Archivi categoria: Storia

PRATO IN COMUNE – contributi per un avvio di programma

beni-comuni-1

PRATO IN COMUNE – contributi per un avvio di programma

Stiamo realizzando, partendo da individualità, un collettivo

Ora è il tempo di costruire il Programma vero e proprio del soggetto che abbiamo chiamato “PRATO IN COMUNE”.

Il nostro Programma non si baserà sul “NO”, ma costruiremo ogni aspetto di esso sul “COME” e sul “PERCHE’”

Ho tralasciato di occuparmi del mio Blog per alcuni giorni, una settimana. Mi sono occupato di Politica in modo più diretto, dando spazio alla riflessione ed alla parola, cercando di fare una ricognizione delle idee che abbiamo avuto modo di raccogliere tra le tante persone che hanno pensato di aiutarci nella costruzione di un progetto programmatico che prendesse il via da concretezza per dare risposte alle problematiche che abbiamo riscontrato nella nostra esperienza individuale.

Stiamo realizzando, partendo da individualità, un collettivo.

Ciascuno di noi ha una sua storia fatta di successi ed errori e, mettendo a reddito ognuno di questi, approfondendone le ragioni, abbiamo avviato la valutazione critica delle contraddizioni della Sinistra, della nostra particolare personale visione di questa e di quella che intendiamo sottoporre a verifica proprio perchè non ci ha onestamente convinto sia quella che appartiene ad una visione integralista purista intransigente poco disponibile ed aperta al confronto sia di quell’altra che afferisce ad un riformismo che ha corrisposto più ai bisogni del “mercato” (pur giustificandosi con la convinzione che se gira il mercato si possa ottenere un benessere diffuso) che a quelli della stragrande maggioranza della gente, sempre più emarginata ed umiliata.

In questi ultimi mesi ho scritto molto su tutto questo.

Ora è il tempo di costruire il Programma vero e proprio del soggetto che abbiamo chiamato “PRATO IN COMUNE”.
Il nostro Programma non si baserà sul “NO”, ma costruiremo ogni aspetto di esso sul “COME” e sul “PERCHE’”

Il nostro candidato Sindaco non è e non sarà un “uomo solo al comando”.
Siamo un gruppo affiatato di donne ed uomini che porteranno la loro esperienza nei diversi settori, dai temi della Cultura a quelli della Scuola, da quelli dell’Urbanistica al Sociale, dal Lavoro all’Ambiente, dalla Partecipazione alla Sicurezza, costruendo intorno a quest’ultima la definizione delle problematiche connesse a tutti gli altri settori allo scopo di abbattere il profondo senso di “incertezza” che deriva particolarmente dalla sempre più alta solitudine nella quale viviamo ( una Cultura sempre più appannaggio dei “pochi”, una Scuola con livelli di abbandono e dispersione elevatissimi, una visione urbanistica che si lega a poteri imprenditoriali incapaci di modificare le loro tipologie di intervento, una Sanità ed un Sociale che invece di allargarsi sui territori tende a ridurre e concentrare in pochi luoghi la sua azione, una scarsa attenzione reale ai temi ambientali ed una sottovalutazione dell’importanza della Partecipazione attiva dei cittadini)
.
Una particolare attenzione alle problematiche del Lavoro ci spinge a costruire un’idea complessiva programmatica che ci consenta di sviluppare molteplici azioni riferite ai vari settori di cui sopra, capaci di creare nuovi posti di lavoro (nell’Ambiente, nella Cultura, nella Scuola, nel mondo produttivo tout court).
Di questo parleremo con le organizzazioni sindacali e quelle imprenditoriali.

Non manca la nostra attenzione al mondo giovanile, all’interno di un contesto complessivo che afferisca alle varie sezioni. Certamente non consideriamo i giovani come un settore a sè stante; fondamentalmente ci consideriamo ancora “tutte e tutti” alla pari e guardiamo ad un progetto che tenda a migliorare l’esistenza di ciascuno e di tutte e tutti.

Joshua Madalon

rescommunessqaured

non sono candidato e sosterrò la candidatura a Sindaco di una forza politica di SINISTRA unitaria alternativa ed in competizione con il PD (non a chiacchiere) che esprima quello in cui crede senza remore senza indugi senza alcun tipo di compromissione

