Archivi categoria: Sociale

DENTRO IL LOCKDOWN – La “capricciosa” ed alcuni “servi sciocchi”

La “capricciosa” ed alcuni “servi sciocchi”

Avrebbe potuto far parte esclusiva del “bestiario politico” dei nostri tempi: purtroppo però siamo anche entrati in uno “spazio” che è occupato da una terribile pandemìa

Le è stato offerto un “giocattolo” e, quando le è stata tolta una parte di questo, ha messo il broncio ed avviato a far capricci.

E, quindi, proprio in quanto siamo in un periodo davvero pieno di incognite verso il futuro (il “futuro” è perennemente incognito, ma noi abbiamo imparato anche a distrarci, a non pensare a quello che di negativo ci attende), c’è poco da giocherellare, trastullarsi nel volersi sentire “grandi statisti”.

Riprendo un ragionamento accennato in altro post: nei rapporti dialettici bisogna mantenere una “correttezza” formale e mi piacerebbe che la mia analisi critica non sia oggetto di equivoci: poco hanno a che vedere i miei ragionamenti con la casualità per cui il Ministro della Pubblica Istruzione sia una figura femminile. Le “rape” sono tali a prescindere dal loro genere. Ed è molto bene che io assegni patenti negative anche a tutti coloro che ritengono che la Scuola, a prescindere dalle condizioni in cui si è fatta trovare allo scoppio dell’evento pandemico, sia il luogo più sicuro del mondo (vorrei far notare, giusto per dire, che l’Onorevole Santanchè, in agosto si lanciava a proclamare che le “discoteche” fossero molto più sicure delle quattro mura domestiche).

Su questa idea potrei anche essere d’accordo: a patto che negli ambienti scolastici, i cui spazi siano meglio adeguati al numero complessivo dei fruitori e del personale tutto, si permanga per larga parte della giornata in una sorta di “campus” dove si sviluppano tutte le potenzialità (non solo lo studio teorico, ma anche le applicazioni pratiche, lo sport, le attività culturali generali, la socializzazione). Dico ciò perché il problema principale che può provocare altri danni sanitari, riaprendo le scuole, sta nel transito non tanto nella permanenza.

Fare i capricci, di fronte a posizioni criticabilissime come la volontà espressa da parte di imprenditori vari del turismo e della ristorazione nel voler a tutti i costi riaprire le loro attività, e pretendere che “a questo punto si riaprano anche le scuole”, è davvero puerile! Come per dire “Muoia Sansone con tutti i Filistei!” o “abbiamo fatto trenta, facciamo trentuno!”. Ma di che cavolo andiamo parlando?!? Con questa smania di voler riprendere a muoversi più o meno come prima, con questa “gara” dell’insipienza non si va da nessuna parte, si va a sbattere! Ho scritto dai primi momenti che le strutture scolastiche “non certo per responsabilità” di questo Governo non potevano essere sicure in un tempo di pandemìa come quello che ci sta capitando. In più ho sempre scritto (“lo so perfettamente, chi cavolo sono io!?!”) che sarebbero occorsi interventi specifici per tamponare l’emergenza (un’emergenza che poteva durare tre mesi come un anno) ed invece ci si è baloccati con i “banchi a rotelle” praticamente inutili rispetto alla maggior parte dei banchi esistenti “monoposti”, con il brillante risultato di aver portato al macero banchi ancora funzionali e aver costretto alcune classi (dico “alcune” perché ne ho conosciute “solo” alcune) a far lezione all’avvio senza banchi e senza sedie.

Che dire? Ne riparleremo: eh sì che ne riparleremo!

Le motivazioni di chi vorrebbe ritornare a scuola sono sacrosante, ma le condizioni “invariate” rispetto alla prima parte di quest’anno non possono consentirlo.

27 novembre – PER UNA STORIA DEL PARTITO DEMOCRATICO – una serie di documenti del Comitato di Prato per il Partito Democratico parte 12 (per la 11 vedi 7 novembre)

PER UNA STORIA DEL PARTITO DEMOCRATICO – una serie di documenti del Comitato di Prato per il Partito Democratico


12.

Abbiamo bisogno di un rinnovamento, il partito democratico, che risvegli il bisogno di discutere con consapevolezza sulle necessità primarie di cittadini che vogliono esprimere il proprio pensiero, abbiamo bisogno di coinvolgere nel dibattito le competenze di cittadini che quotidianamente lavorano ed affrontano problemi per i quali hanno in mente soluzioni, abbiamo bisogno di una grande forza politica che dia slancio e fiducia a cittadini che vogliano costruire il futuro per sé e per i propri figli.

