Archivi categoria: Politica

LE (mille) BUONE RAGIONI

pd_spaccato

LE (mille) BUONE RAGIONI

La scelta di Matteo Renzi conferma a tante e tanti di noi le “buone ragioni” per cui abbiamo in momenti diversi lasciato il Partito Democratico dopo aver contribuito attivamente ed in prime persone a fondarlo.
Ciò non significa che in modo automatico una volta uscito Renzi sia possibile “rientrare”. Anzi, è proprio questo il punto. Matteo Renzi tra le sue affermazioni “in uscita” ha con la sua solita presunzione ed arroganza posto in evidenza l’inadeguatezza del progetto del PD; dimenticando a bella posta due fondamentali elementi: 1) che l’attuale PD è per natura e per i suoi riferimenti parlamentari ed amministrativi ancorato alla sua stessa leadership e 2) le scelte politiche attuali non sono dissimili da quelle sue, contrassegnate dalla schizofrenia egocentrica di un leader plurisconfitto che smania per poter riemergere sulla scena politica.
A dimostrazione di tutto questo vedansi nei livelli periferici quanto siano contati i zingarettiani nelle recenti competizioni amministrative.
D’altra parte la scelta era attesa e temuta in modo particolare proprio da quelli che, ipocriti patentati, per coerenza (che è dote preziosa) avrebbero dovuto seguirlo come lemming nel nuovo progetto. Non lo hanno fatto e non lo faranno, temendo “esclusivamente” al di là dei belli propositi carichi di ipocrisia di andare incontro ad una sonora debacle.
Anche per questi motivi l’aria all’interno del Partito Democratico non si è bonificata ed anche le “maggioranze” variabili formate con personaggi che si collocano dove li porta il vento inducono a non cascare in questo trabocchetto.
Forse in modo molto originale occorrerebbe ringraziare Renzi per questa sua sortita. Rafforza in tante e tanti di noi le “buone ragioni” per cui abbiamo scelto una strada diversa alla ricerca di costruire una Sinistra aperta, democratica ma soprattutto davvero attenta ad affrontare le emergenze che colpiscono innanzitutto le fasce più deboli del Paese, proprio quelle che in assenza di un riferimento forte e deciso nella Sinistra rivolgono inopinatamente la loro attenzione verso politiche antilibertarie, sovraniste demagogiche e populiste.

Joshua Madalon

LE CIRCOSCRIZIONI a Prato ed il lavoro di compartecipazione che curavano (da un’esperienza diretta) – Un nuovo documento- seconda parte

LE CIRCOSCRIZIONI a Prato ed il lavoro di compartecipazione che curavano (da un’esperienza diretta) – Un nuovo documento- seconda parte

Proseguo a riportare il testo del documento la cui prima parte ho pubblicato lo scorso 2 settembre

CIRCOSCRIZIONE EST DEL COMUNE DI PRATO
Commissione Formazione e Cultura
MARTEDI 5 ottobre 2004

Centro Polivalente don Lorenzo Milani – ore 21.00

La Formazione

Il lavoro nel settore della Formazione è stato caratterizzato da un’essenziale continuità rispetto alla legislatura precedente (1994\1999), tranne che per qualche aspetto di cui ora si parlerà.

L’impegno della Circoscrizione nel settore della Scuola si è configurato fino a tre anni fa in un intervento diretto su alcuni progetti condivisi: la nostra struttura amministrativa seguiva passo passo (soprattutto dal punto di vista finanziario) i progetti approvati. In pratica si operava così: la Circoscrizione (il Comitato Esecutivo, la Commissione e poi il Consiglio) stabiliva in sede di Piano Programma i macro argomenti su cui far confluire l’intervento finanziario. Di norma, in tutti questi anni i macro argomenti sono stati: l’ambiente, la multicultura, la memoria, la musica, la lettura.

Da tre anni in qua, con l’avvento dell’autonomia scolastica (autonomia soprattutto finanziaria, anche se le risorse poi le dovevamo mettere anche noi), abbiamo modificato di poco la modalità di intervento, lasciando alle scuole tutta la parte amministrativa con esclusione del preventivo e del resoconto finale, anche se alla Circoscrizione interessa soltanto questo ultimo (infatti noi spesso abbiamo coperto solo parte dei progetti, laddove il preventivo particolarmente “sostanzioso” si riferiva a progetti che ritenevamo interessanti, lasciando alle scuole il compito di reperire altrove le rimanenti risorse necessarie).

