RELOADED ad uso Tramediquartiere – Comunità su Facebook – La “ciclabile” di San Paolo a Prato – Esempio di uno “spreco” che non sa di essere tale di J.M.

Pista ciclabile 2Pista ciclabile 3

 

 

La “ciclabile” di San Paolo a Prato – Esempio di uno “spreco” che non sa di essere tale di J.M.

A volte l’Amministrazione non sa cosa fare per un Quartiere e si inventa delle soluzioni che sono peggiori dell’inazione. E’ infatti uno di questi casi quello di cui parleremo qui: la “ciclabile” di San Paolo. E’ accaduto che l’Amministrazione di Centrodestra si sia trovata in “debito” elettorale con la popolazione di San Paolo ed abbia avuto la necessità di investire su quel territorio; vi erano dei “fondi” regionali che stavano per scadere e che riguardavano “interventi a favore dell’ambiente e dell’ecosostenibilità”, interventi tipo “ciclabili” per incentivare lo spostamento ecologico delle persone. Interventi che erano stati già preventivati nella legislatura 20042009 e che riguardavano sia la manutenzione delle ciclabili esistenti sia la messa in opera di nuovi percorsi che dalla “periferia” si collegassero al Centro storico. Per San Paolo era stato previsto un percorso che dalla stazione di Borgonuovo si dirigesse verso il Centro in una linea più che altro parallela a quella ferroviaria. Ma vuoi mettere una linea retta banalissima con una a zig zag fra le stradine di San Paolo? Ecco, crediamo che i tecnici del Comune si siano rifiutati di procedere in un progetto così ovvio privilegiando scelte avveniristiche per le emozioni ed i pericoli da affrontare ad ogni giravolta; in effetti è evidente che chi si mette in bicicletta voglia provare anche qualche brivido, no? Penso che si siano chiesti, per l’appunto, se non valesse la pena costruire qualcosa che somigliasse un po’ di più alle “Montagne russe” al posto di una noiosa lunga e diritta linea rossa. Tra le altre cose quest’ultima avrebbe attraversato luoghi tranquilli e poco trafficati, mentre quella prescelta presentava insidie ad ogni passo sia per la presenza di “passi carrabili” sia per gli attraversamenti su strade molto intensamente praticate. Ma, si sa, l’uomo è sognatore ed ha bisogno di mostrare che sa inventare e pensare, per cui a San Paolo ci si è trovati di fronte ad un Progetto che faceva invidia alla Danimarca ed alla Svezia, che non mancheranno di venirlo a studiare. Il percorso, straordinario, ha avuto anche il pregio di passare davanti a molti passi carrabili in pendenza, davanti alle porte di molti negozi, sopra tombini pubblici (Publiacqua) e privati (pozzi neri); percorre uno spazio riservato esclusivamente al mercato settimanale e si interrompe provvisoriamente nell’ingresso con tornelli ad un viale di uno dei Giardini pubblici del Quartiere; inoltre entra in almeno tre casi in strade trafficate con scarsa e difficoltosa visibilità. Ora, è chiaro che – essendo cambiata l’Amministrazione (da Centrodestra a Centrosinistra) – a qualcuno potrebbe venire la voglia di chiedere che questo obbrobrio sia eliminato. Sarebbe una iattura e quasi certamente non lo avremmo chiesto nemmeno se la caratteristica dell’Amministrazione non fosse cambiata; intanto perché è bene che rimanga a memento di come si sprecano i soldi pubblici fingendo di saperli utilizzare. E poi perché il danno sarebbe maggiore; l’avessero potuto chiamare, quell’intervento “cura ed abbellimento del Quartiere” sarebbe stato accettabile: ma la “ciclabile” no, anche perché ora che avete letto questo articolo provate a passarci, magari fatelo anche con una bicicletta. Intanto vi troverete pressochè soli (i lettori di questo Blog non sono tanti ed i frequentatori sono rarissimi) e poi potrete verificare gli addebiti che poniamo. La nuova Amministrazione faccia tesoro di questa esperienza; fra l’altro in essa (in posti chiave!) si trovano anche alcuni strenui difensori del tracciato della “ciclabile” che, per contrappasso, inviterei a frequentare quotidianamente anche per recarsi in Centro. Eh sì, perché in difesa di quell’ obbrobrio di cui i “tecnici” (che sono peraltro sempre gli stessi di prima) si vantano, si sono schierati anche alcuni alti dirigenti del Partito Democratico, che non hanno voluto – se non in minima parte quando si è cercato di limitare i danni – ascoltare le ragionevoli critiche. Occorre dire anche che alcuni pseudo verdi ecologisti d’antan nel corso dei dibattiti telematici senza mai venire a verificare in diretta i motivi dei dissensi espressi hanno difeso a spada tratta la “ciclabile” fidandosi esclusivamente del sostantivo o aggettivo che dir si voglia a dimostrazione che la battaglia per noi concreta veniva interpretata solo in chiave ideologica. E non bastava premettere “non abbiamo nulla in contrario per le “ciclabili”” per convincere della nostra buona disponibilità per la salvaguardia dell’Ambiente. Eppure avevamo ingaggiato contese con l’Amministrazione chiedendo anche che i fondi previsti per l’obbrobrio fossero destinati alla manutenzione delle ciclabili esistenti; ma non eravamo stati ascoltati. Ora, con il cambio di Amministrazione, non siamo affatto convinti che l’atteggiamento possa cambiare. Anche perché i “tecnici” che hanno partorito il progetto sono sempre lì al loro posto. A proposito, che fine hanno fatto le bici di BICINCITTA’ di via Toscanini?

