Archivi categoria: Poesia

4 aprile – DA GIOVANE: LA SENSIBILITÀ AMBIENTALISTA, STORICA E CULTURALE – decima parte – 4 (Trenta più cinquanta fa “Nouvelle Vague”) – per la parte X/3 vedi 12 febbraio

DA GIOVANE: LA SENSIBILITÀ AMBIENTALISTA, STORICA E CULTURALE – decima parte – 4 (Trenta più cinquanta fa “Nouvelle Vague”)

Altri, partendo da un sostanziale rifiuto del Cinema come surrogato, appendice, diretto successore del Teatro, delle Arti e della Letteratura sperimentale da cui derivava di assumere tipici generi e stilemi, affrontava un discorso di più ampio respiro e di rinnovamento di questa nuova forma di Arte attraverso la ricerca di tecniche che la potessero meglio caratterizzare (gioco di luci – molteplicità degli angoli di ripresa – ritmo delle inquadrature nel montaggio ) con un più forte legame con la società e con i problemi connessi alla storia dell’esperienza umana (ricerca della libertà – della felicità – di un ideale assoluto). Questa offrì al Cinema ispirazione e lezioni e lo riempì di ideali insostituibili, rinnovandolo ampiamente. Mentre, se pensiamo agli esiti dei “tecnici” di cui ho detto prima, non riusciamo a distoglierci dall’impressione che siano all’origine del moderno cinema elettronico.

Per analizzare questa parte abbiamo pensato di dedicare la giornata di apertura all’Avanguardia, invitando a parlarne l’architetto professor Carlo Montanaro, docente dell’Accademia di Belle Arti di Venezia e cinefilo benemerito (per tanti di noi) collezionista di materiale filmico preziosissimo. Dobbiamo soprattutto a lui se siamo riusciti a vedere “Taris ou la natation” di Jean Vigo, altrimenti reperibile solo presso la Cinemathèque Française ( ma con estrema difficoltà – vedi Postilla al testo di Maurizio Grande dedicato a JEAN VIGO dalla casa editrice Nuova Italia – Il Castoro Cinema, n.64 pagina 124).

Allo stesso relatore dobbiamo se, con la sua chiarezza e competenza, il pubblico presente è riuscito a comprendere sia le complesse difficili rapporti tra le diverse immagini nel film “L’Age d’or” di Luis Buñuel, sia molte delle problematiche non sempre di facile intelligibilità che pone allo spettatore “ingenuo” un film d’Avanguardia, proprio per quel concetto di “precedenza”, di “anticipazione” che la stessa parola “Avanguardia” ha dentro di sé, per cui molti di questi film in breve tempo e spazio racchiudono tutte le conoscenze tecniche e culturali del mezzo cinematografico.

Poi, per segnare proprio il passaggio dall’Avanguardia, come ricerca comunque intesa, ad un realismo poetico, non ancora riferito però a quello tipico di Renoir, anche se non meno significativo ed importante, si è dedicata una intera sessione a Jean Vigo.

Questo personaggio, amato e venerato non solo dai cinefili ma anche da un pubblico più vasto, soprattutto per la sua vita piena di questioni avvolte nel mistero e sconvolgenti (la storia del suo padre chiaramente anarchico, la sua infanzia travagliata, l’adolescenza peregrina, la sua malattia ed infine la sua morte), ci ha indotti a pensare ad un “poeta” delle immagini ed abbiamo così voluto presentare la sua esigua produzione in forma completa, per poterne capire profondamente la poetica, legata alle sofferenze esistenziali, espressa attraverso vicende che vanno ben al di là di una mera sequenza di versi, pur belli e sonanti.

