemente”.

Di lì a poco, un messaggio whatsapp di Mary ci annuncia che ha trovato un paio di ciabatte e che arriva, noi di risposta diamo indicazione del luogo dove ci troviamo.  Sono buffe le ciabatte, tipicamente cinesi, che ci porta Mary, ma dopotutto Lavi le utilizzerà. Annunciata da una telefonata, appare anche Teresa, la zia e la cognata, che ci ha raggiunto per fare una passeggiata. Finalmente. Ci fermiamo sul Lido che è stato strutturato quest’anno  sulla scogliera ed argomentiamo intorno alla difficoltà di poter nuotare lì davanti con le onde che battono sulle impalcature: pensiamo anche ai bambini che non sanno ancora nuotare e ci chiediamo anche come si possa investire in strutture turistiche marine in assenza di balneabilità, accertata e palesata con cartelli diffusi su tutta la linea della riva. So che potrebbero rispondere che lo spazio, piuttosto elegante, opera come “solarium” e la discesa a mare attraverso delle ampie e sicure scale in legno serve esclusivamente per bagnarsi senza immersione.

In questo scorcio di fine estate la sera, prefestiva e festiva, gli spazi vengono utilizzati come bar esclusivo, il cui accesso è sorvegliato da un giovanotto che facendo passare chi lo desidera comunica agli addetti al servizio del locale quanti posti sono necessari preparare. Un segno, questo, di professionalità che fa piacere scoprire e che, tutto sommato, rende meno severa la critica. Non è il mio mondo, questo; non lo è mai stato. Ma ne conosco l’esistenza e non mi ergo a giudice sulle scelte libere soprattutto dei giovani.

Ci si muove per procedere. La serata è calda piacevole, come si era annunciata.

Joshua Madalon

 

39310509_514976075593061_7043298202782531584_n

ANTIFASCISMO senza ipocrisie

Prato

ANTIFASCISMO senza ipocrisie

Mi chiedo a cosa sia servito portare in Commissione, credo la prima, e poi in aula del Consiglio comunale di Prato un Ordine del giorno per chiedere l’applicazione di leggi dello Stato in materia di concessioni di spazi e di manifestazioni a coloro che a titolo personale o collettivo nei fatti si richiamano ad ideologie nazifasciste e anticostituzionali. La soluzione di affidare ad una dichiarazione, che nella pratica risulterebbe mendace e dunque passibile penalmente, di rispetto della Costituzione italiana è un escamotage che non può che essere considerato un appoggio esplicito a che queste persone possano manifestare impunemente la loro ideologia intrisa di violenza verbale e fisica.

Questo è avvenuto lo scorso anno più o meno in questo periodo. Ne ho scritto in modo indiretto attraverso una narrazione solo in parte inventata quasi a ridosso dell’evento. Ieri ho ripubblicato il racconto ispirato a quella vicenda.

Personalmente sono molto colpito dall’inazione del Comune e delle autorità preposte, che mostrano un atteggiamento quasi curiale da semplici travet dello Stato. E’ inammissibile che si esalti per giunta con gesti e grida minacciose la storia di un passato intriso di sangue e di sopraffazioni antidemocratiche, prefigurando la possibilità di un balzo all’indietro del tempo. Non si tratta di limitazione delle libertà ma di una difesa di queste di fronte ad una prospettiva molto diversa.

Ho pertanto aderito con la mia Associazione di Cultura Politica e Democratica “Dicearchia 2008” alla stesura del documento che è stato inviato alla Stampa. Lo ripropongo qui di seguito

 

Comunicato stampa

Ieri rigurgiti fascisti in piazza delle Carceri. SI, PAP, PRC, CGIL Prato e numerose associazioni: “perché le istituzioni hanno autorizzato il presidio ? Le forze politiche “democratiche” ne prendano le distanze o si dimostreranno quantomeno impotenti davanti a  questi infausti rigurgiti”

Prato, 10 settembre. Esprimiamo stupore e forte disappunto per la concessione dell’autorizzazione concessa a un presidio ieri in piazza delle Carceri che ha fatto sfoggio, nelle motivazioni e nello svolgimento,  di evidente apologia del fascismo (e dei fascisti) “sfregiando” con tutto ciò non solo la storia di una città come la nostra medaglia d’argento per la resistenza, ma – specificamente – anche la memoria delle deportazioni che proprio una targa ricorda in quel luogo. Perché le istituzioni – Comune, prefettura, questura ecc – hanno concesso l’autorizzazione o comunque non si sono opposte? L’amministrazione non aveva disposto la non concessione degli spazi a chi non avesse fatto pubblica dichiarazione di riconoscersi nei valori anti fascisti?