 

Biciincittà

JOSHUA MADALON – Cari amici questo blog è anche vostro BUON ANNO

buon-anno-35791409

Cielo stellato

QUESTO BLOG APPARTIENE A GIUSEPPE MADDALUNO ED OGNI SCRITTO E’ DI SUO PUGNO (E LA RESPONSABILITA’ DI QUANTO SCRIVE E PUBBLICA E’ SUA) A MENO CHE NON VI SIA CHIARAMENTE SCRITTO IL COGNOME ED IL NOME DEL PROVVISORIO COLLABORATORE O LA FONTE DA CUI LO SCRITTO DERIVI

 

Cara amica e caro amico questo BLOG può essere anche “tuo”! Si occuperà di CULTURA in tutte le sue declinazioni: CULTURA scientifica, CULTURA ambientale, CULTURA economica, CULTURA sociale, CULTURA ambientale, CULTURA letteraria, CULTURA storica, teatrale, cinematografica… CULTURA in ogni senso. L’Italia, il nostro Paese ha vissuto e sta vivendo una profonda crisi per mancanza di CULTURA, per l’incapacità e la rapacità di una classe dirigente politica ed imprenditoriale che ha generato i populismi di Berlusconi, Grillo e Renzi che sono stati e sono i profondi persuasori di un popolo che non riesce più a decifrare i processi storici e politici per una profonda mancanza di riferimenti culturali.E’ chiaro che non posso nascondere la profonda delusione che provo nel conoscere la caratteristica di una parte dei “riciclati” e degli “imbucati” nelle diverse “squadre” che sostengono a livelli diversissimi il nuovo leader del Partito Democratico. Ed è anche per questo che non mi ci riconosco più! Punto

Questo Blog è dunque uno dei tentativi di fare “resistenza” a questo appiattimento generalizzato che si va diffondendo all’interno di una mutazione antropologica peggiore di quella di cui parlava Pasolini. Passi indietro in un baratro di ignoranza.

 

 

 

PICT0148PICT0171GiuseppeMaddaluno-150x150

LEZIONI DI CINEMA- L’ALBA DEGLI AUTORI – JACQUES TATI quinta ed ultima parte

LEZIONI DI CINEMA- L’ALBA DEGLI AUTORI – JACQUES TATI quinta ed ultima parte

“Playtime”, il film che segue nella produzione di Tati, è datato 1967: sono passati dieci anni da “Mon oncle” ed alcuni, pensando siano tanti, hanno potuto credere si sia trattato di un inaridirsi della vena creativa, mentre, proprio per quanto si è detto dianzi, non vi è attimo della sua vita che non sia impegnato nel rilevare attentamente gli eventi e quindi questo film è il risultato di una cernita fra tutte le osservazioni compiute in quel lungo periodo.
Lo sguardo di Tati si posa in questa nuova occasione sulla città, dopo la campagna, dopo lo stabilimento balneare, dopo i quartieri periferici borghesi e popolari. La città di “Playtime” è guardata con gli occhi di chi si sente estraneo di fronte alla ormai dilagante tecnologia elettronica, di fronte ai palazzi tutti alti ed uguali fra loro, all’interno di questo universo futuristico in cui ormai si è costretti a vivere incasellati ed irreggimentati senza alcuna speranza. La contraddizione, tra il bisogno di sentimenti e di ideali ed il necessario ricorso ad un mondo innaturale ed asettico viene posta in evidenza con sagacia da Tati nell’atto di M. Hulot che porge alla ragazza americana un mazzolino di fiori di plastica. Raccontare il film risulta fondamentalmente impossibile, nel breve spazio a nostra disposizione; esso è costruito in maniera del tutto antitetica rispetto alle normali tecniche di narrazione: è certo il più moderno ed avanzato (e quindi più difficile da intendersi) dei film di Tati. Anche sul piano del successo, esso ottiene in particolar modo quello della critica, che riconobbe in “Playtime” una geniale intuizione di un altrettanto geniale “artefice”; gli mancò il consenso, pur importantissimo, del pubblico, che sarebbe invece stato necessario a coprire il sostanzioso “deficit” finanziario della produzione.
Il film con il suo “fiasco” non costrinse fortunatamente Tati a rivedere le sue idee, nei rapporti con i produttori, anche se gli comportò un ritardo nella definizione e messa a punto del film seguente, che è “Trafic” (1971), in cui viene presa in esame la società sempre più disumanizzata dalle “macchine”. In effetti, ed è ovvio, Tati rinnega questa realtà e sorride di fronte alla catastrofe apocalittica di numerosi cimiteri di auto, di giganteschi ed inestricabili ingorghi, di dispettosi e fastidiosi guasti. Tutta la storia (si ritorna ad una sequenza di vicende molto usuali) ruota intorno ad una invenzione geniale di M. Hulot, una nuova automobile, che può diventare casa, luogo di lavoro e di vita, ed anche, se si volesse, di morte; è la narrazione per immagini, per gags, di come l’uomo si sia innamorato della macchina ed ormai non riesca a farne a meno. Nel viaggio che si compie verso Amsterdam accadono numerosi contrattempi ed incidenti vari che sollecitano Tati-Hulot a sfrenarsi nelle sue pur sempre composte trovate.
L’ultimo dei film di tati è “Parade” del 1974. Non vi appare più come Hulot; egli interpreta un ruolo di presentatore e di coordinatore per uno spettacolo di artisti del circo e si chiama M. Loyal. Prodotto per la televisione svedese, “Parade” potrebbe apparire ancora una volta ciò che non è mai un film di Tati: un insieme di vicende, di numeri, di gag senza un filo logico che le colleghi fra di loro. Il ruolo di Jacques Tati è propriamente doppio: accanto al suo lavoro di animatore egli si presenta anche come protagonista con una serie di pantomime, quelle più importanti e decisive per la sua carriera. Ma, ciò che è più importante, da un lato lo spettatore è ripreso nel circo continuamente coinvolto nel meccanismo dello spettacolo sia come individuo che come collettività, dall’altro lo spettatore che è al di qua dello schermo si trova allo stesso tempo coinvolto nella struttura particolare di questo film che consente di poter vivere qualsiasi momento dello spettacolo: dai lavori dietro le quinte al rincorrere, in ogni istante le diverse reazioni dei partecipanti. Il film ha ottenuto nel 1975 il “Grand Prix du Cinéma Francais”.