48380801_2132965106798183_6662008194702770176_n

non sono candidato e sosterrò la candidatura di una forza politica di SINISTRA unitaria alternativa ed in competizione con il PD (non a chiacchiere) che esprima quello in cui crede senza remore senza indugi senza alcun tipo di compromissione

quel che segue è un mio documento del 2011

Sono nato a Napoli ma i miei vivevano a Pozzuoli. Mio padre, puteolano doc e mia madre procidana avevano frequentato solo la scuola elementare; mio padre non aveva conseguito nemmeno la licenza elementare. Entrambi avevano tuttavia un grande rammarico per non aver potuto studiare e se lo portavano dietro con l’obiettivo di far sì che i loro figli avrebbero soddisfatto in modo indiretto quel “bi-sogno” irrealizzato. Di figli i miei genitori non ne fecero che uno e si impegnarono molto a far sì che, io, potessi riuscire a realizzare quel loro obiettivo così desiderato. Mio padre lavorava nell’edilizia, dapprima come operaio semplice manovale poi si era “specializzato” sia in carpenteria (seguendo le orme del padre, mio nonno –omonimo – come da tradizione meridionale) che in costruzione in cemento armato. Aveva doti organizzative e di direzione ed una grande passione per il suo lavoro (sempre presente anche quando aveva qualche linea di febbre), cosicchè molto presto aveva ottenuto riconoscimenti espliciti nel ruolo di “capo cantiere”. I committenti ed i direttori di lavoro (ingegneri, geometri, dirigenti di imprese) si fidavano di lui e gli affidavano l’organizzazione del lavoro.
Ho studiato ma non avrei mai potuto seguire le orme di mio padre, avendo prediletto la sfera umanistica.

Perché ho parlato di me nel presentare questo mio contributo?
L’analisi della realtà industriale pratese negli ultimi decenni è contrassegnata da un rapporto fra le diverse generazioni di piccoli imprenditori o artigiani tessili che partivano da una mera cultura del lavoro senza limiti d’orario e con scarse regole, innanzitutto perché le imprese, soprattutto quelle piccole, erano per lo più familiari (ci lavoravano tutti alla bisogna, compreso i minori e donne incinte) ed anche perché con gli operai “esterni” vigeva un rapporto “familiare” non conflittuale, garantito anche dal miglior guadagno – semmai con extra in nero – più o meno equamente distribuito.
Negli anni settanta e seguenti i giovani figli degli industriali e degli artigiani tessili pratesi si sono (ma , in moltissimi casi, sono stati) allontanati dal lavoro manuale “sporco e maleodorante” (molte attività del tessile sono caratterizzate da polvere, umido e odori insopportabili) ed hanno (o sono stati indotti a farlo) scelto la strada della formazione scolastica, universitaria ed extrauniversitaria.
Ho detto “figli degli industriali etc…” ma in effetti è accaduto più o meno la stessa cosa con i figli degli operai tessili che hanno preferito gli studi ad un lavoro duro e gravoso, nonché incerto prima in modo ciclico poi in modo “drammaticamente strutturale”.
Molte delle aziende familiari operose fino alla fine del secolo scorso hanno esaurito il loro compito non reggendo più il ritmo di un mercato sempre più schizofrenico e de-regolato dal sistema globale.
In questa crisi si sono inserite altre variabili che hanno visto il prevalere di comunità operose e silenziose come quella cinese che, come si sente dire, lavora come i pratesi degli anni Sessanta e Settanta con delle variabili discutibili “oggi molto ma molto più di ieri” (è cambiata positivamente l’attenzione e la sensibilità verso il rispetto dell’ambiente e delle regole del lavoro).
In tutto questo la società pratese (non solo dunque quella parte “politica” e non solo “una” parte politica) ed in modo particolare l’imprenditoria – rappresentata sia dall’Unione Industriale sia dalle organizzazioni di categoria artigiane – non è stata in grado di dare risposte adeguate, tempestive ed innovative né di suggerire possibili utili riconversioni ed adeguamenti produttivi; mentre ha teso a scaricare anche le proprie responsabilità sugli amministratori locali. Fra l’altro molto curioso è stato l’atteggiamento di questa parte imprenditoriale che utilizza il liberismo e lo statalismo a suo piacimento ed a suo mero comodo: in effetti questa incertezza ha provocato molti più danni di quanto si possa credere.
Nello stesso tempo poi molti imprenditori chiudendo le loro aziende si sono auto convertiti in immobiliaristi sia affittando (o vendendo) le loro strutture ai migliori offerenti sia smantellandole e costruendo su quel terreno centinaia di appartamenti con il risultato di ingolfare anche quel mercato.
Ovviamente questa analisi è necessariamente parziale ma negli ultimi tempi troppi tanti troppi pratesi hanno dimenticato di prendere in considerazione questi aspetti ed hanno preferito risposte facili a domande semplici, contribuendo a far credere che tutto possa ritornare come prima se si condizionano alcune comunità al rispetto delle regole, proprio quelle regole che, grazie anche alla loro parziale (o totale) “non” applicazione, avevano decretato il successo del “modello pratese”. Fra l’altro coloro che ritengono che basterebbe mandar via da Prato queste comunità – a partire dagli irregolari – per riprendere in mano la guida del distretto, si illudono e vengono illusi dai “falsi profeti travestiti da politici rampanti”.
La soluzione sta altrove ed è nella creatività delle giovani generazioni che bisogna scommettere!
Fra l’altro la richiesta di rispetto delle regole a senso più o meno unico (e l’impegno degli “sceriffi” locali è teso esplicitamente in tale direzione) non funziona se – accanto ad essa – si vorrebbe garantire maggiore sicurezza, in quanto inasprirà i rapporti ed il clima generale, già di per sé difficile, di integrazione e convivenza, senza portare a soluzione i problemi reali che girano attorno alla “crisi”. La richiesta di rispetto delle regole a senso unico finirà per creare maggiori “sacche” di illegalità diffusa anche nel resto della società, autorizzando “indirettamente” molti a non rispettarle e contribuendo così a creare un circolo vizioso molto pericoloso.