Chiediamo che le forze politiche prendano pubblicamente le distanze da tutto questo e condannino l’accaduto. E non lo facciamo solo per il rispetto dei drammi del passato, ma anche per il presente e soprattutto per il futuro. Per due motivi: il clima che si sta registrando nel paese è di montante razzismo e xenofobia, e  richiede non solo dichiarazioni di facciata e mobilitazioni mediatiche, ma anche una ferma condanna diffusa sui territori e in tutte le città. Il secondo motivo, strettamente legato al primo, è che non vorremmo che questo silenzio – e queste autorizzazioni – fossero dovute ad un bieco calcolo politico: quello di far rialzar la testa a simili rigurgiti per poi passare all’incasso con appelli al fronti unici in vista di appuntamenti elettorali prossimi. Sarebbe ignobile, sull’anti fascismo (e anti razzismo) non si gioca! Noi continueremo – così come abbiamo fatto con la partecipazione al presidio organizzato da ANPI venerdì scorso proprio in Piazza delle Carceri e contestando poi l’appuntamento – ad opporci in ogni modo a tutto questo, appunto per il presente e per il futuro. La politica, e diremmo la città tutta (se si escludono appunto rari casi registrati) esca da un silenzio che su questi temi – al di là delle volontà – non è mai neutro e rischia di farsi complice. La condanna delle leggi razziali e poi il silenzio e l’autorizzazione di tutto questo sono fatti che stridono, non vorremmo pensare che essa sia stata – a livello nazionale – una condanna di circostanza. E’ arrivato il momento – anche a Prato – per autorità e forze politiche, di dimostrarlo.

CGIL Prato

Sinistra Italiana Prato

Potere al Popolo Prato

Rifondazione Comunista Prato

Associazione Dicearchia 2008 Prato

Associazione Le Mafalde Prato

Left Lab Prato

MeltinPo

https://www.facebook.com/106708932732379/videos/695449714145001/

A seguito di questa presa di posizione rivolta a tutte le forze politiche costituzionali sorprende la dichiarazione attraverso Facebook  del segretario del Partito Democratico di Prato, Gabriele Bosi. In essa rilevo una profonda incapacità a venir fuori dalla palude creata intorno al suo Partito da una leadership arrogante e presuntuosa incapace di poter rappresentare la maggioranza dei propri cittadini. Forse se avesse letto a fondo il documento avrebbe compreso che all’Amministrazione comunale si addebitava la responsabilità di trasmettere alle altre Istituzioni il dettato dell’Ordine del giorno di cui parlo sopra,  la cui validità non è soltanto data dall’approvazione di un Ordine del giorno (vedi sopra) a larghissima maggioranza ma anche dal riferirsi alle leggi dello Stato ed agli articoli della Costituzione italiana. A tutta evidenza non c’è stato il necessario collegamento tra le varie Istituzioni, ben diversamente da altre occasioni (ma la storia settembrina pratese dovreste conoscerla meglio di alcuni di noi, o no?) e la maggiore responsabilità di questo “disguido” è del Comune. Forse si sta chiedendo, Gabriele Bosi, come mai alcune forze politiche e sindacali ed alcune Associazioni non abbiano sentito il PD come proprio alleato, pur non disconoscendone l’appartenenza all’antifascismo? E’ molto probabile che tutto ciò accada per la preoccupazione che un’operazione comune venga interpretata, con le dovute mistificazioni, come un preambolo ad accordi politici, che non sono a vista, soprattutto a causa di una non volontà di riconoscere le ragioni profonde del recente disastro elettorale, che è allo stesso tempo culturale e politico.

Ecco il testo della breve

 

 

Dichiarazione di Bosi

A me sinceramente dispiace che dopo il presidio di 23 neofascisti in Piazza delle Carceri una serie di associazioni e partiti abbia come prima cosa attaccato l’Amministrazione comunale per aver concesso loro il permesso.
L’Amministrazione comunale non ha concesso nessuna autorizzazione, come si sarebbe potuto appurare facendo magari un paio di telefonate.
Ricordo a tutti che questo Sindaco ha ricevuto recentemente minacce esplicite accompagnate da simboli neofascisti. 
Forse sarebbe il caso di fare fronte comune su queste cose, invece di dividersi tra antifascisti.

 

++

Ipocrisia o ignoranza? Il Segretario Bosi forse non sa che già il 6 settembre, in vista della parata di Casa Pound, era stato inviato alle tre Istituzioni – Comune, Prefettura e Questura – dall’ANPI un esposto per chiedere l’annullamento di quella manifestazione, offensiva della memoria della deportazione.

Le forze politiche, sindacali e antifasciste  hanno  espresso la loro solidarietà agli atti minacciosi ricevuti dal Sindaco ed il segretario Bosi non può ricordarlo a noi; sia egli a ricordarselo!

Richiamarsi ai valori comuni degli antifascisti, va ribadito, non appartiene ad una sola parte. Coloro che hanno protestato, non solo in questa occasione, hanno avvertito il silenzio e l’incuria delle Istituzioni, e lo hanno denunciato.

 

Joshua Madalon

41474515_298926690909452_8468103223264149504_n

AGOSTO FLEGREO 2018 – 2

39310509_514976075593061_7043298202782531584_n

AGOSTO FLEGREO 2018 – 2

 

E ce ne stavamo seduti su queste assi, mentre di fronte a noi su un banco colmo di oggetti indistinti e non particolarmente invitanti alcune donne svolgevano il ruolo di organizzatrici di una “Pesca di beneficenza” certamente allo scopo di coprire parte delle spese dei vari eventi previsti. Erano molto indaffarate e questo deponeva a favore del successo della loro iniziativa. Avevo intravisto tra loro un volto familiare di tempi molto lontani: una signora  che all’apparenza evidenziava il suo essere a capo del gruppo; tutte le altre signore infatti si riferivano a lei ed anche i ricavi affluivano sotto il suo diretto controllo. Dai miei ricordi ad oggi sembrava  non essere trascorso molto tempo: segno che l’età oggettiva non aveva prodotto cambiamenti nella fisionomia.

