Archivi categoria: Storia

1967 – Pillole di ANNIVERSARI – Gramsci – don Milani e il “Premio Prato”

1967 – Pillole di ANNIVERSARI – Gramsci – don Milani e il “Premio Prato”

Tra qualche settimana, il 6 settembre, a Prato – grazie all’ANPI ed alla sua Presidente Angela Riviello coadiuvata da un gruppo di giovani – anagraficamente e non – come Alessandro Bicci, Francesco Venuti e tanti altri verrà presentato al pubblico il libro dedicato al “Premio letterario Prato – 1948-1990 Storia di un’iniziativa culturale” scritto da Alessandro Bicci ed edito da Pentalinea. Insieme ad esso sarà allestita una Mostra di pannelli e documentazioni visive dedicata allo stesso tema. E’ uno dei momenti più importanti del Settembre pratese, orientato al recupero della memoria come necessità e dovere che le generazioni meno giovani sentono di dover trasmettere a quelle più giovani.
Il progetto “ANNIVERSARI 2017” che si è occupato nel corso dell’anno – e continuerà a farlo nel suo prosieguo – di celebrare alcune figure ed alcuni eventi particolarmente importanti non poteva non tener conto di questa iniziativa, che nel 1967, cinquant’anni orsono, nella sezione “opera di carattere saggistico” premiò ex aequo due testi che assumono ulteriore significato nell’ambito di ANNIVERSARI: il primo volume della “Storia del Partito comunista italiano – Da Bordiga a Gramsci” di Paolo Spriano e “Lettera a una professoressa” della Scuola di Barbiana.

LetteraphpThumb_generated_thumbnailjpg

Ad entrambi i temi ed i personaggi abbiamo già dedicato alcuni eventi: abbiamo trattato di don Milani e la sua scuola di Barbiana con Mario Lancisi e Sandra Gesualdi e di Gramsci con il prof. Angelo d’Orsi; e ne continueremo a parlare nei prossimi mesi.
In quella edizione faceva parte della Giuria il giornalista Giorgio Bocca che, incuriosito dalla lettura di “Lettera a una professoressa” subito dopo la proclamazione del Premio, avvenuta l’8 settembre 1967, decise di recarsi in quel luogo per vedere di persona i protagonisti. Ci trovò soltanto dei ragazzi; don Milani era morto il 26 giugno, stroncato dalla malattia e prostrato dall’indifferenza di una Chiesa incapace di comprendere.
A ricordo di quella “visita”, alla quale era stato sospinto dalla curiosità ma anche dal credito che don Milani aveva acquisito nel corso degli ultimi anni nei diversi settori della cittadinanza attiva che avrebbe prodotto il meglio del Sessantotto, egli scrisse un articolo dal titolo su “Il Giorno” il cui titolo era “Ragazzi, meritava il Premio perché spiegò l’ingiustizia”. Fu accolto dai ragazzi di Barbiana con lo stile consueto che veniva riservato anche, e soprattutto, a personaggi di rilievo: rispetto ma molta prudenza e circospezione.
Successivamente, trentasette anni dopo, nel novembre del 2004, Giorgio Bocca pubblicò un nuovo articolo “Io e i pinocchi di don Milani” nel quale ripercorse nella memoria quel “viaggio” del 1967.
Qui sotto ne riporto il link per un rapido riferimento di lettura:
http://www.flcgil.it/rassegna-stampa/nazionale/repubblica-io-e-i-pinocchi-di-don-milani-di-giorgio-bocca.flc

giorgio-bocca da giovane

Voglio anche ricordare un articolo molto interessante scritto recentemente da Alessandro Bicci per la Fondazione Cassa di Risparmio di Prato: per comodità ve ne riporto il link.
http://www.fondazionecrprato.it/attachments/article/171/Fond_Prato112_14.pdf

Joshua Madalon

20431677_1529027800525253_5137081188921902575_n

Agosto 1917 pillole di ANNIVERSARI – 3

AGOSTO 1917 – pillole di ANNIVERSARI – 3

Nell’ambito del maxi-contenitore degli ANNIVERSARI 2017 nel prossimo autunno daremo grande spazio al centenario dal 1917, anno strapieno di avvenimenti significativi, tra i quali la Rivoluzione russa.
A novembre abbiamo già in programma tre date a Montemurlo presso la Biblioteca comunale: si tratta di una “collaborazione” e saremo più chiari e precisi tra qualche settimana.