Joshua Madalon

42266482_570911739993916_2010472314356891648_n

DA GIOVANE: LA SENSIBILITÀ AMBIENTALISTA, STORICA E CULTURALE – SETTIMA PARTE – 8

Ritorno a pubblicare il post del 12 dicembre 2018 allo scopo di riprendere il viaggio sui tempi della “memoria” personale. Il mio impegno storico, ambientalista e culturale è già tutto inscritto in questo piccolo contributo che diedi alla mia città.
A seguire il blocco numero 8 della settima parte del mio racconto
Il libro è “PASSEGGIATA nei Campi Flegrei – Pozzuoli” novembre 1971
Quelli che…sono nati ieri lo sappiano

sul_monte_gauro_20150106_1028013757

DA GIOVANE: LA SENSIBILITÀ AMBIENTALISTA, STORICA E CULTURALE – SETTIMA PARTE – 7 Continua la lettura di DA GIOVANE: LA SENSIBILITÀ AMBIENTALISTA, STORICA E CULTURALE – SETTIMA PARTE – 8

Senza titolo – senza testa né coda (e senza immagini)

Senza titolo – senza testa né coda ( e senza immagini )

Ha pienamente ragione, quel giovane sempre rampante alla ricerca del suo “posto al sole”, ad inalberarsi dopo i suggerimenti “critici” che ho proposto ieri intorno alle ambiguità ed alle mistificazioni che caratterizzano l’ipocrisia della solita Politica d’accatto tendente ad accaparrarsi crediti inesistenti. Racconta di suoi impegni – e del gruppo più strettamente collegato a lui – nel campo del sociale ed altro dai quali è tuttavia realisticamente difficile ricavare effetti costruttivi da quelli derivati. E tutto questo accadeva mentre io ed altri fondavamo il PD. Peccato che non sappia che in quel periodo, oltre ad impegnarmi in modo intenso nella fondazione di un Partito Democratico, che fosse “davvero” tale (riprendo la dizione che volle assegnare al suo Gruppo Rosy Bindi che non fu certo per caso leader della “minoranza” critica – che ancor oggi non credo rinneghi quella posizione), mi dedicavo anima e corpo a sviluppare un’azione di difesa della partecipazione democratica contro gli attacchi che venivano prodotti contro di questa proprio dalla maggioranza di Centrosinistra. Non è un caso dunque che oggi (ma già da tempo, diciamo cinque? quattro? tre anni?) dovendo condurre una campagna elettorale che si annuncia “all’ultimo sangue” contro la Destra, non possono essere sottaciute le furberie, le ambiguità, le mistificazioni.
Se si crede davvero nella difesa dell’ambiente (non quella di tipo “algebrico” del più 4 meno 3 uguale più uno) e nell’abbassamento del divario tra ricchi e poveri con un attacco alle ragioni che hanno creato diseguaglianze, bisogna anche spiegare perché mai ci si allea con chi fino ad oggi ha prodotto tali scempi. Quale credibilità si possiede? Quelle scelte portate avanti da Governi centrali e maggioranze amministrative locali negli ultimi cinque anni stanno ad evidenziare una deriva progressiva verso Destra i cui esiti non sono ancora del tutto prevedibili.
Ma ci si allea forse esclusivamente con la speranza che tale indefesso impegno venga ricompensato. Nooo! Ci si trova di fronte a persone dalla purezza cristallina! Che agiscono in modo ideale (neanche “ideologico”!). Il dramma è che già nella competizione “politica” del 4 marzo 2018 molti hanno scelto di non votare Partito Democratico e suoi affini o riconosciuti come tali. Perché dovrebbero ora votare i “cloni”?
Mi viene da sorridere anche nei confronti di chi rispolvera, dopo anni di silenzio in quella direzione, il tema della partecipazione democratica e lo pone al centro della sua azione amministrativa. Pur essendo stato un ottimo amministratore anche sui territori del Sud, non ci sono stati da parte sua segnali di difesa del Decentramento allorquando lo si attaccava e lo si smantellava progressivamente. Oggi , all’interno di un giochino delle parti chiaramente strumentale a convincere che si voglia fare autocritica, se ne propone una riedizione all’acqua di rose senza un filo di coraggio. Si dice che la legislazione non permette di istituire Circoscrizioni in una realtà come Prato, al di sotto dei 250.000 abitanti. E’ la verità. Certamente. Ma la nostra città ha molte specificità uniche da mettere in luce per richiedere una interpretazione speciale di quei dispositivi: basterebbe ricordare che Prato è la città con il maggior numero di etnie e che ha vissuto e continua a subire i contraccolpi di una crisi del suo Distretto tessile che ha emarginato ed impoverito sempre più le periferie.