14 marzo 75 – un preambolo

75 – un preambolo

Le facevo di corsa quelle scale sia nella discesa che a risalirle. A Pozzuoli, che ha una struttura storica a livello del mare e poi residenziale man mano che ci si inerpica verso la collina di San Gennaro fino alla Solfatara, quando si usciva di casa tra il Rione Palazzine, che da tempo è stato raso al suolo per far posto ad un orrendo parcheggio, e la ferrovia Metropolitana – si arrivava alla Piazza del Carmine e, per andare verso la zona Cappuccini e via Napoli, si passava davanti al complesso dell’Immacolata e poi davanti ai Carabinieri che avevano la sede in una struttura aristocratica; si girava a sinistra e si scendeva lungo la strada che costeggiava le sue mura perimetrali ricche di vegetazione mediterranea – soprattutto capperi – e si imboccavano di corsa le Rampe Cappuccini. Da ragazzetto le facevo in velocità sia nella discesa che a risalirle, orgoglioso delle mie capacità atletiche. Si andava e si tornava dal mare, nei mesi estivi, sulla scogliera. Da giovane negli anni dell’Università si andava da alcuni amici che abitavano proprio davanti alla stazioncina della Cumana e ci recavamo al “nostro” Circolo “Maiuri” in quella palazzina prospiciente la scogliera a pochi metri dalle Terme Puteolane. Da adulto insieme a mia moglie con un passo più lento scendiamo e saliamo quelle scale ponderando le forze. Lo facciamo quasi sempre per motivazioni terapeutiche – dobbiamo muoverci per migliorare l’apparato circolatorio; non dobbiamo correre – perché quelle “scale” per la loro ampiezza orizzontale ci consentono di scendere giù e venir su senza affaticarci troppo, mentre altre hanno una verticalizzazione poderosa e non si addicono a coloro che ormai hanno una “certa età”. Nell’ultimo periodo della mia permanenza “in servizio” a Prato ci ritornavo d’estate e verso sera, quando il sole si spingeva verso ovest dietro Capo Miseno, Bacoli, Procida e Ischia, scendevamo, Mary ed io, a goderci un po’ di fresco, giù per il nuovo Lungomare intitolato al Presidente Pertini. Sulle Rampe Cappuccini avevano impiantato una nuova illuminazione ed a metà percorso appeso ad uno di questi lampioni di metallo satinato c’era una piccola insegna di legno con su scritto “LUX IN FABULA”. Prima di far ritorno in modo più frequente ed intenso alla mia terra avevo interpretato quell’oggetto semplicemente come una intelligente trovata filosofica di stampo neoilluminista. Quando poi nel 2014 sono entrato a far parte della schiera dei “quiescenti” dal lavoro, avendo maggiore tempo e disponibilità in periodi non scolastici, scendendo lentamente mi sono soffermato a scrutare anche le pulsantiere delle abitazioni ed ho capito che quel “LUX in Fabula” era un’Associazione culturale che utilizzava quella variazione lessicale per evidenziare alcune delle sue proposte così come si legge sul suo sito web http://www.luxinfabula.it/
Il Laboratorio Lux in Fabula inizia infatti il suo percorso nel 1981 svolgendo attività di ricerca e di produzione sui temi dell’arte, della favola, del teatro e della multimedialità. L’attività si è sviluppata parallelamente nelle scuole, nelle università, nei centri sociali e nei luoghi di attività culturale.

…fine del preambolo

8 marzo 2021 – un inatteso piacevole dono

8 marzo 2021 – un inatteso piacevole dono da Carla Malerba

Non capita così spesso, e quindi fa tanto, tanto più piacere ricevere, nell’approssimarsi di una giornata tradizionalmente dedicata alla figura femminile, un dono sotto la forma di versi. Di recente ho potuto recuperare il contatto con l’autrice, che avevo conosciuto nel corso di un mio impegno professionale in un Istituto scolastico superiore di Arezzo. Ricordavamo entrambi i nostri impegni e le nostre passioni, in parte comuni, come quella dei “percorsi poetici”; i miei più come operatore culturale, come produttore organizzatore di eventi culturali, quelli di Carla Malerba come autrice di versi e di racconti.

Mi ha fatto dono di un paio di raccolte, alle quali hanno partecipato altre poetesse come lei, oltre a qualche sparuta presenza maschile. E’ una forma che ben conosco, avendo prodotto 12 edizioni – dal 2001 al 2012 – di una raccolta di brani poetici di donne o ispirati a figure femminili, “Poesia Sostantivo Femminile”.

Come uomini (il termine ha una funzione responsabilizzante, perché “uomini” sono soltanto coloro i quali comprendono il valore della condivisione dei percorsi e del rispetto reciproco) dobbiamo accogliere i delicati poetici amorevoli consigli di Carla e farne tesoro, avvalercene in tutto il percorso della nostra “comune” esistenza.

POESIA A UN UOMO PER L’OTTO MARZO di Carla Malerba

A una donna

non dare

ciò che può essere banale,

a una donna

regala pensieri profondi

e fiori di carta.

E affidale il tuo cuore.

Sappi che l’avrai messo

in buone mani,

mani generose,

sappi che la tua donna

è ricca di opere e giorni,

è l’arca dove riponi

la tua fiducia, il tuo amore.

Carla Malerba

Carla Malerba, nata in Africa settentrionale, risiede in Italia dal 1970. Laureata in pedagogia con una tesi sulla poesia nell’infanzia, ha insegnato Lettere nelle Secondarie a indirizzo tecnico. Ha pubblicato la sua prima raccolta, Luci e ombre, nel 1999.
Successivamente pubblica Creatura d’acqua e di foglie (Calosci, Cortona, 2001), Di terre straniere e Vita di una donna (La Vita Felice, 2010 e 2015) e nel 2020 Poesie future edita da Punto a capo. Ha ricevuto riconoscimenti in concorsi nazionali per la poesia inedita.

La poesia qui sopra riportata è inserita in una piccola raccolta curata da Giuseppe Vetromile, poeta partenopeo, di cui ho sentito parlare nelle poche volte che mi è accaduto di andare giù a Napoli ma che non ho mai incontrato (forse ci siamo sfiorati nei paraggi organizzativi di alcune iniziative alle quali ho collaborato con Angela Schiavone). Il volumetto è “Mimose in versi. Voci di donne per le donne” Volume Speciale dell’Antologia Virtuale “Transiti Poetici” dedicata alla Festa della Donna ed è ordinabile su Amazon.

