EPIFANIE – CAPRICCI DI BAMBINI – PARTE 3

95faaefc3b96e6d18ed8940b5e3114ae

CAPRICCI DI BAMBINI – PARTE 3

Giannino inarca la schiena in preda ad un’ira irrefrenabile. Cosa mai vorrà? Ha il cibo che gli piace tanto e che accoglie con gioia, ha da poco fatto il bagnetto e non dovrebbe, visto il profumo gradevole che emana ancora il talco, avere particolari fastidi collegati all’igiene intima; ha una famiglia felice che lo coccola e gli infonde serenità. Mah! L’acqua è fresca ma non fredda; il cibo è caldo ma non scotta, la mamma di solito lo prova prima di imboccarlo. E allora? Perché mai si agita in quel modo? Loretta gli ha versato dell’acqua nel bicchiere, quello di plastica con le immagini di Bambi, e subito dopo è scattata la strana protesta con urla, pianti e contorcimenti vari. Giancarlo e Loretta non sanno davvero che pesci pigliare. Lui, il babbo, fa il clown, come al solito con delle boccacce indescrivibili; lei, Loretta prova con dolcezza a consolarlo. Poi all’improvviso Giannino senza che vi sia una spiegazione logica tace, si è calmato e continua a farsi imboccare. Continua ad ingoiare cucchiaini di pappa, quella gialla intensa color cane che fugge che al solo guardarla fa vomitare e beve acqua nel biberon. Oh, Dio mio! Fa il babbo. O che vorrà adesso Giannino? Ha ripreso a frignare, urlare, piangere disperatamente, inarcando la schiena e sputacchiando tutto quello che aveva in bocca. Che vorrà mai? L’iniziativa indagatrice dei genitori riparte. Giancarlo cerca di capire adesso se Giannino ha qualche fastidio corporale annusando l’aria. No! Non è questo! Loretta agita uno dei pupazzetti preferiti facendo la voce buffa. Giancarlo, frustrato e ormai rassegnato, versa nel suo bicchiere acqua dalla bottiglia con cui aveva appena poco prima riempito il biberon di Giannino e la richiude con il tappo. Giannino come per incanto si tranquillizza. Mah! Eureka in Loretta: vuoi vedere che si tratta di una mania premonitrice? E prova a versarsi dell’acqua: toglie il tappo, se la versa in un bicchiere e poi lascia la bottiglia senza chiuderla. Giannino urla! La mamma ed il babbo che con un’occhiata di complicità hanno compreso fanno a gara a chi richiude più rapidamente possibile la bottiglia, creando un piccolo localizzato parapiglia. Ma con la bottiglia completa del suo tappo, Giannino sta lì buono buono tranquillo sereno a farsi imboccare dalla sua tenera mammina. Una mania di precisione. Tutto deve essere al suo posto, non si tollera il disordine, capito?

