PASSIONE VIGOTRUFFAUT – pillole DITA PARLO

Dita Parlo

DITA PARLO

Passione VigoTruffaut – Pillole
La Juliette de “L’Atalante” di Jean Vigo “era un prodotto dell’ultimo periodo del cinema muto in Germania. In particolare aveva avuto un grosso successo nel 1928, in un film di Joe May, Heimkehr (Il canto del prigioniero), dove aveva come partner Lars Hanson e Gustav Frolich. In Francia, fino ad allora, aveva avuto scarse occasioni….” (da P.E. Sales Gomes “JEAN VIGO Vita e opere del grande regista anarchico – Universale Economica Feltrinelli 1979 pag.157). Dita Parlo va ricordata soprattutto per l’interpretazione della Juliette di Vigo e dell’Elsa, protagonista femminile de “La grande illusione” di Jean Renoir. Juliette è una ragazza che non accetta i limiti di una vita matrimoniale in un ambiente così costrittivo come quello di una chiatta che naviga in su ed in giù per i canali francesi e si lascia affascinare dall’esterno (la Ville Lumiere, lo straripante suonatore ambulante) in una sorta di messa alla prova del suo “amore” per Jean. Indimenticabile questa interpretazione che da sola ha contrassegnato la carriera artistica di DITA PARLO.

reloaded VOCI FUORI DAL CORO

Ripropongo questo articolo

Libertà e Giustizia

VOCI FUORI DAL CORO
Da qualche mese non riesco a condividere più la linea ufficiale del Partito Democratico, che ho contribuito “in primo (non primissimo, ma comunque primo) piano” a far nascere, concependone la necessità già molto prima che altri la prendessero in considerazione. Orgoglioso e presuntuoso, sì; sono tale e sfido coloro che ne avvertissero per strumentalità la necessità di muovere questi addebiti come accuse ed elementi negativi a farsi avanti. Nondimeno, pur non condividendo tale linea, non rinuncio ad una battaglia “legale”, ma senza impegnare terze persone, perché venga riconosciuto il diritto a coloro che “fecero il PD” di sostenere le loro posizioni liberamente senza rinunciare all’appartenenza. Avverto che ciò, anche se nell’indifferenza “offensiva” di ipocriti gruppi dirigenti, in una situazione che spinge la leadership a limitare la libertà di espressione di alcuni parlamentari (il caso Mineo è evidenza logica e razionale = se non fai quel che ti si chiede sei fuori), non è affatto facile; ma questo aspetto non mi spaventa. Piuttosto, soccorso dalla Storia, quella più e quella meno recente mi avvio a delle riflessioni che, come intravedo da alcune letture recenti, non sono vaghe peregrine e meramente personali. Abbiamo sentito il leader del PD tuonare contro i disfattisti e farsi forte di una volontà popolare che è trasversale ed a-politica semplicemente riferendosi senza menzionarli a sondaggi che tendono ad accontentare il popolo indistinto ed inferocito a causa dei demeriti di una classe politica non estranea né a Renzi né a tantissimi di quelli che si dichiarano suoi sostenitori. Quel popolo a cui si intende dare ascolto è lo stesso popolo che dovrebbe ribellarsi (in effetti lo farebbe pure se non avesse perduto la fiducia nell’essere ascoltato nelle richieste sacrosante di far ripartire l’economia e far riavviare il mercato del lavoro) ma non lo fa perché non sa più nemmeno organizzarsi e non riesce più – anche per un deficit di cultura – a rappresentare le sue istanze se non in maniera individuale come elemento di sondaggio. Questo sfilacciamento consente ad una classe di potere furba ed avida che si picca di rappresentare il “rinnovamento” nelle forme e nella sostanza (ma né quelle – homines novi e giovani vecchi nei metodi – né questa – la furia selvaggia in un accelerato iter di “riforme” che mortificano la nostra Storia repubblicana – affermano o preludono ad un cambiamento davvero rivoluzionario) di appropriarsi (o riappropriarsi) delle leve del comando senza averne il “merito” ma semplicemente con un’azione scorretta di pirateria politica (le Primarie dello scorso anno). E così, andando avanti, continuando ad umiliare l’intelligenza e la cultura si rende sempre meno importante la partecipazione dal basso e si “valorizzano” (!) i piani intermedi e quelli alti del Potere. A casa mia tutto questo – sia chiaro – ha ben poco a che vedere con la Democrazia.
Parlavo di “disfattismo” e sono andato a rileggere un intervento di Adriano Prosperi su “Repubblica” del 15 giugno 2009. Il prof. Prosperi parlava di Mussolini e Berlusconi ma le sue riflessioni appaiono quanto mai attuali. L’articolo ha per titolo “Il fantasma necessario del disfattismo” e vi si legge:
“Il filo dell’ attacco al disfattismo non si interruppe qui. Fu il leit motiv della propaganda del regime. Se rievochiamo queste vecchie cose non è per tornare sulla questione generale se quello che si presentò anni fa come il «nuovo che avanza» sia in realtà qualcosa di molto vecchio, se il berlusconismo sia classificabile come fascismo. Quello che si presenta è una nuova declinazione di qualcosa che appartiene alle viscere profonde della storia italiana, alle magagne della nostra società, alle questioni non risolte nel rapporto tra gli italiani e il passato del paese. E’ il linguaggio del leader a svelare che il regime che giorno dopo giorno avanza nel nostro paese tende a riproporre qualcosa che l’ Italia ha già conosciuto. Il disfattismo fu per il regime fascista un fantasma necessario, continuamente evocato, il responsabile a cui imputare le difficoltà e gli insuccessi.”