Il 13 agosto 1917 si svolge a Torino una grande manifestazione di saluto ad una delegazione del Comitato esecutivo centrale panrusso dei Soviet, in visita in Italia; Antonio Gramsci ne scrive su “L’Avanti” del 15 agosto riportandone la cronaca in un articolo dal titolo “Il compito della rivoluzione russa”
Il Comitato era arrivato in Italia per un “tour” propagandistico informativo sulle condizioni della Rivoluzione agli inizi di agosto ed aveva fatto una serie di incontri, avendo come base Torino, riconoscendone il suo ruolo di città, dove il proletariato aveva un ruolo fondamentale. Il 13 di quel mese Iosif Petrovic Gol’denberg insieme a Aleksandr Nikolaevic Smirnov, dirigente del Soviet di Pietrogrado e Jerzy Heryng, socialista polacco, che lavorava alla Fiat come ingegnere partecipano all’incontro conclusivo di quel tour che aveva visto quella delegazione attraversare l’Italia con tappe a Roma, Firenze, Ravenna, Milano, Bologna, Novara e Varese.
Antonio Gramsci insieme ad altri compagni torinesi compone una cronaca che verrà pubblicata due giorni dopo sull’ “Avanti!”.

Joshua Madalon

20431677_1529027800525253_5137081188921902575_n

Agosto 1917 – Pillole di ANNIVERSARI – 2

Agosto 1917 – Pillole di ANNIVERSARI

Nell’ambito del maxi-contenitore degli ANNIVERSARI 2017 nel prossimo autunno daremo grande spazio al centenario dal 1917, anno strapieno di avvenimenti significativi, tra i quali la Rivoluzione russa.
A novembre abbiamo già in programma tre date a Montemurlo presso la Biblioteca comunale: si tratta di una “collaborazione” e saremo più chiari e precisi tra qualche settimana.

LA RIVOLTA DEL PANE – Torino 1917

Un altro degli eventi dell’agosto 1917 si verificò a Torino e si concentrò particolarmente in quel mese. Lo sforzo bellico che durava ormai da più di due anni aveva messo in ginocchio l’economia del nostro Paese, in modo particolare quella detta “di pace”. Gli effetti di tutto questo non tardarono a farsi sentire soprattutto nelle città ed in modo particolare in quella che era la città industriale più importante, cioè Torino. In questa città peraltro si era andata costituendo una classe operaia resa consapevole anche dalla presenza di un’ “intellighenzia” di primissimo livello, che aveva già sollevato un dibattito molto intenso sul ruolo del proletariato, avendo un’attenzione forte per gli eventi che in quello stesso anno daranno vita alla Rivoluzione in Russia. Basterebbe accennare al giovane Gramsci, che aveva scelto quella città per il suo percorso universitario, per rendere pienamente l’idea. Torino era la città operaia per eccellenza e manterrà questo ruolo anche per tutto il secolo ventesimo.
Nel corso del 1917 il pane viene tesserato, stabilendo in 300 grammi la razione giornaliera procapite. Sin dai primi giorni dell’agosto di quell’anno il costo del pane aumenterà di 10 centesimi al chilo; ed il giorno 21 le scorte di farina si esaurirono costringendo il giorno dopo tutte le panetterie a chiudere per mancanza di materia prima. Contemporaneamente però le pasticcerie e le panetterie esclusive ed eleganti, quelle per intendersi riservate ai signori, non smettono di fornire i loro prodotti. Prende il via la protesta, a capo della quale si pongono in prima linea le donne, le massaie, le casalinghe cui è demandata tradizionalmente la cura e l’organizzazione della famiglia ma anche le operaie dei cotonifici, dell’Arsenale Militare, dei calzaturifici e, soprattutto, le tabacchine della Manifattura Tabacchi. Vi saranno barricate e scontri che ricorderanno quelli francesi e quegli altri milanesi del secolo precedente. Il mattino del 23 agosto parte lo sciopero generale, al quale verrà contrapposto da parte del Comune l’intervento militare. La resistenza durerà poco: il giorno 28 dello stesso mese, dopo scontri che costeranno molto caro ai dimostranti, che subiranno anche nei giorni e mesi successivi una dura repressione con arresti e invii al fronte, in particolare di quelli che avevano goduto di una forma di esonero per le loro capacità lavorative nell’industria bellica.
Quello che era apparsa ai socialisti come Bruno Buozzi e Antonio Gramsci un’ottima occasione per far partire il processo rivoluzionario in Italia alla stregua di quanto stava accadendo in Russia a partire da Pietrogrado fallì, anche perché qui da noi mancava una figura carismatica come Lenin.

Nel prossimo autunno ne parleremo con il prof. Angelo d’Orsi, docente di Storia del pensiero politico studioso di Gramsci e della Rivoluzione russa.