CAPRICCI DI BAMBINI – fine parte 3

images

VIAGGIATORI – GIUSEPPE E MARIA (una bozza di sceneggiatura) – parte 9

metastasio

GIUSEPPE E MARIA – PARTE 9

Piano Americano di Giuseppe che ascolta, mentre Maria si asciuga i capelli bagnati dalla pioggia scuotendoli. PP di Federico che continua a parlare poi C.L. su Piazza Duomo sotto la pioggia: “Ho chiesto un contributo al Comune, me l’ha anche accordato. La Segretaria dell’ Assessore mi ha fatto vedere anche che è nel Bilancio del prossimo anno e quindi prima che mi arrivino i soldi, stiamo freschi! Dovrò anticiparli comunque io. Tu, piuttosto, di dove sei, di cosa ti occupi?” P.A. di Giuseppe con Maria che si è seduta su una sporgenza all’esterno del Duomo, dove intanto i tre si riparano dalla pioggia: “Siamo napoletani, io e Maria, e siamo qui per lavoro. Siamo insegnanti. Io quasi certamente sarò qui per fine ottobre o novembre, Maria arriverà ai primi di settembre. Veniamo dal Veneto. Questa città ci piace, l’abbiamo scoperta piena di vita, ricca di cultura. E’ stata una giornata con incontri, occasioni, conoscenze. Bella città, davvero…” Particolare di una pozzanghera con la pioggia che continua a battere. Contropiano di Federico: “Io ci vivo da quando sono nato e devo dire che non mi ci trovo più bene. Mi sento sempre più solo, più emarginato, c’è sempre meno sensibilità nella gente, in modo particolare in quella che conta o che dovrebbe contare.” PP di Giuseppe: “Intanto riesci a fare qualcosa, ad esprimerti, a realizzare…Oggi ti abbiamo visto più volte….” PP di Federico: “…ma non basta. Non mi basta più. E’ impossibile parlare a gente che non ti ascolta, o per lo più finge di farlo perché non vuole ascoltarti; Prato, per me, è una città molto lontana da quella che tu stai immaginando, da turista, alla fine di questa sola unica giornata…La gente è abituata a lavorare, e questo è senza dubbio un pregio, ma non ha attenzione verso la Cultura, anche perché non la capisce, la subisce e, quando può – e può – la calpesta.” PP di Giuseppe con Maria che ora gli è vicina. Federico in PP continua: “Non voglio parlarti di ciò che amo e privilegio cioè il Cinema, ma di quella che è considerata un’istituzione in questa città: il Metastasio. La gente che lo frequenta in gran parte viene da fuori, e questo è bene, ma rimane l’amarezza di una struttura che esiste e che ai pratesi serve solo come “fumo”.” PA di Giuseppe: “Ma…i giovani come te non hanno la forza, la capacità di fare qualcosa di nuovo, di mettersi insieme, di organizzarsi?” PA di Federico: “La prima risposta che si dà a questa difficoltà anche in questo caso è quella che conta, come nei quiz. I giovani sono disillusi rispetto alle loro utopie, spesso si allontanano, emigrano come accade per i paesini dell’entroterra verso lidi nuovi più promettenti. E pensa tu che siamo a pochissimi chilometri da Firenze ed anche lì non si sta meglio…” PA di Giuseppe: “Secondo me dovreste provare qualcosa di nuovo, bisogna avere coraggio, non ci si può arrendere…quando ritornerò qui intanto spero di ritrovarti, vorrei provarci anche io, anche a me piace il Cinema. Vorrei lavorare insieme con altri come te. Il Cinema è la forma più pura e completa dell’arte. E’ essa stessa Arte: può contenere volgarità e banalità ma essere Poesia; può servire a tutti, a pochi o a nessuno. Basta intendersi. E’ così che voglio esprimermi, e non vorrei rinunciarci”

fine parte 9 – continua….

PICT0702

reloaded de LA POETICA DELLE INTERCAPEDINI “E’ di vetro quest’aria” racconti di Monica Pareschi IN OCCASIONE DEL PREMIO “RENATO FUCINI”

PareschiSturm

FESTIVAL DELLA LETTERATURA NEI CAMPI FLEGREI
“E’ di vetro quest’aria” di Monica Pareschi – LA POETICA DELLE “INTERCAPEDINI”
Dopo aver letto un libro, per poterlo comprendere,entro i miei limiti, a pieno, ho la necessità di fermarmi e di riflettere. A volte come in questo periodo nel quale leggo tantissimo, dopo aver finito una lettura ne avvio subito un’altra. A qualcuno questo metodo non piace perché, dice, gli crea confusione. Io sono fatto così: voglio apprezzare la diversità fra uno stile e l’altro, fra un autore e l’altro, fra una storia e le altre, ed è così che mi aiuto in quest’impresa.
“E’ di vetro quest’aria” di Monica Pareschi – edizioni Italic Pequod 2014 appartiene a quei libri (agili nella forma tascabile e non corposi nella stesura di poco più di un centinaio di pagine suddivise in sette racconti brevi – solo uno dei quali – “Il Progetto” – è più esteso) che già prima di finirli vorresti riprendere a leggere.
Lo stile non è di quelli semplici e piani, il livello è colto ed alto e la “rilettura” ti aiuta ad entrare meglio in sintonia con l’autrice. La prosa si avvale di un’esperienza letteraria internazionale, acquisita nel tempo attraverso la traduzione di grandi classici contemporanei (Doris Lessing, Bernard Malamud, James Ballard); la narrazione si caratterizza forse anche per questi riferimenti autoriali per essere calata in luoghi “estranei” alla nostra Cultura, mai banali, mai volgari, di certo elitari e raffinati; le ambientazioni sono gelide, nordiche, anonime, spesso “scialbe ed incolori” come le albe del protagonista de “Il progetto”. La forza della prosa di questo libro risiede nell’incisività, nell’asciuttezza, nel realismo, in una certa magistrale crudezza, una forma di cinismo e di estraneità che spesso porta ad uno sguardo freddo ed esterno rispetto alle vicende narrate. Lo scorrere della vita si realizza nei diversi racconti ed in diversi modi attraverso momenti unici difficilmente comprensibili nell’immediato (ecco perché necessitano di una rilettura). I racconti appaiono come tessere spaiate di diversi puzzle che non riescono ( e se lo faranno, dureranno fatica) a comporsi; sono infatti “tranches de vie”, attimi e sequenze, osservate e seguite con la freddezza di chi si lascia coinvolgere con parsimonia; c’è una quotidianità portata all’eccesso ed esaltata con bravura a livelli letterari sublimi (solo per riferire degli esempi si legga la parte finale di “Corpo a corpo” pag. 34; oppure quella, anche questa conclusiva del già citato “Il progetto” e l’intero coinvolgente racconto “Come in autunno sul boulevard” con le sue atmosfere che non possono essere nascoste ad un cinefilo.
Non esistono, come i più attenderebbero, dei percorsi che si concludono. Gli eventi importanti sono “prima” forse “dopo”. E’ come se si privilegiassero gli “spazi vuoti”, ciò che esiste “tra” non ciò che accade “in”. E’ la poetica delle ”intercapedini”.
Leggetelo e rileggetelo, vi farà bene!