Anche Libertà e Giustizia nell’aprile scorso ha elaborato una riflessione cruda ma drammatica del “cul de sac” in cui si è andato ad infilare la Sinistra con la sua incapacità di esprimere una via d’uscita negli anni passati. Ci si è felicemente crogiolati nei solipsismi intellettuali senza comprendere che si attraversava un periodo di “guerra-nonguerra” nel quale bisognava fare fronte comune senza storcere la bocca ma anche senza doversi necessariamente turare il naso.

E Salvatore Settis sempre nell’aprile di quest’anno elabora una riflessione sui rischi che con il Governo Renzi ad essere “rottamata” sia la nostra “Democrazia”:

“… occorre fermare la «svolta autoritaria» del governo, perché il progetto di riforma costituzionale tanto voluto dal premier è «affrettato, disordinato e assolutamente eccessivo». Tanto per cominciare, «non si può accettare che a incidere così profondamente sulla Carta sia un Parlamento di nominati e non di eletti, con un presidente del Consiglio nominato e non eletto»….Il guaio è che il male viene da lontano: si tratta di «decisioni prese in stanze segrete», che «non ci sono mai state spiegate», perché sono i diktat del neoliberismo che vorrebbe sbaraccare lo Stato democratico, visto come ostacolo al grande business…”
Continua il prof. Settis: “ Solo che finché si adeguano Berlusconi e Monti mi stupisco ben poco. Ma che ceda il Pd, che dovrebbe rappresentare la sinistra italiana, è incredibile. E porterà a un’ulteriore degrado del partito, e dunque a una nuova emorragia di votanti».

Secondo Settis, «La sinistra sta proprio perdendo la sua anima: si sta consegnando a un neoliberismo sfrenato, presentato come se fosse l’unica teoria economica possibile, l’unica interpretazione possibile del mondo».
Renzi cavallo di Troia di questo neoliberismo che ha colonizzato la sinistra? «Certamente l’unico elemento chiaro del suo stile di governo è la fretta».Dice Settis. «Dovrebbe prima spiegarci qual è il suo traguardo e poi come vuole arrivarci. Non basta solo la parola “riforma”, che può contenere tutto. Anche abolire la democrazia sarebbe una riforma». “Quello che cerca Renzi” continua Settis, «è l’effetto annuncio, il titolone sui giornali: “Renzi rottama il Senato”. Lui punta a una democrazia spot, a una democrazia degli slogan. Se il premier sostiene che la Camera alta non è più elettiva, ma doppiamente nominata, allora significa che ha veramente perso il senso di che cosa voglia dire “democrazia”». Un nuovo Senato composto da sindaci e presidenti di Regione? «Mi pare una concessione volgare agli slogan leghisti secondo i quali il Senato dev’essere la Camera delle autonomie, cioè l’anticamera dei secessionismi. È inutile festeggiare i 150 anni dell’Unità d’Italia se poi i nostri figli rischiano di non celebrare il 200esimo compleanno».