In pratica funziona così: le diverse realtà scolastiche presenti sul nostro territorio (due Circoli Didattici, il secondo ed il settimo; una Scuola Media Statale, la “Pier Cironi”; due istituti Medi Superiori, il “Buzzi” ed il “Copernico”; alcune scuole private), attraverso dei referenti, a volte supportati dai Dirigenti Scolastici stessi, vengono invitati a presentare – di norma all’inizio dell’anno scolastico – i loro progetti riferiti in particolare agli obiettivi istituzionali sopra espressi.
Nel corso degli ultimi anni, considerando questo settore fra le priorità da mantenere intatte nel limite delle possibilità, la Circoscrizione ha fatto di tutto per confermare i budget assegnati alle diverse realtà scolastiche del territorio, senza distinguere fra pubbliche e private, anche se per la caratteristica e la mole dei progetti proposti e realizzati la maggior parte degli interventi finanziari è stata appannaggio delle scuole pubbliche.

Nel prossimo futuro speriamo di poter mantenere questo nostro impegno, anche se i segnali già da qualche anno non ci aiutano in tal senso.

La Circoscrizione inoltre segue con incontri periodici sia di tipo collegiale sia individuale il percorso degli interventi con incontri con i referenti e gli operatori interni ed esterni chiamati ad operare, fin quando, di norma nelle ultime settimane di scuola, non si perviene alla realizzazione del progetto con mostre dei lavori svolti, relazioni aperte anche al pubblico esterno, performance dei gruppi degli studenti coinvolti. Molto interessante è stata in questo anno 2004 tutta la serie di interventi formativi e culturali, in parte finanziati dalla Circoscrizione, che hanno visto coinvolto il VII Circolo ed in particolare la Scuola della Castellina, che è stata intitolata a Fabrizio De Andrè.

Un quadro sintetico degli interventi realizzati, quest’anno, con le scuole della Circoscrizione è a vostra disposizione. Da quest’anno, al posto dell’unico primo incontro collegiale ho avviato già dalla scorsa settimana incontri riservati con ciascuna delle Istituzioni scolastiche del nostro territorio (pubbliche e private) nelle loro sedi per programmare i futuri interventi, verosimilmente quelli da realizzare nel 2005.

…2…

image035

Considerazioni in “zona Cesarini” ed un appello

italia02_06110458

Immagine

Considerazioni in “zona Cesarini” ed un appello

Siamo a pochi minuti, circa un’ora dal termine delle votazioni sulla piattaforma Rousseau per approvare o meno la partecipazione del M5S al nuovo Governo. Anche tutti i peana che i social e le persone stanno elevando a sostegno della formazione del nuovo Esecutivo partono da un dato incontrovertibile ma semplicemente contingente: aver isolato la Lega e soprattutto il suo Capitano. “Contingente” e condivisibile, ma transeunte. I supporters del Partito Democratico di fede renziana assegnano al loro leader i meriti di aver voluto con forza l’apertura di questa collaborazione con i pentastellati, stendendo la spugna sulle fasi del dopo 4 marzo, allorquando non si è voluto (e protagonista assoluto era lo stesso Renzi) nemmeno avviare una prova di dialogo, anzi si sono lasciate portoni aperti alla cooperazione tra M5S e Lega, con tutto quel che ne è conseguito. Ad un cittadino malizioso potrà apparire che questo ravvedimento sia collegato in modo essenziale, più che ad una volontà di recuperare spazi di democrazia, al desiderio di mantenere ben strette le chiappe dei propri fedelissimi sugli scranni del Parlamento.
Ho già rilevato e ne esprimo conferma che sarebbe meglio andare non rapidamente ma nemmeno troppo lentamente al voto anticipato. Ovviamente allestendo nel contempo una coalizione che metta insieme tutta la Sinistra compresa quella parte del PD che ancora guarda con vera attenzione e sensibilità alle ragioni dei meno protetti.
E’ certamente un “sogno” e forse un’utopia, ma non c’è altra strada per sconfiggere davvero le posizioni retrive e volgari della Destra, violente e repressive delle libertà.