IL CAMBIAMENTO in peggio o in meglio? CHISSA’!

CAMBIO VERSO? sì ma quello delle poesie

Perché mai – mi vado chiedendo negli ultimi tempi – ho impegnato tanti dei miei anni nella Politica? E’ un mondo in genere di un’aridità e di una volgarità incommensurabile; non dico che non vi siano tante persone colte, raffinate, belle davvero “dentro”: dico che vi prevalgono essenzialmente le mezze cartucce che non si chiedono a chi serve il loro impegno ma a chi possa interessare il loro voto ed il loro appoggio e come trarne benefici personali o, al massimo, quelli del loro più stretto entourage. In questo non vi è alcuna differenza fra Destra, Centro o Sinistra e non salvo nessuna di queste categorie, considerandole di pari livello: infimo ovviamente. Certamente, e qui per correttezza mi ripeto, vi sono tantissime persone in buona fede che hanno portato, e continuano a portare, acqua ai mulini delle loro forze politiche; persone che non solo ci credono ma che sono pronte a giurare sulla onestà dei loro riferimenti nei diversi gradi di carriera. Per le loro capacità di sopportazione o di dabbenaggine li invidio ma non sono più disponibile a confondermi con loro. Quello che è accaduto nelle recenti elezioni amministrative regionali è il frutto di uno smantellamento evidentemente voluto – forse anche accelerato dagli scandalosi e criminosi comportamenti diffusi su tutto il territorio ed in tutti i Partiti – da una occulta regia di tutto l’ordinamento del nostro Stato. Ogni anello si tiene all’interno di una logica incontrovertibile e la Storia non va mai dimenticata; gli italiani ogni tanto se lo sentono ripetere ma non sono più in grado neanche di “ricordare” perché quasi sempre la dimenticanza fa rima con ignoranza. E non è quindi immotivato il mio allontanamento volontario dalla Politica all’interno di un Partito; mi dedicherò alla lettura ed alla scrittura. In modo esclusivo, continuando però a denunciare la deriva drammatica del nostro Paese, della nostra Democrazia e degli ideali che l’avevano creata all’indomani delle Seconda Guerra Mondiale.