Jacques Tati è morto. Non credo gli si addica l’immobilità. Soffrirà molto per questo! Ma Jacques Tati non è morto, ognuno di noi è Jacques Tati, la sua umanità è sempre presente: lui indubbiamente è più bravo, perché è tutti noi indistintamente, i suoi personaggi, il suo mito, come per tutti i grandi, non sono morti con lui. Ed ora, buona visione! Scusate se non si può essere più eloquenti dei suoi film!

Sylvain Chomet nel 2010 realizzò un suo importante film basato su una sceneggiatura inedita scritta nel 1956 dal mimo, attore e regista francese Jacques Tati. La figura del protagonista riprende in disegni animati le sembianze di Tati, che aveva scritto quel soggetto nel 1956 per farne un film da interpretare insieme alla figlia.

Tati2_1659657c

BRINDIAMO ALLE NOSTRE AVVENTURE CULTURALI !!!

immagine-fb-buon-2015-con-i-dadi_24

BRINDIAMO ALLE NOSTRE AVVENTURE CULTURALI !!!

Oggi è NATALE, giorno tradizionalmente dedicato alla famiglia. Sarò breve nel mio post: voglio però augurare alle mie amiche ed amici tutta la serenità possibile e l’auspicio che dopo il solstizio riprenda progressivamente vigore la LUCE, quella della RAGIONE (per tutti) così come quella della FEDE (per chi la possiede o la ricerca). Un saluto affettuoso alle persone con le quali condivido percorsi di affetto e di amicizia, sia in Toscana che altrove, in modo particolare tra Prato, Feltre e Pozzuoli. Tra due giorni mi incontrerò con il gruppo che lavora intorno al Progetto “FESTIVAL DELLA LETTERATURA NEI CAMPI FLEGREI – Libri di Mare libri di Terra – ed il Premio dedicato a Michele Sovente”. Sono scrittrici e scrittori, produttrici di versi e di narrazioni, amministratrici ed amministratori sensibili, operatrici ed operatori culturali preparati, tante amiche e tanti amici che nel corso di quest’ultimo anno – il 2014 – ho ritrovato o conosciuto. Ringrazio Angela Schiavone per avermi dato queste splendide occasioni e consentirmi di lavorare con lei per le prossime “avventure culturali” che ci attendono. L’Associazione “Il diario del viaggiatore” fra l’altro organizza a Prato delle “proiezioni del Festival” (non si tratta di film ma di trasferte del Festival) fra il 30 ed il 31 gennaio.
Il 27 dicembre presso la Casina vanvitelliana sul Lago Fusaro alle ore 17.00 vi sarà questo incontro durante il quale rifletteremo sugli esiti del Festival 2014 e tracceremo le linee di quello del 2015 – A coloro che saranno presenti chiederei di portare il loro contributo di idee e semmai concederci un piccolo “saggio” (dei versi, dei racconti brevi) delle loro produzioni letterarie. Presenteremo la Silloge 2012 – 2013 “Scrittura sottoluce”. Brinderemo per il futuro “comune” e per tutte le nostre avventure culturali dal 2015 in poi.
AUGURI A TUTTEI

