sosclima1

AI GIOVANI CHE LOTTANO PER CAMBIARE IL MONDO – un riconoscimento, un monito ed un invito

maxresdefault

3420-6998

AI GIOVANI CHE LOTTANO PER CAMBIARE IL MONDO – un riconoscimento, un monito ed un invito

I giovani manifestanti a favore del clima, capitanati dalla giovanissima leader Greta Thunberg, criticano giustamente I propri genitori e tutti quelli che oggi hanno un’età tra gli …enta e gli …anta, rimproverando loro di non aver fatto nulla per evitare I danni attuali che – ci si creda o meno – produrranno in modo progressivo cambiamenti climatici che condizioneranno l’esistenza delle generazioni future a partire dalla loro.
Considero allo stesso tempo manchevole la loro critica in relazione al fatto che, essendo molti di loro già in grado di produrre riflessioni ponderate, non affondano politicamente la loro analisi sulle questioni, mantenendosi in maniera superficiale ancorati all’attacco degli attuali “potenti” e delle masse amorfe che in modo attivo per convenienza e passive per dabbenaggine e debolezza li sostengono.
Le generazioni ignave a cui lanciano strali sono state più o meno protagoniste di marce e battaglie politiche a sostegno di buone cause. Si partiva anche allora dalla critica feroce verso I “padri” e si giurava che ci si sarebbe comportati molto diversamente. Quasi tutti sono poi rientrati nelle greggi antropologiche inquadrati e più o meno incasellati in una vita così normale da non essere nemmeno più riconoscibili come quei barricaderi e rivoluzionari che si era stati e che si prometteva di continuare ad essere.
So bene che vi deludo, mie care amiche e miei cari amici giovani, e vi instillo il seme del dubbio. Ma non posso esimermi dal farlo, innanzitutto perché sono personalmente deluso da me e dai miei coetanei, incapaci di sottrarsi svincolarsi dai lacci del Potere e poi perché temo che anche voi ci deluderete e ne sarete affranti. Forse se qualcun altro, oltre me, vi facesse comprendere come vanno le vicende dell’esistenza, riprenderemmo insieme a ragionare su tutti questi temi. Dopotutto però la mia delusione mi ha condotto a non avere più fiducia nelle forze politiche alle quali ho dato sin da giovane un sostegno: per convenienza delle leadership si sono stretti accordi, segreti e palesi, con lobbies finanziarie ed imprenditoriali, che hanno finito per mortificare il libero pensiero. Un giovane infatti, come sono stato anche io, ha voglia di cimentarsi nell’agone politico portando il proprio contributo ma questo cozza contro gli interessi particolaristici dell’apparato, la cui sopravvivenza è collegata in una società di mercato ai fondi economici che affluiscono non sempre, ce lo insegnano le cronache, in modo legale.
Lavoriamo dunque per costruire una società nuova, nella quale vi siano competenze e professionalità indipendenti dai poteri economici. Non sarà facile, ma è proprio questa la sfida che io, care e cari giovani, vi lancio. Chi vivrà saprà e di certo è nelle vostre mani il futuro, ma – sappiatelo – anche molti di coloro, tra i quali mi annovero potrebbero essere al vostro fianco senza chiedere nulla in cambio, solo per recuperare il tempo perduto “insieme” a voi. Ne avete bisogno anche per affidare a noi la cattiva coscienza che potrebbe rodere il vostro cervello, quando avrete l’età mia, nel caso in cui le vostre battaglie finiscano come sono finite le nostre.

Joshua Madalon

maltempo-sicilia-shelf-cloud-augusta-domenica-16-aprile-pasqua-2017-5-640x360

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>