Joshua Madalon

Alzare il velo che cela le ambiguità e le mistificazioni

mistake
Alzare il velo che cela le ambiguità e le mistificazioni

Alzare il velo che cela le ambiguità e le mistificazioni. Come spesso accade, c’è chi utilizza le furberie ammiccando a pretesi richiami a temi ecologici ambientalisti senza avere mai mostrato di possedere qualità e meriti in tali ambiti. Tra l’altro allo stesso tempo si va sostenendo chi, nel corso di questi anni nulla ha fatto in tale direzione ed ora sventola bandiere improbabili intorno al “consumo zero” del territorio, nel mentre autorizza all’interno del Piano operativo a costruire nuovi manufatti cementizi peraltro destinati a rimanere vuoti, così come moltissimi altri precedentemente autorizzati e innalzati, sia scheletri vuoti sia strutture quasi completamente disabitate.
Noi di Prato in Comune possediamo da Sinistra, quella vera (è stancante la diatriba su cosa sia Sinistra e cosa non lo sia: non lo è di certo quella rappresentata da coloro che hanno contrabbandato l’impegno ad operare per il bene comune per ottenere propri esclusivi vantaggi, quelli cioè che hanno distrutto la Sinistra), il pieno titolo a denunciare questi obbrobri ideologici.
Di pari passo, se non fosse tragica la situazione, ci potrebbe far sorridere la pretesa di occuparsi di Nuove povertà e aumento delle diseguaglianze. Come se la responsabilità fosse della Destra: ideologicamente è davvero problematico dover affermare che è proprio quella sedicente pseudoSinistra ad aver accelerato negli ultimi anni il divario tra quei pochi ricchi e quei tanti poveri sempre più poveri, condizionando l’impoverimento della classe media e accelerando il passaggio alle soglie minime di sopravvivenza.
Sostenere il Partito Democratico incapace per ragioni di Potere interno ed esterno a riconoscere gli errori genetici (chi scrive conosce perfettamente il DNA del PD e sin dall’inizio è stato critico ed emarginato senza mai indulgere in compromissioni che invece appaiono pane quotidiano per altri) è un’operazione che non ci interessa. Allo stesso tempo ci tocca mettere in evidenza le ambiguità e le mistificazioni di chi in apparenza in modo esterno lo sostiene.

Joshua Madalon

le-idee-platoniche

LE IDEE CHE CRESCONO INSIEME ALLE PERSONE non sono preesistenti, diventano “condivise” se elaborate concordemente

16132658-la-testa-dà-fuori-le-idee-di-elettronica-a-illustrazione

LE IDEE CHE CRESCONO INSIEME ALLE PERSONE non sono preesistenti, diventano “condivise” se elaborate concordemente

Sono anche io convinto che le idee contino più delle persone che le portano. Ma come spesso accade affermarlo essendone convinti serve a poco se non si contestualizza tale condivisibile riflessione.

Le idee, quando viaggiano in una unica persona convinta di avere il dono della verità, di esserne portatore prescelto, servono a poco; aggiungerei “a nulla”: non servono, non sono utili alla crescita di un corpo collettivo. Non aiutano. Il “dubbio” molte volte è più forte della “certezza”.

In uno dei casi specifici cui mi riferisco concretamente si evidenzia l’incapacità profonda ad accettare posizioni diverse in un contesto peraltro connotato da esperienze variegate caratterizzate da una precisa volontà di contaminarsi a vicenda con l’obiettivo di produrre un progetto unitario. Per fare questo occorre prioritariamente saper ascoltare senza porre precondizioni, che non siano il rispetto dei fondamentali valori di riferimento. Tra questi non vi può essere spazio per la presunzione. Chi sa da solo già più o meno tutto, o forse “tout court “già tutto di tutto” non ha bisogno di vivere in comunità. E’ una “monade vagante” destinata a mantenere il suo posto su un altissimo piedistallo.

Quando ci si inserisce in un gruppo non si può pretendere di egemonizzarlo con le proprie idee. Queste non precedono, come invece i valori, le discussioni, ma si costruiscono insieme, dopodichè è chi ne sa interpretare la sintesi a poter ambire ad esserne il portatore, inserendovi parte del proprio bagaglio di conoscenze.
Se non si capisce quale sia stato il senso di alcune scelte e le si vogliono descrivere come veti di carattere “politico” c’è ben poco da sperare in un ripensamento operoso. Ci si autoumilia, ci si autoesclude e ci si dispone all’autoemarginazione.

D’altronde ognuno è fatto in modo diverso: sarebbe utile che ciascuno poi si rendesse conto che “insieme” si può costruire qualcosa di nuovo, di diverso, di migliore; a patto che non si pretenda di avere l’unica verità già in tasca.