Da un anno a questa parte nella nostra città si è notata la presenza di un gruppo di cittadine e di cittadini impegnati, in un primo tempo, a sostenere la candidatura di Romano Prodi nelle Primarie, e successivamente a supportare, nella fase più calda della campagna elettorale, il Governo dell’Unione e la prospettiva di formare un Partito Democratico “nuovo” – non un nuovo Partito, ma un Partito “nuovo”.

Alcuni si sono impegnati a mettere in piedi dei momenti di dibattito, di confronto sul “Programma”, in particolare intorno alle tematiche della Formazione. Allo stesso tempo in Prato sono stati organizzati incontri pubblici intorno al tema del Partito Democratico. Il tutto è stato realizzato con la partecipazione delle forze politiche, in primo luogo dei DS e della Margherita (ma si è notata la presenza dello SDI, dei repubblicani Europei e dell’Italia dei Valori), quasi sempre (interessante è stato il dibattito organizzato dai giovani della Margherita o quello organizzato da Baroncelli e Tomada al Palazzo Novellucci) su nostra sollecitazione.

Già al ritorno dalle ultime vacanze estive (ma l’idea era stata già espressa più volte prima di allora) alcuni di noi avanzavano la proposta di costruire una struttura leggera del Comitato perché superasse parte dei limiti creati dal volontarismo, quali ad esempio l’impossibilità di essere riconoscibili (al di là di quei due, tre leaders), l’assenza di un punto di riferimento concreto nella città e fuori di essa sia per le forze politiche che per la cosiddetta “società civile” cui si ritiene ci si debba prioritariamente rivolgere e proporre.

Abbiamo coltivato l’idea di aderire ad una delle Associazioni che agiscono sul territorio nazionale e siamo entrati in contatto con esse in più occasioni: volevamo organismi leggeri che assomigliassero poco o niente alla forma Partito ed alla fine abbiamo optato per la Rete dei Cittadini per l’Ulivo, fortemente consolidata in Toscana, soprattutto a Lucca, Livorno, Pistoia, Fiesole, Firenze e Grosseto.
Abbiamo costituito un’Associazione che aderisce alla Rete e, come tutti sapete, abbiamo avuto il tempo di partecipare con due delegati all’Assemblea Nazionale, riuscendo ad ottenere un riconoscimento insperato, che sa tanto per noi tutti di investimento per il futuro.

A Montecatini siamo andati a portare soprattutto due messaggi:

1) il rinnovamento della politica e della democrazia (lo slogan della manifestazione era infatti “RINNOVIAMO LA POLITICA”) si ottiene anche con un rinnovo generazionale e noi vogliamo puntare soprattutto sui giovani;

2) la questione dell’equilibrio dei generi è fortemente collegata al rinnovamento della politica, perché si riesce a portare più donne a partecipare direttamente alla politica se si costruiscono nuove regole per la selezione delle classi dirigenti politiche ed amministrative del nostro Paese.

“DENTRO IL LOCKDOWN I rischi per la tenuta democratica: non solo inutili allarmismi” parte 3 (per la parte 2 vedi 24 novembre)

“DENTRO IL LOCKDOWN    I rischi per la tenuta democratica: non solo inutili allarmismi” parte 3

Quel che pavento in questi “post” deve essere utile a scongiurare simili scenari apocalittici.

Non basterà che qualcuno lo scriva, che lo dica e che uno sparuto gruppo di supporter lo confermi; bisognerà lavorare sodo per recuperare un “volgo disperso” sofferente al di là di quanto sia oggi possibile immaginare, oltre le privazioni oltre i lutti ben oltre le sofferenze fisiche e morali, psicologiche e reali. Se rimane in noi un lievito di serenità con il quale poter riuscire a concretizzare un pensiero complesso non piegato sulle proprie miserie, dovremo ricostruire il nostro tempo e rimettere in ordine il tutto per il futuro, che non potrà essere del tutto uguale a quel recente passato che in tanti sembrano voler rapidamente, il più velocemente possibile, recuperare.