“Ciao. Ti ricordi di me?” rivolgendomi a lei ho allungato la mano, dopo essermi alzato ed essere andato sul davanti del banco. “Certamente! Come stai? Abiti al Nord?” “Sì, a Prato ma di tano in tanto ora che sono in pensione ritorno qui” e “Allora? Hai trovato la nostra città migliorata?” Di fronte a questo tipo di domanda mi sento disorientato e rispondo vagamente, genericamente con un “Sìììì…” strascicato seguito da un “Insomma!”. Per fortuna, a salvarmi da questo imbarazzante quesito si è affacciato un altro volto per me noto, avendolo già incontrato in altre mie occasionali puntate flegree.  Me lo presenta come suo marito ed a quel punto mi sovviene che avrei dovuto ricordarmene ma mi mancavano i punti di riferimento: per me erano tutte facce note ma difficilmente accostabili per parentele ed affini. “Sì, ci siamo già incontrati al Circolo; a proposito come stanno i miei amici di infanzia e di gioventù?”   mi riferisco a due fratelli che vivevano nella mia prima abitazione in via Campana 25, quella in cui sono arrivato dopo essere nato a Napoli e ad un grande artista dal volto di pescatore, un po’ stanco ed invecchiato già qualche anno fa, a cui risale l’ultima volta che l’ho incontrato. “Sì, qualche volta lui (l’artista) viene giù ma il maggior tempo ormai lo dedica alla sua famiglia”.

Le campane suonano e gli altoparlanti lanciano a tutto volume i salmi a significare che a secondi uscirà la processione. Ed infatti i fedeli sciamano già per collocarsi in posizione utile ad essere in prima fila sia ai lati che alle spalle della statua. Lascio il dialogo e recupero Mary che intanto aveva trovato degli amici che le ricordavano gli anni dell’Alto Veneto. Li salutammo e “Mi ha chiesto se avessi trovato dei miglioramenti nella città…!” e Mary “E tu? Le potevi chiedere in che senso!”.   “Ma in che senso vuoi che te lo chiedano? A me sembra semplicemente un modo come l’altro per non dire niente. Vale un “come va? Stai bene?” così giusto per dire qualcosa di inutile ad una persona che non vedi da decenni”.

Il problema vero è che questa città opera come una Penelope, che di giorno fila la tela e di notte ne smonta le trame. In più e diversamente dalla donna di Ulisse a Pozzuoli quel che si fa o di giorno o di notte si disfa negli stessi periodi indistintamente e progressivamente, con il risultato che quel che poteva essere un abbellimento  finisce per diventare più brutto e tremendo di quel che c’era prima.

 

J.M.

 

 

39409436_274552223272199_879738211369222144_n

NAPOLI è……

 

 

 

 

 

 

34849788_10213473231837636_9055246615794679808_n

 

34849001_10213473231797635_8941276244096319488_n34817659_10213473226317498_1308328127344148480_n35051648_10213473233997690_3639854345203220480_n37153869_244923196349002_730472751915073536_n39332622_235300343846260_2808258460909568000_n

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,181,49,0,0,100,0,1969,1968,2177,270554
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,181,49,0,0,100,0,1969,1968,2177,270554
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,168,56,0,0,100,60,2190,2185,2216,1194579
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,168,56,0,0,100,60,2190,2185,2216,1194579
2487,0,1,0,360,256,443,5,0,74,53,0,0,100,0,1975,1968,2177,955424
2487,0,1,0,360,256,443,5,0,74,53,0,0,100,0,1975,1968,2177,955424

39310509_514976075593061_7043298202782531584_n37145884_2114550861908964_8375170855512047616_n

 

 

NAPOLI E’ TANTO, UNA CITTA’ RICCHISSIMA DI STORIA, DI CULTURA NEL SENSO PIU’ AMPIO DEL TERMINE

LE IMMAGINI SONO RIFERITE AL COMPLESSO DI SAN GIOVANNI IN CARBONARA, A QUELLO DI SANTA MARIA LA NOVA ED A PANORAMI FLEGREI

NON MANCA L’OMAGGIO A PULCINELLA ED A PINO DANIELE

 

J.M.

PASSEGGIATE FLEGREE giugno 2018 – parte 7

 

 

 

fermata-cumana-cappuccini

 

PASSEGGIATE FLEGREE giugno 2018 – parte 7

 

Tornare a casa dalla zona Mercato-Porto di Pozzuoli a quella collinare della Solfatara significava dover salire di quattrocento metri  e qualche centimetro ad una distanza di  poco più di cinquecento metri.  Avevamo rinunciato a prendere in considerazione i mezzi “pubblici” del tutto inaffidabili; peraltro in un impeto di fiducia avevamo anche acquistato i titoli di viaggio, incuranti in quel momento di poter essere sbeffeggiati dai compagni di avventura che ci avrebbero degnati di commiserazione osservando il nostro tentativo di obliterarli in macchinette quasi sempre in tilt.

“Saglite, saglite, signo’” aveva detto il conducente del bus a Marietta, quando in uno dei suoi viaggi di ritorno nella sua terra aveva mostrato  che non aveva i biglietti e “Cosa ha detto il signore?” le aveva controbattuto l’amica Angela, incredula, avendo ben compreso l’invito alla trasgressione civile. Ed allo stesso modo insieme alla delegazione di un’Amministrazione in visita al territorio gemellato avevo fatto io sulla linea della Cumana nel tratto “Terme puteolane – Bagnoli”. Ricordi di annata, ormai. Oggi, maturi ultrasessantenni, ci apprestavamo a pagare il fio delle birbonate, scegliendo di far ritorno a piedi, con una differenza sostanziale nella forza fisica e nella sopportazione di una umidità elevata.