Joshua Madalon

lampadina-gialla-620x364

BREVI riflessioni politiche sui risultati dell’Abruzzo e sulla Sinistra

Lotte-contadine-in-Sicilia1

BREVI riflessioni politiche sui risultati dell’Abruzzo e sulla Sinistra

Non è affatto sorprendente il risultato delle regionali in Abruzzo.
Lo sarebbe di certo stato laddove la presidenza fosse stata contesa realmente ed il PD, novella Fenice, fosse risorto dalle ceneri. Ma non ve ne erano i presupposti ed il centrodestra è riuscito a fare man bassa agevolmente.
Ma accanto ad un vento in poppa per la Lega vi è stato un riconoscimento dell’appartenenza del candidato Governatore del Centrodestra che è un rappresentante neanche abruzzese di Fratelli d’Italia, formazione cui è stato assegnato un risultato al di sopra delle sue forze reali.
La coalizione di Centrosinistra era manchevole proprio della parte mancina: qualche lista civica scolorita ed un LeU che si ostina a svolgere il ruolo di forza subalterna, raggranellando più o meno quello che aveva ottenuto ale politiche del 4 marzo 2018. Ma nulla che avesse minimamente odore di Sinistra.
Il Movimento 5 Stelle subisce uno schiaffo ormai atteso, che dovrebbe fornire un segnale a quella forza politica che meno di un anno fa aveva conquistato il doppio dei consensi attuali. L’impreparazione politica, l’aggressività polemica indistinta da quella così vituperata nelle passate legislature hanno condotto a commettere errori fondamentali. L’approssimazione tagliente e cocciuta con la quale si è voluto procedere rapidamente a realizzare parti di Programma che non posseggono la garanzia di essere realizzati senza produrre sfracelli di tipo finanziario ed economico sta portando al disastro questo Governo; ed insieme ad esso rovinerà il Paese con grande giubilo della Lega, che nel caos raccoglierà frutti senza merito.
Ci si continua a riferire in modo acritico (così come hanno fatto tutti i Governi politici precedenti così aspramente denigrati)ad un Programma di Governo stilato congiuntamente da M5S e Lega. Non hanno spessore politico, mancano di una Cultura che è invece fondamentale: pensano che si possa governare un Paese nella sua complessità con le armi spuntate della passione e della volontà. Non posseggono sostanza, sono acqua fresca che rischia di imputridire.
In verità queste cose le avevamo già dette e scritte. Ora le ripetiamo a vantaggio di quanti possano condividerle anche come preoccupazione di una situazione che può rapidamente portare al collasso tutto il Paese, democratico e civile nonchè economico.
Diamo voce ad un progetto di Sinistra, sistanzialmente diverso e lontano da quello “falso” del Partito Democratico, che prosegue il suo percorso di degrado legandosi a forme padronali di lobby e conventicole economiche e finanziarie, fingendo di preoccuparsi del bene comune.
Noi non vogliamo i soliti padroni che si infiltrano per sostenerti e poi ti chiedono il “pegno”, il contraccambio. Abbiamo solo come nostri “padroni” i cittadini comuni sia quelli che avranno fiducia in noi, franca e disinteressata rispetto ai soliti canoni di riferimento, sia quelli che riconosceranno in noi gente onesta e non compromessa con quei poteri piccoli e grandi che hanno caratterizzato le modalità di produzione politica fino ad oggi.

Joshua Madalon

images

Gli irresponsabili

Gli irresponsabili

La Sinistra, dopo essersi assunta la responsabilità di avere svenduto sia con acquiescenza sia con forme elitarie e proprio per questo motivo velleitarie i suoi ideali senza portarli sul terreno del pragmatismo, deve recuperare il suo ruolo. Il Paese ne ha bisogno.

Ieri scrivendo sui temi dello “sviluppo” che sarebbe prerogativa di chi vuole la nuova pista dell’aeroporto etichettavo questi ultimi come “potenziali criminali”. Qualcuno mi ha suggerito di essere più cauto e meno offensivo. Tuttavia invece confermo il mio giudizio e lo arricchisco di documentazione. Innanzitutto mi rifaccio alle “Note tematiche sull’Unione Europea” riferite alla Politica ambientale. Dopo il link riporto il breve Preambolo e il capitolo sulla “Base giuridica” dell’Unione. Subito dopo suffragherò quel che ieri – 8 febbraio – ho riferito “a braccio” come espresso da Nardella (attuale Sindaco di Firenze e buon per lui…della Città metropolitana), senza aver però letto quanto riportato da “La Nazione” del 6 febbraio che confermava la sua “faccia tosta di bronzo” ripetendo ciò che io avevo sentito detto da lui qualche mese fa al Tg3 Regionale.

http://www.europarl.europa.eu/factsheets/it/sheet/71/politica-ambientale-principi-generali-e-quadro-di-riferimento