Ho ringraziato personalmente Carla, sorprendendola con una telefonata tecnologica in risposta ad un suo messaggio su Messenger ed abbiamo recuperato ricordi e amicizie comuni, collegate alle passioni letterarie che ci consentono di rifugiarci nelle nostre abitudini culturali, poetiche e letterarie, un po’ come il Machiavelli della “Lettera a Francesco Vettori”

“…Venuta la sera, mi ritorno a casa ed entro nel mio scrittoio; e in sull’uscio mi spoglio quella veste cotidiana, piena di fango e di loto, e mi metto panni reali e curiali; e rivestito condecentemente, entro nelle antique corti delli antiqui huomini, dove, da loro ricevuto amorevolmente, mi pasco di quel cibo che solum è mio e ch’io nacqui per lui; dove io non mi vergogno parlare con loro e domandarli della ragione delle loro azioni; e quelli per loro humanità mi rispondono; e non sento per quattro hore di tempo alcuna noia, sdimentico ogni affanno, non temo la povertà, non mi sbigottisce la morte: tutto mi transferisco in loro….”

Per ora ci fermiamo qui, ma il “viaggio”, quello comune dell’umanità fatta di donne ed uomini, è ancora molto lungo.

23 febbraio IN RICORDO DEL “POETA” PIER PAOLO PASOLINI – atti di un Convegno del 2006 -parte prima (vedi Premessa del 10 gennaio)

IN RICORDO DEL “POETA” PIER PAOLO PASOLINI atti di un Convegno del 2006 – parte prima (vedi Premessa del 10 gennaio)

IL 2 NOVEMBRE DEL 1975 PASOLINI VENIVA UCCISO BARBARAMENTE – SONO PASSATI 45 ANNI – Rinnovo il mio particolare impegno a ricordarlo trascrivendo gli atti del Convegno che si svolse il 27 aprile del 2006 da me coordinato.

Parte prima

In vari periodi della mia vita ho organizzato iniziative culturali. Nel tempo in cui sono stato Presidente della Commissione Cultura della Ciroscrizione Est del Comune di Prato ho messo a frutto le mie conoscenze culturali cinematografiche più volte. In una di queste occasioni ebbi modo di preparare un Convegno presso l’Università di Firenze – PIN di Prato intorno alla figura di Pier Paolo Pasolini. Era la primavera del 2006. Già nella seconda parte dell’anno precedente avevo messo a punto l’iniziativa (della quale tratto nella “PREMESSA” nel precedente post) che doveva essere realizzata nel 30° Anniversario della morte del poeta (sintetizzo al massimo nell’attribuzione del ruolo di Pier Paolo Pasolini, riconoscendo una valenza complessiva della sua esistenza in quel termine: “poeta”), coinvolgendo molti elementi politico-culturali tra cui il prof. Maurizio Fioravanti, docente di Diritto costituzionale e direttore del PIN di Prato; insieme a lui tanti rappresentanti del mondo della scuola pratese, il prof. Sandro Bernardi del Corso di Laurea Progeas, Direttore del Prosmat, docente di Storia del Cinema; gli Assessori alla Cultura di Comune e Provincia, Andrea Mazzoni e Paola Giugni, entrambi docenti; i Presidenti delle cinque Circoscrizioni della città di Prato. Quella che segue è la trascrizione degli atti del Convegno che si svolse presso il Salone del PIN alle spalle della Stazione Ferroviaria del Serraglio. Molti altri interlocutori importanti vengono menzionati nella mia introduzione al Convegno.

N.B.: I nastri registrati furono sbobinati e la trascrizione non venne mai corretta. Dove è possibile per me, apporterò delle lievi correzioni.

Parla il Professor Maddaluno – Presidente della Commissione Cultura della Circoscrizione Est:

” Innanzitutto un ringraziamento a tutti quelli che sono qui presenti. Il programma è molto articolato, lo potete anche prendere, lo trovate in fondo alla sala. Io sono Giuseppe Maddaluno, sono il Presidente della Commissione Cultura della Circoscrizione Est, e parlo in rappresentanza anche delle altre circoscrizioni all’interno del coordinamento delle Commissioni Cultura. Sono doverosi i ringraziamenti a tutti quelli che hanno creduto in questo nostro impegno, le Circoscrizioni, in particolare i Presidenti e i Presidenti delle Commissioni Cultura ( vedo tra l’altro e saluto qui presenti i rappresentanti della Circoscrizione Nord , il Presidente Roberto Manzan e il Presidente della Commissione Cultura Mario Barbacci. Ringrazio gli Assessori di Comune e Provincia, gli Assessori alla Cultura che sono qui presenti al tavolo, Andrea Mazzoni e Paola Giugni; il Professor Sandro Bernardi del Corso di Laurea Progeas, Direttore del Pro.SMArt Scienze dello Spettacolo che conduce con me questa giornata di studi; il Teatro Stabile della Toscana “Metastasio” di Prato; il Gruppo Consiag SPA che dopo aver sponsorizzato la giornata dedicata, lo scorso anno, più o meno in questi tempi, era il 19 di aprile, a Jean Vigo, non ha mancato, non ha voluto mancare questa nuova occasione. Ed un ringraziamento anche all’Università del Tempo Libero intitolata ad Eliana Monarca rappresentata qui dalla Presidente, la professoressa Valeria Tempestini, che ringrazio, così come ringrazio Giuseppe Gregori dell’Associazione per il Lavoro e la Democrazia.