1917 – PILLOLE DI ANNIVERSARI – 2 …continua…

signature_4

STRUTTURA dell’intervento da me coordinato (a nome di Altroteatro) martedì 11 luglio a Montemurlo

19990518_1466574320047959_6271961123358940536_n

STRUTTURA dell’intervento da me coordinato (a nome di Altroteatro) martedì 11 luglio a Montemurlo

Il Comune di Montemurlo, attraverso la Biblioteca, e la sua Direzione (Roberta Chiti, Valerio Fiaschi e Silvia Zizzo) e l’Assessore alla Cultura, Giuseppe Forastiero, mi ha chiesto di organizzare la presentazione del libro “Processo all’obbedienza La vera storia di don Milani” edizioni Laterza. Ho accolto l’invito riservandomi tuttavia il ruolo di aprire la serata con un rapido excursus sul tema che è quello legato al processo che don Milani e Luca Pavolini furono costretti a subire in un tempo nel quale l’obiezione di coscienza era considerata un reato.

Ringrazio i collaboratori, a partire da Antonello Nave, ed i giovani Bianca Nesi e Davide Finizio che hanno letto i brani da me suggeriti.
Alla serata, partecipata ed intensamente vissuta, hanno dato il loro contributo per farla riuscire bene sia il Sindaco Mauro Lorenzini e l’Assessore Giuseppe Forastiero sia il Vescovo di Pistoia (Montemurlo fa parte di quella Diocesi) Fausto Tardelli sia il Governatore della Toscana, Enrico Rossi, oltre all’autore Mario Lancisi.

Qui di seguito il testo:

NARRATORE – Cominceremo con la storia di un’amicizia particolare, quella con il mitico professor Ammannati. Come spesso accade, i rapporti personali non cominciano bene ma la stima alla lunga, quando ci sono i presupposti qualitativi, si consolida con il passare del tempo e si fanno frequenti le lezioni del professor Ammannati spesso con alcuni suoi allievi ai ragazzi di Barbiana.
Ed è così che, in quella domenica 14 febbraio 1965, Agostino Ammannati, salendo lassù, porta con sè un ritaglio di giornale (“La Nazione” del 12 febbraio) e con una faccia molto seria lo mostra al Priore, chiedendogli se lo avesse già visto.
(prima lettura) Davide Finizio
B – Lettura del Comunicato dei cappellani militari (integrale)

Nell’anniversario della conciliazione tra la Chiesa e lo Stato italiano, si sono riuniti ieri, presso l’Istituto della Sacra Famiglia in via Lorenzo il Magnifico, i cappellani militari in congedo della Toscana. Al termine dei lavori, su proposta del presidente della sezione don Alberto Cambi, e stato votato il seguente ordine del giorno:
“I cappellani militari in congedo della regione Toscana nello spirito del recente congresso nazionale dell’associazione svoltosi a Napoli, tributano il loro riverente e fraterno omaggio a tutti i caduti per l’Italia auspicando che abbia termine, finalmente, in nome di Dio, ogni discriminazione e ogni divisione di parte di fronte ai soldati di tutti i fronti e di tutte le divise che morendo si sono sacrificati per il sacro ideale di Patria. Considerano un insulto alla patria e ai suoi caduti la cosiddetta obiezione di coscienza che, estranea al comandamento cristiano dell’amore, e espressione di viltà”.
L’assemblea ha avuto termine con una preghiera di suffragio per tutti i caduti.

Narratore

L’impegno di don Milani nell’ambito del pacifismo, della non violenza e dell’applicazione del dettato costituzionale era già stato espresso in diverse occasioni. Come in quella lettera destinata ad essere stampata, indirizzata a Nicola Pistelli, direttore della rivista cattolica “POLITICA”. Il cui titolo era “Un muro di foglio e di incenso”.
Davanti a quel Comunicato dei Cappellani militari forte fu l’indignazione di tutti i ragazzi di Barbiana ed il loro Priore ed insieme decisero che bisognava dare una risposta. Don Milani impiegò una settimana per scriverla in “un solo foglio scritto molto fitto e stampato in tremila copie, che inviò a undici giornali, soprattutto cattolici, ai sindacati…e a tutti i preti fiorentini… Ma l’unica testata a pubblicarla fu “Rinascita”, una importante famosa rivista comunista.
Seconda lettura Bianca Nesi