Giuseppe Maddaluno

VIAGGIATORI – I GIORNI 1972 – parte 18

14870954-bella-vista-di-paesaggio-marino
I GIORNI – 18

A casa mia. Telefonate anonime. Sapevo chi era. Pazienza. La voce vigliacca. Un solo interesse, purtroppo comune. Sempre, o quasi, alla stessa ora. Ogni giorno, più volte. Un amico, minacce ed offese. Un amico. Era. Non un nemico. La nemica tramava. Un’ipocrita spandeva sorrisi. Povero, colui che li raccoglieva. Povero e cieco, non ha più niente da perdere. Ormai.
Il tempo. Passerà. Tutto via come se fosse il vento. Non guardare dietro. Alzati, e cammina. Rasenta i muri. Presto verrà la luce ad illuminarti.
Il temporale avanzava. Fulmini e tuoni. Tanti. La pioggia. Tutto bagnato. Sentir di essere vivo. Incamminarsi di nuovo. E gridare “Ti amo” in faccia al mondo per quanto di esso è ancora naturale. Sperando che la gente ti creda pazzo. Gridarlo forte. Forte. Forte. Più forte. Nell’attesa del niente.
Quella sera, l’eclisse. Tutti i giornali ne parlavano. Totale, dicevano. Uno spettacolo, commento. Né io né l’altro si aveva voglia. Fingemmo di dimenticare.
Sul muretto. Il via vai. I negozi. Un’edicola. Vi entrammo. Ne uscimmo: un rotocalco e l’enigmistica. Questa, per me. uno sguardo comune alle barzellette. Risate, domande, risposte. Indovinelli strani. Incroci di parole risolte alla luce dei negozi, sul muretto. Lo sguardo diviso tra lo scritto e i passanti. Primo e secondo faro intermittente.
Inverno inoltrato. Strade piene di foglie, di sabbia. Il vento le porta con sé, le sparge dappertutto. Le case sulla sabbia. Dolore di un esilio. Arrivare di notte in una casa che non è tua. Consumare una cena, affrettata, al lume di una candela. Il vento, il suo sibilo ululato e dormire, lontano dal tuo paese. Conoscere e vivere l’”otium” latino con i tuoi volumi preferiti e pensieri che si concretizzano su fogli di fortuna. Tra il vento e la pioggia, passeggiare in un lungo viale alberato. I rami e le foglie squassati e scomposte deliziose assordanti.
Sulla spiaggia, seduto su un masso, ascoltare ed intuire le voci del mare, nell’umano silenzio, per ore. E ti sembra di vedere ogni cosa impossibile a vedersi. Fantasmi di un mondo perduto. Si alzano dal mare, dalle sterpaglie mediterranee, per giocare a rimpiattino con te.
Il vento si ferma per un attimo. Il silenzio. Qualche passo, lo senti. Ti accorgi, però, di essere solo. Come te, altra gente. Dopo il primo, tanti altri. Come te. In esilio. Riconosci un amico. Abbracci e baci. Ricordi comuni, problemi e dolori, abbracci e baci. Tristi rievocazioni. Abbracci e baci. L’animo e la voce, muti. Un nuovo mondo da scoprire, una nuova vita. lavati da ogni esperienza. Senza pregiudizi, senza pudore. Esaltazione dell’animo. Nel dolore ritrovi, come spesso accade, l’amico che avevi perduto e ti abbandona l’amico cui avevi creduto. Nuove amicizie, senza pregiudizi, senza pudore. Nuove esperienze. Serate trascorse in modo diverso. Il ritrovarsi come nell’Inferno di Dante.

I GIORNI – fine parte 18 – continua….

PICT0530

EPIFANIE – CAPRICCI DI BAMBINI – parte 2

spirit-cavallo-selvaggio_3

EPIFANIE – CAPRICCI DI BAMBINI – parte 2

Eugenio

Eugenio ha poco meno di un anno e da circa tre settimane riesce a bere da solo il latte dal bicchiere. Per cautela il suo bicchiere è di plastica con dei disegnini colorati di rosso e di blu raffiguranti dei cavalli in libertà, “Spirit cavallo selvaggio”; non parla ancora anche se da qualche tempo si sforza di esprimere fonemi che abbiano vaga corrispondenza con vere e proprie parole.
In sintesi, è un inventore!
E come tutti i bambini spesso mostra il broncio o sorride compiaciuto dinanzi al comportamento imitativo e così idiota degli adulti. E quando sorride è gioco facile per i parenti interpretare tale riflesso; non lo è per niente quando si imbroncia ed urla e piange, congestionando tutto il suo bel faccino. Le ipotesi più disparate uniscono e dividono la famiglia; ma non sempre: a volte si riesce ad azzeccare il motivo di quello che agli sprovveduti e superficiali appare tout court come un “capriccio”.
Il padre di Eugenio, Filippo, si ricordò ad un certo punto, prima di issare bandiera bianca, di uno strano vezzo della madre, di cui raccontavano tempo addietro le zie. Quando quella era bambina, la più piccola e viziata della famiglia, era solita piantar grane davanti alla sua tazza di latte, chiedendo con insistenza fino alle lacrime: “’A voglio chiena chiena”. E allora Filippo provò a riempire fino all’orlo la tazza, ottenendo il totale rasserenamento del pupo e degli animi agitati della famiglia.