…fine parte prima…

10 gennaio 2021- IN RICORDO DEL “POETA” PIER PAOLO PASOLINI – atti di un Convegno del 2006 PREMESSA sulle iniziative del novembre-dicembre 2005 – parte terza (per la seconda parte vedi 7 dicembre)

IN RICORDO DEL “POETA” PIER PAOLO PASOLINI – atti di un Convegno del 2006 – PREMESSA sulle iniziative del novembre-dicembre 2005 Parte terza

Giovedì 17 novembre alle ore 21.00 siamo ritornati negli ambienti sotterranei del Dopolavoro Ferroviario in Piazza della Stazione il cui Circolo era gestito da Lucio La Manna e Nicola Verde e con la Compagnia Teatrale “Altroteatro” diretta da Antonello Nave è stato presentato il loro lavoro “Amico di Pasolini: Omaggio al poeta Massimo Ferretti”. Il professor Nave aveva curato già qualche anno prima una riduzione teatrale, rappresentata a Chiaravalle, tratta dalle opere di Massimo Ferretti dal titolo “Sopra il cuore”.

Venerdì 18 novembre alle 14.30, orario che consente agli studenti realmente interessati di partecipare al di fuori dell’orario di lezione siamo ritornati all’Auditorium dell’Istituto “Gramsci-Keynes” nel Polo scolastico di via Reggiana per un incontro dal titolo “Che cosa sono le nuvole: analisi di un cortometraggio” curato dal dott. Riccardo Castellacci ricercatore dell’Università di Firenze.

Con le stesse modalità lunedì 21 novembre ore 14.30 ci siamo spostati nell’Aula della Biblioteca del Liceo “Copernico” in viale Borgovalsugana 63 per un incontro sul tema “La sceneggiatura nel cinema di Pier Paolo Pasolini: dalla teoria alla pratica” a cura della dottoressa Costanza Julia Bani ricercatrice dell’Università di Pisa.

Martedì 22 novembre il nutrito cartellone presenta un altro incontro curato dalla dottoressa Stefania Cappellini presso l’Auditorium dell’Istituto “Gramsci-Keynes” nel Polo scolastico di via Reggiana, sempre alle ore 14.30 sul tema “Uccellacci e Uccellini: analisi ed approfondimenti del film”.

Il giorno successivo mercoledì 23 novembre sempre nello stesso Auditorium alla identica ora si è tenuto un incontro sul tema “La rappresentazione dell’adolescenza: percorsi fra cinema e letteratura e viceversa”, curato dalla dottoressa Costanza Julia Bani.

Venerdì 25 novembre alle 14.30 abbiamo previsto di replicare nell’Auditorium del “Gramsci-Keynes” particolarmente adatto per eventi teatrali il lavoro di Antonello Nave già rappresentato nella sede del Circolo del DLF.

Nello stesso giorno alle ore 21.00 curato dalla Circoscrizione Ovest presso il Circolo ARCI “Renzo Grassi” di Narnali in via Pistoiese 500 viene presentato il documentario “Pasolini: una disperata vitalità” collage di testi poetici di Pier Paolo Pasolini, recitati da Laura Betti che nel 1996 ne ha curato la regia teatrale. L’incontro coordinato dalla Presidente della Commissione Cultura della Circoscrizione Ovest, Monia Faltoni, è condotto da Riccardo Castellacci.

Martedì 29 novembre alle ore 21.00 siamo poi ospitati dal Teatro “Magnolfi” in via Gobetti dove, in collaborazione con l’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico (AAMOD) viene presentato un video di Carlo Di Carlo “Primo Piano: Pier Paolo Pasolini” e un nuovo libro di Italo Moscati “Pasolini Passione”. Regista e autore sono presenti. Il coordinamento è di Giuseppe Maddaluno.

Venerdì 2 dicembre a cura della Circoscrizione Nord presso l’Auditorium della Scuola Media “E. Fermi” in via Gherardi 66 un altro nuovo evento teatrale “Dedicato a Pier Paolo Pasolini un poeta contro” con Giovanni Fochi che ne cura la regia e con la musica originale orchestrata da Alessandro Cecchini. Coordina l’evento Mario Barbacci presidente della Commissione Cultura della Circoscrizione Nord.

Il denso programma si conclude martedì 6 dicembre alle ore 21.00 presso la Sala “don Lorenzo Milani” della Circoscrizione Est in Viale De Gasperi 63 dove il gruppo teatrale del Lieco “Copernico”, “Poetar Teatrando” diretto dalla professoressa Angela Pagnanelli presenta “”Passione vs Ideologia” un collage di testi tratti dalle opere di Pier Paolo Pasolini.