La più agevole tra le salite ci sembrò quella dei Cappuccini e così ci avviammo, scegliendo tra l’altro di percorrere un tunnel  che attraversa la collina della Terra murata. Fino a più di settanta anni fa (io non l’ho mai visto in funzione) c’era la linea del tram che arrivava da Napoli lungo la litoranea.

Il percorso ci consentiva di ridurre il cammino e di avere una discreta ombra, anche se mista a qualche scarico di motorette rombanti.

Passammo a fianco della vecchia struttura del Cinema Mediterraneo, chiuso ormai da trenta anni, del quale però si vedeva ancora l’Uscita di Sicurezza e poi cominciammo lentamente a salire sulle comode larghe scale.

Attraversata la sede ferroviaria della Cumana cominciò la nostra ascesa e  “Village of Hope & Justice Ministry (onlus)” vedemmo scritto al termine della prima rampa.   Curioso ma il caldo, l’ora e il desiderio di “elevarci” prima possibile ci sconsigliò l’approfondimento.  Anche perché, girato l’angolo, fummo attratti da voci giovanili e da uno strano lampione sotto il quale c’era  una scritta amena ma molto attraente, “Lux in Fabula”, accompagnata dall’immagine della “lampada di Aladino”, così come trasmessa dalla nostra infanzia di visionari. Sarà stata pure la stanchezza ma quei due curiosi che siamo rimasti si spinsero a chiedere qualche informazione in più. I ragazzi furono molto contenti di accontentare il nostro desiderio di sapere. “Claudio, ci sono questi due signori che vogliono sapere di cosa ci occupiamo” uno dei giovani si era rivolto a qualcuno che era dentro, in uno spazio apparentemente angusto e colmo di oggetti e libri. Marietta ed io con il peso delle nostre “provviste”  e la leggerezza  della curiosità avevamo allungato il collo per capire chi fosse Claudio, mentre il parlottare dei giovani si era acquietato, forse anche in attesa di sapere chi fossimo noi, così curiosi ed interessati sia alla sosta in un ambiente più fresco sia alla possibile nuova scoperta di mondi a noi ignoti.

 

…fine parte 8….continua

 

Joshua Madalon

 

images (1)

L’UOMO NEL FOSSO

 

L’UOMO NEL FOSSO

 

Oggi voglio dedicarvi due lettere di Antonio Gramsci collegate tra loro ed all’interno delle quali troverete un apologo: provate ad interpretarne il senso e incoraggiate voi stessi ed i vostri vicini (amiche ed amici, compagne e compagni) ad avere più fiducia nell’Intelligenza e nella Cultura contro i falsi “profeti”.

 
1° agosto 1932

Carissima Iulca,
ho ricevuto la tua lettera del 15 luglio. Ti ringrazio per il tuo scrivere frequente. Ho ricevuto le fotografie dei bambini e tua ed esse mi aiutano ad immaginare un po’ piú concretamente la vostra vita e a fantasticare meno. La tua ultima lettera mi ha dato anche una prova che le tue condizioni di salute sono migliorate; ho voluto rileggerla proprio come «referto»… medico e ho constatato che non c’è neanche un errore di ortografia e di lingua in generale. Ciò vuol dire che il tuo italiano è ancora solido e che il tuo processo di ideazione è ridiventato limpido e chiaro, senza dubbi, pentimenti, irrisolutezze, come non appariva essere precedentemente, almeno qualche volta. – Ricordi ancora quando ti ho raccontato la storiella dei rospi che si posano sul cuore degli addormentati in campagna? Sono appunto circa 10 anni: quante fanfaluche ti ho raccontato in quel mese trascorso al sanatorio! Nello scrivere la novellina dell’uomo nel fosso mi è ritornato alla memoria improvvisamente, e mi sono ricordato che allora ti era rimasto impresso con un accompagnamento di sensazioni comiche. – Anche ciò che scrivi di Delio e Giuliano e delle loro inclinazioni, mi ha fatto ricordare che qualche anno fa credevi che Delio avesse molta inclinazione per l’ingegneria costruttiva mentre pare che oggi questa sia l’inclinazione di Giulianoe Delio invece sia piuttosto portato alla letteratura e alla costruzione.

 

 

43bbe23868902043e2660941f5e60894_XL

 

 

 

 

Lettera del 27 giugno 1932, a Iulca

Carissima Iulca,

ho ricevuto i tuoi foglietti, datati mesi e giorni diversi. Le tue lettere mi hanno fatto ricordare una novellina di uno scrittore francese poco noto, Lucien Jean, credo, che era un piccolo impiegato in una amministrazione municipale di Parigi. La novella si intitolava In uomo in un fosso. Cerco di ricordarmela.

