376x248xImmagine-Articolo_407.jpg.pagespeed.ic.i7NSz7S-Yz

Cari “cosi” del Movimento 5 Stelle vi rinfresco la memoria

download

Cari “cosi” del Movimento 5 Stelle vi rinfresco la memoria

Cari “cosi” (supporters, sostenitori, militanti, eccetera eccetera…) “pentastellati” (bello questo attributo a patto che tra qualche giorno, mese o anno non abbia valenza dispregiativa: penso ai supporters, sostenitori eccetera eccetera di quello che fu il “Movimento dell’Uomo Qualunque” di Guglielmo Giannini che ha dato la vita al “qualunquismo”) come tante e tanti altre/i italiane/i avete una debolezza nella memoria, anche se non tutte/i siete affette/i da Alzheimer. I vostri leaders e molte/i tra voi non hanno mai avuto la giusta attenzione a non trascendere in offese che potrebbero davvero essere soggette a sanzioni penali. Lo hanno fatto in diretta nei comizi pubblici o nelle aule parlamentari, attraverso I vari blog e i vari social; e continuano tuttora ad utilizzare turpiloqui irripetibili per una persona per bene.
Il recente attacco ai giornalisti è l’evidente grossolana conferma che ci si trova di fronte ad una classe dirigente rozza, volgare e presuntuosa che utilizza due pesi e due misure ben diverse a seconda delle collocazioni. Ad una classe dirigente che a tutta evidenza non sopporta di dover riconoscere la profonda differenza tra opposizione e Governo, tra quando ci si prepara a governare e quando vi tocca governare. Così è…se vi pare. Ora in effetti toccherebbe a quelli come noi (PD e Sinistra) che siamo all’Opposizione fare quello che avete fatto quando c’eravate voi in quel ruolo. Invece la vostra “coerenza” – che non è sempre una virtù, soprattutto quando la qualità delle donne e degli uomini che la incarnano o pretendono di doverlo fare è infima – vi sollecita a proseguire nel turpiloquio e nell’attacco agli organismi dell’informazione che fanno più o meno il loro mestiere (anche tra i giornalisti come tra i politici e non solo ci sono i farabutti e quelli che si trincerano dietro la “libertà di stampa e di opinione”).
Qui di seguito inserisco qualche link e qualche “perla” alla rinfusa giusto per un piccolo assaggio dell’ampio florilegio (!) a disposizione che non finisce di colpire la nostra attenzione.

www.lecodelsud.it/vocabolario-5-stelle-unantologia-insulti-sempre-piu-ricca-ad-sconfitta

https://www.huffingtonpost.it/michele-anzaldi/accordo-con-m5s-ecco-la-lista-degli-insulti-che-abbiamo-ricevuto_a_23380232/

A dire il vero sono stato sollecitato a scrivere dalla faccia tosta di una consigliera del movimento 5 Stelle di Prato che per vantare le magnifiche sorti e progressive del suo Movimento ha postato una frase epica formulata tempo addietro da uno dei massimi Dirigenti che per ora si gode la sua “vacanza” pagata (da noi) all’estero, quel DiBa farneticante che ha accusato i giornalisti di essere delle “puttane” (chi le nomina evidentemente le conosce meglio di altri), semplicemente per aver utilizzato la libertà di opinione della quale in defintiva lui stesso si vanta, allorquando afferma di avere scelto di starsene in disparate per “essere totalmente libero di scrivere e dire ciò che penso”.

Il dotto testo riportato è il seguente:
“Quando decisi di non fare il ministro lo feci per una sola ragione: per essere totalmente libero di scrivere e dire ciò che penso. Questo è un privilegio incredibile, altro che auto blu e assegni di fine mandato. E quando inizi ad assuefarti alla libertà ne vuoi sempre di più, anche se sai che dire ciò che pensi ti farà tanti nemici e a volte ti farà venire il sangue amaro. Ma, allo stesso tempo, ti fa guardare allo specchio”

A questa dotta ed epica affermazione ho detto che si trattava di “Un’altra evidente “contraddizione” del “nuovo che avanza” (nel senso che, per ora “va avanti” ma…poi ci si augura sia residuale, che è l’altro significato del verbo “avanzare”). In fondo è quello che pensano e scrivono gli altri giornalisti…No?” e la consapevolezza che la persona con cui interloquivo sul social era affetta da “analfabetismo funzionale” dovuto all’obnubilamento delle facoltà intellettive, con l’attenuante del riconoscimento pur parziale di tale difetto con la risposta “sinceramente non ho capito una mazza a partire dalla “evidente contraddizione” . Sarebbe ottima cosa che queste signore e questi signori (i “cosi” di cui sopra) avessero studiato meglio la Costituzione e, dopo, la rispettassero punto per punto.

Joshua Madalon

Five Stars movement's leader Beppe Grillo attends a press conference on December 18, 2014 in Rome.  AFP PHOTO / ANDREAS SOLARO        (Photo credit should read ANDREAS SOLARO,ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)
Five Stars movement’s leader Beppe Grillo attends a press conference on December 18, 2014 in Rome. AFP PHOTO / ANDREAS SOLARO (Photo credit should read ANDREAS SOLARO,ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>