Senza titolo – senza testa né coda (e senza immagini)

Senza titolo – senza testa né coda ( e senza immagini )

Ha pienamente ragione, quel giovane sempre rampante alla ricerca del suo “posto al sole”, ad inalberarsi dopo i suggerimenti “critici” che ho proposto ieri intorno alle ambiguità ed alle mistificazioni che caratterizzano l’ipocrisia della solita Politica d’accatto tendente ad accaparrarsi crediti inesistenti. Racconta di suoi impegni – e del gruppo più strettamente collegato a lui – nel campo del sociale ed altro dai quali è tuttavia realisticamente difficile ricavare effetti costruttivi da quelli derivati. E tutto questo accadeva mentre io ed altri fondavamo il PD. Peccato che non sappia che in quel periodo, oltre ad impegnarmi in modo intenso nella fondazione di un Partito Democratico, che fosse “davvero” tale (riprendo la dizione che volle assegnare al suo Gruppo Rosy Bindi che non fu certo per caso leader della “minoranza” critica – che ancor oggi non credo rinneghi quella posizione), mi dedicavo anima e corpo a sviluppare un’azione di difesa della partecipazione democratica contro gli attacchi che venivano prodotti contro di questa proprio dalla maggioranza di Centrosinistra. Non è un caso dunque che oggi (ma già da tempo, diciamo cinque? quattro? tre anni?) dovendo condurre una campagna elettorale che si annuncia “all’ultimo sangue” contro la Destra, non possono essere sottaciute le furberie, le ambiguità, le mistificazioni.
Se si crede davvero nella difesa dell’ambiente (non quella di tipo “algebrico” del più 4 meno 3 uguale più uno) e nell’abbassamento del divario tra ricchi e poveri con un attacco alle ragioni che hanno creato diseguaglianze, bisogna anche spiegare perché mai ci si allea con chi fino ad oggi ha prodotto tali scempi. Quale credibilità si possiede? Quelle scelte portate avanti da Governi centrali e maggioranze amministrative locali negli ultimi cinque anni stanno ad evidenziare una deriva progressiva verso Destra i cui esiti non sono ancora del tutto prevedibili.
Ma ci si allea forse esclusivamente con la speranza che tale indefesso impegno venga ricompensato. Nooo! Ci si trova di fronte a persone dalla purezza cristallina! Che agiscono in modo ideale (neanche “ideologico”!). Il dramma è che già nella competizione “politica” del 4 marzo 2018 molti hanno scelto di non votare Partito Democratico e suoi affini o riconosciuti come tali. Perché dovrebbero ora votare i “cloni”?
Mi viene da sorridere anche nei confronti di chi rispolvera, dopo anni di silenzio in quella direzione, il tema della partecipazione democratica e lo pone al centro della sua azione amministrativa. Pur essendo stato un ottimo amministratore anche sui territori del Sud, non ci sono stati da parte sua segnali di difesa del Decentramento allorquando lo si attaccava e lo si smantellava progressivamente. Oggi , all’interno di un giochino delle parti chiaramente strumentale a convincere che si voglia fare autocritica, se ne propone una riedizione all’acqua di rose senza un filo di coraggio. Si dice che la legislazione non permette di istituire Circoscrizioni in una realtà come Prato, al di sotto dei 250.000 abitanti. E’ la verità. Certamente. Ma la nostra città ha molte specificità uniche da mettere in luce per richiedere una interpretazione speciale di quei dispositivi: basterebbe ricordare che Prato è la città con il maggior numero di etnie e che ha vissuto e continua a subire i contraccolpi di una crisi del suo Distretto tessile che ha emarginato ed impoverito sempre più le periferie.

Joshua Madalon

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>