Nell’occasione i Presidenti delle Commissioni Cultura coordinate da Giuseppe Maddaluno annunciano l’intendimento di organizzare nel corso della prima metà dell’anni successivo un Convegno dedicato al tema che è stato posto nel titolo della Rassegna di fine 2005, “L’universalità dell’opera di Pier Paolo Pasolini . non una commemorazione, non un banale rimpianto ma tanto desiderio di capire e di riappropriarsi del suo pensiero a trent’anni dalla sua morte”.

DENTRO IL LOCK DOWN – I doni inattesi e quelli che tardano parte 2

DENTRO IL LOCK DOWN – I doni inattesi e quelli che tardano

Parte2

Noi che siamo stati rispettosi delle regole e ci siamo protetti (continuiamo a farlo) cercando di uscire il minimo possibile (nel primo periodo – quello primaverile – si usciva come i criceti nella ruota contando i passi e l’auto è rimasta ferma), ponevamo una grande attenzione a seguire i social, a scrivere le nostre elucubrazioni paraletterarie, a leggere quotidiani on line a prezzi stracciati e spulciare l’elenco delle programmazioni cinematografiche, musicali, teatrali, rifuggendo dopo una prima “abbuffata” mortifera dal seguire per punto e per segno le diatribe sanitarie e politiche che a tutte le ore del giorno (“nottata” che non finiva compresa) ci venivano proposte in abbondanza.

Abbiamo in più occasioni espresso il nostro rammarico per l’assenza di “coraggio” da parte degli organi governativi verso alcuni settori della Cultura e dell’Arte, come Teatri, Cinema, Musei, Biblioteche, Circoli culturali, strutture varie consimili, che sono stati “chiusi” in modo radicale. Faccio notare ancora una volta che quella è stata una scelta poco ragionata, comprensibile in una prima fase, quella della concitazione dovuta allo scoppio della pandemìa, ma che ha poco senso in quelle successive dove la ragionevolezza avrebbe potuto indurre a pretendere una regolamentazione draconiana delle presenze all’interno di sale teatrali, cinematografiche, circoli culturali, musei, biblioteche e via dicendo.

Come spesso accade, però, c’è chi può e chi non può, chi ha potere e chi non ne ha del tutto. Le grandi strutture teatrali hanno potuto godere di un vantaggio dovuto alla loro autorevolezza nazionale ed internazionale e sono riuscite a collocare le loro proposte o sul web o sui canali televisivi. La stessa cosa sta accadendo per alcune produzioni cinematografiche che trovano posto sui canali a pagamento o su piattaforme digitali come Raiplay. Inoltre gli esperti del web hanno potuto trovare occasioni ghiottissime per seguire alcuni grandi kermesse cinematografiche musicali, teatrali. Ovviamente non sono mancati i dibattiti di tipo politico, sociale, culturale in senso ampio. In parte, questi sono stati i doni inattesi per tanti tra noi che eravamo condizionati; ed in questo modo abbiamo trascorso il nostro tempo, evitando il contagio.

Tra le offerte più interessanti c’è stata l’apertura della Stagione concertistica del Teatro dell’Opera di Roma che ci ha fornito un esempio straordinario con “Il barbiere di Siviglia” di Gioacchino Rossini e la regia di Mario Martone, splendida nella capacità di utilizzare tutti gli spazi resi disponibili dall’assenza di pubblico e soprattutto quella di saper contestualizzare temporalmente alcune scelte registiche con grande senso ironico (mascherine, sanificazioni, distanze di sicurezza): l’opera rossiniana si prestava bene anche a creare un effetto di ottimismo. Quello che invece è totalmente mancato nell’altra grande proposta: la prima del Teatro Alla Scala di Milano, con una serie di interventi di altissima qualità, è apparsa intrisa di pessimismo e di cupezza. Certamente una ricchezza di personalità (Roberto Bolle, Riccardo Chailly, Placido Domingo) e di riferimenti letterari (Pavese, Bergman, Sting, Racine, Hugo e Montale) ma è certamente mancato quel tratto di stimolo ad avere maggiore fiducia verso il futuro, che è tanto necessario oggi.

….2…….

IN RICORDO DEL “POETA” PIER PAOLO PASOLINI – atti di un Convegno del 2006 – PREMESSA sulle iniziative del novembre-dicembre 2005 – parte seconda per parte prima vedi 13 novembre

IN RICORDO DEL “POETA” PIER PAOLO PASOLINI – atti di un Convegno del 2006 – PREMESSA sulle iniziative del novembre-dicembre 2005 – parte seconda

Nell’occasione avemmo anche la collaborazione dell’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, con il quale avevo avviato un intenso rapporto di cooperazione sin dalla mia esperienza con il Cinema di Gillo Pontecorvo (vedasi tutta la serie di miei post dedicati a “Giovanna”, figura inventata ma realistica di operaia tessile in lotta per la conquista dei diritti – particolarmente quelli delle donne – negli anni Cinquanta qui a Prato).

Altra collaborazione preziosa fu quella del Dopolavoro Ferroviario di Prato in Piazza della Stazione che in quel periodo era condotto dal punto di vista gestionale ma con una propensione particolare allo Sport ed alla Cultura da Lucio La Manna e Nicola Verde.