Joshua Madalon

2487,0,1,0,379,256,306,2,2,191,51,0,0,100,0,1968,1968,2177,284996
2487,0,1,0,379,256,306,2,2,191,51,0,0,100,0,1968,1968,2177,284996

LE CIRCOSCRIZIONI a Prato ed il lavoro di compartecipazione che curavano (da un’esperienza diretta) – Un nuovo documento- prima parte

14152_domus-etrusca-di-gonfienti

LE CIRCOSCRIZIONI a Prato ed il lavoro di compartecipazione che curavano (da un’esperienza diretta) – Un nuovo documento- prima parte

Come avevo già scritto l’altro giorno, molti sono stati i documenti che attestano quanto fosse importante il lavoro nelle Circoscrizioni. Utilizzo materiale di prima mano – la mia. Il Blog ovviamente è aperto alla partecipazione di chi volesse ampliare tale documentazione.

Quello che segue è la conseguenza dell’intervento precedentemente pubblicato riferito ad un incontro di maggioranza di Centrosinistra nella Circoscrizione Est in apertura della legislatura 2004-2009. In questo caso relaziono ai membri della Commissione.

CIRCOSCRIZIONE EST DEL COMUNE DI PRATO
Commissione Formazione e Cultura
MARTEDI 5 ottobre 2004

Centro Polivalente don Lorenzo Milani – ore 21.00

Introduzione

Una delle prime frasi che un Presidente di una commissione dovrebbe rivolgere ai membri di essa è certamente: “Buon lavoro!”. Ancor di più, un augurio di buon lavoro, è importante per me che nei precedenti cinque anni ho avuto la fortuna di presiedere questa stessa Commissione e ritengo di aver ben lavorato insieme a tutti i membri sia di maggioranza che di opposizione, che in questo momento di ripresa dei lavori in una nuova legislatura ( e penso soprattutto a quelli che, per diversi motivi, hanno lasciato questo impegno ) voglio particolarmente ringraziare per la collaborazione anche critica che hanno fornito a questo territorio nell’arco degli ultimi cinque anni. Di quel gruppo qualcuno è ancora presente e potrà essere testimone del clima con il quale abbiamo operato pur nella diversità ideologica: è pur vero che il lavoro nelle Circoscrizioni ha una caratterizzazione tale da essere fortemente pragmatico ed operativo, e questo in particolare nel lavoro della nostra Commissione non ha mai comportato lacerazioni.

La nostra Commissione si occupa di due settori creativi, la Formazione e la Cultura, che consentono a tutti noi anche di esprimere le proprie caratteristiche peculiarità. Inoltre, proprio per il “turn over” che si è prodotto con queste nuove elezioni, vi è la possibilità di rinnovare il nostro impegno in questa Circoscrizione contando su nuove energie.

Ad essere precisi e schietti vorrei in primo luogo sottolineare il mio pieno convincimento che, pur essendo all’inizio di un nuovo periodo legislativo, in questo territorio per tutta una serie di interventi significativi realizzati, in particolare, nella scorsa legislatura, nei diversi settori di nostra competenza non si possa minimamente pensare che si parta dal cosiddetto “anno zero”.
Occorrerà dunque, nel ripartire, valutare, fra i diversi progetti, quel che ha funzionato pienamente, quello che bisognerà migliorare assieme a quello che necessariamente potrà essere accantonato definitivamente. Ad ogni modo, bisognerebbe riconoscere “in primis” la validità dell’intero impianto adottato nella scorsa legislatura, anche e soprattutto perché, nel costruire il programma di governo per questa legislatura, forte è stata la presenza della progettazione sia formativa che culturale. Il Programma al quale si fa riferimento, essendo anche il Programma della coalizione che ha vinto le elezioni, non potrà essere eluso, ma varrà la pena sostenerlo e con il contributo di tutti migliorarlo. Pensiamo, infatti, che anche l’opposizione non voglia lasciarsi sfuggire, nel proseguire il lavoro svolto nella passata legislatura, l’occasione di poter cooperare anche con i suoi spunti critici alla realizzazione di obiettivi che servono in particolare a tutti i cittadini del nostro territorio, a prescindere dalla loro collocazione politica.

Per quel che mi riguarda, nei settori della Formazione e della Cultura, ritengo opportuno aprire la più ampia riflessione sul lavoro già svolto perché è necessario che i consiglieri (eletti ed esterni) sappiano, e possano valutare il punto di partenza dal quale prendiamo le mosse per apportare adeguamenti e miglioramenti all’azione di governo amministrativo su questo territorio.