Un uomo fortemente vissuto, una sera: forse aveva bevuto troppo, forse la vista continua di belle donne lo aveva un po’ allucinato. Uscito dal ritrovo, dopo aver camminato un po’ a zig-zag per la strada, cadde in un fosso. Era molto buio, il corpo gli si incastrò tra rupi e cespugli; era un po’ spaventato e non si mosse, per timore di precipitare ancora più in fondo. I cespugli si ricomposero su di lui, i lumaconi gli strisciarono addosso inargentandolo (forse un rospo gli si posò sul cuore, per sentirne il palpito, e in realtà perché lo considerava ancor vivo). Passarono le ore; si avvicinò il mattino e i primi bagliori dell’alba, incominciò a passare gente.

L’uomo si mise a gridare aiuto. Si avvicinò un signore occhialuto; era uno scienziato che ritornava a casa, dopo aver lavorato nel suo gabinetto sperimentale. Che c’è? Domandò. – Vorrei uscire dal fosso, rispose l’uomo. – Ah, ah! Vorresti uscire dal fosso! E che ne sai tu della volontà, del libero arbitrio, del servo arbitrio! Vorresti, vorresti! Sempre così l’ignoranza. Tu sai una cosa sola: che stavi in piedi per le leggi della statica, e sei caduto per le leggi della cinematica. Che ignoranza, che ignoranza! – E si allontanò scrollando la testa tutto sdegnato.

Si sentono altri passi. Nuove invocazioni dell’uomo. Si avvicina un contadino, che portava al guinzaglio un maiale da vendere, e fumava la pipa: ah, ah! Sei caduto nel fosso, eh! Ti sei ubriacato, ti sei divertito e sei caduto nel fosso. E perché non sei andato a dormire come ho fatto io? – E si allontanò, col passo ritmato dal grugnito del maiale.

E poi passò un artista, che gemette perché l’uomo voleva uscire dal fosso: era così bello, tutto argentato dai lumaconi, con un nimbo di erbe e fiori selvatici sotto il capo, era così patetico! E passò un ministro di Dio, che si mise a imprecare contro la depravazione della città che si divertiva o dormiva mentre un fratello era caduto nel fosso, si esaltò e corse via per fare una terribile predica alla prossima messa.

Così l’uomo rimaneva nel fosso, finché non si guardò intorno, vide con esattezza dove era caduto, si divincolò, si inarcò, fece leva con le braccia e le gambe, si rizzò in piedi, e uscì dal fosso con le sole sue forze. – Non so se ti ho dato il gusto della novella, e se essa sia molto appropriata. Ma almeno in parte credo di sì: tu stessa mi scrivi che non dai ragione a nessuno dei due medici che hai consultato recentemente, e che se finora lasciavi decidere agli altri ora vuoi essere più forte.

Non credo che ci sia neanche un po’ di disperazione in questi sentimenti: credo che siano molto assennati. Occorre bruciare tutto il passato, e ricostruire tutta una vita nuova: non bisogna lasciarci schiacciare dalla vita vissuta finora, o almeno bisogna conservarne solo ciò che fu costruttivo e anche bello. Bisogna uscire dal fosso e buttar via il rospo dal cuore.

Cara Iulca, ti abbraccio teneramente.

gramsci-klOD--835x437@IlSole24Ore-Web

…a cura di Joshua Madalon

PASSEGGIATE FLEGREE giugno 2018 – parte 5

[/caption]

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,170,56,0,0,100,120,2226,2218,2329,571540
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,170,56,0,0,100,120,2226,2218,2329,571540

jpg_x_micheleSerapeo-

PASSEGGIATE FLEGREE giugno 2018 – parte 5

Staccarono il gancio che limitava il ristretto passaggio alle persone e tutti insieme da una parte e dall’altra fluimmo. Avevamo pensato di fare una puntatina al “mercato generale al dettaglio” più per godere della vista della molteplicità dei colori e dei prodotti agricoli ed ittici. Superato il passaggio a livello c’è il Tempio di Serapide, una sorta di centro commerciale archeologico risalete al periodo tra il I° ed il II° secolo dopo Cristo. In realtà era un mercato con vari spazi e piani; il nome è legato alla statuina dedicata alla divinità egizia Serapis di cui nel 1750 fu rinvenuta una traccia. Pozzuoli era una base fondamentale del commercio romano: fu il porto principale romano, sia commerciale che militare prima di essere sostituito in modo innaturale, artificiale, da quello di Ostia, che indubbiamente aveva altri vantaggi, essendo a pochi chilometri da Roma. Non è affatto strano che possedesse due anfiteatri e strutture commerciali a livello internazionale; e dunque non sorprende che vi fossero culti diversi all’interno di un sincretismo religioso invidiabile ai nostri giorni.
Andammo oltre verso la riva del porto dove avevamo intravisto una sfilza di banchi; vi ci dirigemmo, io con accondiscendenza passiva e disinteressata, Marietta con il desiderio femminile di acquistare oggetti e vestiario a prezzi oltremodo convenienti. Ne venimmo via senza acquisti: il sole cominciava a picchiare e ci inoltrammo attraverso il parcheggio del Mercato ittico generale verso il Mercato al dettaglio.
“Peppino!” una voce mi ricordò che mi chiamavo Giuseppe. Una voce femminile con l’accento puteolano. Una signora piccolina che non aveva rinunciato a chiamarmi con vigore pur essendo impegnata in una conversazione telefonica. “T’he fatte ‘e solde?” una modalità idiomatica per sottolineare la mia lunghissima assenza nei rapporti umani con lei. “Saie cu cchi sto parlanno? Peppino, ‘o figlie ‘e Rafele, ‘o cuggine nuosto” intuii che stesse parlando con il fratello Salvatore che da più lungo tempo non avevo incontrato. Baci ed abbracci e promesse di rivederci presto, scambio di telefono (forse già fatto in precedenza ma ripetuto a scanso di equivoci). Saluti con il desiderio sincero di rivedersi, ma…
Il mercato è sempre attrattivo ed alcuni banchi sono affollatissimi. A noi sono sempre piaciuti quelli solitari, appartati, dove puoi meglio scegliere i prodotti. E facemmo così anche quella volta con il risultato che avevamo acquistato quattro cinque chili di roba e dovevamo salire su da dove eravamo scesi. Ed il caldo era ormai asfissiante.
A pochi metri dal mercato c’è una sorta di “Terminal” degli autobus locali. Decidemmo di andarci. Ci fermammo a fare i biglietti e chiedemmo dove avremmo potuto prendere il mezzo per salire verso la Solfatara: una signora gentile bucò il muro con il suo dito per mostraci la direzione.