Ad ogni modo ora scenderemo nel dettaglio, in questa Premessa agli Atti del Convegno del 27 aprile del 2006, relativamente alle iniziative che si svolsero nell’intera città di Prato tra il novembre ed il dicembre del 2005 a trenta anni dalla morte di Pier Paolo Pasolini.

Il 4 novembre del 2005 alle ore 12.00 presentammo alla Stampa e ad un pubblico scelto rappresentativo del mondo scolastico cittadino il Programma delle inziative. Il luogo scelto fu l’Istituto “Tullio Buzzi” in Viale della Repubblica 9 non molto distante dalla sede della Circoscrizione Est di Viale De Gasperi 67, luogo operativo principale (vedasi foto di uno degli incontri svolti nella Sala “don Lorenzo Milani”).

La prima iniziativa era prevista lunedì 7 novembre e già dava il segno della rilevanza del complesso di proposte che travalicavano i confini provinciali e accoglievano gruppi nazionali. L’avevamo concordata con la Circoscrizione Sud ed il coinvolgimento operativo della Circoscrizione Centro (anche perchè dovendo coinvolgere gli Istituti di Scuola Media Superiore questi ultimi non erano presenti sul territorio Sud ma quasi tutti afferivano al Centro). Infatti l’evento del 7 novembre fu organizzato nell’Auditorium dell’Istituto “Gramsci-Keynes” nel Polo Scolastico di via Reggiana, dove confluiscono altri Istituti come il “Dagomari” ed il “Datini”. L’importanza dell’iniziativa non era solo la presenza di più Enti amministrativi ma in modo particolare la cooperazione tra il Teatro Stabile della Toscana “Metastasio” di Prato e la Compagnia Teatrale Mercadante Teatro Stabile di Napoli. Non solo questo, però! Lo spettacolo, perché di questo si trattava, era coprodotto dal Teatro “La Baracca” di Maila Ermini. “Idroscalo 93” (il riferimento del titolo è al luogo preciso di Ostia dove fu trovato il corpo senza vita di Pasolini) portava la firma di Mario Gelardi con la consulenza di Carla Benedetti ed era interpretato da Ivan Castiglione e Daniele Russo.

La seconda iniziativa era per venerdì 11 novembre ore 21.00 presso gli spazi naturalmente scenografici del Dopolavoro Ferroviario in Piazza della Srazione 22. In quella occasione fu la Compagnia teatrale “Per l’acquisto dell’Ottone” diretta da Viviano Vannucci e Andrea Bianconi a presentare la messa in scena di “Che cosa sono le nuvole: Pasolini riscrittore”, chiaro riferimento all’episodio cinematografico del film “Capriccio all’italiana”.

Con la terza iniziativa avviavamo una serie di incontri di approfondimento su alcuni aspetti della vita e delle opere letterarie di Pasolini. Il mercoledì 16 novembre alle ore 14.30 eravamo nell’Aula della Bibilioteca del Liceo Scientifico “Copernico” in viale Borgovalsugana 63. A relazionare sul tema “Pasolini viaggiatore e reporter” fu la dottoressa Stefania Cappellini, ricercatrice dell’Università di Pisa.

13 novembre – IN RICORDO DEL “POETA” PIER PAOLO PASOLINI – atti di un Convegno del 2006 – PREMESSA sulle iniziative del novembre-dicembre 2005 – parte prima

IN RICORDO DEL “POETA” PIER PAOLO PASOLINI

– atti di un Convegno del 2006 – PREMESSA sulle iniziative del novembre-dicembre 2005 – parte prima

Da quel 2 novembre 1975 sono trascorsi 45 anni. Non si finirà mai di ricordare e ringraziare Pier Paolo Pasolini per la sua grande intelligenza, la sua capacità naturalmente profetica rispetto a ciò che, quando egli parlava, noi in tanti non eravamo in grado di capire, anche se “oggi”, e progressivamente nel corso di questi anni, quelle “parole” ci sembrano sempre più chiare. In più occasioni abbiamo voluto ricordare Pasolini ed anche su questo Blog grande spazio gli abbiamo riservato (nella ricorrenza dei 40 anni abbiamo coinvolto un forte numero di poetesse e poeti per un libretto collettivo ed una “performance” teatrale e abbiamo trascritto molti di quei commenti).