Ora affrontiamo in modo sintetico ma preciso quel che nei cinque anni (1999\2004) abbiamo realizzato nei settori della Formazione e della Cultura in questa Circoscrizione.

….1….

Joshua Madalon

Ritornare per conoscere e (ri)conoscere parte 5

68840036_1115165078684228_8706815233538129920_n

2487,0,1,0,303,256,452,2,2,157,50,0,0,100,0,1981,1968,2177,2171539
2487,0,1,0,303,256,452,2,2,157,50,0,0,100,0,1981,1968,2177,2171539

Ritornare per conoscere e (ri)conoscere parte 5

E’ il 15 agosto. Sono le 12.00 e forse anche per questo non c’è nè traffico pedonale nè traffico di auto. Le strutture abitative sono caratterizzate da un misto tra imponenza e degrado suddiviso in egual misura tra sedi nobili e abitazioni popolari: non mancano gli esempi di “bassi” abitati e di strutture che un tempo forse conobbero fasti di ori, di glorie e di Storia. E’ il 15 agosto e davanti a noi c’è una città che sembra morta, invecchiata.
Procediamo lentamente sia per il caldo sia perché da un lato e dall’altro si aprono varchi profondi: sulla sinistra verso la collina vulcanica ci si addentra in quartieri che ci invitano ad essere esplorati, sulla destra lo sguardo si allunga verso la marina. Per un primo tratto la schiera di abitazioni mostra antiche vestigia aristocratiche mescolate a popolari magioni: il nostro obiettivo essenziale è procedere verso gli scavi della città romana. Percorse poche decine di metri appare l’imponente struttura della Reggia: incredibile ma è attraversata dalla via dell’Università che entra ed esce dai portici laterali. E già “Portici”, siamo a Portici. Poco prima di arrivarci c’è una Chiesa dedicata a Sant’Antonio. C’è una piccola cappella votiva esterna; l’interno cui si accedde attraverso una breve scalinata non è particolarmente interessante. Ne usciamo ed approfittiamo di una fontanella per rinfrescarci e bere. Ci inoltriamo nel cortile interno percorso da qualche sparuta auto e ci dirigiamo verso l’ampia trittica cancellata inaccessibile oltre la quale però si intravede in fondo il mare. La direzione è comunque quella della “prateria” che abbiamo già percorso. La struttura ora sede dell’Università di Agraria merita un nostro ritorno; l’Orto Botanico subito dopo l’uscita dal cortile sembra aperto ma è un’illusione, visto che un signore, forse un custode, ci dice che riaprirà solo a fine agosto.
Si vanno accumulando uno dopo l’altro buoni motivi per ritornare, sempre “rigorosamente” a piedi, forse in giorni meno caldi. Non amiamo il turismo da “giapponesi”, preferiamo il turismo “fai da te” semmai con l’uso di qualche mezzo per spostarsi da un centro all’altro…ma poi occorre procedere lentamente, osservando tutti gli angoli nascosti e, avendo tempo e forze, perlustrarli. C’è sempre tanto da scoprire, c’è sempre tanto da imparare. Poco prima di superare il portico di uscita verso Ercolano c’è una targa che ricorda come in quel luogo il 19 giugno del 1758 fosse nato Raffaello Morghen, incisore sopraffino delle vestigia ercolanensi.
Di fronte all’ingresso dell’Orto botanico c’è villa Maltese, ben tenuta almeno nell’aspetto esterno. Un viaggiatore già consapevole come noi può assegnare un giudizio così positivo ben conoscendo lo stato di un pur austero degrado degli altri spazi. Alcuni di questi rimandano a suggestioni riferibili al famoso Palazzo dello Spagnolo al quartiere Sanità di Napoli con quella scala a doppi rampanti pur con un ridotto numero di fornìci.
Ad ogni modo in uno di questi casi non c’è alcuna limitazione e noi ci addentriamo fino in fondo superando l’arco della costruzione ed affacciandoci ad un non previsto “belvedere” da cui la vista spazia spingendosi verso lo skyline di Capri.