G.M.

IMG_8439

NON SOLO VINCERE

NON SOLO VINCERE
Questa notte. Come spesso capita a noi mortali, questa notte ho sognato. In mattinata, credo. Proponevo ad un amico un dibattito sull’Etica in Politica. Questo sogno mi conferma l’idea che ho e che è suffragata da tanti altri sogni rispetto al fatto che è di notte che le idee mi si presentano: volevo dire “le migliori” (l’ho detto) ma avvertivo il rischio di apparire un po’ presuntuoso (che dire? Forse lo sono). Non menziono l’amico ma per lanciare qualche indizio lo identifico in un famoso antropologo. Ed un motivo sottile sottile c’è: da giorni lo cerco per proporgli altre mie idee e forse stanotte me ne è venuta un’altra.
Ne parlerò con lui o forse con qualcun altro che vorrà ascoltarmi. Ma l’analisi non può non partire da quello che negli ultimi mesi è riuscito ad avallare un rampantismo assolutamente anomalo nelle file della Sinistra, del Centro(sinistra) a dire il vero, concretizzato con l’affermazione diffusa “finalmente possiamo vincere”.
E’ sconfortante ed umiliante per tutti quelli come me che ritengono che le vittorie vanno ottenute dietro i vessilli dei fondamentali valori della Sinistra e di un riequilibrio sociale già in bilico dopo il nefasto ventennio berlusconiano ed oggi assolutamente negato a favore di una rivincita dei ceti sociali più ricchi, fra i quali indubbiamente si annidano evasori, disonesti e reazionari che invece la Sinistra dovrebbe impegnarsi a combattere. L’assioma tout court fra ricchi, delinquenti, disonesti evasori e reazionari non ha alcuna possibile conferma ma è di certo un elemento su cui riflettere visti gli entusiasmi con i quali l’avvento del nuovo leader è stato “accompagnato” e “seguito” finora.
Chiedersi allora se a decretare la bassa affluenza sia o meno uno solo degli interventi del Governo come il Jobs Act è fuorviante e fa il gioco del “Renzi” furbo. Sono perfettamente d’accordo con lui: non è il Jobs Act ad allontanare gli elettori. E’ tutto l’impianto della “presa del Potere”, mio caro. E’ la tua presunzione e quella di tanti tuoi sostenitori; quella prosopopea che, come ebbi modo di dire, sarà fra i “ricordi” di questa fase storica dei nostri tempi quando presto o tardi, speriamo molto ma molto presto, decadrà. Se si costruisce un impianto che necessariamente faccia a meno dei fumosi e faticosi “dibattiti” nelle SezioniCircoli è del tutto evidente che moltissime delle cittadine ed altrettanto dei cittadini che hanno dato la vita per la loro organizzazione avvertano un sentimento di frustrazione ed umiliazione e si affranchino essendo del resto affrancati da tali impegni. Aggiungici che i sostenitori che hanno decretato il “cambiamento” (e che cambiamento!) men che mai ritengano di doversi sobbarcare quegli oneri organizzativi e ti spieghi le ragioni del riflusso.
Ritornando all’Etica in Politica mi viene da ricordare che una parte del “rinnovamento” amministrativo ha identificato il proprio impegno con un possibile “guadagno” in termini non di prestigio ma di risorse personali. Rimango dell’idea che occorra impegnarsi per il bene della collettività e non per il proprio o per quello dei propri adepti o congiunti. E’ la mentalità che deve cambiare; lo dico insieme a tanti (ma anche se fossero “pochi” dovrebbe valere) da molto tempo: non culi ma cervelli occorrerebbe coltivare. Ed invece a cambiare sono soltanto i loro didietro che si siedono su comode ed ampie poltrone mentre i cervelli non cambiano; e quelli migliori li esportiamo!
Non basta solo “vincere”. E non diffondiamo “eresie” politiche: il Partito Democratico aveva la nobile intenzione di avvicinare i “moderati” dietro le bandiere della dignità umana e del lavoro, garantendo la massima giustizia sociale. Avvicinare i “moderati” non significa mescolarsi immediatamente e rapidamente con loro; tuttavia l’ascesa rapida al Potere ha creato i presupposti per una commistione pericolosissima per l’identità del PD di cui oggi avvertiamo gli esiti.