Ecco perché, sentendomi purtroppo in buona compagnia, c’è da preoccuparsi e non si può far finta di niente.

MCM20027

Settis Salvatore

PASSIONE VIGOTRUFFAUT – Pillole – Emile Cohl

PASSIONE VIGOTRUFFAUT – Pillole
In una delle scene di “Zero de conduite” in cui Huguet (Jean Dasté) intrattiene, facendo il funambolo, i ragazzi in classe Jean Vigo utilizza un disegno animato riprendendo lo stile di Emile Cohl. Siamo in un periodo di grande sviluppo dell’arte cinematografica, ma l’animazione è ancora in una fase sperimentale. Cohl realizza la sua prima opera nel 1908 (ha 51 anni), Fantasmagorie, che ha come protagonista un piccolo clown. È il primo lavoro del genere nella storia dell’animazione, 700 disegni per appena due minuti di proiezione al Théâtre du Gymnase.

CORSO DI STORIA E DIDATTICA DELLA SHOAH – Università Europea di Roma – prof.ssa Valentina Colombo

museo_ebraico_di_roma_b

Ho conosciuto la prof.ssa Valentina Colombo a Prato nel 2010 allorché la contattai per la presentazione di uno dei suoi libri di cui mi aveva parlato uno dei partecipanti a “Poesia Sostantivo Femminile”. L’invito ebbe una risposta sollecita ed entusiasta e nell’arco di pochi minuti alla mia determinazione fu corrisposta altrettanta volontà. Il 29 aprile del 2010 alla “Libreria Marzocco in via Valentini (ora è chiusa) presentai “Non ho peccato abbastanza – Antologia di poetesse arabe contemporanee”. Da allora il contatto è stato costante attraverso mail. Ieri mi è arrivata una nuova mail con il testo qui sotto interamente riprodotto. Le ho chiesto per mail se acconsentiva ad inserirlo nel mio Blog. La risposta positiva è stata sollecita. Grazie.

Valentina Colombo è docente di Geopolitica del mondo islamico presso l’Università europea di Roma.

Corso di Storia e Didattica della Shoah – Università Europea di Roma, 16 ottobre dalle 15 alle 19. Il giorno 17 ottobre è prevista la visita al Museo Ebraico di Roma
La “Rete Universitaria per il Giorno della Memoria” – costituita nel marzo 2011 e presentata ufficialmente il 24 gennaio 2012 alla Camera dei Deputati – si propone di diffondere, attraverso iniziative legate alla conoscenza della Shoah, i valori alla base del rifiuto di ogni forma di razzismo e antisemitismo, per un sentimento di cittadinanza condivisa e lo sviluppo di una cultura della convivenza, del pluralismo e della tutela dei diritti umani e civili.In tale ambito ha inteso promuovere, in numerosi atenei italiani, un corso di “Storia e Didattica della Shoah”, rivolto principalmente ad insegnanti delle scuole secondarie di primo e secondo grado indicando quale periodo, a memoria dei giorni tristemente noti del rastrellamento nazista e della deportazione degli Ebrei di Roma del 1943, del 17, 18 e 19 ottobre.
In Italia la memoria della Shoah rappresenta ormai un valore acquisito. Dall’anno 2000 questo valore è divulgato e protetto anche da una legge, la n. 211 del 2000, che fra l’altro istituisce il 27 gennaio Giorno della Memoria, in ricordo della Shoah e, insieme, di ogni persona caduta o discriminata per motivi etnici, sessuali o religiosi. Ben oltre l’obbligo di ricordare il passato, il senso profondo del Giorno della Memoria coincide con valori fondamentali di pacificazione civile, come la responsabilità individuale, la libertà democratica e la lotta al razzismo.
Come posso trasmettere la Shoah alle generazioni del futuro?E come posso farlo in modo equilibrato, nel rispetto cioè della sostanza storica ma al tempo stesso tenendo a distanza la retorica e la facile demagogia?Infine: quali fra le molte iniziative possibili offrono i migliori benefici sul piano didattico e formativo?
Per rispondere a queste domande l’Università Europea di Roma organizza il primo corso di storia e didattica della Shoah. La responsabilità scientifica è a cura della prof.ssa Valentina Colombo. Il corso è gratuito ed è rivolto prevalentemente a docenti della scuola secondaria. Il corso corrisponde due CF.
Il Corso dell’Università Europea è uno dei dodici organizzati negli stessi giorni dalla Rete Universitaria per il Giorno della Memoria in altrettanti atenei del Paese, con il patrocinio del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, dell’Ambasciata d’Israele in Italia e dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane.