“Da tempo avrei voluto invitare uno di voi a parlare ai miei ragazzi della vostra vita…. Non ho fatto in tempo a organizzare questo incontro tra voi e la mia scuola….. Io l’avrei voluto privato, ma ora che avete rotto il silenzio, non posso fare a meno di farvi quelle stesse domande pubblicamente.
PRIMO perché avete insultato dei cittadini che noi e molti altri ammiriamo.
SECONDO perché avete usato vocaboli che sono più grandi di voi.
Non discuterò qui l’idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste divisioni. Se voi però avete diritto di dividere il mondo in italiani e stranieri, allora vi dirò che, nel vostro senso, io non ho Patria e reclamo il diritto di dividere il mondo in diseredati e oppressi da un lato, privilegiati e oppressori dall’altro. Gli uni son la mia Patria, gli altri i miei stranieri. Certo ammetterete che la parola Patria è stata usata male molte volte. Spesso essa non è che una scusa per credersi dispensati dal pensare, dallo studiare la storia, dallo scegliere, quando occorra, tra la Patria e valori ben più alti di lei. Non voglio in questa lettera riferirmi al Vangelo. È troppo facile dimostrare che Gesù era contrario alla violenza e che per sé non accettò nemmeno la legittima difesa. Mi riferirò piuttosto alla Costituzione. Articolo 11 «L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli…». Era nel ’22 che bisognava difendere la Patria aggredita. Ma l’esercito non la difese. Stette a aspettare gli ordini che non vennero. Così la Patria andò in mano a un pugno di criminali che violò ogni legge umana e divina e che, riempiendosi la bocca della parola Patria, condusse la Patria allo sfacelo. In quei tragici anni quei sacerdoti che non avevano in mente e sulla bocca che la parola sacra «Patria», quelli che parlavano come parlate voi, fecero un male immenso proprio alla Patria (e, sia detto incidentalmente, disonorarono anche la Chiesa).

Narratore

Quella parte della società, inneggiante agli eroi della Patria, ai suoi “fasti”, all’apologia della guerra, ed in particolare le Associazioni d’Arma, gli ex-combattenti di Firenze, non tardò a farsi sentire ed il 10 marzo del 1965 espressero solidarietà e profonda gratitudine ai Cappellani militari, e rivolgendosi al procuratore della Repubblica di Firenze gli chiesero “con viva deferenza” di ripristinare l’onore ed il “diritto offeso” denunciando, oltre don Lorenzo, il direttore della rivista “Rinascita” Luca Pavolini ed i firmatari della lettera pubblicata sulla stessa rivista dal titolo “Non è viltà l’obiezione di coscienza”.
Don Lorenzo già non stava bene ed era tuttavia molto motivato a difendersi nel procedimento processuale che con insolita immediatezza (erano appena trascorsi poco più di quattro mesi dall’avvio della vicenda) il Tribunale di Roma aveva aperto per lui e per Luca Pavolini; ma sapeva anche che non sarebbe stato in grado di essere presente per il male che lo stava consumando. Scrisse allora un’articolata difesa nella straordinaria “Lettera ai giudici”.

Terza lettura – Davide Finizio

Brevi stralci dalla “Lettera ai Giudici”
Barbiana 18 ottobre 1965
Signori Giudici,
vi metto qui per scritto quello che avrei detto volentieri in aula. Non sarà infatti facile ch’io possa venire a Roma perché sono da tempo malato.
Allego un certificato medico e vi prego di procedere in mia assenza…..
La mia è una parrocchia di montagna. Quando ci arrivai c’era solo una scuola elementare. Cinque classi in un’aula sola. I ragazzi uscivano dalla quinta semianalfabeti e andavano a lavorare. Timidi e disprezzati.
Decisi allora che avrei speso la mia vita di parroco per la loro elevazione civile e non solo religiosa.
Così da undici anni in qua, la più gran parte del mio ministero consiste in una scuola…….
La questione appartiene a questo processo solo perché vi sarebbe difficile capire il mio modo di argomentare se non sapeste che i ragazzi vivono praticamente con me. Riceviamo le visite insieme. Leggiamo insieme: i libri, il giornale, la posta. Scriviamo insieme…..

Bianca NESI

Dovevo ben insegnare come il cittadino reagisce all’ingiustizia. Come ha libertà di parola e di stampa. Come il cristiano reagisce anche al sacerdote e perfino al vescovo che erra. Come ognuno deve sentirsi responsabile di tutto.
Su una parete della nostra scuola c’è scritto grande «I care». È il motto intraducibile dei giovani americani migliori. «Me ne importa, mi sta a cuore». È il contrario esatto del motto fascista «Me ne frego».
Quando quel comunicato era arrivato a noi era già vecchio di una settimana. Si seppe che né le autorità civili, né quelle religiose avevano reagito.
Allora abbiamo reagito noi. Una scuola austera come la nostra, che non conosce ricreazione né vacanze, ha tanto tempo a disposizione per pensare e studiare. Ha perciò il diritto e il dovere di dire le cose che altri non dice. È l’unica ricreazione che concedo ai miei ragazzi. La scuola è diversa dall’aula del tribunale. Per voi magistrati vale solo ciò che è legge stabilita. La scuola invece siede fra il passato e il futuro e deve averli presenti entrambi. È l’arte delicata di condurre i ragazzi su un filo di rasoio: da un lato formare in loro il senso della legalità, dall’altro la volontà di leggi migliori.