IMG_8439

VIAGGIATORI – GIUSEPPE E MARIA (una bozza di sceneggiatura) parte 8

La donna del tenente

VIAGGIATORI – GIUSEPPE E MARIA
(una bozza di sceneggiatura) parte 8

Piano intero con i tre (Giuseppe, e la Suora) nella grande sala del Convento. Le due donne si allontanano. Giuseppe rimane seduto in poltrona. PP di Giuseppe tranquillo osserva i particolari arredi della sala. Dissolvenza con musica in sottofondo da scegliere. Dissolvenza in apertura. Il portone si apre. Giuseppe e Maria escono. Si incamminano verso Piazza San Domenico. PP di Giuseppe: “S’è fatto tardi. Ho bisogno di riposare, anche solo un po’. Ma che voleva…” Maria lo interrompe: “…Hai ragione. Torniamo in albergo…mi faccio una doccia…poi decidiamo…” PP di Giuseppe: “Io riposerei un’oretta. Ha fatto caldo oggi…e sono stanchino. Stasera dobbiamo anche cercare un posto per mangiare qualcosa. Ho visto un ristorantino proprio sotto l’albergo, che ne dici? Allora, a settembre pensi di sistemarti dalla suora?” PP di Maria: “Non mi pare ci sia una soluzione migliore, per ora. Verrò da sola e non voglio farmi coinvolgere dal parentado.” PP di Giuseppe che annuisce ma poi curioso: “E allora che t’ha chiesto la suora?” PPP di Maria che non risponde ma che ascolta in sottofondo la voce della suora. Se ne colgono alcuni elementi: “Lei e Giuseppe per ora, da quel che mi ha detto, non avete avuto figlioli. Sento che a Prato tutto cambierà…”. E poi rivolta a Giuseppe: “Nulla, nulla di importante!”.
Ellissi. Musica con immagini della città di Prato dal tramonto alla sera. Anche la presenza umana si attenua con il passare del tempo. Poi Campo Intero su Castello dell’Imperatore. All’improvviso appare la gente. Gente che sale lungo le scale che portano all’ingresso del maniero. PP del manifesto cinematografico con “La donna del tenente francese” di Karel Reisz. PA del botteghino – c’è la fila, arrivano anche Giuseppe e Maria. Voci di ambiente a soggetto. Giuseppe e Maria entrano. Interno del castello. Breve ellissi. Nel buio della sala un brano a scelta del film. P.A. spettatori. Qualche goccio di pioggia. Giuseppe è visibilmente infastidito. Campo lungo. Spettatori si alzano e si riparano lungo le mura del Castello, continuando a visionare il film. Altra parte del film con la pioggia che aumenta il suo vigore. Una serie di lampi sul castello seguiti da fragorosi tuoni. Va via la corrente. La gente esce. Buio. Una voce: “Ci dispiace, ma abbiamo dovuto interrompere la proiezione; chi lo vorrà potrà vedere il film domani sera al nostro Cinema, al chiuso; qui c’è prevista un’altra pellicola. Basterà presentarsi con il biglietto SIAE di questa sera.”
Giuseppe e Maria coprendosi la testa procedono verso Piazzetta Buonamici. Non c’è più nessuno per strada. Poi Campo Intero su Piazza Duomo. Si sentono dei passi fuori campo. Di corsa Giuseppe e Maria arrivano sotto le tettoie esterne per ripararsi. Si abbracciano. E guardano in alto in soggettiva la pioggia che continua a venir giù in controluce dei lampioni. I due si baciano. Campo lungo dei due che si baciano. Rumore di altri passi fuori campo. C’è un’altra figura che avanza. E’ Federico. PP di Giuseppe lo riconosce come colui che ha intravisto più volte in quella giornata: “Ciao, ti ho visto questa mattina. Come vanno le riprese?” PP di Federico per niente sorpreso: “Ah sì, abbastanza bene, le ho terminate. Ci stiamo lavorando dall’inizio dell’anno. Le riprese le ho concentrate tutte in questi giorni. Adesso mi toccherà montarle e tutto il resto e non ho più quattrini: aspetterò”.