…5…

Joshua Madalon

68678231_2167897503339728_303758727331184640_n

Joshua (Madalon) dixit (ancora)

Joshua (Madalon) dixit (ancora)

In realtà in queste settimane mi sono chiesto se valeva la pena partecipare al dibattito surrreale che si è andato svolgendo intorno alle vicende della crisi del Governo giallo verde ed alle prospettive che si andavano profilando. Ed ho scelto di rimanere alla finestra, partendo da una piena consapevolezza espressa forse non molto chiaramente in un post “tardivo” nel quale spiegavo una parte dei motivi per cui rinunciavo a partecipare a tale dibattito compreso i “like” su Facebook.
Questo è il mio post forse laconico del 17 agosto
…segue.altro commento….

TEMPO DI RIFLESSIONI (prima di agire)

Come hanno potuto intuire le (poche-pochissime) persone che seguono il mio Blog il mio silenzio prolungato in questo mese di Agosto ha coinciso con la situazione politica di questo nostro Paese, i cui interessi appaiono sempre più lontani dalla sensibilità degli attuali provvisori governanti e dei loro sostenitori, a dispetto dei proclami reiterati sulla prevalenza nazionalistica.
Non ho in questo “tempo” dato seguito alle argomentazioni dei “molti” che sui social sono state prodotte disconoscendo la validità e la essenzialità di esse. Nessuno di noi ha in questo momento (nè tanto meno “prima” di questo momento) la possibilità di incidere sulle scelte, che appartengono alla classe politica espressa il 4 marzo del 2018. E’ pratica oziosa e velleitaria questa di dispensare consigli non avendone nè il diritto nè il dovere. E d’altra parte sarebbe vieppiù frustrante il comprendere che dei tuoi consigli nessuno di coloro cui li si dirige ne tenga conto; anche nel caso in cui ciò che si suggerisce fosse messo in pratica non sarebbe realisticamente da assegnare a coloro che sui social si esercitano al ruolo di “mosche cocchiere”.
Non parlerò dunque di cosa dovrebbero fare gli attuali gruppi parlamentari, ma nei prossimi post eserciterò il mio ruolo per ribadire ciò che “sarebbe” necessario fare “dopo”.

J.M.

…..Espongo ancora una volta il mio pensiero in merito a ciò che sta accadendo. Non meno di un paio di mesi fa nelle elezioni europee ed in quelle amministrative qui a Prato ancora una volta a noi della Sinistra è stato chiesto di turarsi il naso e votare per il Partito Democratico sventolando lo spauracchio (reale sì) di una possibile vittoria della Destra nel ballottaggio alle amministrative. Ho dichiarato che non avrei accettato il ricatto ed in definitiva anche senza il voto mio e – forse – di altri della Sinistra non c’è stata la vittoria della Destra, anche se a mio parere non c’è neanche stata quella del Centrosinistra.
Ora ci risiamo: fondamentalmente si chiederebbe una fiducia “popolare” a questa nuova “coalizione” senza alcun segno di cambiamento, di discontinuità. Non parlo del M5S, non è la forza politica (Partito o Movimento che esso sia) cui io possa riferirmi, ma del Partito Democratico che pur avendo cambiato facce che si presentavano come “rivoluzionarie” non sta dimostrando di voler analizzare le motivazioni per cui una gran parte di elettorato lo ha abbandonato. Io per primo, stanco di essere ricattato moralmente e di essere costretto a mettere sotto i piedi la mia intelligenza per favorire gli interessi di persone intellettualmente modeste ed incapaci.