In questi giorni ferve con intensità il dibattito sulla necessità di riaprire, in qualsiasi modo, molte tra le attività commerciali e turistiche; si rischia di rimettere in moto la circolazione del virus con una velocità ben superiore a quella finora espressa nelle due fasi, la seconda ancora in corso seppur in lieve flessione. C’è in una parte degli imprenditori – come quelli che si occupano delle località turistiche sulla neve – la “giusta” idea che si corrano rischi di impresa cui essi tengono in modo molto netto e specifico e temono “giustamente” per il loro futuro. Hanno tutte le buone ragioni da portare avanti; ma non intendono, ed in realtà non possono nemmeno del tutto, assumersi la responsabilità, considerarsi colpevoli, dei danni altrettanto gravi e oggettivamente incommensurabili che potrebbero provocare, ridando forza alla diffusione della pandemìa. In linea di massima si sarebbe anche potuto mantenere aperte tante altre realtà operative (ristoranti, alberghi, musei, teatri, cinema, centri commerciali, impianti sportivi, ecc…) già nella prima fase; ma sarebbero occorsi alcuni elementi che oggettivamente sono mancati: a questo punto sarebbe stato stato utile una sollecitazione “virtuosa” da parte delle Opposizioni (che in questa fase qui nel nostro Paese afferiscono in modo esclusivo alle Destre) ad utilizzare metodi severi ed energici per tutti con la scelta di regole prescrittive rigorose sia nella fase teorica propositiva sia in quella immediatamente successiva attuativa ed applicativa. Le Destre dovrebbero possedere dentro il loro DNA questa potenzialità; ma in questo Paese purtroppo (! – lo dico a forte ragion veduta) la Destra è semplicemente caratterizzata da una parte dalla voglia di essere “contrari” a prescindere con lo scopo di rosicchiare un po’ alla volta consensi alle forze di Governo, dall’altra parte sostengono posizioni negazioniste oscurantiste, dall’altra ancora si ergono a paladini esclusivi delle parti produttive che, in gran numero, hanno usufruito di vantaggi di carattere economico. E questo modo di essere delle Destre in definitiva “non collaborativo”, in un momento in cui è opportuno  e – forse anche “vincente”,  finisce per  ingenerare un “corto circuito” che sospinge, in un drammatico gioco delle parti, il Governo a produrre scelte ambigue non così forti da poter rapidamente, dopo un periodo di difficoltà, consentire una ripresa dignitosa per l’intero Paese.

prosegue “DENTRO IL LOCKDOWN    I rischi per la tenuta democratica: non solo inutili allarmismi”

IL MOTIVO DI MANUTENERE UN BLOG – il mio Blog parte terza (per la parte 2 vedi 4 novembre)

IL MOTIVO DI MANUTENERE UN BLOG – il mio Blog Parte terza

Ho pubblicato a volte più post quotidiani; non sempre ho programmato gli interventi, ed in alcuni momenti ho abbandonato per lunghe giornate la pratica. Negli ultimi mesi, invece, l’emergenza pandemica ha condizionato il ritmo della mia presenza, più sul Blog che sull’account e la pagina Facebook che “curo” e le uscite sono state più regolari. Pochi “buchi” nei mesi da febbraio ad oggi in quest’anno bisestile (il 23 ed il 28 febbraio, il 4 e il 9 marzo, il 17 maggio, il 20 giugno sono state le uniche 6 giornate in cui non è apparso un mio intervento). In generale, in questo periodo, per l’appunto, ho progettato “recuperi” della memoria ed in questo momento ho già più di venti post già pronti per essere pubblicati. A dilatare lo spazio contribuiscono gli eventi “contemporanei” che non mancano mai. Inevitabilmente in un Blog come questo c’è il rischio di ripetizioni involontarie; e qui mi ripeto: scrivere di me non ha molto a che vedere con una sorta di egocentrismo; avessi voluto farlo, avrei potuto allargare il mio plafond di followers (così si chiamano coloro che – in qualche modo – seguono le peripezie di un “blogger”) acquisendo spazi e dando il consenso ad inserzioni pubblicitarie. L’ho fatto e continuerò a farlo fin quando mi sarà possibile, soprattutto perché – alla fin fine – ci deve essere un ruolo nella “microstoria” per ciascuno di noi: è l’ “insieme” che fa il “tanto”.