PICT0701

buon-anno-35791409

VIAGGIATORI – I GIORNI 1972 – parte 24 e ultima

VIAGGIATORI – I GIORNI 1972 – parte 24 e ultima

Le quattro ragazze di Roma, della mattina prima, lì.
Il viso intelligente e bambino della mia amica. Attaccammo di nuovo a parlare. L’eclisse, primo argomento, era stata magnifica, da Chiaia di Luna. Il mio amico felicemente si immette nel discorso e mi evita l’imbarazzo retorico della presentazione.
“Cosa fate la sera?” Aria di noia da una parte e dall’altra.
“A noi piacerebbe divertirci insieme a queste ragazze e, forse, anche a loro”, dovemmo pensare all’unisono e così cominciammo a parlare come se la nostra vacanza dovesse prolungarsi per almeno una settimana ancora.
Si recita dunque su questo nuovo soggetto. Progetti futuri, falsi. Una speranza nel cuore, segreta, nel cuore di entrambi.
Si parte da Frontone. Un addio silenzioso a quella spiaggia. Ci guardammo, io e il mio amico, e fummo d’accordo. Aneddoti, battute spiritose ed opportune, gran voglia di riuscire simpatici. Offrimmo spettacolo a buon prezzo, botta e risposta fra noi due. Vantammo scherzando le nostre eccelse qualità, con presunzione disperata falsa ed accentuata. Larghi sorrisi ci mettevano di nuovo in forma, ed il controbattere.
Al culmine, la lettura della mano. In più per scherzo, quella dei piedi, ma soltanto annunciata, minacciata e promessa per la sera. Prendemmo l’appuntamento per il pomeriggio, alle diciotto, a Chiaia di Luna. Ci salutammo col nostro e con il loro entusiasmo.
Appena soli, ci guardammo. Lo sguardo tradiva tutto. Gioia, incertezza e timore di non so cosa. Decidemmo di rimanere… Era chiaro! Ma altri problemi si profilavano, meno gravi: noi eravamo in due e le ragazze quattro.
All’albergo, pero. Ci dissero che non c’era più posto. Lasciammo le valigie all’ingresso.

Durante il pranzo, in un locale migliore di quello del giorno prima, ma meno costoso, decidemmo di tentare in altri alberghi. Certo, il tutto per tutto.
Profumo di fragole, in un cespuglio accanto alla tua testa. Pensavo fossero le tue labbra. Lì, allo stesso posto. Ti aspetto. Senza le fragole profumerà di te. Il castello è fatiscente, ma il giardino dentro è diventato selvatico, pieno di grovigli erbosi. Un tappeto magnifico e soffice di muschio riveste le mura. Il vecchietto non si affaccia più dai merli a sgridare i bambini. E l’acqua sotto il ponte levatoio è disseccata. Dicono ci sia un tesoro. Un fantasma lo custodisce. Io non ho paura dei fantasmi. Tu?
Fai segno di no. Poi, una lucciola ti fa paura. Non voglio ammazzarla. Stringi la mia mano, fortissimo. Mi segui. Forse non hai più timore.
Ora anche tu vuoi trovare il tesoro e non temi più il fantasma.
Il cielo, senza stelle. Pioverà. E noi resteremo lì nel castello fino a quando svanirà la tempesta, al sicuro, scaldandoci coi baci. Sarà sempre così?
Tanti alberghi, nemmeno un posto. Durante il pranzo, una tragica decisione. Partire, all’occorrenza, senza salutare. Era logico. Senza un luogo di riferimento per trascorrere la notte, non si poteva certo restare.
Una tristezza improvvisa, che non ci faceva neanche aprir bocca. Ognuno cercava di far decidere l’altro. Quattro ragazze, insomma, erano pur sempre quattro ragazze. Ma con tutto ciò non ce la sentivamo di restare senza un tetto, nemmeno per una notte.
Non si capirebbe facilmente come ciò potesse essere possibile senza quella crisi profonda nella quale versavamo.
Alle diciassette, sul vaporetto. Ognuno con il volto opaco come se rimproverasse all’altro di averne la colpa. Il mio amico sfoggiava a tratti un po’ di calma, ma dentro lo capivo io. Io, poi, dovevo essere ben nero di spirito, da farlo trapelare chiaramente sul viso.
Accesero i motori.
Pensammo per un attimo: “Scendiamo!”.
Ma ormai non ne avevamo più la forza. Meglio lasciare. Io accusavo l’altro e l’altro me.
Si scusava “Ma non eri sicuro nemmeno tu. D’altronde, se vuoi, puoi ancora scendere”.
Scendere, sì, diceva bene, ma dove sarei andato? No, no, era meglio lasciare. Oramai, sconfitti come eravamo, non potevamo pretendere di più. Pensavo alle ragazze.
“Stupidi!…” non vedendoci arrivare ed avranno attaccato con altri.
Rideva della mia tristezza, il mio amico, per dimenticare se stesso.
Quando fummo al largo e Ponza una massa rocciosa lontana, scoppiai a ridere anch’io, guardando il viso imbronciato del mio amico. La testa del toro era, a terra, staccata dal busto cui apparteneva. Cominciava un nuovo corso, per la mia storia. Così come era incominciato tre giorni prima. La testa del toro era a terra, la testa del toro.

