CHIAREZZA E DABBENAGGINE

11062057_10205290673018977_5548628213457855994_n

CHIAREZZA E DABBENAGGINE

Si danno la mano; eppure gli uomini (femmine e maschi) ritengono di essere “razionali” – esseri pensanti – mentre sono andati perdendo questa caratteristica. Dove è finito l’”Homo sapiens” e quello “sapiens sapiens”? Dove il “razionalismo settecentesco” che tanto sangue è costato? Dove le lotte di Liberazione dall’oppressione nazi-fascista? I cittadini appaiono sempre più dei “pugili suonati” dopo aver ricevuto per quasi trenta anni “una (dis)educazione”al pensiero libero impartita attraverso canali di comunicazione che ne hanno attenuato fino ad ottunderla la coscienza critica. Ma di che cosa parliamo? Parliamo del Governo Renzi, quello stesso che fu di Berlusconi e pochi altri, alle cui linee conservatrici ed oscurantiste si ispira. Sarà strano? Ma la CHIAREZZA di cui parlo è quella del Governo e del suo leader e la DABBENAGGINE è l’accettazione supina – a volte contornata da una timida resipiscenza che non conduce tuttavia a scelte “utili” – delle scelte governative da parte della gente come l’unico “male” accettabile possibile “per il bene comune”. E potrebbe anche essere così, se non vi fossero invece segnali inequivocabili del “classismo” (a favore dei più forti) che caratterizza l’azione di questo Governo, una scelta che predilige l’impresa e la finanza a scapito dei lavoratori e delle associazioni che li difendono; una scelta che non rispetta il dissenso, arrivando ad emarginarlo ed umiliarlo anche quando parte dall’interno del proprio gruppo politico. Chi scrive ha fatto parte di un Gruppo Dirigente ed è inevitabile che la mia analisi possa essere interpretata come “corriva” e “rancorosa”. Questo rischio lo voglio correre ugualmente: mi sento “libero” da condizionamenti e non mi interessa apparire “ingrato” verso una forza politica cui debbo molto. Per me quella forza politica non esiste più; era una forza nella quale si respiravano valori ed ideali di Sinistra. Oggi chi vi è rimasto abbarbicato non so perché lo faccia: il sospetto è che non si voglia rinunciare ad ottenere vantaggi personali (lo dico senza timori di essere smentito; tanto lo si sa che chi fa PolItica troppe volte lo fa per i propri interessi anche se a parole dice il contrario) oppure si è convinti che si possa ritornare indietro, che si possano recuperare i valori di un tempo. Io non ci credo più e spingo alla creazione di un nuovo soggetto di Sinistra, di quella vera, ma soprattutto alla creazione di un soggetto che metta da parte gli atavici difetti della Politica, riconoscibili soprattutto nell’Ipocrisia di “parlar bene e razzolare male” nel chiedere Democrazia e non saperla praticare, nell’interpretare come affidabili coloro che mostrano servilismo ed allontanare coloro che applicano la Critica come Ragione fondamentale della propria esistenza al servizio vero di cause ideali condivise.
Tra qualche giorno si voterà per le REGIONALI. NON DISERTATE IL VOTO MA DATE UN SEGNALE AL GOVERNO RENZI E SCEGLIETE FORZE POLITICHE CHE SIANO REALMENTE ALL’OPPOSIZIONE – LA COSA IMPORTANTE E’ CHE NON VI SIANO RISULTATI MORTIFICANTI COME QUELLO DELLE EUROPEE CON UN ASTENSIONISMO CHE E’ LA MANNA ATTESA DA UN RENZI CHE NON HA AVUTO NEMMENO (E QUI E’ ANCHE LA SUA CHIAREZZA) IL PUDORE DI CRITICARE.

SVEGLIATEVI!!!

IO COMUNQUE NON VOTO PD!!!

11062057_10205290673018977_5548628213457855994_n

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>