Preambolo
La politica dell’Unione in materia di ambiente si fonda sui principi della precauzione, dell’azione preventiva e della correzione alla fonte dei danni causati dall’inquinamento, nonché sul principio «chi inquina paga». I programmi pluriennali di azione per l’ambiente definiscono il quadro per l’azione futura in tutti gli ambiti della politica ambientale. Essi sono integrati in strategie orizzontali e sono presi in considerazione nell’ambito dei negoziati internazionali in materia di ambiente. Infine, ma non da ultimo, la loro attuazione è di importanza fondamentale.
Base giuridica
Articoli 11 e da 191 a 193 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE). L’Unione europea dispone delle competenze per intervenire in tutti gli ambiti della politica ambientale, come ad esempio l’inquinamento dell’aria e dell’acqua, la gestione dei rifiuti e i cambiamenti climatici. Il suo campo d’azione è limitato dal principio di sussidiarietà e dal requisito dell’unanimità in seno al Consiglio per quanto riguarda le questioni di natura fiscale, la pianificazione del territorio, la destinazione dei suoli, la gestione quantitativa delle risorse idriche, la scelta delle fonti di energia e la struttura dell’approvvigionamento energetico.

dario.nardella
LA NAZIONE 6 febbraio

Il sindaco Dario Nardella sceglie Facebook per annunciarlo. “È un traguardo straordinario al quale siamo arrivati solo grazie alla tenacia e alla determinazione di molti di noi. Ringrazio tutta la città che mi ha incoraggiato e sostenuto nel portare avanti le nostre ragioni a favore di un progetto di ampliamento che porterà più di mille nuovi posti di lavoro e nuove opportunità di crescita per Firenze e la Toscana e risolverà i problemi annosi che affliggono i cittadini di Brozzi, Quaracchi e Peretola”.

Non si chiede, pur essendo a capo della città metropolitana, cosa pensino i cittadini di Sesto Fiorentino, Carmignano, Poggio a Caiano e Prato?

Grande giubilo anche da parte di Forza Italia che esulta affermando che il 65% dei “fiorentini” sarebbe favorevole alla nuova pista aggiungendo che ci saranno migliaia di nuovi posti di lavoro.
Vi riporto il link relativo

www.quinewsfirenze.it/il-65-dei-fiorentini-vuole-il-nuovo-aeroporto.htm dove recuperare il tutto.

Sono degli irresponsabili ai quali si accoda il Presidente della Regione Enrico Rossi di LeU, il Partito Democratico, l’intero Centrodestra ed il Movimento 5 Stelle che dimostra ancora una volta la sua “incapacità” politica.

giacomo-giannarelli-m5s

Quest’ultimo messo ai margini dai poteri lobbistici (che dovrebbe statutariamente combattere) balbetta che ci saranno dei tagli di fondi pubblici ma non spende una sola parola sui temi ambientali relativi alle conseguenze di tali scelte che metteranno in pericolo prima e poi distruggeranno l’ecosistema della Piana.

Avrei ancora molto da aggiungere ma concludo riaffermando che “sviluppo” non può essere qualcosa che distrugge ed in un tempo nel quale vengono denunciati i rischi ambientali che potrebbero condurre rapidamente al disastro totale non si può continuare a sostenere la crescita esponenziale dei fattori inquinanti primari soprattutto in un’area che dovrebbe invece puntare, avendone tutte le qualità, ad un turismo ecosostenibile diffuso. Vi allego un link utile a comprendere lo stato delle cose.

https://www.weforum.org/reports/the-global-risks-report-2019

La Sinistra, dopo essersi assunta la responsabilità di avere svenduto sia con acquiescenza sia con forme elitarie e proprio per questo motivo velleitarie i suoi ideali senza portarli sul terreno del pragmatismo, deve recuperare il suo ruolo. Il Paese ne ha bisogno.