Come Presidente della Commissione Cultura della Circoscrizione Est del Comune di Prato ho coordinato una serie di interessanti iniziative culturali nell’autunno del 2005 nel trentennale dalla scomparsa. In primo luogo, essendo coordinatore delle Commissioni Cultura delle cinque Circoscrizioni coinvolsi i Presidenti delle altre quattro (Matteo Aiazzi “Centro” – Mario Barbacci “Nord” – Monia Faltoni “Ovest” – Gabriele Zampini “Sud”). Insieme decidemmo come muoverci e coinvolgemmo i due Assessori alla Cultura di Comune e Provincia, Andrea Mazzoni e Paola Giugni. Poi ci mettemmo in contatto con la Presidenza e la Direzione del Teatro “Metastasio” (in quel periodo c’erano Alessandro Bertini e Massimo Castri. Chiedemmo poi il contributo culturale del Polo Universitario PIN di Prato-Corso di Laurea Progeas diretto da Sandro Bernardi, che già aveva collaborato con me in altre occasioni (come nelle Giornate di studio intorno alla figura di Jean Vigo) e che accettò con entusiasmo; insieme a lui riuscimmo a coinvolgere il Presidente del PIN, Maurizio Fioravanti. Per promuovere la partecipazione “attiva” degli studenti delle scuole medie superiori chiedemmo un incontro con il CSA (quello che comunemente si chiamava Provveditorato e che poi divenne Ufficio Scolastico Provinciale): allo stesso tempo ognuno di noi mise a punto una serie di contatti con i Dirigenti scolastici del proprio territorio e con quei docenti più sensibili cui cominciare a rivolgerci. Contemporaneamente allargammo i nostri orizzonti a quelle strutture culturali già attive come l’Università del Tempo Libero “Eliana Monarca” (intitolata ad una docente e amministratrice eccelsa) che in quel periodo era presieduta dall’ex Dirigente scolastica Valeria Tempestini; e all’Associazione per il Lavoro e la Democrazia ideata e presieduta da un grande personaggio del Sindacato CGIL, Giuseppe Gregori, che negli anni appena successivi avrebbe ricoperto l’incarico di Assessore alla Cultura.

Sotto l’aspetto organizzativo ci fu fornito un sostanzioso sostegno da parte di giovani studiosi dottorandi di Storia del Cinema dell’Università di Pisa, tra cui menziono Costanza Julia Bani, Stefania Cappellini allieve del rpofessor Lorenzo Cuccu, con le quali avevamo già collaborato per un Convegno dedicato a Jean Vigo, ed un giovane fiorentino, allievo di Sandro Bernardi, Riccardo Castellacci.

Tra i gruppi teatrali di riferimento avemmo la partecipazione della Compagnia “Per l’acquisto dell’Ottone” (chiaro riferimento a Bertolt Brecht), diretta da Viviano Vannucci e Andrea Bianconi,  la Compagnia “Altroteatro” del Liceo Classico “Cicognini” di via Baldanzi, diretta da Antonello Nave e la Compagnia “Poetar Teatrando” del Liceo “Copernico” diretta dalla professoressa Angela Pagnanelli.

Una delle riunione organizzative in preparazione degli eventi. Tra i presenti si vedono distintamente Giuseppe Gregori, Mario Barbacci , Benedetta Tosi, Evita Milone, la preside Valeria Tempestini, Roberto Carlesi. Di spalle Andrea Coveri e Maurizio Fioravanti

….premessa fine parte prima…..

4 novembre – IL MOTIVO DI MANUTENERE UN BLOG – il mio blog -parte 2 (per la parte 1 vedi 14 ottobre)

IL MOTIVO DI MANUTENERE UN BLOG – il mio blog – parte 2

Ho scritto più di 2000 post da quel 19 giugno 2014, molto spesso con cadenza quotidiana. Non l’ho fatto per vanagloria, nè con l’intento di diventare un vero “blogger” o, come troppo spesso leggo per quanto riguarda altri, “influencer”. Non ho mai cercato di trovare “sponsor pubblicitari” nè tantomeno ho comprato spazi sui “social”. L’ho fatto perchè ritengo che, pur se poco e non sempre “buono”, qualcosa ho fatto: non più di altri che semmai non hanno il coraggio di mostrarsi, la “faccia tosta” che sin da ragazzo ho avuto. Ricordo qui che ho tentato di svolgere molte attività “artistiche” compreso quella musicale, della quale però non posseggo la minima qualità. La “voce”, a detta di un “maestro di musica” della Scuola media era promettente, ma non l’ho curata, anche se poi quando si stava in compagnia cantavo e non proprio male. Mi sono accostato a gruppi musicali davvero “naif”, partecipando anche a “concerti happening” di poesia e musica folk, che in quegli anni Sessanta andavano di moda tra le giovani generazioni, ma senza grande successo. Un po’ di più ha funzionato la recitazione e la riscrittura e scrittura di testi.

In questo spazio (il Blog)  ovviamente parlo di tante cose; recupero ricordi, anche attraverso – laddove è possibile – documenti stampati o scritti a mano, relativi alla mia attività professionale, culturale, sindacale e politica amministrativa. Non ho mai smesso di occuparmi sin dagli Anni Sessanta della vita politica del nostro Paese, attraversando molte “stagioni” e vivendo molte esperienze. Non sono ancora stanco, anche se avverto il bisogno di mettere a punto quel che è accaduto in questi anni, di cui sento di essere in quota parte responsabile. Anche su questo si potrebbe pensare che io sia affetto da megalomania: “quota parte” limita questo tipo di sospetto. Intendo dire che alcune scelte “mie” hanno indubbiamente contato non solo per me ma anche per una serie di persone con cui abbiamo tutto sommato condiviso il cammino.

Su questi temi non sarebbe molto difficile per un curioso perditempo ritrovare il bandolo della matassa nei circa 2000 post; per l’appunto “un curioso perditempo” che volesse addentrarsi in questa selva di elucubrazioni molto personali su tutta una serie di argomenti di carattere politico e sociologico, finanche antropologico.