Narratore

La “Lettera ai Giudici” è uno dei documenti più alti del pacifismo e dell’antimilitarismo cui ancora oggi tanti di noi laici e credenti ci riferiamo. Nell’udienza del 15 febbraio 1966 ad un anno dall’avvio della vicenda don Milani fu assolto “perché il fatto non costituisce reato”. Diverso fu l’esito dell’appello del 28 ottobre del 1967. Don Milani venne condannato, ma la condanna non poteva essere applicata. Don Lorenzo era spirato il 26 giugno. Negli ultimi giorni aveva detto ai suoi ragazzi che non l’avevano mai abbandonato:

Davide FINIZIO

“Ragazzi, un grande miracolo sta avvenendo in questa stanza: un cammello passa per la cruna di un ago”

Narratore

nel suo testamento egli scrisse

Bianca NESI

“Caro Michele, caro Francuccio, cari ragazzi, non è vero che non ho debiti verso di voi. L’ho scritto per dar forza al discorso! Ho voluto più bene a voi che a Dio, ma ho speranza che lui non stia attento a queste sottigliezze e abbia scritto tutto al suo posto”.

Narratore

Il libro di Mario Lancisi tratta in modo completo ed esauriente questa vicenda approfondendone vari aspetti, a partire da quello che emerge dal titolo, e cioè il rapporto tra “obbedienza e disobbedienza” soprattutto in materia di impegno civile.

L’attualità del messaggio che ci ha lasciato don Milani è stato più volte sottolineato da papa Francesco, che tuttavia anche nella recente visita a Barbiana non ha utilizzato termini come “strumentalizzazione” che invece da altre parti viene evidenziata come un pericolo: sembra che i tempi dei fronti contrapposti stiano ritornando a farsi sentire.
Cosa ne pensano i nostri autorevoli relatori?

J.M.

11 luglio Montemurlo 001

reloaded ad un anno dalla pubblicazione GLI ESAMI NON FINIRANNO MAI – Istruzioni per l’uso

Don_Milani_foto_di_gruppo_sotto_un_albero

GLI ESAMI NON FINIRANNO MAI – Istruzioni per l’uso

Ieri sera in una delle poche occasioni nelle quali partecipo ad incontri conviviali mi è capitato di affrontare un dialogo sulla possibilità che nei prossimi anni vi possano essere delle modifiche per l’esame di Maturità e qualcuno, menzionando la Spagna (ma non ho trovato notizie che me ne confermassero l’effettiva pratica), arrivava a prevedere che l’intero Esame di Stato, in nome della tecnologia 2.0, si sarebbe svolto per via telematica, con una serie di prove a test né più né meno come accade già per l’accesso ad alcuni dei corsi universitari. Ho pensato che probabilmente il candidato avrebbe in quel modo avuto interlocutori assai più umani di alcuni dei nostri colleghi semoventi, di quelli che non ti guardano mai negli occhi e che quando articolano un pensiero che si estrinseca in una pseudo-domanda hanno bisogno di una Pizia personale per sciogliere gli enigmi.

Se non altro la macchina non pretenderà di essere umana!

A dire la verità, anche se la mia appare una scherzosa digressione, mi riferisco a persone in carne ed ossa che imperversano all’interno delle Commissioni e procurano danni irreparabili.

Di certo, lo studente avrà molta più attenzione dallo schermo del computer di quanta ne ha avuta durante le prove in qualche Commissione, allorché vi era chi “spippolava” sui propri cellulari, chi bisbigliava argomentazioni segrete nelle orecchie di un altro Commissario, chi si distraeva vagando nell’aula alla ricerca di una via d’uscita dalla noiosa situazione nella quale avvertiva di essersi cacciato, mentre nel contempo si svolgeva una “caccia” spasmodica alla domanda intelligente e difficile sulla quale far cadere il malcapitato di turno.

In questa sessione 2016 ho svolto il compito di Presidente e devo ribadire con serietà che nella mia Commissione nulla di quel che ho rilevato con quell’ironia un po’ acre (sarcasmo?) è accaduto, e spero di non essere stato cieco; tant’è che tra la nostra Commissione e gli studenti si è creata un’empatia particolarmente fervida che ha prodotto ottimi risultati anche nella votazione finale.