24 novembre – “DENTRO IL LOCKDOWN I rischi per la tenuta democratica: non solo inutili allarmismi” parte 2

“DENTRO IL LOCKDOWN    I rischi per la tenuta democratica: non solo inutili allarmismi” parte 2

Mi sono fermato perchè era giusto che si comprendessero meglio le mie preoccupazioni. In realtà non sono solo mie: occorre mantenere alta la guardia. Non sarà tutto vero ma non bisogna mai sottovalutare qualche dubbio; non si può far prevalere una sorta di correttezza istituzionale mentre qualcuno sotto traccia potrebbe meditare reazioni e rivincite antidemocratiche, liberticide. Potrebbe! E se può, utilizzando la sua “libertà” contro quella dei tanti, fiaccando le menti, colpendole ai fianchi quotidianamente con bollettini di guerra continuativi, bisogna attrezzarsi. Questa pandemìa furiosa sta piegando le forze, indebolendo le energie, mortificando le forme associative, limitando il dibattito civile se non quello che si va svolgendo sui social. Cosa devo raccontarvi, cosa aggiungere che non sappiate già?!

Ritornando al primo gruppo dei “no vax” o assimilati ai quali come ho scritto non credo nella maniera più assoluta sono qui anche a spiegare il motivo per cui ne ho parlato e poi apparentemente ho svicolato sul tema. La mia preoccupazione maggiore è sulla qualità dei vaccini e sui suoi costi effettivi, quelli che andranno a carico delle popolazioni. Penso di essere ancora abbastanza fortunato, insieme a tante persone che vivono in questa parte del Mondo che si chiama Occidente, in quanto vi è la certezza della disponibiità delle necessarie dosi di quel prodotto, che con il passare dei giorni, delle settimane e probabilmente di qualche mese potrà far emergere anche gli aspetti meno positivi, laddove – come ci si preoccupa – questi esistessero davvero. Ho accostato il tema della non disponibilità per tutti – pensando ai paesi poveri dove i dati del contagio non sono mai stati attendibili e stimolano gli osservatori a congetturare scenari davvero cupi e pericolosi per il resto dell’umanità (“il virus non si è modificato” è quel che si dice, ma ciò non toglie che non possa in seguito accadere, finendo per provocare accanto ad una devastazione di tipo ecologico ambientale un’ecatombe di tipo planetario).  Questo è lo scenario apocalittico che dobbiamo esemplarmente tenere d’occhio; se la scelta della produzione di massa dei “vaccini” non si pone l’obiettivo della gratuità a vantaggio del fruitore finale, soprattutto i più deboli e poveri, i diseredati della Terra, non farà altro che destinare il Pianeta ad una autodistruzione.

Non avrà alcun valore il livello di Civiltà raggiunto nè il grado di Governo del Mondo.

Non potremo raccontarcelo.

E ritorno a trattare dei “secondi”, ovvero quegli “alcuni che hanno alzato forte il loro allarme sul rischio che corre la Democrazia”. Abbiamo subito pensato che fossero “fuori luogo”, ed in realtà lo erano, perché scendevano in piazza, negando fossero reali i numeri delle vittime, quelle scene strazianti delle “camere di terapia intensiva” dove esseri ormai irriconoscibili lottavano tra il poco di vita che rimaneva e la morte che avanzava, e quelle lunghe file di camion militari con salme che non potevano essere accompagnate dagli affetti più cari. Visionari, dunque? Forse soltanto inopportuni; anche perché con tutto quello che sta ancora oggi accadendo e tutto quello che si annuncia per le prossime settimane e forse mesi e mesi ancora una preoccupazione io la manterrei ben desta.

prosegue……..“DENTRO IL LOCKDOWN    I rischi per la tenuta democratica: non solo inutili allarmismi”

DENTRO IL LOCKDOWN I rischi per la tenuta democratica: non solo inutili allarmismi parte 1

DENTRO IL LOCKDOWN    I rischi per la tenuta democratica: non solo inutili allarmismi 

In questi giorni ho trattato in modo quasi quotidiano i temi del lockdown e le mie riflessioni hanno oscillato tra pessimismo ed ottimismo, anche se i miei punti cardinali di riferimento sono stati e rimangono Gramsci e Pasolini.

Non mi ripeto e per questo oggi il pendolo si piega verso il negativo, il pessimismo.

A indurmi in tale impantanamento hanno contribuito un virologo ed una “compagna” di avventure politiche.

Mi spiego meglio, superando il cripticismo.