Uno spazio ho però voluto dedicare a alcune mie passioni, forse un po’ più vere sentite e serie delle altre: la scrittura, la lettura, l’elaborazione cinematografica, il teatro – un teatro militante però, legato molto spesso alla Politica ed agli eventi contemporanei.

Ho svolto compiti molto collegati alla metanarrazione, rielaborando ricordi diretti in forma letteraria. Ho accompagnato alcune letture con una stesura critica originale nel corso di iniziative culturali da me curate insieme ad altri partner appassionati di letteratura. Ho creato “format” a questo scopo, come “Il domino letterario” e “Anniversari” che hanno ottenuto fin quando sono stati in piedi un certo seguito.

La passione per il Cinema ha accompagnato la mia esistenza sin dalla più tenera età: ho visto tante opere, ho conosciuto tanti autori, ho realizzato un format nel corso degli anni Ottanta, “Film Video Makers toscani”, del quale sono molto fiero. Ho costituito alcune Associazioni, in primo luogo proprio quella, “Film Video Makers toscani”, e poi alla fine del primo decennio del nuovo secolo, “Dicearchia 2008”, che ricorda la mia terra di provenienza, alla quale ho dedicato molti spazi metanarrativi sia legati ai ricordi che ai viaggi di ritorno nei Campi Flegrei.

Questo, ad ogni modo, è il mio Blog dove continuo a praticare la mia testimonianza di cittadinanza attiva, aperta a 360 gradi.

“PACE E DIRITTI UMANI” un intervento di Giuseppe Panella in suo ricordo – terza parte (vedi post 10 febbraio 2020) )

tanucci-11

“PACE E DIRITTI UMANI” un intervento di Giuseppe Panella in suo ricordo – terza parte (vedi post 10 febbraio 2020)

Il prof. Maddaluno legge (paragrafo 51 del codice “criminale” leopoldino di cui si tratta bella relazione del prof. Giuseppe Panella):

“Abbiamo veduto con orrore con quanta facilità nella passata legislazione era decretata la pena di morte per delitti anco non gravi. Ed avendo considerato che l’oggetto della pena deve essere la soddisfazione al privato ed al pubblico danno la correzione del reo figlio, anche esso della società e dello stato, della di cui emenda non può mai disperarsi, la sicurezza nei rei dei più gravi ed atroci delitti che non restino in libertà di commetterne altri, e finalmente il pubblico esempio che il governo nella punizione dei delitti e nel servire agli oggetti ai quali questa unicamente è diretta, è tenuto sempre a valersi dei mezzi più efficaci con il minor male possibile al reo. Che tale efficacia e moderazione insieme si ottiene più che con la pena di morte, con la pena dei lavori pubblici, i quali servono di un esempio continuato e non di un momentaneo terrore che spesso degenera in compassione e tolgono la possibilità di commettere nuovi delitti e nuova possibile speranza di veder tornare alla società un cittadino utile e corretto, avendo altresì considerato che una ben diversa legislazione potesse più convenire alla maggiore dolcezza e docilità di costumi del presente secolo e specialmente nel popolo toscano siamo venuti nella determinazione di abolire, come abbiamo abolito con la presente legge, per sempre la pena di morte contro qualunque reo, sia presente sia contumace ed ancor che confesso e convinto di qual si voglia delitto dichiarato capitale dalle leggi fin qui promulgate le quali tutte vogliamo in questa parte cessate ed abolite”.

Panella (5)

Riprende a parlare il prof. Giuseppe Panella:

“Come si era arrivati a questa determinazione da parte di Pietro Leopoldo, e soprattutto di che cosa era frutto questa esigenza di di riforma della legislazione criminale?
Non solo dell’azione dei ministri di Pietro Leopoldo, ma di un consimile e contemporaneo moto di riforme che attraversavano l’Italia e i diversi stati in cui l’Italia era divisa.
Era stata l’attività di un gruppo di giuristi dell’Università di Pisa tra i quali spiccano i nomi di Bernardo Tanucci che appunto da Pisa si sposterà a Napoli ove lungamente sarà Ministro di Carlo II e poi di Carlo III di Borbone e dove provvederà a tutta una serie di riforme e di razionalizzazioni dell’assetto giuridico amministrativo economico e politico del regno senza però poter arrivare appunto all’abolizione della pena di morte, grande cruccio dell’onestissimo ministro Tanucci del quale gli stessi contemporanei si stupivano dell’onestà e della capacità di mantenersi integro, pur tra le sollecitazioni e gli stimoli ad arricchirsi che gli venivano dal potere (Tanucci è rimasto famoso per questo e c’è una lapide a Stia in provincia di Arezzo dove egli è nato che dice appunto che Tanucci non solo in vita non si arricchì, ma lasciò la famiglia allo stesso livello di ricchezza nel quale l’aveva lasciata quando aveva assunto il titolo di primo ministro, cosa ripeto della quale non solo si stupiscono i contemporanei di oggi, ma si stupirono anche i contemporanei di Tanucci di come egli fosse stato integro al centro del potere).

Stia e Tanucci

….terza parte…..

(ritrascrizione a cura di Joshua Madalon)