***********

“Complimenti!”, così, sprovveduto, imbambolato, sorpreso di sentirsi dire “Complimenti!”. Una mano tesa nell’attesa dell’altra. E la stretta è diplomatica.
I discorsi si allontanano dall’argomento. E poi vi ritornano con un moto repentino. Scoprire così quel che ti rende alternativamente simpatico e antipatico ed essere sorpreso di sentire:
“Complimenti!”
E di cosa “Complimenti!”, di saper dare se stesso agli altri, di svelarsi tutto, di diventare un niente all’improvviso?
“Complimenti!”
Nient’altro che “Complimenti!”
“Bello, sai, molto bello!”
E lì dentro ci sono tutto, tranne piccola parte di me non sviluppata ed insignificante, ancora segreta. E voi mi dite solo questo, soltanto questo, nient’altro. E la riuscita formale è quella che più di tutto piace….

PICT0530

LEZIONI DI CINEMA – L’ALBA DEGLI AUTORI – JACQUES TATI – quarta parte

LEZIONI DI CINEMA – L’ALBA DEGLI AUTORI – JACQUES TATI parte 4

“Les vacances” come “Jour de fete” fu girato in esterni reali e non è fornito di un’abituale struttura narrativa; insomma non si può parlare di un film con una trama vera e propria: solo una serie di sequenze che mostrano alcuni episodi consueti che interessano un gruppo di semplici e normali turisti nelle loro vacanze dall’inizio alla fine. Di certo Federico Fellini lo vide e se ne ispirò per molti dei suoi film (per comprendere qule che scrivo occorrerebbe vedere il film di Tati). Il successo delle “Vacanze” ed i numerosi consensi della critica, l’afflusso imponente del pubblico consentirono a tati una sempre maggiore libertà nella realizzazione del film successivo, “Mon oncle” (1958).
Questo lavoro impegnò Tati per ben due anni, e ciò viene confermato da una sua affermazione. “Dicono: – Tati impiega più di due anni a fare un film – Vi assicuro, tuttavia, che non perdo il mio tempo. Lavoro ogni giorno, ogni giorno, ogni giorno. Potrei anche andare in fretta, come i nuovi autobus: allora ci metterei tre settimane. E neanche in tre mesi…Ma quando si è scelto il mestiere del cinema, che è appassionante, occorre riconoscerlo, bisogna farlo come lo faccio io, o rinunciarci…Non si può, in trentasette giorni, raccontare una storia molto importante…”. “Mon oncle” si addentra nella contraddizione, assai più viva in verità in quegli anni del “boom” economico, della industrializzazione e dell’avvento tecnologico moderno nelle abitazioni private e nelle sedi pubbliche, verso cui guardavano fiduciose tante casalinghe e tanti mariti speranzosi di poter evitare le settimanali “corvées” più o meno prevedibili ed imposte da contratti “privati”.
E’ un argomento, questo, certamente originale e diverso da tutti gli altri analizzati da Tati nei suoi precedenti film: lo zio della vicenda è quello di Gèrard Arpel, nove anni, ed è sempre Mister Hulot. La sua occupazione è limitata (ed è di un interesse e di una condivisione per noi considerevole) a vivere la vita, guardando la gente, scrutando la vita quotidiana ed il suo evolversi e facendo appassionare a questa osservazione il nipotino nelle loro passeggiate al ritorno da scuola: un film indiscutibilmente “di formazione”. Hulot è del tutto negato per intrattenere un qualsivoglia rapporto “amichevole” (o di semplice e pacifica convivenza) con le macchine, ma mentre lui non si lascia assolutamente coinvolgere – ma ne è inevitabilmente coinvolto – in un confronto con le macchine, gli altri, che se ne servono abitualmente, ne escono fortemente turbati se non proprio sconfitti. Dice però giustamente Roberto Nepoti nella biografia di tati pubblicata nella collana “Il Castoro Cinema” n. 58, La Nuova Italia, pag. 51: “Il film non si risolve tuttavia nell’inno al passatismo. Indica piuttosto Hulot, liaison fisica tra ipertecnologico e desueto, come “terza forza” capace di umanizzare il progresso, in nome della rivolta contro il condizionamento che esso comporta”.
Anche questo film ottenne numerosi premi: a Cannes, New York, Parigi e, ciliegina sulla torta, l’Oscar nel 1958.

fine parte 4 – continua

mon oncle

“TERZO CONCORSO DI PITTURA A TEMA LIBERO” organizzato dall’Associazione “SUCCEDE A PRATO” – CIRCOLO ARCI DI CAFAGGIO

10361440_811762038862654_6178615340602134217_n

“Terzo Concorso di Pittura a tema libero” organizzato dall’Associazione “SUCCEDE A PRATO” – Circolo ARCI di Cafaggio