Joshua Madalon

11141168_10207419083903724_6237392262227445536_n

Joshua (Madalon) dixit

di-maio-conte-zingaretti
Joshua (Madalon) dixit

Perchè Giuseppe non scrive più? Ma davvero c’è qualcuno che se lo va chiedendo? E perchè mai non me lo chiede direttamente? Penso che la risposta a quest’ultima domanda la potrei fornire io stesso: c’è chi scrive e c’è chi legge. Se il secondo è distratto non può sapere che 1) ho scritto meno ma dalla metà di agosto in modo continuato esponendo uno dei temi principali per i quali mi impegnerò in questo prossimo quinquennio e cioè la riproposizione dei Consigli circoscrizionali in numero perlomeno di cinque sul territorio pratese; 2) in pochi articoli ho espresso tutte le preoccupazioni per il futuro della nostra Democrazia anche nel caso in cui andasse avanti una proposta di Governo rosso(sbiadito, molto sbiadito)-giallino. La mia idea è che se tale progetto andasse in porto assisteremmo ad una ulteriore forma di “ricatto morale” verso il vero elettore di CentroSINISTRA, che – prima o poi – finisce per allontanarsi in modo definitivo – ed è la scelta drammatica dell’astensionismo.
Ci si aggrappa sugli specchi per dire che è tutto reso necessario per fermare la vittoria della Destra, “la peggiore” da un secolo in qua, ma non si comprende che è proprio al gioco della Destra che ci stiamo piegando, la Destra finanziaria che gongola mostrandoci la sua “benevolenza” con l’abbassamento dello spread ma in fin dei conti spingendo il Paese a scelte drammatiche che renderanno sempre più difficile l’esistenza dei deboli ed arricchiranno ulteriormente i nababbi.
Non bastano le enunciazioni, siamo stufi di sentirne ancora altre. Poche ore fa il balletto delle dichiarazioni contrapponeva i due “promessi firmatari” di un accordo.
In fondo sarebbe meglio un Governo (“del Presidente”) che porti al più presto (anche in primavera 2020) il Paese al voto. Allo stesso tempo mi augurerei che da parte della Sinistra si arrivi ad una ricomposizione unitaria di SINISTRA, partendo dal riconoscimento degli errori che hanno condotto il Partito Democratico ad essere più una formazione centrista con uno sguardo maggiormente attento verso Destra. Ho scritto “mi augurerei” con espressione di desiderio impossibile. Anche se in Politica tutto potrebbe accadere.

Joshua Madalon

Ritornare per conoscere e (ri)conoscere parte 4

68880598_903004283409461_2591239626073047040_n

Ritornare per conoscere e (ri)conoscere parte 4

Mary si infervora e argomenta sui limiti dei Borboni e sulla inconsistenza storica della loro potenza industriale ed economica pari o addirittura superiore ad altre contemporanee. Il signore cambia il tema e dopo aver chiesto di dove noi si sia, saputo che si viene dalla Toscana si dilunga in una storia romantica di cui era protagonista una sua zia, una di quelle storie che circolano e sono credibili perchè i percorsi del destino sono imperscrutabili e sorprendenti, una di quelle storie cui la narrativa letteraria rosa, o i fotoromanzi e la cinematografia ci ha fatto appassionare. Un amore a prima vista in un contesto borghese zeffirelliano.
Ritorniamo verso l’uscita insieme a lui che, abbandonando la parte apologetica e melò, si improvvisa guida. Ci descrive, contornate da una tipica aneddotica popolare, le vicende della Reggia dalla sua costruzione nella prima parte del Settecento fino ai giorni nostri, caratterizzati da un progressivo depauperamento. Si tratta di un abbandono storicamente decretato peraltro in primo luogo dal processo storico e contemporaneamente dalla scelta di privilegiare il sito omologo di Caserta, ispirato volutamente allo splendore di Versailles. Non ininfluente è stata certamente la vicinanza con le altre due sedi di Napoli ben più rappresentative della “grandeur” borbonica e ben più congeniali al potere aristocratico e baronale.
All’uscita il signore ci accompagna per un pezzo verso la parte più alta del corso che abbiamo percorso prima di entrare nel Bosco. Gli argomenti sono altri, molto più coinvolgenti dal punto di vista sociale ed antropologico. Il tema è quello dell’invasione degli extra e l’ispirazione è tuttavia un povero disgraziato forse più anziano di noi che parla tra sè e sè in un linguaggio locale incomprensibile che percorre quel tratto di strada chiedendo elemosina mentre sporco e lacero fuma un mezzo spinello. Extraterrestre comunitario autoctono. E’ in ogni caso un argomento che ricorre sempre più nel dibattito pubblico: è rivelatore della incapacità che le classi politiche governative hanno mostrato in campo sociale a favore di coloro che più hanno bisogno ed in quello dell’accoglienza dei migranti non economici. E si scopre che sempre più persone non sono in grado di accettare tali inadempienze: essenzialmente è una guerra tra poveri.
Poco più in su sempre sulla nostra sinistra un’insegna indica l’ingresso al Teatro comunale dedicato a i De Filippo. Deve essere uno spazio piccolo commisurato alla larghezza ed al luogo: ma molto spesso spazi piccoli riservano grandi sorprese e sono il trampolino di lancio di tante professionalità nell’ambito artistico.
Sulla sommità del corso c’è una Piazza con una rotatoria; di fronte una Chiesa, quella dell’Arciconfraternita del Ss.Sacramento a sinistra si ritorna, percorrendo la Strada statale 18 Tirrena Inferiore, verso Napoli. Noi dobbiamo procedere a destra su via Università. Salutiamo il nostro provvisorio amico e mantenendoci sulla linea d’ombra ormai molto più sottile ci avviamo. La strada è più stretta del Corso Umberto. Ma ci sembra più ampia perchè è ad una sola linea di marcia ed è dotata a tratti di dissuasori che consentono ai pedoni di essere protetti ed alle auto di non poter parcheggiare.