E forse alcune storture, laddove nel prossimo anno non imperversi la tecnologia riportando l’Esame a livelli di umanità 2.0, andrebbero sanzionate addirittura in partenza. Mi riferisco a quei colleghi che, nominati, si affrettano ad affermare che la scuola dove andranno è quella dei ciuchi, mentre la loro – di conseguenza logica in “soggettiva” – è la migliore nel migliore dei mondi possibili e si avviano ad operare con quel piglio già aggressivo e pregiudizievole che non lascia sperare nulla di buono. Per non parlare del ruolo di alcuni Presidenti che si adeguano a – o sollecitano a – questi strani comportamenti mentre toccherebbe loro il rendere sereno il lavoro di tutti, proprio tutti però, a cominciare da coloro che sono il nostro obiettivo principale, gli studenti ai quali non bisogna chiedere l’impossibile ma portarli a ragionare partendo da quel che hanno acquisito negli anni di frequenza e di studio “umano”. Il Presidente peraltro non partecipa alla pratica inquisitoria ma conduce con mano lieve il percorso colloquiale andando a stemperare – non aggravare – le difficoltà, laddove queste emergano.

Ne parlerò ancora, ma non posso non rilevare che tra le giovani generazioni di docenti, peraltro ancora “precari”, quest’anno nella “mia” Commissione ho avuto il piacere di incontrare alcuni che erano alla loro prima esperienza ed il loro contributo è stato egregio ed hanno arricchito il gruppo con la loro freschezza ed il loro genuino entusiasmo senza mancare in competenza dal punto di vista dei contenuti.

Ricordo la tensione della mia prima esperienza in Commissione e l’ausilio che mi fornì in quell’occasione un mio ex insegnante di Matematica al tempo della Scuola Media e mi specchio – a tanti anni di distanza – nell’emozione che avranno provato Chiara e Monica quest’anno che per me, come nel caso del professore Iazzetti, è l’ultimo nel quale posso svolgere questo ruolo, dal quale ho tratto sempre nuovi insegnamenti soprattutto umani.

UN AVVERTIMENTO: HO PARLATO DI ALCUNI DEI MIEI COMMISSARI MA ACCENNERO’ ANCHE AGLI ALTRI PERCHE’ POSSANO ESSERE DA ESEMPIO POSITIVO PER IL LAVORO DEI PROSSIMI ANNI

…e, per questo, il mio Blog continuerà a parlare ancora di ESAMI

…siete sotto tiro!

2487,0,1,0,256,282,653,1,3,24,23,0,1,146,72,2246,2225,2258,149855
2487,0,1,0,256,282,653,1,3,24,23,0,1,146,72,2246,2225,2258,149855

reloaded OGGI IN SPAGNA DOMANI IN ITALIA – Carlo Rosselli – ANNIVERSARI 2017 ( 9 GIUGNO 1937 )

guerra-civile-spagnola-pps-1-728

OGGI IN SPAGNA DOMANI IN ITALIA – Carlo Rosselli – ANNIVERSARI 2017 ( 9 GIUGNO 1937 )

Il 9 giugno del 1937 – 80 anni fa – in Francia dove era rifugiato politico a Bagnoles-de-l’Orne Carlo Rosselli insieme al fratello Nello vennero uccisi da una squadra di “cagoulards”, miliziani della “Cagoule”, formazione eversiva di destra francese, su mandato dei servizi segreti fascisti e di Galeazzo Ciano; con un pretesto vennero fatti scendere dall’automobile, poi colpiti da raffiche di pistola: Carlo morì sul colpo, Nello (colpito per primo) venne finito con un’arma da taglio. I corpi vennero trovati due giorni dopo.

NOI DI ANNIVERSARI PER RICORDARLI riportiamo uno dei discorsi più intensi e significativi di Carlo Rosselli, fondatore di “Giustizia e Libertà” (1931 a Parigi), nell’ambito della sua partecipazione alla guerra civile di Spagna

Discorso pronunciato alla radio di Barcellona il 13 novembre 1936

Compagni, fratelli, italiani, ascoltate.
Un volontario italiano vi parla dalla Radio di Barcellona per portarvi il saluto delle migliaia di antifascisti italiani esuli che si battono nelle file dell’armata rivoluzionaria.
Una colonna italiana combatte da tre mesi sul fronte di Aragona. Undici morti, venti feriti, la stima dei compagni spagnuoli : ecco la testimonianza del suo sacrificio.
Una seconda colonna italiana. formatasi in questi giorni, difende eroicamente Madrid. In tutti i reparti si trovano volontari italiani, uomini che avendo perduto la libertà nella propria terra, cominciano col riconquistarla in Ispagna, fucile alla mano.
Giornalmente arrivano volontari italiani: dalla Francia, dal Belgio. dalla Svizzera, dalle lontane Americhe.