Pochi metri oltre alcuni autobus sostavano sonnolenti, in una controra certamente anomala, insieme ai loro conducenti. Nessuno di loro sapeva, e non intendevano sforzarsi troppo al di là di un cenno negativo. Decisi di rincorrere un autobus che stava miracolosamente spostandosi e mi rivolsi al conducente che emise il responso: “Signo’ avite aspittà quaranta minute”.

Marietta ed io ci guardammo scoraggiati e ci dicemmo che “forse” a quell’ora potevamo anche essere già a casa.

…fine parte 5…continua

Joshua Madalon

2487,0,1,0,360,256,443,5,2,156,56,1,0,100,0,1975,1968,2177,1449278
2487,0,1,0,360,256,443,5,2,156,56,1,0,100,0,1975,1968,2177,1449278

Una Maddalena del Terzo Millennio – parte terza

 

Foto di Agnese Morganti

 

Una Maddalena del Terzo Millennio – parte terza

E’ sera tardi. Claudio è al computer nel suo studio, tranquillo. Scrive. Ha riacceso il cellulare privato inserendo la modalità silente. Ed ha provato anche a ricomporre il numero di Laura. Lo fa lanciando soltanto due squilli.

Mentre prepara un documento lo ha sotto gli occhi davanti al monitor. Ed è così che ad un certo punto nel semibuio della stanza il piccolo schermo si illumina: c’è un messaggio. “Ci sono”, breve ma chiaro.  “Ci sono” e’ quasi mezzanotte. Tutto tace e l’ambiente è molto lontano dallo spazio notte della famiglia. Claudio tuttavia ha una forte titubanza a chiamare a quell’ora. E, poi, davvero non sa cosa dire; forse non sa come dirlo: la sua è una curiosità senile, non c’è un ardore maschile irrefrenabile e insoddisfatto. Di quella donna, peraltro, non sa nulla e si rifiuta di pensare a lei come ad una comune squillo.  Quando l’ha sentita, in quelle brevi battute, l’ha percepita come fosse una sua amica con la quale avviare un rapporto di complicità. Non più di tanto. Di lei conosce la voce molto diversa da quella di “altre” che nei contatti si sono proposte; e conosce le sue cosce (almeno lui crede siano le sue), unica parte in vendita sui banchi del sito che ha visitato.

Claudio pensa che, forse, proprio a quell’ora nel silenzio della notte in quella parte riservata della casa sia sia il tempo migliore per rompere gli indugi; anche per capire meglio chi sia Laura.

“Ciao.  Penso sia difficile che tu ti ricordi di me. Ci siamo sentiti qualche giorno fa. Eri a casa di amici”

“Sì, mi ricordo, ma…”

“Non ho potuto richiamarti prima, sono stato via alcuni giorni”

“Ah…ma allora?”

“Non ho avuto modo di pensare ad incontrarti, immagino che tu abbia inserito l’annuncio per questo, no?”

“Certamente…”

“Beh, diciamo la verità, sono molto curioso di conoscerti. Dove stai?”

“Io abito ad Agliana, ma ho un posto riservato a Lamporecchio. Quando vuoi venire?”.

Claudio, a quel punto, rompe gli indugi, aiutato anche dalla leggerezza della conversazione telefonica

“Va bene anche domattina, intorno alle 10. Sono a Prato, ci impiegherò un’ oretta, non sono un Nuvolari”

“Magnifico! Tu vieni su e quando sei a Lamporecchio mi richiami e ti do le ultime indicazioni per arrivare fino a casa mia. Hai il navigatore?”

“Sì, dai. A domattina, allora!”

Una di quelle casette a schiera utilizzate dal turismo estivo; Claudio ha ricevuto tutto in dettaglio.

Quella mattina si è alzato come sempre intorno alle 8. Ha detto alla moglie che usciva per uno dei soliti appuntamenti al Circolo e si è diretto verso Pistoia salendo sulle strade che si inerpicano lievemente sul Montalbano Ovest.

Laura così come aveva detto la notte prima, non appena lui aveva superato il cartello che indicava l’ingresso al paese, gli aveva fornito telefonicamente l’indirizzo, provando anche a descrivere bene le caratteristiche del luogo.  Claudio aveva mostrato di sapersi districare sui meccanismi tecnologici che gli davano precise indicazioni ed aveva visto su Google maps il cancello corrispondente al numero civico.

“Quando sarò fuori parcheggerò e poi ti chiamo”. Poi impostò il navigatore e gli si affidò.

fine parte terza….