Per iscriversi al Corso inviare una mail alla Prof.ssa Colombo v.colombo@hotmail.it

La professoressa Colombo conferma la sua tempestività e nell’arco di pochi minuti mentre è ancora buio mi invi una precisazione. Grazie.

Carissimo Giuseppe, ti ringrazio. Specifico che cadendo il corso durante festività solenni ebraiche non avrà il patrocinio dell’UCEI e non vedrà la visita al Museo ebraico che verrà rinviata alle prossime settimane.

valentina-colombo

FESTIVAL DELLA LETTERATURA NEI CAMPI FLEGREI – risultati finali

Alla Dragonara Schiavone e Castiglia

Bacoli nei pressi della Dragonara

Le Assessore

QUESTI I DATI DEFINITIVI IN MIO POSSESSO GIA’ DA QUALCHE GIORNO, MA CHE NON AVEVO ANCORA PUBBLICATO –

Oltre 400 partecipanti in 3 giorni, più di 10 tra siti archeologici o di interesse architettonico e paesaggistico, oltre 40 tra autori, scrittori, intellettuali e critici letterari, più di 30 reading e letture teatralizzate, 4 spettacoli-concerti e performances, circa 10 tra librerie ed editori coinvolti, 9 partner culturali, 8 tra bar, ristoranti e strutture alberghiere del territorio flegreo: tutto questo – e molto altro – è stato “LIBRI DI MARE LIBRI DI TERRA 2014″, la settima edizione del Festival di Letteratura itinerante dei Campi Flegrei, organizzato dall’Associazione IL DIARIO DEL VIAGGIATORE e promosso dai Comuni di Pozzuoli, Bacoli e Monte di Procida.

Nel corso della giornata conclusiva di domenica 28 settembre, il festival ha accolto la cerimonia di consegna del Premio Michele Sovente [III edizione], dedicato al poeta, intellettuale e scrittore flegreo, considerato tra i maggiori poeti campani contemporanei neodialettali, scomparso nel marzo 2011.

Il Premio – in quattro diverse categorie (Poesia, Narrativa, Giornalismo, Illustrazione) – è stato assegnato, per questa edizione, a:

NARRATIVA
1) “ABBIAMO QUASI FINITO, MANCA SOLO IL SALONE” della pratese CRISTINA GIUNTINI

2) “ANONIMA” del romano ARISTIDE BELLOCICCO

3) “EL MUSS” del pescarese MARCO DE LUCA RADOCCHIA

ARTICOLI / GIORNALISMO:

1) ‘IL GIOIELLO DEL RIONE TERRA’ della napoletana LUISA DE CRISTOFANO (pubblicato su “L’Espresso Napoletano” nel giugno 2012)

2) ‘DIRITTI SINDACALI DI DUE SECOLI FA’ del tarantino ARTURO TUZZI

3) ‘DISCORSO INTORNO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE, COME COMPORTARSI’ della padovana CAMILLA BOTTINI

POESIA
1) “Linea di poesia delle tue fragole” del napoletano Raffaele Piazza

2) “Essere d’ombra” del novarese Aldo Ferraris di Novara

3) “Giunchi” della campana Giovanna Silvestri

GRAFICA – ILLUSTRAZIONI

1) RITA MASI (Pistoia)

2) ROBERTA ORIANO (Pozzuoli | NA)

3) ANTONIO MOIO (Napoli)

“Abbiamo voluto riportare gli scrittori nei Campi Flegrei per dar corpo e voce ai loro libri, far sentire la fatica e il respiro, l’immaginazione e la creatività – spiega la professoressa Angela Schiavone, presidentessa dell’associazione Il Diario del Viaggiatore e ideatrice della kermesse – e il nostro desiderio è stato quello di far attraversare questa terra, che ha tante ferite e tante rughe, da chi fa dell’arte un prolungamento necessario del mondo”.