Esistono pochi, anche se a volte ci appaiono in tanti, che hanno veementemente professato il loro rifiuto verso l’utilizzazione di vaccini; allo stesso tempo esistono alcuni che hanno alzato forte il loro allarme sul rischio che corre la Democrazia. Ai primi non ho mai dato credito, perchè forte è stato il controllo sugli esiti dalla somministrazione dei prodotti a salvaguardia di alcune diffuse e terribili patologie e non vi è stato alcun riscontro intorno alla loro pericolosità. Ai secondi ho riservato invece una forma di scetticismo, motivato dalla consapevolezza dell’esigenza di interventi pur temporanei che fossero rigorosi energici e risoluti ancor più di quanto non sia poi stato attuato.

Questo, in sintesi, quel che ho creduto fino a pochi giorni fa: verso i secondi sono stato molto più prudente di quanto non abbia fatto con i primi, ai quali proseguo ad assegnare degradanti patenti.

Pur tuttavia, quando l’altro giorno un autorevole virologo ha cominciato a nutrire qualche dubbio sull’efficacia dei vaccini così rapidamente a quasi-diretta disponibilità delle masse, ho avviato una riflessione, che va oltre: mi sono chiesto e non trovo risposte adeguate se fossero state attivate da parte dei ricercatori le opportune necessarie verifiche su fasce di età diversificate scientificamente ed in particolare su possibili interazioni nocive tra vaccino antinfluenzale e quelli che dovranno contrastare il Covid19.

Collegato a quel che potrà significare, con esiti positivi, l’inoculazione del vaccino contro il Coronavirus19, ho allargato la mia visione “pessimistica” al fatto che, dovendosi trattare di un prodotto estremamente necessitato per la “vita” di tutti, nessuno escluso  – a partire dai più anziani e più deboli (che notoriamente sono categorie affini), la disponibilità potrebbe variare a seconda della qualità economica del mercato.

Apparentemente quel che ho scritto qui sopra è di una eccezionale gravità e si potrebbe ascrivere ad uno stato di prostrazione pessimistica eccezionale. Ma di tanto in tanto mi è capitato di sentire di peggio e di sentirlo non in modo furtivo ma con dichiarazioni esplicite. Spero siano solo mie “voci di dentro” malevoli. Ma quando fuori ai nosocomi nelle grandi città ci sono file di ambulanze in attesa e nei corridoi gli ammalati attendono di poter essere collocati a seconda della gravità delle loro condizioni allorquando non vi sono alternative logistiche a disposizione ed è assai urgente intervenire, si procede ad una scelta drammatica.

….a questo punto  interrompo il mio “scriptum” e riporto uno degli articoli dai quali si rileva che le mie parole non sono personali “ubbìe” di vecchio decrepito:

https://www.corriere.it/cronache/20_marzo_09/coronavirus-scegliamo-chi-curare-chi-no-come-ogni-guerra-196f7d34-617d-11ea-8f33-90c941af0f23.shtml

Questa è una “situazione di guerra”.

…. prosegue “DENTRO IL LOCKDOWN    I rischi per la tenuta democratica: non solo inutili allarmismi”

22 novembre – DENTRO IL LOCKDOWN – il “dopo” è già “oggi”

Dentro il LOCKDOWN – il “dopo” è già “oggi”

Nella prima fase della pandemìa all’inizio abbiamo faticato a convincerci che occorreva rigore e sacrificio per riuscire a ridurre i danni “umani” (che poi significano anche “economici”). Il mondo della Politica, quasi tutto, si ostinava a mantenere aperte le strutture produttive e quelle commerciali, facendo prevalere gli interessi economici su quelli della salute. E’ una prassi molto cruda che può sorprendere gli sprovveduti, ma che in questo mondo reso ancor più meschino dalla rincorsa all’arricchimento sta divenendo molto comune. Lo stesso settore della Sanità pubblica nel corso dei decenni passati ha visto ridursi in modo molto rapido e deciso i suoi spazi a vantaggio dell’intervento privato. In modo particolare si è visto venir meno progressivamente al ruolo della medicina di base e delle strutture intermedie, la qual cosa ha colpito drasticamente le parti più deboli della popolazione, che a causa di redditi bassissimi ed una scarsissima capacità di sviluppare competenze moderne, come l’uso dei mezzi tecnologici, è stata costretta a ridurre l’accesso alle cure ed alle terapie preventive. Uno degli aspetti su cui è più urgente avviare una seria e profonda riflessione è su come affronteremo il problema delle disuguaglianze che sono la conseguenza non solo di questa “crisi” ma in modo particolare degli errori che l’hanno resa più difficile da superare.