 

J.M.

 

232

reloaded Una “Maddalena” del Terzo Millennio intro prima e seconda parte

 

hqdefault (1)

Una “Maddalena” del Terzo Millennio

 

Sarà forse la “selva oscura” o una delle tante modalità con cui noi maschi sperimentiamo la nostra sessualità, mettiamo in gioco il nostro “appeal”, o ancor più intraprendiamo una ricerca quasi all’interno di un gioco di ruolo che nella conduzione “correct” dell’esistenza è considerata rischiosa, proibita; sarà tutto o in parte questo, ma forse sarà il bisogno naturale di aprirsi a nuove esperienze….e così nel finire dell’inverno come una marmotta o un ghiro ancora insonnolito che si risveglia ai tepori Claudio lancia un’occhiata a quegli annunci particolari attraverso i quali donne per lo più giovani si lanciano alla ricerca di maschi proponendo prestazioni meravigliose ed orribili allo stesso tempo, alcune delle quali per Claudio, che ha consapevolezza della sua forza e dei suoi limiti, sono praticamente impossibili. “Alla mia età” egli pensa a voce alta “ non bastano promesse di quel tipo, non ce ne vogliono di più, ne abbisognano di diverse!”. E allora si dà sotto a sfogliare le pagine con le offerte, gustandosi in senso estetico alcune forme femminili rotondeggianti e sinuose, scoprendo l’esistenza di sorprendenti cadeaux verso i quali Claudio prova immediato rigetto, fino a quando la sua attenzione non si sofferma sull’unica foto di un annuncio stringato e cortese nel quale una persona decide di farsi apprezzare attraverso un semplice scorcio anonimo di cosce in posizione più che casta e pudica…………………………………………..

  1. A chi abitualmente ricerca “sesso” su quei siti difficilmente quelle immagini possono bastare; ed anche l’”annuncio” nella sua stringatezza ed essenzialità dignitosa non risulta per niente carico di promesse allettanti. Claudio come un esperto giocatore di poker decide di “vedere” ma più che altro, vista l’unica foto, di sapere qualcosa di più. Innanzitutto si affida ad un indirizzo mail che non garantisce la verifica della ricezione del suo messaggio.
    Infatti passano alcuni giorni, durante i quali Claudio è preso dai suoi impegni ed ha del tutto dimenticato di controllare la sua mail riservata ed anonima, o meglio contrassegnata da un nickname improbabile; lo fa raramente anche perché vuole tenere per sè quelle storie, laddove si concretizzino. Ha anche dimenticato che nel contatto da lui richiesto ha lasciato un numero di un cellulare, anche quello riservato, che non utilizza mai ed a volte lo smarrisce, dimenticandolo nel fondo di un cassetto. E quando se ne ricorda e lo recupera, dopo aver digidato la password gli appare un messaggio laconico: “Contattami. Ci sono! Laura”. Claudio capisce che si tratta di quella ragazza: le parole e l’immagine che la presentano si congiungono. Il messaggio, però, è della sera avanti, lo ha inviato alle 23.31 ed ora sono le 19.40 del giorno dopo. Che fare? Claudio recupera il numero contando sul fatto che anche lei, Laura, avrà memorizzato il suo. E’ una domenica sera; c’è una certa tranquillità in casa: “Ciao. Sono Claudio. Laura?” “Sì” “Ti disturbo?” “Niente affatto. Sono, però…a casa di amici e…non posso parlare troppo. Mi richiami?” “…Scusami. Non accendo questo cellulare così spesso…certo che ti richiamo” “Allora sentiamoci anche più tardi verso le 23 quando sarò a casa, sola!”

«Le gambe delle donne sono dei compassi che misurano il globo terrestre in tutte le direzioni, donandogli il suo equilibrio e la sua armonia», usava dire Bertrand Morane. Per tutta la vita è stato ossessionato e guidato dal fascino delle donne, e di certo gli sarebbe piaciuta la vista di tante paia di belle gambe al suo funerale…

Utilizzo come mio punto di riferimento proprio il testo collegato al film di François Truffaut “L’uomo che amava le donne” del 1977

 

Una “Maddalena” del Terzo Millennio – seconda parte

“Ma tu…dove abiti?”
Il telefono tacque…la voce, pensò Claudio, era giovanile….poteva avere l’età di sua figlia o anche di meno e non gli dispiacque di non aver accennato a contratti specifici…. e quella sera, dopo le 23, Claudio era già da più di un’ora nelle braccia di Morfeo e poi trascorse più di dieci giorni senza pensare tanto a quel contatto; dopo tutto….a quella età si diradano gli impulsi passionali e vengono sostituiti per lo più da considerazioni puramente estetiche… epidermiche ma non superficiali.
All’interno di quelle pulsioni si sviluppano in modo particolare i diversi sensi di cui gli umani dispongono fin dalla nascita ed a volte con il tempo si vanno perdendo ma non sempre capita che trovino un loro adattamento che li rende migliori e più attenti.