ThumbJpeg

Joshua Madalon

RIFLESSIONI ED ANATEMI

Peretola_Firenze_rwy_01

RIFLESSIONI ED ANATEMI

Dove è detto che “progresso” debba coincidere con interventi come quello della nuova pista aeroportuale di Firenze? Dove è scritto che il “futuro” debba essere caratterizzato dalla presenza di termovalorizzatori o inceneritori? Chi continua a progettare nuove costruzioni di complessi residenziali che rimarranno invenduti? Chi si fa portatore di mantenere integro il verde pubblico nelle affermazioni e poi invece tradisce ipocritamente tale assunto svendendolo alle società immobiliari ed alle lobbies incapaci di riciclare il proprio intervento? Chi si impegna ad affermare che siano utili sempre più “centri commerciali” invece che uno sviluppo del commercio diffuso sui territori? Sarebbe bene avviare una critica puntuale sui danni che hanno provocato alcuni avanzamenti tecnologici, come quella che si continua a chiamare rivoluzione digitale, che ha reso molto più sola l’umanità, molto più rinchiusa nella sua individualità, inaridendo il dialogo a favore dei messaggini rapsodici e frenetici che spesso creano ambiguità ed incomprensioni: come era bello quando ci si parlava guardandosi negli occhi. Oggi l’uomo non è più capace di farlo, si è disabituato al confronto e prevale l’uso dei cinguettii e delle monodirette Whatsapp.
Detto tra noi, ci deve essere qualcuno che “non si vende”, che non opera scambi vantaggiosi che non appaiano “tangenti corruttive” pur praticamente essendole, che dica quel che pensa, che pensa quel che dice, che fa quel che pensa e dice; e non è disponbile a trattative.
Una Sinistra che voglia essere e rimanere tale, queste cose le deve pensare, le deve dire e le deve fare.
In primo luogo, ripetendo quel che ho scritto ieri e qualche settimana fa, i “grandi vantaggi” che l’Aeroporto di Firenze ampliato porterebbe non possono essere gli unici aspetti da valutare: l’inquinamento acustico (vorrei qui ricordare quel che “in un momento di sincerità” espresse l’attuale Sindaco di Firenze: “non posso non rispondere alle proteste degli abitanti di Scandicci che lamentano il persistente assordante rumore degli aerei che si apprestano ad atterrare”) insieme a quello atmosferico ed ambientale che – con l’aumento dei voli internazionali – più frequenti ma anche più pesanti – colpirà una vasta area, incidendo invece che su Scandicci su Prato e Sesto Fiorentino.
Allo stesso tempo quell’area che va da Prato a Firenze verrà “distrutta” ecologicamente e sarà più facilmente “preda” di famelici immobiliaristi, ivi comprese le “cooperative bianche e rosse, grigie e blu, verdi e rosa”, e loro accoliti, che “saranno costretti” ad innalzare nuovi templi per il turismo di elite e nuove “gabbie” per la solitudine dei consumatori, riempendo gli spazi di grigio cemento.
I nostri nipoti scopriranno che il “progresso” voluto da questi “potenziali criminali bugiardi o ignoranti” (ignoranti o bugiardi, scegliete voi: sapendo che ai “comuni mortali” non è data la possibilità di ignorare le leggi) ha acuito vecchi malanni e ne ha prodotti di nuovi. E sarà tardi per sanzionare i colpevoli, i quali oggi inorgogliti nel loro doppiopetto si saranno ben guardati dal continuare a vivere in questi luoghi, che peraltro saranno sempre più riservati alla parte più debole della popolazione, i “nuovi poveri” crescenti che dovranno accontentarsi di vivere semmai segregati in appartamenti il cui valore da un giorno all’altro si ridurrà in modo vertiginoso.
Quel che possiamo oggi permetterci è un sincero augurio di disgrazie sulle loro teste, essendo passato il tempo delle ghigliottine.

Joshua Madalon

reloaded SULLA CATASTROFE PROSSIMA VENTURA (seguendo le vicende del progetto di ampliamento dell’Aeroporto di Firenze Peretola)

Ripropongo questo mio post sottolineando come l’IPOCRISIA degli amministratori pratesi capeggiati dal primo cittadino Biffoni ( che va al Tg3 Regionale a “dire e non dire niente” presentandosi come uno degli oppositori alla scelta della costruzione della Pista ma con la mano tesa da mendicante ) stia mostrando l’incapacità di quell’Esecutivo.

Sarebbe – a questo punto – opportuno dire che già troppi danni il “modernismo accattone e consumistico” ha fatto in questo territorio – sarebbe l’ora di dire “Basta!”. Tornare indietro anche molto più indietro “chiudendo” tutta la baracca sarebbe la cosa più utile per salvare la Natura e l’Ambiente.

sondaggi-politici-640x342

SULLA CATASTROFE PROSSIMA VENTURA (seguendo le vicende del progetto di ampliamento dell’Aeroporto di Firenze Peretola)

Niente di nuovo sotto il sole della Toscana

Un Partito Democratico che non ha mai saputo trovare la popria essenza di Sinistra pur riformista e democratica appare sempre più confuso nell’oscillazione tra la resistenza di una leadership da sempre disponibile per la conservazione del Potere a costruire rapporti con i poteri forti e con le Destre semmai civiche ma non solo e le minoranze – che insieme non costruirebbero una maggioranza – che vanno alla ricerca di un collegamento con la vecchia e stanca base popolare ancor più indebolita dalle ricorrenti crisi economiche e sociali.

Una Destra divisa ancor più ben lontana dalle visioni culturali che negli anni avevano prodotto una certa qual egemonia che le aveva consentito di assumere posizioni di primo piano nella città di Prato, e piegata dalle ubbie e dai capricci della Lega che dietro i successi salviniani pregusta una nuova vittoria.

Un Movimento 5 Stelle inconsistente che non ha radici nella società e che vive per ora di una rendita che sembra sempre più vecchia pur non datata al di là di un quinquennio.