Angela Schiavone10665874_818180144892833_9202435751044252885_n

PASSIONE VIGOTRUFFAUT – pillole

Les Mistons  e Bernadette

PASSIONE VIGOTRUFFAUT 21 OTTOBRE ORE 18.00 A POZZUOLI PRESSO LUX IN FABULA RAMPE CAPPUCCINI 5
ED A PRATO 30 OTTOBRE ORE 15.00 PRESSO LICEO CLASSICO CICOGNINI VIA BALDANZI

“E’ sempre con emozione che ritrovo Bernadette Lafont, il suo nome o il suo viso, il suo profilo stampato su una rivista o il suo corpo flessuoso in un film, perché, anche se sono più vecchio di lei, abbiamo debuttato lo stesso giorno dell’estate 1957, lei davanti alla macchina da presa, io dietro. Il titolo del film scritto sul ciak era L’età difficile. Il cinema teneva Bernadette Lafont e non l’avrebbe più lasciata. Venti, trenta volte l’ho rivista sullo schermo, artista piena di fantasia e rigorosa allo stesso tempo, mai demagogica, candela dritta mai vacillante, sempre vigorosa, mai spenta. Quando penso a Bernadette Lafont artista francese, vedo un simbolo in movimento, il simbolo della vitalità, dunque della vita.”
Così scriveva Francois Truffaut per lo Studio 43, in occasione di una retrospettiva dei film di Bernadette Lafont nel 1984.

Bernadette Lafont è l’interprete della protagonista omonima del primo vero film di Truffaut (L’età difficile è il titolo provvisorio de “Les Mistons”) Con Truffaut ritornerà ad interpretare la parte della protagonista nel 1972 in “Une belle fille comme moi” che da noi si chiamerà “Mica scema la ragazza”.

Truffaut

EPIFANIE 5

Stagione

Altro viaggio, altra storia, qualche tempo fa. Ero di ritorno da una delle frequenti visite a mia madre che, ormai vedova, era accudita da una badante ucraina. Si chiamava Maria ed era una donna straordinaria della quale ho perduto i contatti ma che è rimasta nella mia memoria per la sua correttezza che mi rendeva tranquillo durante le mie comunque lunghe assenze. La mia irrequietudine emotiva mi aveva spinto ad una ricerca di momenti “diversi”, alternativi alla vita monotona coniugale ed avevo intercettato una signora che aveva più o meno le medesime esigenze. Fu proprio durante il viaggio di ritorno che ritrovai il suo messaggio sulla chat: “Mi chiamo Daniela e vorrei conoscerti”. Seguiva il suo numero di cellulare. La chiamai e, dalla voce, sospettai, essendo anche lei di Prato, fosse persona a me già nota: la identificai per una donna che aveva frequentato insieme a me le stanze del PCI poi PDS, ma la curiosità non è solo “donna” e fissai, proprio nel corso del viaggio, quando dove e come vedersi. A pochi chilometri da Prato c’è un paese che si chiama Calenzano; in questo don Lorenzo Milani agli inizi della sua carriera svolse funzioni di vice-parroco alla Pieve di San Donato la cui struttura ed il Campanile si vedono distintamente dalla linea ferroviaria e dall’Autostrada Firenze-Bologna. E, per quel che riguarda don Milani da qui cominciò la sua “rivoluzione”. L’appuntamento con Daniela avvenne all’Ufficio Postale di Calenzano; arrivò in Vespa. No, non era la persona che avevo sospettato, aveva un aspetto gradevole: piccolina, ben messa dal punto di vista del fisico, forse un po’ tonda ma non mi è mai importato questo aspetto. Non perdiamo tempo dopo il riconoscimento reciproco; non ce n’è molto: entrambi dobbiamo essere a casa fra un paio d’ore ed abbiamo bisogno di conoscerci meglio, di sapere. La invito in auto e ci spostiamo verso Calenzano alto, non nella zona della Rocca ma in quella proprio di San Donato. Il luogo ha una sua grande forza simbolica legata al fascino della vicenda terrena di don Milani ed è abbastanza tranquillo ed isolato per fare due chiacchiere in grande libertà. Solite motivazioni ci spingono ad avviare una relazione; niente bugie, niente promesse di costruire pezzi di vita definitivamente alternative: solo l’esigenza di rilassarsi respirando atmosfere nuove o recuperare emozioni antiche. Entrambi sappiamo quel che facciamo e conosciamo il suo valore. In questo caso sento parlare di violenze domestiche, di rapporti difficili con un uomo rozzo e umorale, che forse addirittura conosco. Ed è questo uno dei motivi per cui con Daniela, colta e sensibile, il rapporto non è nemmeno iniziato; in quel periodo i miei impegni mi portavano fuori e non avevo molto tempo per coordinare tre vite parallele, faticando a tenerne in piedi anche solo una. Mi occupavo di Politica, di Cinema e di Poesia e proprio in relazione a quest’ultima andavo curando la redazione di un libro che raccoglieva poesie di donne e per donne, dal titolo “Poesia sostantivo femminile”. Incontravo donne, molte; in verità anche uomini. Ma spero non vi sembrerà strano: ero costantemente attratto dalle prime. Dai loro occhi, dai loro sorrisi, dai loro silenzi e dai testi che mi consegnavano; mi intrattenevo a parlarne, mi confrontavo con loro osservandole al di là delle comuni e banali apparenze. Erano mondi inesplorati che emergevano e mi affascinavano. Non volevo trascurarli.