Conosco Nicola e Lucio sin da quando sono arrivato a Prato, di certo dal 1983 o 1984. Insieme ad altri amici ferrovieri andavamo a giocare a calcio (chi mi conosce oggi potrebbe pensare ad una mia “boutade” ma non è così e anche alcune foto lo confermano) in un campo di patate verso San Giusto. Con il passare del tempo abbiamo smesso calzoncini e scarpette e ci siamo impegnati in attività culturali al Dopolavoro Ferroviario. Si può dire: fino a ieri! Gli anni passano ancora e ci si ritrova di tanto in tanto con la voglia di fare sempre qualcosa di bello e di nuovo; ed è così che con la loro Associazione “Succede a Prato” da alcuni anni organizzano “Partite del Cuore” al femminile e sempre mi invitano, anche ora che non rivesto più incarichi amministrativi e la Politica – per me, si intende – langue. Così accade che da tre anni seguendo un Progetto che avevano curato e fatto crescere al dopolavoro di Piazza Stazione organizzano con la collaborazione di Circoli ARCI come il 1° Maggio e quello di Cafaggio un Concorso di Pittura a Tema Libero con un Premio speciale riservato ad un’opera ispirata a “Prato com’era – Prato com’è – Prato che vorrei”. Inaugurata domenica scorsa alla presenza del Sindaco Matteo Biffoni e di una folta schiera di artiste ed artisti accompagnati da intenditori raffinati – e curiosi in genere – la Mostra è ospitata nelle Sale del Circolo ARCI di Cafaggio in via del Ferro 26 a Prato fino al 5 gennaio, compreso i festivi, e sarà possibile visitarla dalle ore 16.00 alle ore 19.00. Gli interessati che di volta in volta approderanno al Circolo potranno anche dare un voto all’opera che riterranno migliore; i loro voti assegneranno il Premio della Giuria Popolare, mentre i premi in concorso che saranno assegnati da una Giuria composta da critici d’arte, esperti del settore e da un rappresentante del Museo “Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci” sono collegati all’acquisto da parte dell’organizzazione delle stesse opere (si chiamano perciò “Premio acquisto): al 1° classificato verrà assegnato un premio di 400,00 euro; al secondo, 300,00, mentre all’opera ispirata al tema su Prato verrà assegnato un Premio acquisto di 250,00 euro. Ulteriori premi non inferiori a euro 200,00 sono in via di definizione dagli organizzatori. La Giuria peraltro ha il compito di assegnare, laddove fosse possibile, altri premi (vedasi art.6 del Regolamento) ed in ogni caso una serie di segnalazioni da riportare sul diplomino che attesta la partecipazione dei diversi artisti.

Martedì 6 gennaio 2015 alle ore 10.00 avverrà la cerimonia di assegnazione dei premi. Da mettere in risalto è il numero e la qualità sempre crescente dei partecipanti.

P.S.: Quando parlo di Nicola e Lucio mi riferisco alle due anime culturali che sovraintendono alle attività dell’Associazione “Succede a Prato” e cioè Nicola Verde e Lucio La Manna. Buon Natale e ricco di prospettive positive il prossimo Anno 2015 a loro, alle loro famiglie ed ai loro amici!!!

10405538_10203677506470603_7426332424500833570_n

2015 New Year celebration

FESTIVAL DELLA LETTERATURA NEI CAMPI FLEGREI LIBRI DI MARE LIBRI DI TERRA – PREMIO MICHELE SOVENTE – RIFLESSIONI E PROSPETTIVE INSIEME – ANDIAMO AVANTI VERSO IL 2015 SABATO 27 DICEMBRE ORE 17.00 CASINA VANVITELLIANA SUL LAGO FUSARO – ELENCO AUTORI PRESENTI NELLA SILLOGE

Il diario

FESTIVAL DELLA LETTERATURA NEI CAMPI FLEGREI LIBRI DI MARE LIBRI DI TERRA – PREMIO MICHELE SOVENTE – RIFLESSIONI E PROSPETTIVE INSIEME – ANDIAMO AVANTI VERSO IL 2015
SABATO 27 DICEMBRE ORE 17.00 CASINA VANVITELLIANA SUL LAGO FUSARO

Sabato 27 dicembre a partire dalle ore 17.00 si svolgerà presso la Casina vanvitelliana al Fusaro (siamo nella città di Bacoli) l’incontro conclusivo della III Edizione del Premio “Michele Sovente” e della VII di “Libri di mare libri di terra” e si avvieranno a tracciare le linee delle future Edizioni (a partire dalla IV del “Premio Sovente” e dell’VIII del Festival della Letteratura nei Campi Flegrei.
Come già annunciato sarà l’occasione per coloro che hanno partecipato alle passate edizioni per incontrarsi, confrontarsi e proporre. L’Associazione “Il diario del viaggiatore” che insieme alle amministrazioni di Bacoli, di Monte di Procida e di Pozzuoli ha organizzato l’edizione del 2014 presenterà il volume “Scrittura sottoluce” che raccoglie tutti i testi (poesie, racconti ed articoli giornalistici) che hanno preso parte alle prime due edizioni del Premio Sovente (2012 solo poesie, 2013 anche racconti ed articoli). Vi avevo preannunciato l’elenco dei partecipanti; ed eccolo:

Sezione poesia anno 2012

Dell’infinito on nessuna “ultima sphaera mundi” di Mariano Baino
Foglie e respiro di vento di Vincenzo Crosio
Un genio di Gianni Valentino
Il bambino di via delle Ginestre di Ersili Anna Tomoe
Nu’ perjed’ trist’ ma felice di Antonio Maione
Alle ore diciotto di Maria Natalia Iiriti
Cade polvere bianca di Cinzia Caputo
Ultim’ora di Costantino Sgamato
Lo specchio di Francesco Fusco
Grappoli d’uomini di Roberto Gaudioso
L’assoluto gesto d’amore di Mariella Ioime
Lungomare d’agosto di Roberto Volpe
Dopo un lungo viaggio di Aldo Ferraris
Passaggio di Antonio Spagnuolo
Lampadine fulminate di Raffaele Pisani
Eterno fluire di Giuseppe Varriale
Notte di Vittorio Gennarini
Terra violata di Valentina Soria
Raggiungere il mare di Rita Felerico
Sono parte della biologia di Adriana La Volpe
Son nella luce! Di Paolo de Rogatis
Miseno di Dario Antonioli
A Michele Pina Esposito
Il grande cocomero di Antonio Russo De Vivo
La nostra casa di Riccardo Imperiali
Della terra, degli occhi, della condizione di Giuseppe Gargiulo

Sezione poesia anno 2013

Le tre Marie di Roberto Volpe
Ricordi di Antonio Spagnuolo
Vertigine di Carla De Falco
Come il mare in tempesta di Shasa
Vittime annunciate di Gioconda Marinelli
Di quercia e di rose di Dante Iagrossi
Di non chiudere le porte stasera di Giuseppe Vetromile
Il barone di Liliana Ianni
Le camicie stirate di Vera D’Atri
Lucciole e more di Teresa De Ninno
Il tempo di Matteo Tafuto
I miei giorni di te di Paolo Martino
Orlando di Floriana Coppola
Viaggio a San Miniato di Giuseppe Mandia
Lieve di Alessia Rocco
Shairi nero-bianco di Roberto Gaudioso
Altalena di Adriana La Volpe
Almuncantarat di Patrizia Lopez
A Silvia di Alla Melnychuk
Ritorno di Milena Tonelli, Mauro Milani
Perché una volta qualcuno ha detto “auterkeia”… di Angela Chiaro
Allegro ma anche no di Diego Guida
Sinonimo d’assenza di Giampaolo Materazzo
Madre di Brigidina Gentile
Il tempo della clessidra di Luisa De Cristofano
Figlia di nessuno di Rossana De Lorenzo
Melma sottile di Stefania Palumbo
L’onda di Felice Casucci
Per gli antichi luoghi di Salvatore Del Giudice
Il colore di questo istante di Antonietta Gnerre
Ti racconterò di quando attraversai il deserto di Assunta Esposito
Baptizo piscem di Costantino Sgamato
Libro di poesia di Raffaele Piazza
Se l’amore muore di Eliana Esposito

Sezione narrativa anno 2013

Anabasi di Francesco Pisano
Caponatina di Acitrezza di Brigidina Gentile
D’amore si muore di Floriana Coppola
Fravulella di Laura De Giorgio
Il gusto delle ciliegie di Cinzia Caputo
Il profumo buono del pane di Teresa De Ninno
Il sipario di Salvatore Del Giudice
Il sogno di Shiva e Kali di Assunta Esposito
Il tram di Patrizia Lopez
L’amore, la Sibilla e Sant’Antimo di Raffaele Pisani
La nebbia sul lago di Dante Iagrossi
La notte di Rosaria Vaccaro
In quel cortile di Giuseppe Mandia
Storie di pietra di Iaia De Marco
Trent’anni dopo di Corrado Izzo

Sezione giornalismo anno 2013

Aspettative e buchi neri di Valentina Soria
Camorra, gli avversari del Quarto di Francesco Pisano
La sfida intergenerazionale di Freebacoli di Assunta Esposito
I Campi Flegrei tra miti e realtà di Dante Iagrossi
Pozzuoli di Salvatore Del Giudice
Pozzuoli, nella torre del ‘500 preservativi e versioni di latino di Marco Perillo

Nel libro curato dall’Associazione “Il diario del viaggiatore” ed edito da Valtrend troverete, oltre all’Introduzione della Presidente Angela Schiavone che ho già pubblicato, le Note biografiche di tutti gli autori ed in conclusione “La poesia degli affetti “ tre poesie di Michele Sovente, una dedicata a Francesca sua nipote acquisita perché moglie del nipote Francesco ed un’altra dedicata ai loro bambini nella doppia versione in vernacolo “Luiggie e Antonie” ed in italiano “Luigi e Antonio”.
La serata sarà condotta da Angela Schiavone e dalla sua Associazione “Il diario del viaggiatore” e tutti saranno ospiti della città di Bacoli che ha permesso l’utilizzo della splendida struttura della Casina vanvitelliana.

