IL DOMINO LETTERARIO – venerdì 10 aprile ore 21.00 – secondo incontro RICCARDO CAMMELLI ed il suo “TRA I PANNI DI ROSSO TINTI” Attucci editore – Lo presentano – al Circolo ARCI di via Cilea a San Paolo di Prato – Giuseppe Maddaluno e Manuele Marigolli

Cammelli

 

tra-i-panni-di-rosso-tinti-469x480

 

 

IL DOMINO LETTERARIO – secondo incontro

RICCARDO CAMMELLI ed il suo “TRA I PANNI DI ROSSO TINTI” Attucci editore

lo presentano –  al Circolo ARCI di via Cilea a San Paolo di Prato   –  Giuseppe Maddaluno e Manuele Marigolli

 

 

“Tra i panni di rosso tinti – Appunti di storia pratese 1970-1992″ di Riccardo Cammelli è un libro complesso utilissimo a tuttei coloro che d’ora in poi vorranno trattare parti della Storia locale di questo importante territorio industriale  del nostro Paese, cioè il Distretto pratese. Ho già scritto che è ricco di riferimenti bibliografici e questo permette al lettore di verificare ed eventualmente dissentire liberamente sulle argomentazioni proposte; ma il libro è anche scritto con grande cura dal punto di vista della narrazione e dello stile, rendendolo piacevole ed appassionante al di là di quanto potrebbe apparire nella riportata sequenza di eventi e di riferimenti a materiali d’archivio e di stampa. Questa piacevolezza è rilevata anche nell’introduzione curata da Fabio Bracci “Riccardo Cammelli scrive bene. Molte delle pagine del libro sono attraversate da immagini e metafore che contengono una tensione poetica…e letteraria” e poi lo stesso Bracci continua con una “sua” personale  “metafora” molto interessante e convincente allorché ci rappresenta Riccardo come “cuoco” capace “di mettere a tavola un numero imprecisato ma abbastanza impressionante di persone con la sua pentola da 48 centimetri di diametro e con i suoi (rigorosamente suoi) attrezzi del mestiere. E’ nella sua natura combinare gli ingredienti, gestire i tempi di cottura, avere la pazienza necessaria, tenere sotto controllo più fornelli o piste di lavoro”.

Chi avesse fretta, proprio tanta fretta potrebbe – per verificare quel che scrive Bracci quanto alla “tensione poetica…e letteraria” – andare rapidamente alle ultime due pagine del libro contrassegnate da un titolo estremamente significativo “Epilogo, cioè prologo” proprio per evidenziare il punto di arrivo come nuovo punto di partenza. E qui scoprirebbe quella capacità, quella tensione, intensificata nella “sintesi” di cui è capace Riccardo.

Nei prossimi post da qui al 10 aprile scriveremo degli altri capitoli.