la-primavera-e-arrivata-primavera

LIBERA AGGREGAZIONE DEMOCRATICA PRATO SAN PAOLO MACROLOTTO ZERO

prato

Facendo seguito a quanto annunciato oggi pomeriggio su invito e sollecitazione di un Gruppo di cittadine e cittadini che avevano fin qui guardato con grande attenzione al Partito Democratico operando al suo interno con passione ed entusiasmo critico scrivo quel che segue:

Proponiamo, di fronte al protrarsi della crisi politica del PD, gestito da gruppi dirigenti che non corrispondono alla base (i dati del tesseramento evidenziano questo profondo malessere/dissenso), di costituire presso il Circolo ARCI di via Cilea in Prato la LIBERA AGGREGAZIONE DEMOCRATICA PRATO SAN PAOLO MACROLOTTO ZERO* che, a partire dalle proposizioni programmatiche esposte nell’ATTO FONDATIVO DEL CIRCOLO PD Sezione Nuova San Paolo, si occupi delle problematiche del territorio coinvolgendo tutte le forze politiche che intendono interloquire con proposte concrete alla creazione di un senso più ampio di appartenenza territoriale e di uno sviluppo analitico metodologico e progettuale utile alla città intera.

La proposta verrà presa in considerazione e discussa in una delle prossime riunioni.

*l’Atto fondativo del Circolo PD Sezione Nuova San Paolo Prato via Cilea è disponibile per chi lo chiedesse

Tramonto sul mare

PASSIONE VIGOTRUFFAUT – pillole

Dastè e Charlot

Dastè e l'atalante

Jean Dasté è l’attore che interpreta il personaggio di Huguet, l’istitutore buono e comprensivo del collegio di “Zero de conduite” di Jean Vigo, quello in grado di condividere e lenire le sofferenze dei ragazzi sottoposti ad un vero e proprio regime oppressivo e repressivo: copre spesso i ragazzi nelle loro fanciullesche espressioni ed è compartecipe del loro disagio e delle loro ribellioni. Vigo ce lo rappresenta come puro intrattenitore quando Huguet nel cortile imita Charlot e quando agevola la fuga dei ribelli nel “finale”.
Jean Dastè è anche il protagonista de “L’Atalante” l’ultimo film di Jean Vigo, Jean, un giovane proprietario di una chiatta costretto a vivere le problematiche del matrimonio e del suo lavoro in un ambiente molto ristretto: ne farà prima le spese la dolce Juliette che mal sopporta la compresenza di Pére Jules (uno straordinario Michel Simon) e poi sarà lo stesso Jean a subire la sofferenza dell’abbandono in un susseguirsi di straordinari momenti lirici ineguagliati nella Storia del Cinema. Basti pensare all’uso da me non condiviso di una delle scene maggiormente significative di questo film come “sigla d’apertura” di “Fuori Orario” di Rai 3.

vIGO 1