….4….

Joshua Madalon

2487,0,1,0,361,256,343,2,2,198,57,1,0,100,0,1969,1968,2177,190168
2487,0,1,0,361,256,343,2,2,198,57,1,0,100,0,1969,1968,2177,190168

Scherzi della Politica….nell’impasse contingente

51b787fe620f2feab9a8d1e3dfda2ad9

Scherzi della Politica

Lapalissianamente parlando,ben si sa che molte affermazioni “politiche” si sviluppano in un senso che ai “più” è incomprensibile. Non per niente, quando si parla di “classe politica” la si associa ad una “casta”. Volendo essere “terra terra” senza però abbandonare del tutto la specificità per la quale si è andata sviluppando la mia professione potrei aggiungere che si parla in modo gergale, sottintendendo e ammiccando “perchè suocera intenda”.
In queste ore si alternano dichiarazioni solitarie e collettive; i social ci hanno abituato a sentirci protagonisti anche se di fatto con quella modalità non lo potremmo mai essere: è un po’ frutto dell’illusione generata da una democrazia del web che è in pratica la “contraddizione in toto” di ciò che dovrebbe essere la comune “democrazia”.
A me sembra che si stia assistendo ad un balletto dell’ipocrisia che potrebbe produrre danni incalcolabili proprio alla tenuta democratica del Paese. Nella totale irresponsabilità delle forze politiche – tutte nessuna esclusa – finiremo per dover celebrare il funerale della nostra Repubblica.
Tutti dicono di voler lavorare “per il bene del Paese” ma nessuno vuole fare un solo passo indietro. O meglio forse Salvini lo vorrebbe anche fare ma è un iracondo accidioso aggressivo e avendo seguito il suo istinto e delirio di onnipotenza non può farlo del tutto ed infatti la sua proposta sarebbe semplicemente un escamotage per poter ritornare sulla cresta dell’onda. Di Maio dopo la pausa per San Luigi (in fondo è ancora “un figlio di famiglia”) ha difficoltà a gestire la complessità del Movimento e si appende a qualsiasi alibi per poter fare marcia indietro. Zingaretti è ancora un “generale” senza esercito e non riesce a fare grandi concessioni al rivale esterno senza doversi accollare la responsabilità o di aver ceduto troppo o di aver calato le brache davanti a pivelli della Politica come quelli del Movimento 5 stelle o aver tenuto il punto e fatto fallire l’accordo: in realtà, scopro l’acqua calda, il peso del renzismo è intatto e in fase crescente dopo la dèbacle del Referendum e del 4 marzo.
Tutti però tra poche ore dovranno rendere conto al Capo dello Stato. Rimane molto poco tempo per decidere e c’è il rischio di produrre altri danni.
A coloro che si accapigliano sui social, che in questi giorni si sono divisi tra favorevoli o contrari ad un accordo rosso-verde, consiglierei di essere più prudenti. Come scrivevo sopra, non appartiene a nessuno di “noi” la verità e non è così semplice trovare degli accordi su temi intorno ai quali ci si è quasi scannati. La società nella quale viviamo è molto diversa da quella dei rioni dei quartieri dei paesi medi e piccoli che a stento riusciamo ad amministrare. La dimostrazione sta interamente in quello specchio della vita che quotidianamente abbiamo davanti: non si riesce più a comunicare e vengono veicolati messaggi mediati allo scopo di produrre percezioni sempre più negative che invitano a contrapporre tra loro i “perdenti” che sono numericamente in netta nettissima crescita mentre i vincenti si allontanano, sdegnati da questa competizione, a difesa dei propri interessi, e si ritirano nei loro dorati “castelli”.