GIUSEPPE E MARIA – parte 8 continua…

IMG_8439

VIAGGIATORI – I GIORNI 1972 – parte 17

I GIORNI 17
“Oggi, 4 settembre dell’anno…è partita. Va a Nord. Forse non tornerà più. Certamente. Ci siamo visti, ma non abbiamo detto che poche cose. Va al Nord. So dove, ma non lo scrivo, perché voglio dimenticarlo”.
Allora “Dimenticami”.
Ora perché fai di tutto per non farmi dimenticare?
Guardo la fotografia. La mia faccia bambina. Come allora, oggi. Strappo. Non mi piace ricordare. Strappo. Non mi piace ricordare. Strappo. Non mi piace ricordare. Strappo. Non mi piace ricordare. Occhi che mi osservano. Sempre presenti. Un fiammifero. Una fiammata. Ho vinto. Solo nella stanza. A caccia di ombre. “Pam… Pam…” L’ho colpita. Un’ombra. Si rialza all’infinito. Se fossi pazzo, sparerei all’infinito.
Lungo la via principale, sul porto, una fila lunghissima di negozi illuminati. Tanta gente. Uscire ed entrare. Padroni e commessi, presenza adescante sulla soglia. Gente allegra, ben vestita, bambine amanti di signori cinquantenni, sorrisi innaturali, abbracci emozionati, nessuna carezza. Stavamo sul muretto. Più in là gente seduta al bar, luogo di appuntamenti. A piedi scalzi. Donne, bambine dalle lunghe vestaglie. Signore non più obese, gonne di giovanette. Dal mare, le ultime barche al rientro. Talora, qualcuno pensieroso, triste, ammusonito. Qualche altro nervoso, fumare svelto le sue ultime sigarette. Nessun saluto. Primo faro intermittente. Secondo faro intermittente. Altre barche. Ninnoli sui banchi dei negozi, camici ambigui ed istoriati, berretti strani, di ogni foggia e colore, porcellane, madreperle. Primo faro intermittente, secondo faro intermittente. Ai tavoli, clienti nell’attesa giocherellare col bicchiere. Una coppia pizzicottarsi a vicenda. Bisbigli all’orecchio, pretesto per un bacio. Primo faro intermittente, secondo faro intermittente. Madri e figlie. Corteggiatori di uguale età, allontanarsi in compagnia, allegre e spudorate. C’è chi posa la mano leggera ed eccitante in un tremito forse falso. Una ragazza parla con gli occhi negli occhi. Risposta. La mano sicura ne stringe ora un’altra. Vanno via. Primo faro intermittente. Secondo faro intermittente. Stavamo sul muretto.
Primavera. La riconosci nell’aria. Un mattino. Non avevo voglia. Andare a scuola sarebbe stato un suicidio. Anche tu non avevi voglia. Seppi. Le rive del lago, in primavera, splendide. Al mattino, silenziose. Pensavo chissà cosa. Il tuo sobbalzo. Assorta nei pensieri, prendesti un po’ di paura. Seduta sul muricciolo ad ascoltare le rane e vederle balzare. I libri, pochi come per chi già prevede di filare. Come me…. una paura! Primo incontro. Poi, tanti. Poi, più nulla.
“Sai, è meglio non vederci più. Non sento più niente per te”:
correre via, piangendo per la bugia. Ed io, mezzo stordito, ancora alla ricerca di una frase inutile. Poi, più nulla.
Le rive del lago in primavera. Sempre splendide. Sempre silenziose al mattino. Ho paura di fare brutti incontri, ora.
Nei sogni. Le mie amanti. Ora io piccolo, loro grandi. Ora loro piccole, io grande. Volare rasentando scalini. Librarsi alto. Donne sempre senza volto. Volti senza corpo di donne. Un mondo. Strano. Il suo volto che ritorna. Non il suo corpo. Un immenso piacere attenuato. Il risveglio.