Gli enti pubblici organizzatori sono, oltre alla città di Bacoli, la città di Monte di Procida ed il Comune di Pozzuoli.

Siete tuttei invitatei a partecipare e, se lo gradite, ad estendere l’invito a quanti fossero interessatei.
Buone feste!

2015 New Year celebration

DOVE E’ “LA BUONA SCUOLA”?

DOVE E’ “LA BUONA SCUOLA”?

Ieri, in relazione ad un video che avevo postato sul mio account Facebook nel quale veniva riproposta la contestazione portata da una insegnante a Matteo Renzi in una puntata di “Porta a Porta” dello scorso novembre al mio commento

Punto uno: “La demagogia di Renzi è partita proprio con questa “centralità” della scuola che è chiaramente solo “FUMO”!” – Punto due: “Come si fa a cambiare se a dirigere il Ministero è stato nominato una delle rappresentanti più alte della “BARONIA”?” e via dicendo….

sono arrivate due risposte – che in calce riporto – da parte di una docente giovane. Il terzo blocco è mio.

1. Non sa cosa rispondere, il Matteo. Ovviamente, perché sotto la demagogia non c’è nulla. Ieri ho letto la notizia di una circolare del Miur che direbbe agli istituti di pagare “a metà” i supplenti, visto che non ci sono soldi. Peccato che “metà” stipendio voglia dire metà possibilità di mantenersi, di mangiare, di mantenere una famiglia, di pagare la benzina per raggiungere la scuola e così via… Poi per me, che lavoro da fine settembre, già “metà” sarebbe qualcosa, visto che ancora non ho visto una lira e che pago l’affitto da mesi con i risparmi. E come me ci sono molti altri precari che non stanno vedendo lo stipendio e che lamentano che se avanti così, saranno costretti a rinunciare all’incarico perché non sanno come affrontare le spese che vivere fuori, per lavoro, comporta. Queste persone rinunceranno a stipendio e punteggio dei prossimi mesi, perché lo Stato è moroso e non gli paga quanto gli deve. Io andrò avanti finché i risparmi durano, a credito. Ovviamente facendo più ore di lavoro di quelle ufficiali, perché per “sostenere” realmente i ragazzi che ne hanno bisogno, due ore alla settimana (in alcuni casi una) sono ridicolmente insufficienti… e non sto menzionando le ore di lavoro a casa e a scuola fuori dalla classe. Si parla di alternanza scuola-lavoro, ma non c’è una lira, al solito, e i docenti che si occupano dei progetti lo fanno per volontariato. In tutto ciò promettono “stabilizzazioni” senza ricostruzioni di carriera, ovvero due spiccioli elargiti che vengono da soldi tolti ad altri docenti. E si permettono anche solo di suggerire che i lavoratori della scuola possano essere pagati “un po’ sì e un po’ no”, nel totale disprezzo non solo dei titoli di studio e della centralità del lavoro svolto da queste persone, ma prima ancora, del fatto che le persone “normali”, lavorano, tra l’altro, per vivere…

2. Io pensavo che Renzi fosse un nulla arrivato lì un po’ per caso, ora comincio a credere che ci sia un chiaro progetto di distruzione dello stato sociale approfittando delle condizioni “oggettive” di crisi. Distruzione dei servizi sociali, e distruzione della dignità dei lavoratori, più o meno qualificati, in base al principio che meglio qualcosa che nulla, e quindi ci accontentiamo e speriamo, a tempo indefinito.

3. Ho sin dalla sua apparizione avvertito “odore di bruciato” (qualcun altro più ideologico ha avvertito odore di incenso, ma no mai avuto queste preclusioni, anche essendo stato convintamente “comunista”) e dunque non mi è parso proprio il più adatto alla carica di Segretario del PD e ancor di più a quella di Presidente del Consiglio. Demagogico ed imbroglione, come il suo “padre putativo” ha cominciato proprio con la Scuola promettendo balle spaziali senza alcun senso ed affidando l’incarico di ministro ad una “barona” dell’Università dal volto sorridente (ricordati Silvia che “chi ride fotte a chi chiagne”) ma assolutamente inadeguata proprio per un cambiamento necessario che premi il merito ed escluda gli incapaci (il mestiere di insegnante è nobile e delicato e non è per tutti, ma nella Scuola c’è posto anche per attività culturali “diverse” e non è umiliante lavorare nelle Biblioteche o seguire organizzativamente i progetti. C’è chi non è tagliato per un rapporto diretto con gli studenti e va orientato diversamente; a tale scopo occorrerà lavorare anche in questa direzione e superare il “nozionismo” dei vecchi Concorsi a vantaggio delle capacità di relazione.

In serata (20.12.2014) Gramellini riportava il caso della insegnante precaria che come tredicesima ha ricevuto 1 (un) euro.
Ecco: dove è la “buona scuola” di cui si è riempita la bocca RENZI?

renzi_imbronciato_2

PICT0702