Un Blog, come questo, serve anche a raccogliere giorno dopo giorno la memoria anche se da un punto di vista assolutamente individuale senza pretesa di essere nel vero ma con la cognizione di poter contribuire a ricercare possibili necessarie vie d’uscita.

Anche per questo, devo ripetere che uno sguardo equilibrato non può volgersi solo al contingente ma deve essere in grado di procedere ad una revisione degli errori singoli e collettivi che hanno preceduto questo stato che oggi chiamiamo emergenza e, come tale, affrontiamo solo per riportare il tutto indietro nel tempo ma solo a un minuto prima che questa si svelasse. In realtà molti dei responsabili di quel che se non ha prodotto ma di certo ha favorito la crudezza della crisi, sono tra noi, senza escludere chi oggi denuncia questa stato delle cose. E questo non deve condurre ad un colpo di spugna teso a cancellare ma ad una revisione severa da parte di tutti dei modelli sui quali abbiamo formato la nostra vita.

Se ne vogliamo davvero uscire migliorati, se vogliamo davvero riprendere in mano il destino dell’umanità intera, se davvero amiamo la vita, dobbiamo cominciare da subito a costruire un nuovo progetto. Sarà una vera e propria impresa, anche perchè siamo certi che in altre parti del nostro pianeta, forse anche molto vicini a noi altri si stanno organizzando per riconfermare il loro Potere, accrescendolo e puntando non solo a riprendere le vecchie abitudini ma a costruire altra diversa progettualità per rendere maggiore l’ingiustizia sociale ed accrescere le disuguaglianze.

21 novembre DENTRO il lock down – la lezione di Gramsci

Sarebbe quantomeno opportuno in questo tempo in cui siamo maggiormente portati alla riflessione andare alla riscoperta di alcuni valori che, durante il lungo periodo dell’edonismo sfrenato cui ci siamo lentamente abituati (in realtà chi più chi meno ne ha usufruito) avevamo tralasciato di praticare. Sarà molto difficile una veloce e rapida presa di coscienza complessiva della nostra società, ma si rischia di dover fare i conti con le trasformazioni in modo molto più severo e drammatico man mano che si procederà giorno dopo giorno, settimane e mesi.

Dobbiamo renderci conto che da questo passaggio in poi nulla potrà essere come prima. E se dobbiamo anche continuare a far nostro quell’imperativo camuffato da “futuro” o futuro con desiderio di “imperativo” – “andrà tutto bene!” – che nella prima fase aveva accompagnato le nostre giornate, dobbiamo anche accogliere come prospettiva un profondo cambiamento del nostro stile di vita.

Verifichiamo quotidianamente (anche stamattina leggo un post  tristanzuolo pessimistico di una nostra amica) che non si accettano queste trasformazioni e si paventano in modo inappellabile privazioni accessorie del tutto superflue quasi inconsapevoli dei rischi profondi che si stanno correndo, quasi come si dovesse assistere ad una forma occidentale di Harakiri, un autolesionismo alla maniera dei lemming.

Troviamo davvero disdicevole che, soprattutto persone che posseggono doti intellettuali non comuni, non abbiano acquisito la consapevolezza dei propri limiti umani; lo trovo ancor più inaccettabile se si tratta poi anche di persone che posseggono una fede religiosa chiaramente espressa in tempi “normali”. Ecco! Certamente questi non sono tempi normali: ma nel “mondo” non ci sono stati dappertutto tempi “normali” come qui da noi. In altri luoghi hanno sofferto privazioni estreme: guerra, distruzioni, morti, carestie, epidemie. E’ come se i quattro cavalieri dell’Apocalisse abbiano voluto risparmiarci la loro visita “fino ad ora”.