I GIORNI 1972 – fine parte 17 continua…

Lago d'Averno Campania

reloaded “AL MIO PAESE – SETTE VIZI UNA SOLA ITALIA” di Melania Petriello

DSC_0056-2

Al mio Paese - copertina

“Al mio Paese – sette vizi. Una sola Italia” di Melania Petriello 2012 Edimedia collectanea pensierolento si presenta come un’operazione molto intelligente con una struttura unitaria e compatta ma nell’insieme collettiva ed artisticamente varia e composita. Partendo dall’idea di utilizzare come “metafora” universale quella dei sette vizi capitali (ma con l’aggiunta di un Ottavo di cui la Petriello scrive ne “Dal Vizio perduto al Vizio ritrovato”) che sono la Superbia, l’Avarizia , la Lussuria, l’ Invidia, La Gola, L’ Ira, L’ Accidia tutti analizzati in interventi scritti dall’autrice-coordinatrice de “Al mio Paese”. In effetti, un Ottavo vizio era fino al VI secolo d.C. la Tristezza, ma fu “archiviata per volontà di Gregorio Magno. Nel proseguire questo intervento sull’Ottavo, la Petriello lo evidenzia come l’Impunità e, di certo, si riferisce alla realtà politica del nostro Paese. Dicevamo prima che si tratta di un’operazione collettiva ed artisticamente varia e composita. Perché? L’autrice non è sola; si è avvalsa di un gruppo forte di giornalisti ed artisti di vario genere. Intanto vi è un’introduzione che presenta l’idea, il progetto ed i diversi protagonisti che lo incarneranno, scritta con piglio deciso e battagliero facendo forza sul ruolo e la funzione della Cultura. Subito dopo viene data la parola ad uno dei giornalisti più impegnati degli ultimi decenni, Franco Di Mare che nel Prologo prova a scardinare, utilizzando i più validi esempi, la demonizzazione “tout court” dei vizi a scapito delle “virtù”.
L’Ira viene presa in carico da Vanni Truppi in “Mezzo/giorno” che ci racconta di un incontro con un anziano signore che poi si scoprirà essere uno dei maggiori meridionalisti – Nicola Zitara – durante un viaggio allucinante sui treni che dal Sud portano al Nord; e da Gianmaria Roberti in “In/Capaci” dove si analizza il “pozzo nero” colpevolmente inesplorato delle stragi mafiose (ad iniziare da quella di Capaci).
L’Invidia è affidata a Carlo Tarallo con “Monnalisa, Monnamia”; l’Avarizia verrà trattata da Luca Maurelli in “Capo di Gabinetto”; la Superbia da Giuseppe Crimaldi in “Alfa et Omega” che si lancia in un Giudizio Universale contrappuntato dal “Dies Irae”; il tema dell’Accidia è in “La camicia ripiegata” di Fausta Speranza che tratta dei ritardi della Chiesa su temi come quelli della “pedofilia”. La Gola è descritto da Tiziana Di Simone in “Consiglio Europeo, 15 dicembre” dove tratta con ironia amara il ruolo del Menu negli incontri “europei”. La Lussuria è materia analizzata da Luciano Ghelfi in “A letto con l’Italia” che sceglie di impersonare un personaggio molto importante per la Storia italiana, la contessa di Castiglione. Anche Carlo Puca tratta con modalità originalissime il vizio della Lussuria in “Re/pubbliche”.
La Petriello intervalla con suoi interventi quelli degli amici e colleghi che hanno accettato di partecipare a questa impresa. Perché mai manca l’Avarizia? E come mai non si è voluto aggiungere uno dei peggiori difetti che hanno condizionato la vita e l’esistenza dell’umanità ma, per senso di colpa (forse), non si vuole ammettere nel novero dei vizi capitali? Dove è l’IPOCRISIA?
Dicevamo composita questa operazione ed è infatti corredata da un malinconico ma vibrante epilogo scritto da Fabrizio Dal Passo a difesa della nostra Italia, di cui si sente, come tutti noi, figlio, fino a commuoversi. Ma non finisce qui. C’è anche una rielaborazione drammaturgica realizzata dalla Sezione Scuola del Teatro Eliseo ed uno short film – “Al mio Paese” scritto e diretto da Valerio Veloso che vi propongo in apertura.

Cosa dirvi di più. Leggetelo!