L’udito, innanzitutto, attraverso cui una voce e l’uso che ne viene fatto anche attraverso le scelte espressive e lessicali ti rende più familiare l’approccio: a Claudio in altre occasioni come quelle di cui ragioniamo ha dato molta noia, fino a farlo diventare ostile, quando a telefono senza conoscerlo (ma sarebbe lo stesso se a proferire tale termine con quelle modalità suadenti ed affettate fosse sua moglie) abusano del termine “a-mo-re” e si propongono apertamente con precisi e non richiesti dettagli. E poi l’olfatto che rende più gradevole il contatto umano con i profumi delicati e naturali di una pelle giovane in un ambiente sgombro di orpelli; ed il tatto, dalla prima stretta di mano sicura e forte ma non vigorosa fino alle carezze esplorative delle dolci sinuosità femminili. La vista, quella di un viso dolce, tranquillo, sereno, sorridente su un corpo aggraziato non eccessivamente abbondante nè smagrito; ed il gusto acquisito attraverso le labbra e con la lingua sin dai primi timidi, perchè non autorizzati del tutto, approcci.

Passano dunque un po’ di giorni e Claudio ritrova su uno dei fogli vaganti sui tavoli stracolmi di appunti il contatto di quella ragazza, Laura.
Forma di nuovo il numero, dopo un’iniziale titubanza.
Libero ma non risponde: c’è la segreteria ma a Claudio non piace lasciare messaggi, non lo fa nemmeno con gli amici.

E’ il tardo pomeriggio e deve uscire per raggiungere un gruppo di amici al Circolo. Come sempre fa, spenge il cellulare e lo lascia nel cassetto della sua scrivania: non ne ha bisogno, a casa sanno come fare per chiamarlo nel caso fosse necessario, ma non è mai accaduto.

 

fine intro prima e seconda parte (domani la terza)

 

J.M.

 

232

 

ANNA PANDICO

Anna 3

ANNA PANDICO

Molto di noi rimane nella vita degli altri se avremo saputo lasciare I nostri “segni”.   Non avevo avuto che scarni segnali del morbo che ha portato via la nostra amica. E, quando l’altro giorno sono stato chiamato da una giornalista de “Il Tirreno” ho pensato che fosse per i soliti banali aridi sterili problemi politici locali e nazionali. Mai avrei potuto immaginare….

Di Anna Pàndico rimane, al di là di quello che ha prodotto in versi e testi teatrali, il suo straordinario bellissimo sorriso. Quando era serena lo abbozzava in modo “infantile” ritornando poi più o meno all’improvviso seria ed un tantino cupa ed il suo saluto era lievemente strascicato con quel tono di complicità affettiva che mi faceva sentire suo coetaneo.  Il nostro è stato un rapporto di amicizia culturale forse paterno forse fraterno non avendo mai avuto una sorella tutta mia: certamente diverso da tutti gli altri che ho avuto e da tutti gli altri che lei ha avuto.                                                                Abbiamo amato la “poesia” come strumento terapeutico che portasse a galla i turbamenti profondi dell’animo umano.

Leggevamo insieme i suoi appunti ed io parlavo a lei dei miei progetti culturali sui quali di frequente opponeva critiche acute e pregnanti su cui discutevamo.                                Era insoddisfatta ma naturalmente rispondeva a quelle problematiche continuando ad occuparsi di Teatro e di Poesia.

Era a volte presente alle mie iniziative, anche se non amava svolgere un ruolo di osservatrice passiva ed i suoi appunti critici mi sono stati molto utili.

Era venuta una volta anche a seguire una delle mie “incursioni” flegree sul Lago Fusaro e nella Casina vanvitelliana. Sì, parlavamo anche allora di Poesia e Narrativa ed era subito dopo il Natale 2014 e lei venne insieme ai due nipoti ad assistere alla presentazione di un libro che raccoglieva i versi e le parole di autrici ed autori che avevano preso parte alle prime due edizioni del Premio Sovente.

Negli anni precedenti aveva partecipato a due edizioni, le ultime, della silloge che curavo personalmente. In “Poesia Sostantivo Femminile” nella 11° e 12° edizione si trovano tre testi firmati da Anna che scelsi in accordo con lei: “1997 (ad una mia amica e guida)” nel 2011 e “senza titolo” e “Corpi rap” nel 2012.        Nel 2015 poi aveva regalato ad Antonello Nave ed a me una sua lirica dedicata a Pier Paolo Pasolini, inserita nella silloge da noi composta per il 40ennale dalla scomparsa del grande intellettuale friulano.                                            Io l’ho conosciuta così e con dolore voglio ricordarla così con quel suo sorriso da bambina.

Il Poeta descrive in modo chiaro ma crudele la nostra vita: siamo “umani” ma abbiamo una forma di cinismo salvifico che, di fronte agli eventi funesti, ci spinge ad apprezzare la “vita” e dare ancora per un po’ un calcio alla “morte”. Egli nel canto XXV “Il sabato del villaggio” vv.40-42 scrive

“Diman tristezza e noia
Recheran l’ore, ed al travaglio usato
Ciascuno in suo pensier farà ritorno”

In uno dei miei prossimi post pubblicherò le poesie di Anna di cui accenno.

Mi piace però concludere con dei versi che avevo dedicato ad un’altra mia carissima amica e che sono stati apposti in chiusura dei “Saluti” nel 12° volumetto di “Poesia Sostantivo Femminile”.

Libera

ogni tua energia

anima bella

solcando

i cieli del cosmo

senza frontiere.

 

Sciogli le gomene

e vai

oltre i confini

del cielo

nello spazio infinito

dei tuoi sogni

di perenne fanciulla.

 

Così

ti ricordo.

 

Joshua Madalon

 

Anna