Forse potrebbe anche bastare questa capacità di volgere lo sguardo sul resto del mondo, hic et nunc, oltre che heri nudius tertius, a renderci conto che siamo ancora tra i più fortunati. Dopo di che occorrerà affrontare tutto il prossimo futuro, facendo tesoro di una parte delle idee espresse da un nostro grande intellettuale, forse il più grande al quale alcuni di noi – a volte immeritatamente (a partire da me) – fanno riferimento: Antonio Gramsci. Forse sarà improprio ma applicare il motto, che Gramsci ricava da Romain Rolland, “Pessimismo dell’intelligenza, ottimismo della volontà”, può oggi essere utile, soprattutto se si condivida l’idea che i tempi che stiamo vivendo sono destinati a segnare un profondo mutamento nei costumi nello stile di vita nei modelli di sviluppo.

Scrive Antonio Gramsci in una nota del primo dei “Quaderni del carcere”:

“Ogni collasso porta con sé disordine intellettuale e morale. Bisogna creare gente sobria, paziente, che non disperi dinanzi ai peggiori orrori e non si esalti a ogni sciocchezza. Pessimismo dell’intelligenza, ottimismo della volontà”  ed a noi sembra straordinariamente utile ad accompagnarci in questi giorni in cui possiamo impegnarci anche ad aiutare gli altri a sopportare le privazioni e ad attivare una ripresa consapevole per quello che troppo spesso solo in modo pedissequo chiamiamo “sviluppo sostenibile”. Quest’ultimo contiene invece proprio quegli esiti, diversi e lontani dagli stili di vita che abbiamo mantenuto in questi ultimi anni.

ESTATE 2020 – dopo Venturina su per Campiglia – parte 7 (per la parte 6 vedi 31 ottobre)

ESTATE 2020 – dopo Venturina su per Campiglia – parte 7 (per la parte 6….)

Ed è inoltre molto vicino a quello splendido carosello di ritratti di “donne celebri”. Ed è vicino al Corso principale, via Indipendenza. A pochi passi ci sono ben tre Supermercati; ma, salutando la gentile signora, “Le faremo sapere”,  diciamo anche a lei, come all’altra poco prima,  e “Ci attendono su a Campiglia Marittima verso le undici” guardando l’orologio che ormai implacabilmente ci avvertiva di essere in, pur lieve, ritardo.

Per Campiglia la strada da imboccare è poco distante da lì. Mentre saliamo su per i tornanti e la vista sulla pianura si allarga a dismisura fino a spingersi oltre le rive del mare da una parte della lunga spiaggia di Rimigliano con il promontorio di Baratti e Populonia, verso alcune isole dell’Arcipelago, come Capraia e Gorgona ed in lontananza la parte estrema settentrionale della Corsica est e dall’altra oltre Piombino. Intanto Mary chiama la signora Patrizia, ma il cellulare non sembra funzionare. Mi viene in mente di richiamare la nostra amica di Prato che ci aveva dato l’indicazione per Campiglia; ci fermiamo in un varco su per i tonanti e mentre ammiriamo il paesaggio la chiamo. Mi conferma che spesso mentre ci si muove per le stradine del borgo alto non si agganciano le linee; mi dice che cercherà Patrizia perché a volte è da un’amica. Dopo due minuti mi invia un messaggio su whatsapp: “Giuseppe chiama Patrizia perché ti sta chiamando ma scatta subito la tua segreteria telefonica….” e poi mi dà l’indirizzo ” è sotto casa in strada”.

Decidiamo di muoverci da dove siamo e di salire fino a su.

Arriviamo su e cerchiamo un parcheggio; nel mentre leggendo delle indicazioni ricordo che a Campiglia c’è anche un Campeggio, che qualche anno fa era gestito da una mia ex collega. Ma non c’è tempo per fermarci. Troviamo un parcheggio libero sotto la Rocca subito dopo la Stazione dei Carabinieri. Riprovo a chiamare Patrizia e questa volta sono più fortunato. Scopro che nel paese non è sempre facile il collegamento dei servizi telefonici, ma Patrizia finalmente è in linea e ci dà le indicazioni giuste per raggiungerla.