Dovunque sono comunità italiane, si formano comitati per la Spagna proletaria.Anche dall’Italia oppressa partono volontari.
Nelle nostre file contiamo a decine i compagni che,a prezzo di mille pericoli, hanno varcato clandestinamente la frontiera. Accanto ai veterani dell’antifascismo lottano i Giovanissimi che hanno abbandonato l’università, la fabbrica e perfino la caserma. Hanno disertato la Guerra borghese per partecipare alla guerra rivoluzionaria.
Ascoltate, italiani. E’ un volontario italiano che vi parla dalla Radio di Barcellona. Un secolo fa, l’Italia schiava taceva e fremeva sotto il tallone dell’Austria,del Borbone, dei Savoia,dei preti. Ogni sforzo di liberazione veniva spietatamente represso. Coloro che non erano in prigione, venivano costretti all’esilio. Ma in esilio non rinunciarono alla lotta. Santarosa in Grecia,Garibaldi in America, Mazzini in Inghilterra, Pisacane in Francia, insieme a tanti altri, non potendo più lottare nel paese, lottarono per la libertà degli altri popoli, dimostrando al mondo che gli italiani erano degni di vivere liberi. Da quei sacrifici,da quegli esempi uscì consacrata la causa italiana. Gli italiani riacquistarono fiducia nelle loro forze.
Oggi una nuova tirannia, assai più feroce ed umiliante dell’antica, ci opprime. Non è più lo straniero che domina. Siamo noi che ci siamo lasciati mettere il piede sul collo da una minoranza faziosa, che utilizzando tutte le forze del privilegio tiene in ceppi la classe lavoratrice ed il pensiero italiani.

Ogni sforzo sembra vano contro la massiccia armata dittatoriale. Ma noi non perdiamo la fede. Sappiamo che le dittature passano e che i popoli restano. La Spagna ce ne fornisce la palpitante riprova. Nessuno parla più di de Rivera. Nessuna parlerà più domani di Mussolini. E’ come nel Risorgimento, nell’ epoca più buia, quando quasi nessuno osava sperare, dall’estero vennero l’esempio e l’incitamento, cosi oggi noi siamo convinti che da questo sforzo modesto, ma virile dei volontari italiani, troverà alimento domani una possente volontà di riscatto.
E’ con questa speranza segreta che siamo accorsi in Ispagna. 0ggi qui, domani in Italia.
Fratelli, compagni italiani, ascoltate. E’ un volontario italiano che vi parla dalla Radio di Barcellona.
Non prestate fede alle notizie bugiarde della stampa fascista, che dipinge i rivoluzionari spagnuoli come orde di pazzi sanguinari alla vigilia della sconfitta.
La rivoluzione in Ispagna è trionfante. Penetra ogni giorno di più nel profondo della vita del popolo rinnovando istituiti, raddrizzando secolari ingiustizie. Madrid non è caduta e non cadrà. Quando pareva in procinto di soccombere, una meravigliosa riscossa di popolo arginava l’invasione ed iniziava la controffensiva. Il motto della milizia rivoluzionaria che fino ad ora era “No pasaran” è diventato ” Pasaremos”,cioè non i fascisti, ma noi, i rivoluzionari, passeremo.
La Catalogna, Valencia, tutto il litorale mediterraneo, Bilbao e cento altre città, la zona più ricca, più evoluta e industriosa di Spagna sta solidamente in mano alle forze rivoluzionarie.