Joshua Madalon

Spiaggia

COSA ERANO E COSA FACEVANO LE CIRCOSCRIZIONI A PRATO – da un’esperienza diretta – parte 7

s-l600

COSA ERANO E COSA FACEVANO LE CIRCOSCRIZIONI A PRATO – da un’esperienza diretta – parte 7


7.
Un altro settore nel quale la Circoscrizione ha operato con ruolo di primo piano nella città è stato quello della produzione culturale sia di racconti (“Giallo come un li…bro” era stato preceduto da una serie di incontri culturali sul libro giallo) sia di fumetti, sia di poesie. Interessanti sono stati i raduni periodici dei poeti pratesi, durante i quali ciascuno di loro leggeva alcune poesie; allo stesso tempo, la Circoscrizione ha dato vita ad una collana di poesie al femminile “Poesia sostantivo femminile” che ogni anno vengono lette in diretta in una serata organizzata nell’ambito della Festa della Donna. Queste iniziative che si sono ormai consolidate, sia per i costi esigui sia per la valenza sociale e culturale sia per la grande partecipazione che l’hanno caratterizzate in modo progressivo, rimangono di certo fra gli obiettivi principali di questa Circoscrizione.
Così come, superando qualche difficoltà incontrata nel corso della precedente legislatura, andrebbe ripreso il progetto di “Poesie da viaggio”, un foglio con racconti brevi e poesie, oltre a brevi informazioni ai cittadini, da distribuire sulle LAM che attraversano il nostro territorio.

Durante la legislatura 1999\2004 la sede della Circoscrizione è stata spostata dalla sede de La Querce in via Firenze ai “Lecci” in Viale De Gasperi. Collegato alla sede anagrafico – istituzionale è lo spazio che abbiamo voluto dedicare a “don Lorenzo Milani”. La scelta di intitolarlo al priore di Barbiana è da collegare proprio alla volontà di fare di quello spazio un luogo per la formazione delle giovani generazioni, possibilmente al di fuori dei soliti vincoli, sia burocratici che ideologici, e schematismi. Era ed è ancora una vera e propria sfida, difficile da realizzarsi, ma possibile umanamente con l’impegno di noi tutti, e soprattutto dei giovani amministratori che in questa legislatura si sono affacciati alla ribalta.

Abbiamo accennato al contatto con le due grandi Istituzioni culturali pubbliche cittadine; con il Teatro Stabile c’è un rapporto di ottimo livello: al Metastasio diamo collaborazione nel periodo della campagna abbonamenti sia con un front office in Circoscrizione sia con iniziative di promozione culturale sul Cartellone. Nel corso dell’anno poi di tanto in tanto ma sempre con una precisa programmazione prepariamo incontri con le compagnie, ospitandole in luoghi della Circoscrizione (di solito Scuole o Circoli), a volte offrendo ai nostri cittadini delle vere e proprie performances. Nel corso degli ultimi mesi, insieme alle altre Circoscrizioni, abbiamo avviato un percorso di primissimo livello culturale, che prevede un lavoro di ricognizione, seguito da un tutor, collegato al tema della memoria da farsi in cinque diverse realtà (ogni Circoscrizione dovrà cercarne una all’interno del proprio territorio) e poi la rielaborazione dei risultati operata da un esperto di scrittura teatrale e la messinscena finale realizzata con il contributo diretto dei cittadini protagonisti. Il tutto dovrebbe svolgersi in una biennalità suddivisa in parti uguali nelle due fasi prima descritte. La nostra Circoscrizione, avendo svolto già un lavoro di ricognizione sulla interessantissima ed unica nel suo genere realtà del Cantiere, aveva avuto la possibilità di saltare il primo anno e diventare punto di riferimento delle altre Circoscrizioni per le modalità già attivate, preparandosi subito alla realizzazione finale. Il progetto ha ricevuto uno stop comprensibilissimo, connesso alle fasi pre elettorali che sono state, come tutti sanno, piuttosto lunghe e difficoltose. Nel corso di questi prossimi anni l’idea va ripresa soprattutto all’interno del Coordinamento delle Commissioni Cultura.

….7….
Joshua Madalon

download (5)

DCF 1.0
DCF 1.0