C’è dal parcheggio una lunga ripida scalinata. Utilizziamo il corrimano per aiutarci a percorrerla. Sulla sommità c’è una piazzetta sulla quale si trova il Teatro dei Concordi. Da quella si accede nel cuore di Campiglia attraversando una delle porte della Campiglia antica. E’ la via Buozzi che sale lievemente verso la Piazza del Mercato che si trova in alto a destra salendo: in una cornice teatrale rialzata e contornata da scalinate fiorite c’è uno spazio utilizzato come esterno di un bar. Attraversando un ultimo àndito ci ritroviamo nella piazza principale ricca di vitalità e di luoghi adatti alla socialità, Piazza della Repubblica. E’ l’ora dell’aperitivo prima del pranzo. Patrizia ci ha dato indicazioni e ci attende: non possiamo fermarci. Ci inerpichiamo per un’erta: è una stradina lastricata con grandi massi lisci che dovrebbero essere anche scivolosi nella stagione della pioggia e della neve; infatti ci sono dei corrimano da un lato che aiutano a non caracollare soprattutto in discesa. “Vedrete due cani sulla porta!” aveva detto la signora Patrizia. E infatti di lì a poco al numero civico che ci aveva indicato abbiamo intravisto le sagome dei due cani, che in modo corretto ci hanno salutato con un timido abbaio di ordinanza.

PACE E DIRITTI UMANI – XXVII- per la XXVI vedi 29 ottobre

Parte XXVII

Stiamo avvicinandoci alla data del 30 novembre. Il 30 novembre del 1786 fu promulgato e pubblicato il “Codice Penale Leopoldino” voluto dal granduca di Toscana Pietro Leopoldo d’Asburgo. Il 30 novembre del 2000 per la prima volta la Regione Toscana indisse la Festa della Toscana, collegandola a quello straordinario evento:
per la prima volta nella storia del mondo moderno venivano abolite la tortura e la pena di morte . Questi post riportano la trascrizione degli Atti di un Convegno molto importante che si svolse in quella occasione presso il Centro per l’Arte Contemporanea “Luigi Pecci” di Prato

Riprende la parola il professor Giuseppe Maddaluno:

Bene, grazie Attilio. In ogni caso, come si è compreso e visto i tempi, abbiamo finito gli interventi programmati, ma li abbiamo finiti cominciando; praticamente, come ha fatto, e ha fatto molto bene, Attilio Maltinti che ci ha posto delle domande. Sarà, dunque, compito vostro degli allievi come voi più sensibili e dei vostri docenti riportare in piena autonomia la discussione nelle classi, nelle Assemblee scolastiche.

Purtroppo credo che abbiamo dei grossi problemi stasera con i “tempi”, è interessante però quello che tu, Attilio, dicevi, ben collegato con tutto il resto che è stato qui proposto da parte di tutti gli intervenuti.                                                                                                                                                                                                 Però, rispetto a quello che dicevo in apertura, questo per noi è un inizio di un cammino, di un percorso: chiudiamo con delle domande, apriremo on queste domande i prossimi incontri. I tempi tecnici, a causa del ritardo che si è accumulato, sono piuttosto pressanti, perché dovrebbe partire il film e non appena finisce il film dopo almeno 15 minuti nella stessa sala comincerà il concerto, perché sono già le 17.30 e prima delle 18.30 il film non finisce, con 15 minuti di ritardo, speriamo di riuscire tecnicamente anche a fare questo, comincerà il concerto, che è altrettanto interessante e ci saranno tanti di voi che lo vorranno seguire, non dico che qualcuno sia venuto appositamente per loro, ma può essere anche così.

Io ringrazio tutti, speriamo di avere inserito degli stimoli, vi saluto per adesso, spero intanto che voi rimaniate ancora con noi a vedere il film e poi a seguire il concerto, e che siate nel pubblico presente ai prossimi incontri. Grazie. Buona sera.

Così termina la giornata dedicata alla Festa della Toscana del 30 novembre 2000.

Lo scorso 3 giugno del 2019 cominciai a pubblicare il testo dell’intervento che il prof. Giuseppe Panella svolse nell’occasione della celebrazione della Festa della Toscana, indetta per la prima volta proprio nell’anno 2000, il 30 novembre. In quel post iniziale elenco molti degli aspetti che quella occasione significò. L’input a pubblicare sul mio Blog quegli interventi mi venne spontaneo dalla prematura morte dell’amico Panella: anche per questo, desiderando solo riportare il “suo” corposo intenso intervento, avevo all’inizio escluso di inserire quello di altri, a cominciare dal mio che volli “omettere”. Strada facendo, però, ho pensato di aggiungere gli interventi successivi, oltre a quelli miei di coordinatore, sia quelli istituzionali sia quelli culturali. Anche per questo motivo ed al di là di una mia personale “vanità” aggiungo nei prossimi blocchi la mia introduzione, quella che avevo omesso.

Chi lo desidera può intanto consultare il post  di cui riporto lo shortlink