48358768_2132964466798247_2719283652117659648_n

Un dibattito intorno al tema della “Democrazia” – aprile 2008 – 3

Un dibattito intorno al tema della “Democrazia” – aprile 2008 – 3

Rincorrendo il filo della memoria per evitare che chi non mi conosce abbia di me un’idea che non corrisponde alla realtà, che non sia ancorata alle vicende vissute, ma sia offuscata da pregiudizi fuorvianti vado recuperando testi che contrassegnano il “tempo” passato e lo riportino in vita, perché tutto sia più chiaro, alle nuove generazioni ma anche a coloro i quali, non del tutto giovani, ignorano o sono smemorati

Nel testo ci sono dei nomi; non è un mistero che alcuni non si fidassero di me. Altri, soprattutto i più giovani, capirono la mia buona fede e non si preoccuparono della mia libertà di pensiero.

rosy-bindi-1

La mail che segue è inviata a Mauro Banchini, giornalista. Mauro era stato contattato da me per mettere in piedi la lista di sostegno a Rosy Bindi nella campagna delle Primarie costitutive del Partito Democratico. Mauro era in convalescenza per un problema serio e mi chiese di non essere coinvolto. Io allora lo ringraziai e poi chiesi a Paolo Rappuoli, segretario della Bindi, di poter contattare Massimo Carlesi e con lui avviammo il lavoro ricognitivo per costruire una lista. In questo scambio però siamo in un momento successivo alle Primarie.

in coda poi la mail di Mauro Banchini a cui rispondo. Il richiamo a Pier Paolo Pasolini mi onora immensamente

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Gentilissime\i
ho ricevuto una mail da Mauro Banchini.
Ve l’allego in coda. Gli ho scritto in modo diretto ma la riflessione può essere socializzata e quindi ho aggiunto anche una ulteriore precisazione per Edo Rosadoni.

Carissimo Mauro
ti ringrazio infinitamente anche perchè ho una strana sensazione che mi pervade in questi ultimi giorni; mi sento assolutamente inefficace a contribuire ad un effettivo (lento, non sarebbe male; perlomeno si muoverebbe) cambiamento della Politica. Vedi. Ciascuno di noi in questi ultimi mesi ha operato per il PD e correndo dietro ai sogni ed alle utopie che si arricchivano di belle parole in modo diversificato abbiamo creduto di poterlo costruire per noi, per i nostri figli ed anche per gli altri (perchè il PD fosse una forma esemplare di guardare in modo diverso e nuovo alla Politica).
Ora sono stanco, sia perchè non vedo una via d’uscita diversa da quella che preveda un insuccesso elettorale che faccia riflettere e sono preoccupato perchè ho paura di vincere, capisci, ho paura di vincere perchè se si vincesse (non importa nemmeno come!) nessuno sarebbe disponibile a promuovere la necessaria autocritica.
Non credo più neanche agli amici che mi dicono che “ora” non è il momento, perchè purtroppo mentono consapevolmente e sanno bene che, soprattutto se si vincesse questa competizione così complessa, non riusciremmo più a trovare persona alcuna che si impegnasse a migliorare questo Partito.
Mi chiedo perchè ad esempio mi devo ritrovare a pensare che voterò con una certa riottosità il Partito per il quale da anni mi sono battuto. E l’ho fatto mentre la stragrande maggioranza degli attuali Dirigenti (quando decidevano eventualmente di concederci l’onore della loro presenza) non riusciva neanche a balbettare qualche timida frase imparata a memoria dai discorsi dei leaders.
Intendo – ora – rispondere a Edo Rosadoni che mi invita a riflettere, a stare calmo (lo fa con affetto, lo so): mi sento profondamente responsabile di quanto vado scrivendo e vado dicendo ed è per me un grande onore, allorquando rileggo tutto quello che abbiamo scritto e detto insieme come Comitato per il PD, riconoscere che i motivi, per i quali alcuni Signori (non persone qualsiasi, intendiamoci: il Sindaco, il Presidente della Provincia, i due capogruppi in Comune ed in Provincia, il giovane astro nascente del PD poggese, la signora Minozzi ed il signor Dini che per un lapsus “freudiano” ho chiamato Lamberto e non Mario) hanno posto nei miei confronti un veto per la mia presenza in Direzione Regionale, sono tutti ancora fortemente attuali. Il Partito Democratico deve caratterizzarsi per una assoluta discontinuità rispetto al passato e non può avvalersi di vecchi strumenti arruginiti nelle mani di vecchie “vestali” della vecchia politica italiana.
Mi ha fatto molto piacere aver avuto il sostegno di giovani come Matteo Biffoni, del giovane Barni, di Cristina Sanzò, di Monia Faltoni e naturalmente di Salvatore Bruno: tutti giovani, e di questo – credetemi – vado fortemente fiero. Li ringrazio. Vorrei poter ringraziare tanti altri, soprattutto quegli “amici” che tacciono, che hanno taciuto spesso e che continuano a farlo, forse sperando in uno scampolo di “carriera” all’interno di un Partito che, visto così, non ha proprio nulla da invidiare a quelli vecchi.

Vi saluto. Alla prossima
Giuseppe Maddaluno

11141168_10207419083903724_6237392262227445536_n

pasolini

Da: Banchini
A: Giuseppe Maddaluno
Inviato: Lunedì 31 marzo 2008, 20:58:23
Oggetto: Re: Cos’è la Politica

Caro Giuseppe:

ricorderai di sicuro il Giulio Andreotti (e dico: Giulio Andreotti !!!) che qualche anno fa arrivò a scrivere una cosa incredibile (“Se avessimo, tutti quanti, dato più retta a Pasolini, adesso staremmo di sicuro meglio”).

Ti ringrazio molto per questa bella sottolineatura, della quale – immagino – interesserà un tubo a chi, senza sforzo e senza democrazia, sta per andare in Parlamento.

Fra i miei ricordi più intensi, conservo ancora – una ventina di anni fa – la visita alla tomba, in quel piccolo paesino del Friuli, con Pasolini sepolto insieme alla mamma, vicino al muro di confine (bel segnale) del piccolo cimitero. Con un roseto che veniva fuori dalla terra, sulla tomba.

Anche per me – curioso ma parecchio pessimista sul futuro di questa strana “cosa” chiamata PD – PPP avrebbe dovuto essere quella “icona” di cui anche tu senti la mancanza. Ma che ci vuoi fare? Per la politica plastificata di oggigiorno, Pasolini è forse troppo complicato … o troppo impegnativo .

Un abbraccio.

Mauro Banchini

….3…..

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>