VIAGGIATORI – GIUSEPPE E MARIA (una bozza di sceneggiatura) parte 8

La donna del tenente

VIAGGIATORI – GIUSEPPE E MARIA
(una bozza di sceneggiatura) parte 8

Piano intero con i tre (Giuseppe, e la Suora) nella grande sala del Convento. Le due donne si allontanano. Giuseppe rimane seduto in poltrona. PP di Giuseppe tranquillo osserva i particolari arredi della sala. Dissolvenza con musica in sottofondo da scegliere. Dissolvenza in apertura. Il portone si apre. Giuseppe e Maria escono. Si incamminano verso Piazza San Domenico. PP di Giuseppe: “S’è fatto tardi. Ho bisogno di riposare, anche solo un po’. Ma che voleva…” Maria lo interrompe: “…Hai ragione. Torniamo in albergo…mi faccio una doccia…poi decidiamo…” PP di Giuseppe: “Io riposerei un’oretta. Ha fatto caldo oggi…e sono stanchino. Stasera dobbiamo anche cercare un posto per mangiare qualcosa. Ho visto un ristorantino proprio sotto l’albergo, che ne dici? Allora, a settembre pensi di sistemarti dalla suora?” PP di Maria: “Non mi pare ci sia una soluzione migliore, per ora. Verrò da sola e non voglio farmi coinvolgere dal parentado.” PP di Giuseppe che annuisce ma poi curioso: “E allora che t’ha chiesto la suora?” PPP di Maria che non risponde ma che ascolta in sottofondo la voce della suora. Se ne colgono alcuni elementi: “Lei e Giuseppe per ora, da quel che mi ha detto, non avete avuto figlioli. Sento che a Prato tutto cambierà…”. E poi rivolta a Giuseppe: “Nulla, nulla di importante!”.
Ellissi. Musica con immagini della città di Prato dal tramonto alla sera. Anche la presenza umana si attenua con il passare del tempo. Poi Campo Intero su Castello dell’Imperatore. All’improvviso appare la gente. Gente che sale lungo le scale che portano all’ingresso del maniero. PP del manifesto cinematografico con “La donna del tenente francese” di Karel Reisz. PA del botteghino – c’è la fila, arrivano anche Giuseppe e Maria. Voci di ambiente a soggetto. Giuseppe e Maria entrano. Interno del castello. Breve ellissi. Nel buio della sala un brano a scelta del film. P.A. spettatori. Qualche goccio di pioggia. Giuseppe è visibilmente infastidito. Campo lungo. Spettatori si alzano e si riparano lungo le mura del Castello, continuando a visionare il film. Altra parte del film con la pioggia che aumenta il suo vigore. Una serie di lampi sul castello seguiti da fragorosi tuoni. Va via la corrente. La gente esce. Buio. Una voce: “Ci dispiace, ma abbiamo dovuto interrompere la proiezione; chi lo vorrà potrà vedere il film domani sera al nostro Cinema, al chiuso; qui c’è prevista un’altra pellicola. Basterà presentarsi con il biglietto SIAE di questa sera.”
Giuseppe e Maria coprendosi la testa procedono verso Piazzetta Buonamici. Non c’è più nessuno per strada. Poi Campo Intero su Piazza Duomo. Si sentono dei passi fuori campo. Di corsa Giuseppe e Maria arrivano sotto le tettoie esterne per ripararsi. Si abbracciano. E guardano in alto in soggettiva la pioggia che continua a venir giù in controluce dei lampioni. I due si baciano. Campo lungo dei due che si baciano. Rumore di altri passi fuori campo. C’è un’altra figura che avanza. E’ Federico. PP di Giuseppe lo riconosce come colui che ha intravisto più volte in quella giornata: “Ciao, ti ho visto questa mattina. Come vanno le riprese?” PP di Federico per niente sorpreso: “Ah sì, abbastanza bene, le ho terminate. Ci stiamo lavorando dall’inizio dell’anno. Le riprese le ho concentrate tutte in questi giorni. Adesso mi toccherà montarle e tutto il resto e non ho più quattrini: aspetterò”.

GIUSEPPE E MARIA – parte 8 continua…

IMG_8439

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>