Come scritto in un inciso parlo di Prato.
E mi riferisco in particolare alla vicenda aeroporto. Mi spiego meglio: da qualche anno si dibatte in modo anche isterico e rapsodico del possibile ampliamento dell’aeroporto di Firenze. Un intervento che prevede di costruire una nuova pista parallela al tratto conclusivo della Firenze Mare che consentirebbe a parere dei sostenitori un maggiore e più pesante afflusso di veicoli, rendendo quello scalo di livello internazionale, portando a Firenze ancor più turismo, oltre che incentivando ancor più il commercio. Una visione ultramoderna non c’è che dire! Ma non fa i conti con la realtà, limitandosi alla difesa di una visione catastrofica e distruttiva degli ambienti naturali. Non solo quelli del Parco naturale della Piana che finirebbe per essere inquinato oltre misura ma tutto il resto del territorio della stessa Città metropolitana che per consentire afflussi umani e commerciali sempre più massicci finirebbe per occupare cementificamente molti degli spazi. Ho la sensazione che vi sia una profonda ottusità, una unilateralità di visione da parte dei proprietari dei territori e delle grandi imprese commerciali e turistiche che non consente loro, dietro il baluginio della moneta, di osservare come la città capoluogo sia già troppo stretta nelle diverse e sempre più frequenti occasioni internazionali. Da parte della Politica, Partito Democratico e Destre unite, si dà forza a questa idea nella speranza di poter lucrare consensi plutocratici che permettano di disporre di sostegni sostanziali nelle sempre più costose macchine elettorali. La gran massa di popolo si lascia in parte convincere che potrà trarne benefici per sè ed i propri figli, e forse nipoti, vista anche la certezza che la realizzazione definitiva non sarebbe così vicina nel tempo. Ovviamente molti non riescono ad essere informati correttamente e pienamente, visto che la forza economica di chi si batte perché quest’opera non veda la luce è molto ridotta, per i motivi di cui accennavo prima. D’altra parte il mondo è sempre più piccolo nelle distanze e l’aeroporto di Pisa – che ha spazi naturalmente molto più ampi per crescere – assolverebbe senza produrre gli stessi catastrofici danni al ruolo di scalo internazionale.
Qui di seguito un Comunicato di Prato in Comune (vedi cosa è Prato in Comune seguendo il mio Blog) relativo alla posizione delle varie forze politiche toscane in seguito ad un voto espresso qualche giorno fa.

Joshua Madalon

www.image-size.com
www.image-size.com

42633996_316338749152813_8574620121601933312_n

Prato in comune Vicenda aeroporto

Dopo il si di ieri in regione di Ciolini e l’uscita dall’aula di Bugetti, dovrebbero dimettersi. Se no lo faccia Bosi. Gli unici contrari davvero noi di Prato in Comune qui e in regione. Dagli altri spettacolo indegno

Vicenda aeroporto. Tutta la comunità pratese ha preso ieri dal Consiglio regionale uno schiaffo tremendo. Con la risoluzione votata dall’ aula infatti è stato dato mandato al presidente Rossi di portare il parere favorevole della Regione per la nuova pista da 2400 metri del nuovo aeroporto di Peretola in Conferenza dei servizi. Come cittadine e cittadini di Prato non possiamo non chiedere le dimissioni immediate dei consiglieri regionali pratesi Bugetti e Ciolini (uno a favore, una uscita dall’aula, a differenza dei voti contari espressi dal consigliere pratese del PD nella scorsa legislatura Mattei), in quanto hanno espresso un voto in totale contrasto con la volontà del loro territorio, del Consiglio comunale e dello stesso PD locale. Se non si dimetteranno – non potendo pensare che sia un no falso quello del Sindaco e del Partito Democratico di questa città – un minimo di decenza vorrà che si dimetta il segretario del PD Bosi, per manifesta incapacità di far rispettare ai propri eletti il volere del suo partito, insieme allo stesso Sindaco che pur avendo tanta rappresentatività istituzionale (ANCI) e politica ( con un ruolo di primo piano a livello nazionale) non è stato in grado di svolgere un ruolo positivo come primo cittadino pratese. Infatti il PD ieri (21 novembre) in Regione ha votato compatto per la nuova pista insieme a Forza Italia. A Destra si è svolto invece uno psicodramma con ogni posizione possibile espressa (sono usciti dall’aula al momento del voto) compreso quella solita inconcludente dei 5 Stelle, contrari alla risoluzione ma astenuti sugli atti collegati, alcuni dei quali chiedevano espressamente il si alla nuova pista. Gli unici contrari, il gruppo di SI Toscana a sinistra e la rappresentante di MDP, Serena Spinelli che a questo punto ha votato coerentemente contro le indicazioni del suo Partito. Per l’aggiunta questo atto a nostro avviso non è solo politicamente illegittimo ma anche istituzionalmente barbarico perché dà carta bianca al “socialista” Rossi (quello che disse nel 2015 che se si fosse andati oltre la pista di 2000 metri si sarebbe dinesso) di distruggere il Parco agricolo della Piana, il Polo scientifico di Castello, mandare al macero la programmazione urbanistica dei comuni della piana. Insomma in Conferenza dei servizi potranno fare quello che vogliono pur di portare a casa il risultato, cioè il nuovo aeroporto. Fermiamoli con una mobilitazione di popolo, quel popolo che hanno abbandonato per fare politicamente primariamente gli interessi di qualche potere forte.

PRATO in Comune

download