Un ordine nuovo è nato, basato sulla libertà e la giustizia sociale. Nelle officine non comanda più il padrone, ma la collettività, attraverso consigli di fabbrica e sindacati. Sui campi non trovate più il salariato costretto ad un estenuante lavoro nell’interesse altrui. Il contadino è padrone della terra che lavora, sotto il controllo dei municipii.Negli uffici,gli impiegati,i tecnici, non obbediscono più a una gerarchia di figli di papà, ma ad una nuova gerarchia fondata sulla capacità e la libera scelta. Obbediscono, o meglio collaborano, perché‚ nella Spagna rivoluzionaria, e soprattutto nella Catalogna libertaria, le più audaci conquiste sociali si fanno rispettando la personalità dell’uomo e l’autonomia dei gruppi umani.
Comunismo, si, ma libertario. Socializzazione delle grandi industrie e del grande commercio, ma non statolatria: la socializzazione dei mezzi di produzione e di scambio è concepita come mezzo per liberare l’uomo da tutte le schiavitù.
L’esperienza in corso in Ispagna è di straordinario interesse per tutti. Qui, non dittatura, non economia da caserma, non rinnegamento dei valori culturali dell’Occidente, ma conciliazione delle più ardite riforme sociali con la libertà. Non un solo partito che, pretendendosi infallibile, sequestra la rivoluzione su un programma concreto e realista : anarchici, comunisti, socialisti, repubblicani collaborano alla direzione della cosa pubblica,al fronte, nella vita sociale. Quale insegnamento per noi italiani!
Fratelli,, compagni italiani, ascoltate. Un volontario italiano vi parla dalla Radio di Barcellona per recarvi il saluto dei volontari italiani. Sull’altra sponda del Mediterraneo un mondo nuovo sta nascendo. E’ la riscossa antifascista che si inizia in Occidente. Dalla Spagna guadagnerà l’Europa. Arriverà innanzi tutto in Italia, cosi vicina alla Spagna per lingua, tradizioni, clima, costumi e tiranni. Arriverà perchè la storia non si ferma, il progresso continua, le dittature sono delle parentesi nella vita dei popoli, quasi una sferza per imporre loro, dopo un periodo d’ inerzia e di abbandono, di riprendere in in mano il loro destino.
Fratelli italiani che vivete nella prigione fascista,io vorrei che voi poteste, per un attimo almeno, tuffarvi nell’ atmosfera inebriante in cui vive da mesi,nonostante tutte le difficoltà, questo popolo meraviglioso. Vorrei che poteste andare nelle officine per vedere con quale entusiasmo si produce per i compagni combattenti;vorrei che poteste percorrere le campagne e leggere sul viso dei contadini la fierezza di questa dignità nuova e soprattutto percorrere il
fronte e parlare con i militi volontari. Il fascismo,non potendosi fidare dei soldati che passano in blocco alle nostre file, deve ricorrere ai mercenarii di tutti i colori. Invece,le caserme proletarie brulicano di una folla di giovani reclamanti le armi. Vale più un mese di questa vita,spesa per degli ideali umani,che dieci anni di vegetazione e di falsi miraggi imperiali nell’Italia mussoliniana.
E neppure crederete alla stampa fascista che dipinge la Catalogna,in maggioranza sindacalista anarchica, in preda al terrore e al disordine. L’anarchismo catalano è un socialismo costruttivo sensibile ai problemi di libertà e di cultura. Ogni giorno esso fornisce prove delle sue qualità realistiche. Le riforme vengono compiute con metodo, senza seguire schemi preconcetti e tenendo sempre in conto l’esperienza.
La migliore prova ci è data da Barcellona, dove, nonostante le difficoltà della guerra, la vita continua a svolgersi regolarmente e i servizi pubblici funzionano come e meglio di prima.
Italiani che ascoltate la radio di Barcellona attenzione. I volontari italiani combattenti in Ispagna, nell’interesse, per l’ideale di un popolo intero che lotta per la sua libertà, vi chiedono di impedire che il fascismo prosegua nella sua opera criminale a favore di Franco e dei generali faziosi. Tutti i Giorni areoplani forniti dal fascismo italiano e guidati da aviatori mercenari che disonorano il nostro paese, lanciano bombe contro città inermi, straziando donne e bambini. Tutti i giorni, proiettili italiani costruiti con mani italiane, trasportati da navi italiane, lanciati da cannoni italiani cadono nelle trincee dei lavoratori.
Franco avrebbe già da tempo fallito, se non fosse stato per il possente aiuto fascista.Quale vergogna per gli italiani sapere che il proprio governo,il governo di un popolo che fu un tempo all’avanguardia delle lotte per la libertà,tenta di assassinare la libertà del popolo spagnolo.
Che l’Italia proletaria si risvegli. Che la vergogna cessi. Dalle fabbriche, dai porti italiani non debbono più partire le armi omicide. Dove non sia possibile il boicottaggio aperto, si ricorra al boicottaggio segreto. Il popolo italiano non deve diventare il poliziotto d’Europa.
Fratelli, compagni italiani, un volontario italiano vi parla dalla Radio di Barcellona, in nome di migliaia di combattenti italiani.

Qui si combatte, si muore, ma anche si vince per la libertà e l’emancipazione di tutti i popoli. Aiutate, italiani, la rivoluzione spagnuola. Impedite al fascismo di appoggiare i generali faziosi e fascisti. Raccogliete denari.E se per persecuzioni ripetute o per difficoltà insormontabili, non potete nel vostro centro combattere efficacemente la dittatura, accorrete a rinforzare le colonne dei volontari italiani in Ispagna.
Quanto più presto vincerà la Spagna proletaria, e tanto più presto sorgerà per il popolo italiano il tempo della riscossa.